Salute 19 Ottobre 2020

Psoriasi e stili di vita: la battaglia per una pelle sana inizia a tavola

L’APIAFCO presenta la collana di libri sulla corretta alimentazione per chi soffre di malattie infiammatorie della pelle: otto volumi e oltre 900 pagine di consigli e articoli scientifici con ricette dei migliori chef

Psoriasi e stili di vita: la battaglia per una pelle sana inizia a tavola

Sono tre milioni le persone che vivono con la psoriasi in Italia. Una malattia autoimmune della pelle, comune e diffusa, che colpisce dal 2 al 4% della popolazione mondiale e di cui ancora non si conosce la cura definitiva. La psoriasi è provocata dalla sfortunata combinazione tra una disfunzione del sistema immunitario, il patrimonio genetico e l’esposizione a specifici fattori ambientali. Come le cattive abitudini a tavola.

CONSIGLI, SUGGERIMENTI E RICETTE PER I PAZIENTI PSORIACI

In occasione della Giornata Mondiale della Psoriasi, in programma il prossimo 29 ottobre, APIAFCO (Associazione Psoriasici Italiani Amici della Fondazione Corazza) lancia il progetto Cibo e Benessere: otto volumi per 900 pagine di consigli, suggerimenti e ricette realizzati grazie al contributo di Giovanni Bellavia per chi soffre di psoriasi e di malattie infiammatorie.

«Il cibo è un amico insostituibile – spiega la Presidente di APIAFCO, Valeria Corazza durante la presentazione del progetto – sempre più pazienti si pongono domande sull’importanza di un’alimentazione corretta, capace di prevenire malattie e migliorare la qualità della vita, spesso senza avere risposte chiare. In tre anni abbiamo fatto tanta strada – precisa la Corazza – ma c’è ancora da fare. Abbiamo richiesto di inserire la psoriasi nel piano nazionale delle cronicità e ci rivolgeremo al ministero per poter fare corsi e distribuire volantini».

PSORIASI E STILI DI VITA: IL RUOLO DELL’ALIMENTAZIONE

«Sovrappeso, fumo, alcol e stress peggiorano la psoriasi – spiega il dottor Federico Bardazzi, responsabile Ambulatorio Psoriasi Severe U.O. Dermatologia, Policlinico di S. Orsola di Bologna – l’alimentazione riveste un ruolo di grande importanza. Le manifestazioni cutanee di questa malattia – prosegue – che rappresentano sicuramente l’aspetto più impattante sulla qualità della vita del paziente, costituiscono solamente l’espressione visibile di uno stato infiammatorio generalizzato.  Il rischio di sviluppare sindrome metabolica, patologie cardiovascolari e malattie infiammatorie intestinali è infatti maggiore nei pazienti affetti da psoriasi rispetto a quello della popolazione generale. Un’alimentazione corretta dal punto di vista quantitativo e qualitativo rappresenta oggi un alleato insostituibile nella corretta gestione della patologia, per ridurre lo stato infiammatorio dell’organismo e l’incidenza delle comorbidità».

I FIGTHER FOODS PER UNA PELLE PIÚ SANA

Tra gli alimenti funzionali che offrono benefici all’organismo ci sono: avocado, cavolo, verza e cime di rapa, inseriti all’interno di un regime composto da verdura fresca, frutta, legumi e frutta secca. «Il microbiota parla con il sistema immunitario – aggiunge Enzo Spisni, biologo, nutrizionista, docente di fisiologia della nutrizione – Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell’Università di Bologna – ed è quasi vegano. Quindi, dobbiamo ridurre il consumo di carne perché è un alimento pro-infiammatorio se assunto in gran quantità. Mangiare di tutto – continua – ma attenzione ai grani moderni: hanno un glutine più strutturato e sono difficili da digerire per l’intestino. Si al pesce azzurro per il contenuto di omega3» conclude.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Andid, al via il 32º Congresso nazionale. L’impegno dei dietisti tra i nuovi ordini professionali e la tutela della salute pubblica
La professione in epoca Covid: dalla malnutrizione dei pazienti gravi alla nutrizione per eccesso causata dall’isolamento. L’intervista a Marco Tonelli, presidente della Commissione d’albo Dietisti
di Isabella Faggiano
Emotional eating per combattere lo stress da Covid: esploso il numero di mangiatori compulsivi
L’esperto: «Già nel mese di maggio l’Iss aveva stimato un aumento del 30% dei disturbi del comportamento alimentare come conseguenza diretta del lockdown. Nei mesi successivi, nonostante l’allentamento delle restrizioni, le richieste di assistenza nei centri di cura specializzati sono aumentate in modo esponenziale e continueranno a crescere»
di Isabella Faggiano
Giornata mondiale vegan. Il 3% degli italiani è vegano: percentuale in calo, vegetariani in aumento
La nutrizionista: «Sì al veganesimo ma sotto controllo medico per bambini in crescita, donne in gravidanza o allattamento e anziani fragili. I consigli per aumentare l’assorbimento di micronutrienti: mangiare legumi decorticati e condire con il limone le verdure ricche di ferro»
di Isabella Faggiano
Dieta mediterranea per combattere la psoriasi: frutta, verdura, pesce e legumi
I consigli per una corretta alimentazione e una pelle più sana, anche nella nuova ondata di Covid-19, presentati da APIAFCO in occasione della Giornata Mondiale della Psoriasi del 29 ottobre
Dalla cottura dei cibi a come affrontare i disturbi del sonno, il vademecum FIMMG per i corretti stili di vita
Marrocco (FIMMG): «I comportamenti quotidiani 'arma' importante per superare problematiche»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli