Salute 23 Novembre 2021 14:39

Quarta ondata, curare i pazienti Covid costerà 7 volte di più che vaccinarli

L’Altems ha effettuato un’analisi del profilo costo-efficacia della campagna vaccinale in Italia. Ecco i risultati

di Isabella Faggiano

Offrire l’assistenza ospedaliera ai soggetti attualmente non vaccinati, se dovessero contrarre l’infezione da Sars-Cov-2 ed essere conseguentemente ricoverati, costerebbe 7 volte di più che vaccinarli. A dimostrarlo, un recente report dell’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari dell’Università Cattolica (Altems) che ha dedicato all’analisi del profilo costo-efficacia della campagna vaccinale in Italia la 73ma puntata dell’Instant Report Covid-19.

Costi-benefici: ricoveri vs vaccinazioni

«La campagna vaccinale anti-Covid non riduce solo le ospedalizzazioni e il numero di morti – spiega Gianfranco Damiani, direttore della scuola di specializzazione di Igiene dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e responsabile Altems per la valutazione di Sanità Pubblica -, ma produce anche un risparmio per le casse del Sistema Sanitario Nazionale».

Dai dati del report, che riguardano tutte le 21 Regioni e Province Autonome italiane, infatti, emerge un risparmio per il sistema sanitario attraverso la campagna vaccinale sia in termini di ospedalizzazioni evitate in normali reparti di degenza (con un costo stimato di circa 800 euro per ogni giorno di ricovero), che in terapia intensiva (dove la spesa sale a circa 1.700 euro). «Il costo di un ricovero di durata media in area medica è di circa 8.020 euro a paziente, mentre quello in terapia intensiva si aggira intorno ai 25.041 euro», spiega Damiani.

I numeri del risparmio

Partendo da questi costi gli studiosi dell’Altems hanno immaginato due possibili scenari. «Ipotizziamo che durante la quarta ondata, così come stimato da alcuni osservatori accreditati, ci possano essere circa 30 mila nuovi contagi al giorno e che questa tendenza si protragga per un mese – dice Damiani -. In un contesto simile, se la percentuale di vaccinati dovesse ipoteticamente rimanere invariata – l’84% della popolazione eleggibile al vaccino -, l’assistenza ospedaliera al restante 16%, tra ricoveri in reparti di degenza ordinaria e terapia intensiva, porterebbe a circa 346 milioni di euro di costi evitabili con il vaccino. Provvedere alla vaccinazione di questa stessa percentuale di persone (il 16% dei non vaccinati), invece, costerebbe 47 milioni di euro».

«Se, invece, le vaccinazioni aumentassero fino al 99% di copertura, vaccinare il restante 1% costerebbe 3 milioni di euro. In caso contrario, ospedalizzare per infezione da Sars-Cov-2 questi stessi cittadini, sia in reparti ordinari che di terapia intensiva, genererebbe circa 21,5 milioni di euro di costi evitabili. Ovviamente queste stime riguardano i ricoveri in ospedale, ma è bene sempre ricordare che i costi dell’infezione da Covid non si limitano all’assistenza ospedaliera».

Il metodo di studio

Questi numeri sono stati ottenuti seguendo una precisa metodologia di analisi. Partendo dai dati forniti dal Bollettino sulla sorveglianza epidemiologica del Covid-19 rilasciato settimanalmente dall’Istituto Superiore di Sanità, in cui vengono esplicitati il numero assoluto e la percentuale di persone vaccinate nella popolazione generale e di casi di infezione da Sars-Cov-2, di casi ospedalizzati, ricoverati in terapia intensiva e deceduti per stato vaccinale negli ultimi 30 giorni, gli studiosi Altems sono andati a valorizzare economicamente il paziente ricoverato in ospedale e il paziente ricoverato in terapia intensiva per mancata vaccinazione. Il numero di degenza media è stata differenziata, come per i costi, in base alla gravità del paziente: è pari a 11,3 giorni per i pazienti che trascorrono il ricovero interamente in area medica e 14,9 per i pazienti che transitano da terapia intensiva.

Ipotesi 100% vaccinati

Vaccinare tutta la popolazione italiana, oltre che la tutela della salute pubblica, avrebbe anche ulteriori benefici in termini economici. Questa ipotesi produrrebbe pure dei risparmi “indiretti”, sia per la diminuzione del numero di tamponi effettuati per il rilascio del green pass, sia per un decremento di pazienti che necessitano di cure per il trattamento del long Covid.

«Il 25% delle persone affette da Covid continua ad avere una sintomatologia anche alcune settimane, se non addirittura mesi, dopo l’attestata guarigione – sottolinea Damiani -. Per quantificare le spese da sostenere per il trattamento di questi sintomi è possibile riferirsi ai dati dal Regno Unito (in Italia non sono state realizzate finora evidenze di questo tipo, ndr) dove – conclude il professore – è stato calcolato un costo di 100 milioni di sterline per la cura del long Covid e di 34 milioni per la costruzione di ambulatori e servizi dedicati al trattamento di questi pazienti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.