Salute 29 Gennaio 2020

Coronavirus, è psicosi: corsa alle mascherine e fuga dai ristoranti cinesi. E i medici ‘ripassano’ la lezione Ebola

Tortorella (Consulcesi): «Evitare panico e allarmismi. Creeremo task force per stanare le bufale»

Immagine articolo

Era prevedibile, e non si è fatta attendere. La psicosi coronavirus è arrivata anche in Italia. Nonostante nel nostro Paese non ci siano ancora stati casi accertati di contagi e le istituzioni sanitarie – ministero della Salute in testa – cerchino di tranquillizzare la popolazione, la paura inizia ad influenzare la quotidianità.

Sono scene a cui abbiamo già assistito in situazioni simili, dalla Sars ad Ebola. Farmacie prese d’assalto che hanno esaurito le scorte di mascherine. Negozi e ristoranti cinesi evitati (senza alcuna ragione) dai più spaventati. Sguardi preoccupati rivolti a chiunque abbia occhi a mandorla e tratti orientali. Senza voler neanche citare le vergognose azioni discriminatorie che si sono registrate negli ultimi giorni nei confronti delle comunità cinesi di diverse parti d’Italia.

Anche la casella e-mail della nostra redazione ha ricevuto decine di messaggi di cittadini che chiedono maggiori informazioni e vogliono essere rassicurati. Il numero verde 1500 messo a disposizione dal ministero della Salute ha ricevuto, in soli due giorni, oltre 600 telefonate. Basta uno starnuto o un colpo di tosse a scatenare sospetti ingiustificati. E a complicare le cose ci si è messa anche la ‘comune’ influenza, che nell’ultima settimana ha colpito, in Italia, 638mila persone.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, LA SALUTE GLOBALE NELLE MANI DELLA SANITÀ CINESE. MA È IN GRADO DI AFFRONTARE L’EMERGENZA?

Intanto è previsto per domani il volo militare che andrà in Cina per riportare nel nostro Paese i 60 italiani bloccati a Wuhan, epicentro del focolaio. Una volta atterrati, seguiranno una specifica profilassi approntata dal ministero della Salute. Complottisti e leoni da tastiera avranno da dire la loro anche sui rischi che questa operazione potrebbe comportare per la salute della popolazione?

È infatti sui social che, già nei giorni scorsi, hanno iniziato a correre catene di Sant’Antonio, post, meme e tweet volti ad «informare veramente la popolazione senza scatenare il panico». E i “consigli” vanno dall’evitare i cibi asiatici o i mezzi pubblici fino al proporre una «terapia tampone a base di Tachipirina 1000 ogni 8 ore». Tutte fake news, sia chiaro. Ma in situazioni di questo tipo la razionalità lascia spazio al panico.

Al contempo, è encomiabile la disponibilità dei medici e degli operatori sanitari, che si sono messi al servizio della causa. È il presidente di Consulcesi Massimo Tortorella a parlarne: «Ci sono infettivologi, virologi ed epidemiologici che hanno aperto un canale di comunicazione con noi e che intendono mettersi a disposizione, sia a livello nazionale che internazionale, per dare il loro contributo anche per evitare che si diffonda il panico alimentato dalle fake news che viaggiano velocissime. A tal proposito – annuncia in una nota – creeremo una vera e propria task force che andrà a stanare chi propaga bufale che alimentano dannosi allarmismi».

Dall’altra parte, sono gli stessi professionisti del mondo della sanità ad essere alla ricerca di formazione e informazione affidabile per essere pronti ad affrontare l’eventuale arrivo del coronavirus anche in Italia. Ed è ancora Consulcesi a registrare in queste ultime ore un picco di fruizioni del corso Fad Ecm “E-bola, presente gratuitamente sulla piattaforma del provider Sanità in-Formazione: «Il corso – spiega Tortorella – consente al personale sanitario di aggiornare le proprie competenze sul protocollo da seguire in queste delicate situazioni. Operazioni di vestizione/svestizione, isolamento del paziente affetto da patologie infettive e in generale tutte le operazioni da compiere per ridurre al minimo il rischio di diffusione degli agenti patogeni».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, L’ECCELLENZA SPALLANZANI E LA LEZIONE DI SARS ED EBOLA. IPPOLITO: «FORMAZIONE NECESSARIA PER GESTIRE EMERGENZA»

«Anche perché – conclude il presidente di Consulcesi – gli operatori sanitari, oltre ad essere tra i più a rischio perché entrano in contatto con i pazienti più di quanto non faccia la popolazione generale, sono ben consapevoli dell’importanza di limitare la diffusione del virus ed evitare psicosi di massa».

Articoli correlati
Tamponi e test sugli anticorpi, il ruolo dei laboratori privati nella lotta al Covid-19
Le amministrazioni locali reclutano i centri dotati di biologia molecolare. Lamberti (presidente Federlab): «Impensabile far fronte all’emergenza senza schierare tutta la forza laboratoristica presente in Italia»
La richiesta delle forze dell’Ordine al Governo: «Fateci i tamponi». Risposta positiva solo da Veneto e Lombardia
Stefano Paoloni (Segretario Nazionale Sap): «Agenti dichiarati sospetti Covid-19 senza aver fatto loro il tampone, mentre nelle pattuglie solo un agente può indossare la mascherina. Non si può andare in guerra a mani nude»
di Federica Bosco
Convalescenza post Covid-19, come fare per riprendersi pienamente?
Ideati ad Ancona i Protocolli di Educazione terapeutica dedicati alle persone in fase di recupero post-infezione, con il patrocinio della Simfer, la società scientifica dei fisiatri italiani
La difficile Giornata Mondiale dell’Autismo ai tempi del Coronavirus
Sono giorni duri per le famiglie delle persone con disturbi dello spettro autistico. De Martis (ANGSA): «Ci sono famiglie che stanno saltando, preparare Asl e istituzioni a scenari di straordinarietà». Bonsignori (FIA): «Non siete soli, ma ora dobbiamo capire se abbiamo lavorato bene» 
di Tommaso Caldarelli
La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 1 aprile: Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul territorio nazionale, al momento 80.572 persone […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...