Salute 24 Maggio 2017

Pubblico e privato insieme per ‘fare salute’. Aiop Lazio e Regione uniscono le forze per migliorare l’assistenza

«Il comune obiettivo è quello della tutela della salute del paziente» spiega Jessica Veronica Faroni, Presidente Aiop Lazio. Lo scopo primario, migliorare l’assistenza rivolta alla terza età «combattendo la concorrenza sleale delle case di riposo e dando più forza alle Residenze Sanitarie Assistenziali abilitate»

Immagine articolo

Sempre più integrazione tra pubblico e privato, l’Europa va in questa direzione e l’Italia non può che seguirne le orme. È quello che emerso nel corso dell’incontro ‘Sanità pubblica e privata: l’unione fa salute’ avvenuto di recente e organizzato dall’Associazione Italiana Ospedalità Privata del Lazio. «Pubblico e privato devono andare nella stessa direzione, la collaborazione è fondamentale» spiega Jessica Veronica Faroni, Presidente Aiop Lazio. «Il comune obiettivo è quello della tutela della salute del paziente».

Due realtà integrate per garantire una sempre più efficace assistenza agli utenti «soprattutto quelli più anziani – precisa la presidente Faroni – questo è fondamentale perché l’età  media sta aumentando, i pazienti sono sempre più anziani e chiaramente sempre più compromessi».

Aiop Lazio infatti si sta mobilitando per dare una risposta alla richiesta elevatissima di assistenza verso la terza età soprattutto alla luce di una concorrenza sleale delle case di riposo che spesso accolgono utenti non autosufficienti senza avere personale in grado di gestire pazienti in gravi condizioni. «Le RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali) sono strutture che vanno sotto il criterio di accreditamento sia strutturale che organizzativo quindi capaci di dare un’assistenza sanitaria – ci tiene a sottolineare la Presidente Faroni -. Spesso però, leggiamo sui giornali che nelle case di riposo, vengono ricoverati pazienti con diverse patologie che necessitano di assistenza sanitaria, la quale, spesso, non viene garantita. Quindi ritengo, che è assolutamente necessario personale competente all’interno di queste strutture».

Aiop Lazio, infatti, chiede che con un decreto si stabilisca una volta per tutte la differenza tra RSA e Case di Riposo, e che le famiglie con un anziano non autosufficiente vengano informate dei posti liberi presenti nelle RSA e dunque non ricoverino i loro anziani in strutture non organizzate. Inoltre «di fronte alla drammatica situazione in cui si trovano i Pronto Soccorso – conclude la Presidente Aiop Lazio –  la mia Associazione è corsa in aiuto mettendo a disposizione il 30% dei posti letto per supportare gli ospedali pubblici e contribuire all’abbattimento delle liste d’attesa».

Articoli correlati
Vaccini, Zingaretti: «Proposta di legge nel Lazio per tutelare e garantire accesso scolastico a bambini immunodepressi»
Il Presidente della Regione: «E’ una questione di civiltà. La proposta di Legge passa ora all’esame del Consiglio regionale per l’approvazione definitiva». «Raggiunto risultato straordinario in coperture vaccinali, ora mantenere alta attenzione a tutela della salute dei più piccoli» precisa l'Assessore D’Amato
Salute, D’Amato (Regione Lazio): «Va garantito accesso scolastico a bambino immunodepresso»
«La Regione Lazio ha chiesto alla Asl Roma 2 di attivarsi presso la dirigenza scolastica dell’istituto di via Bobbio a Roma per verificare le condizioni di accesso a scuola in piena sicurezza per il bambino immunodepresso». Lo ha dichiarato in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato in merito alla […]
Sanità Lazio, continua il duello tra Ministro e Regione. Grillo: «Non ci sono condizioni per uscita». La replica dell’assessore D’Amato: «Abbiamo carte in regola»
ESCLUSIVA | Botta e risposta a margine della presentazione del Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita. L’assessore alla Sanità del Lazio ha invitato la titolare della Salute alla conferenza sullo Stato di salute della popolazione del Lazio. «Sarà tavolo tecnico a decidere, noi come governo proseguiamo per la nostra strada – sottolinea il ministro - convinti che un presidente di regione non possa fare contemporaneamente anche il Commissario»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Gioco d’azzardo, Troncarelli: «Dalla Regione Lazio quasi 5 mln per contrastare fenomeno»
«La Regione Lazio investe quasi 5mln di euro per la lotta al Gioco d’Azzardo Patologico (GAP). Le risorse, derivanti dal Fondo Sanitario Nazionale, sono suddivise tra le Asl laziali sulla base della popolazione residente con oltre 15 anni d’età». Queste le parole dell’assessore alle Politiche sociali, Welfare ed Enti locali, Alessandra Troncarelli. L’assessore Troncarelli spiega […]
Meningite, Regione Lazio: «Al via vaccinazioni per studenti Istituto Alberghiero Vespucci»
«A partire da domani mattina e fino alla prossima settimana presso il centro vaccinale della Asl Roma 2 (via Bardanzellu, n°8) i docenti e gli studenti dell’Istituto alberghiero A. Vespucci potranno vaccinarsi contro la meningite. I ragazzi dell’istituto romano hanno ricevuto una lettera della Asl per la prenotazione al servizio e potranno vaccinarsi con il […]