Salute 19 Ottobre 2020 01:18

Psoriasi e stili di vita: la battaglia per una pelle sana inizia a tavola

L’APIAFCO presenta la collana di libri sulla corretta alimentazione per chi soffre di malattie infiammatorie della pelle: otto volumi e oltre 900 pagine di consigli e articoli scientifici con ricette dei migliori chef

Psoriasi e stili di vita: la battaglia per una pelle sana inizia a tavola

Sono tre milioni le persone che vivono con la psoriasi in Italia. Una malattia autoimmune della pelle, comune e diffusa, che colpisce dal 2 al 4% della popolazione mondiale e di cui ancora non si conosce la cura definitiva. La psoriasi è provocata dalla sfortunata combinazione tra una disfunzione del sistema immunitario, il patrimonio genetico e l’esposizione a specifici fattori ambientali. Come le cattive abitudini a tavola.

CONSIGLI, SUGGERIMENTI E RICETTE PER I PAZIENTI PSORIACI

In occasione della Giornata Mondiale della Psoriasi, in programma il prossimo 29 ottobre, APIAFCO (Associazione Psoriasici Italiani Amici della Fondazione Corazza) lancia il progetto Cibo e Benessere: otto volumi per 900 pagine di consigli, suggerimenti e ricette realizzati grazie al contributo di Giovanni Bellavia per chi soffre di psoriasi e di malattie infiammatorie.

«Il cibo è un amico insostituibile – spiega la Presidente di APIAFCO, Valeria Corazza durante la presentazione del progetto – sempre più pazienti si pongono domande sull’importanza di un’alimentazione corretta, capace di prevenire malattie e migliorare la qualità della vita, spesso senza avere risposte chiare. In tre anni abbiamo fatto tanta strada – precisa la Corazza – ma c’è ancora da fare. Abbiamo richiesto di inserire la psoriasi nel piano nazionale delle cronicità e ci rivolgeremo al ministero per poter fare corsi e distribuire volantini».

PSORIASI E STILI DI VITA: IL RUOLO DELL’ALIMENTAZIONE

«Sovrappeso, fumo, alcol e stress peggiorano la psoriasi – spiega il dottor Federico Bardazzi, responsabile Ambulatorio Psoriasi Severe U.O. Dermatologia, Policlinico di S. Orsola di Bologna – l’alimentazione riveste un ruolo di grande importanza. Le manifestazioni cutanee di questa malattia – prosegue – che rappresentano sicuramente l’aspetto più impattante sulla qualità della vita del paziente, costituiscono solamente l’espressione visibile di uno stato infiammatorio generalizzato.  Il rischio di sviluppare sindrome metabolica, patologie cardiovascolari e malattie infiammatorie intestinali è infatti maggiore nei pazienti affetti da psoriasi rispetto a quello della popolazione generale. Un’alimentazione corretta dal punto di vista quantitativo e qualitativo rappresenta oggi un alleato insostituibile nella corretta gestione della patologia, per ridurre lo stato infiammatorio dell’organismo e l’incidenza delle comorbidità».

I FIGTHER FOODS PER UNA PELLE PIÚ SANA

Tra gli alimenti funzionali che offrono benefici all’organismo ci sono: avocado, cavolo, verza e cime di rapa, inseriti all’interno di un regime composto da verdura fresca, frutta, legumi e frutta secca. «Il microbiota parla con il sistema immunitario – aggiunge Enzo Spisni, biologo, nutrizionista, docente di fisiologia della nutrizione – Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell’Università di Bologna – ed è quasi vegano. Quindi, dobbiamo ridurre il consumo di carne perché è un alimento pro-infiammatorio se assunto in gran quantità. Mangiare di tutto – continua – ma attenzione ai grani moderni: hanno un glutine più strutturato e sono difficili da digerire per l’intestino. Si al pesce azzurro per il contenuto di omega3» conclude.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Attenzione alla Curcuma: cancellati gli effetti benefici dalle etichette. Ecco perché
Dopo nuovi episodi di danni al fegato associati al consumo di integratori alimentari alla curcuma, il Ministero della Salute dispone una nuova avvertenza di rischio: «In caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato». Sul foglio illustrativo spariscono gli effetti fisiologici finora esplicitamente attribuiti alla sostanza
Quando e perché il cibo può fare paura fino a diventare fobia. Il parere dell’esperto
Gianluca Castelnuovo, psicologo, dirige il centro specializzato dell’istituto Auxologico di Milano: «La citofobia colpisce in particolare i bambini, l’età media è di 12,9 anni, l’insorgenza della patologia è determinata da un evento traumatico. È bene rivolgersi ad un centro specializzato dove esiste una interdisciplinarità tra professionisti»
Le carni vegetali sono il miglior investimento per il futuro del clima?
Gli investimenti in proteine alternative, che comprendono anche prodotti derivati dalla fermentazione (microproteine, alghe, proteine del latte prodotte con i batteri) e carni coltivate, sono balzati da 1 miliardo di dollari nel 2019 a 5 miliardi di dollari nel 2021
di Stefano Piazza
Addio vecchio buono pasto. Un giovane su 3 preferisce «buono sport»
Una ricerca di Fitprime su 20mila dipendenti di piccole e medie imprese rovescia l’idea classica del benefit aziendale per eccellenza: anziché il buono pasto ora i giovani chiedono il buono sport
Gli insetti croccanti e nutrienti saranno il cibo del futuro
Si stima che più di 2.000 specie di insetti commestibili facciano parte dei pasti tradizionali di almeno 2,5 miliardi di persone
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale