Salute 13 Giugno 2018

Malattia di Lyme: tutta colpa di una zecca. L’intervista a Giusto Trevisan (Presidente GISML)

«Rimuovere l’animale dalla cute, ed iniziare la terapia antibiotica. Se non diagnosticata correttamente, può cronicizzarsi e causare danni a livello neurologico, cardiaco e articolare». Queste le indicazioni del Presidente del Gruppo Italiano di Studio sulla Malattia di Lyme per affrontare una patologia insidiosa di cui si parla poco

Immagine articolo

La conduttrice Victoria Cabello ha smesso di lavorare per mesi perché priva di energie; prima di lei, la stessa sorte era toccata alla famosa modella Bella Hadid ed alla cantante Avril Lavigne a cui era stata scambiata per depressione e questo ne ha rallentato notevolmente la guarigione.

Di cosa si tratta? Parliamo della malattia di Lyme, un’infezione batterica molto debilitante causata dal morso di una zecca. A causa del cambiamento delle condizioni climatiche, si sta registrato un significativo incremento del fenomeno sia a livello mondiale che nazionale.

Lo scorso 9 giugno – a Milano presso il Palazzo Pirelli – si è svolto il 6° Congresso Nazionale sulla Malattia di Lyme in collaborazione con l’Associazione Lyme Italia e Coinfezioni, a cui hanno partecipato più di 200 persone provenienti  da tutta Italia. Dal Congresso è emerso che nel nostro Paese c’è un gran fermento intorno a questa malattia; a volte non è semplice, ma è fondamentale, diagnosticarla precocemente inquadrando le manifestazioni cliniche che coinvolgono più organi, quello cutaneo, articolare, muscolare, nervoso e più raramente il cuore e gli occhi.

Il mondo scientifico si è interrogato per dare risposte sempre più aggiornate in termini di diagnosi e di trattamenti terapeutici efficaci: è stato rilevato che ci sono alcune Regioni endemiche – Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Veneto ed Emilia-Romagna – ma esistono dei focolai in quasi tutte le Regioni italiane. Solo in Lombardia, sono stati segnalati più di cento casi dal 2015 ad oggi.

Il Congresso ha rappresentato l’occasione per  parlare anche di un riconoscimento sociale della malattia: le persone affette, infatti, hanno lamentato una grande difficoltà nel mantenere il proprio ruolo nella società. Alcune, sono state costrette ad abbandonare scuola e lavoro e le relazioni umane sono vissute con estrema fatica: si sa poco, infatti, della trasmissione della Malattia di Lyme dalla mamma al feto e tra i partner.

In sostanza, una malattia ancora poco conosciuta ma invalidante; per questo, abbiamo approfondito l’argomento con il Professor Giusto Trevisan, Presidente del Gruppo Italiano di Studio sulla Malattia di Lyme.

Cosa è la malattia di Lyme e come si trasmette? 

«La malattia di Lyme è una zoonosi trasmessa all’uomo dal morso di un vettore infetto (una zecca). Responsabile di questa infezione è il batterio Borrelia Burgdorferi, ma possono essere trasmessi anche altri batteri quali: Anaplasma, Rickettsia, Bartonella o protozoi (Babesia) o il virus dell’encefalite da zecche (TBE)».

Quali sono i segni della malattia e come si manifesta?

«Il primo sintomo della malattia di Lyme è un arrossamento cutaneo circolare, chiamato eritema migrante, localizzato nella zona del morso. Gli altri sono: mal di testa, dolori articolari, spossatezza, febbre, tachicardia, difficoltà di concentrazione e ingrossamento dei linfonodi. Se la malattia non viene diagnosticata e curata, putroppo, può progredire e cronicizzare causando danni a livello neurologico, cardiaco e articolare».

Cosa fare se ci si rende conto di essere stati morsi da una zecca?

«È necessario rimuoverla al più presto dalla cute con una pinzetta senza schiacciarla e poi recarsi dal medico appena ci si rende conto di essere stati morsi da una zecca, per l’adeguata terapia antibiotica: Amoxicillina oppure Doxiciclina per tre settimane».

Quanto è diffusa in Italia e quali sono le zone a rischio?

«Non ci sono dati completi sulla diffusione di questa malattia in Italia, ma si possono stimare più di 500 nuovi casi all’anno. Le zone dove c’è una maggiore probabilità di essere morsi da zecche infette e contrarre la malattia sono le aree sottoboschive, ma sono presenti anche in parchi ed aree verdi anche urbane».

Articoli correlati
Sindrome dell’occhio secco: a Sassari è il mese della prevenzione
Ha preso il via anche a Sassari il mese della prevenzione e diagnosi della sindrome dell’occhio secco, promosso dal Centro Italiano Occhio Secco (CIOS), in collaborazione con la Clinica Oculistica dell’Università dell’Insubria di Varese, sotto il patrocinio del Ministero della Salute, della Regione Lombardia, del Comune di Milano e della Società Italiana di Oftalmologia (SOI). […]
Frenare l’asma è possibile. Parte ASMAZEROweek, con visite gratuite nei Centri Specializzati di tutta Italia
ASMAZEROweek è un evento a carattere nazionale di consulenze specialistiche gratuite per pazienti con asma. Dal 3 al 7 giungo 2019 le persone affette da asma potranno infatti recarsi presso numerosi Centri specialistici presenti sul territorio per effettuare una valutazione di controllo dello stato della patologia e ricevere informazioni utili alla sua gestione. ASMAZEROweek è […]
Olio Extravergine d’Oliva, un alleato nella lotta contro l’Alzheimer. Lo studio della ricercatrice di Airalzh Onlus
Una delle cause della perdita di funzionalità neuronale nella patologia di Alzheimer è la presenza di placche amiloidi e ammassi neurofibrillari riscontrati nel cervello con effetti neurotossici. Il processo di formazione di tali ammassi comprende vari passaggi, in cui più copie di un frammento proteico, detto beta-amiloide (Aβ1-42) si aggregano per formare oligomeri, protofibrille e […]
Riniti allergiche, per prevenirle terapia farmacologica o immunoterapia per i più piccoli
Con l’arrivo della primavera aumenta il rischio di sviluppare riniti o dermatiti atopiche nei bambini in età prescolare. Tutti campanelli d’allarme che non vanno sottovalutati: al centro Humanitas Pio X di Milano una equipe composta da otorino e allergologo studia i rimedi
di Federica Bosco
“Donne, patologie, depressione: l’importanza del lavoro in rete”. Parte il progetto Onda in Lombardia
«Numerose evidenze scientifiche documentano come la depressione aumenti il rischio di malattie cardiovascolari, metaboliche, oncologiche, pneumologiche e neurologiche da un lato e, dall’altro, come chi soffre di queste patologie sia maggiormente esposto al rischio di depressione che ne peggiora gli esiti» spiega Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...