Salute 2 Luglio 2020 15:29

Psicologo di famiglia, la Puglia è l’unica regione d’Italia a prevederlo in una legge regionale

Lazzari (CNOP): «Auspichiamo cornice nazionale più precisa. Una recente proposta del Pd prevede la presenza di uno psicologo delle cure primarie ogni 5 medici di famiglia»

di Isabella Faggiano
Psicologo di famiglia, la Puglia è l’unica regione d’Italia a prevederlo in una legge regionale

Se prima era necessario mettersi in fila alla Asl per chiedere un appuntamento con uno psicologo convenzionato con il Sistema Sanitario Nazionale, ora sarà sufficiente bussare alla porta del proprio medico di famiglia. Ma solo in Puglia. È questa, infatti, la prima ed unica regione ad aver emanato una legge che prevede l’istituzione dello psicologo di famiglia o delle cure primarie, così come previsto da una norma del decreto Calabria del 2019.

«In poche altre regioni, come l’Umbria –  spiega David Lazzari, presidente dell’Ordine Nazionale degli Psicologi – ci sono state delle sperimentazioni finanziante dalla regione, che hanno consentito di affiancare lo psicologo al medico di medicina generale, ma mai una vera e propria legge regionale».

Il servizio pugliese avrà la durata di un anno: «Sarà attivato sicuramente entro la fine del 2020 – assicura Vincenzo Gesualdo, presidente dell’Ordine degli Psicologi della Puglia – poiché è già stata istituita una copertura finanziaria anche per l’anno in corso».

In tutto saranno nove gli psicologi di famiglia presenti nelle Asl pugliesi per lavorare in sinergia con i medici di base e i pediatri di libera scelta. «Un numero obbligato – continua Gesualdo -. In base al budget disponibile, sceso da due milioni e mezzo di euro a 700 mila euro, non sarebbe stato possibile coinvolgere più psicologi. Ma è comunque un gran risultato considerando che l’iter che ci ha condotto fin qui è durato ben 4 anni».

I nomi e i cognomi dei professionisti che parteciperanno al progetto ancora non si conoscono: «La scelta degli psicologi sarà effettuata in base alle indicazioni contenute nei decreti applicativi di cui siamo ancora in attesa», spiega il presidente dell’ordine pugliese.

Intanto, anche a livello nazionale è spuntata qualche novità per rispondere ad un aumento della richiesta di sostegno psicologico: durante l’emergenza Covid la percentuale di cittadini che ha avuto la necessità di ricorrere all’analisi è passata dal 40% al 62%. «La sera del 27 giugno – racconta Gesualdo – ha ottenuto l’approvazione in commissione Bilancio un emendamento in cui si legge che “in deroga all’art. 7 del decreto legislativo 30 marzo 2001 n.165 (Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche) fino al 31 dicembre 2021 potranno essere conferiti incarichi per lavoro autonomo anche di collaborazione coordinata e continuativa a professionisti del profilo di psicologo di cui alla legge 56/89 (Requisiti per l’esercizio dell’attività di psicologo.) regolarmente iscritti all’albo professionale”. Questo vuol dire che sarà possibile stipulare delle convezioni tra Asl e psicologi, laddove se ne ravvisasse la necessità, fino al 31 dicembre 2021».

Tutti segnali positivi che la categoria professionale spera possano trasformarsi in veri e propri cambiamenti:  «Auspichiamo una legge nazionale che definisca una cornice più precisa per lo psicologo delle cure primarie – dice il presidente nazionale Lazzari -. Ed una recente proposta del Pd va proprio in questa direzione, prevedendo la presenza di uno psicologo di famiglia ogni 5 medici di famiglia. Quanto tempo ci vorrà affinché questa proposta diventi legge dello Stato? Difficile prevederlo. Ma si spera che l’emergenza Covid ci abbia insegnato che la sanità italiana necessita di alcuni fondamentali cambiamenti. E garantire l’assistenza psicologica nell’ambito delle cure primarie –  conclude Lazzari – è sicuramente uno di questi».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, professionisti sanitari sotto stress. Perciballi (FNO TSRM e PSTRP): «Un convegno per diffondere i contenuti del protocollo con CNOP»
Il 26 gennaio sarà presentato in diretta streaming sul canale Youtube dell’Ordine degli Avvocati di Roma il protocollo d’intesa tra l’Ordine degli Psicologi (CNOP) e la Federazione delle professioni sanitarie (FNO TSRM PSTRP). Tra gli ospiti Federico Gelli e l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin
Stagione che vai, umore che trovi: quando la meteoropatia è un disturbo psicologico
Si chiama disturbo affettivo stagionale e i suoi sintomi variano al cambiare delle stagioni. La psicoterapeuta: «In inverno prevalgono tristezza, stanchezza e letargia. D’estate perdita di peso, insonnia e ansia»
di Isabella Faggiano
L’OMS lancia un’indagine in 26 Paesi europei per valutare le conseguenze del Covid sulla psiche
De Girolamo (IRCCS Fatebenefratelli): «Questionario online per 10000 cittadini tra i 18 e i 70 anni per conoscere ripercussione che avrà il virus su sfera economica, percezione della malattia attraverso l’informazione e ruolo del vaccino»
di Federica Bosco
Cosa spinge una persona a tatuarsi? Lo psicoterapeuta: «Comunicare e relazionarsi senza parole»
«Impossibile categorizzare chi si tatua dalla testa ai piedi: c’è chi lo fa per trasformare il proprio corpo in un’opera d’arte, chi per diventare qualcun altro. Il tatuaggio non è più una scelta definitiva: può essere rimosso, ricoperto o modificato»
di Isabella Faggiano
Assistenza psicologica e Legge di Bilancio, Lazzari (CNOP): «Assenti prevenzione e risposta al disagio legato alla pandemia»
Stanziati 500 mila euro per assistere i genitori che perdono i propri figli. Il presidente degli psicologi: «Mi sarei aspettato un provvedimento per i parenti dei deceduti Covid»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»