Salute 2 Luglio 2020 15:29

Psicologo di famiglia, la Puglia è l’unica regione d’Italia a prevederlo in una legge regionale

Lazzari (CNOP): «Auspichiamo cornice nazionale più precisa. Una recente proposta del Pd prevede la presenza di uno psicologo delle cure primarie ogni 5 medici di famiglia»

di Isabella Faggiano
Psicologo di famiglia, la Puglia è l’unica regione d’Italia a prevederlo in una legge regionale

Se prima era necessario mettersi in fila alla Asl per chiedere un appuntamento con uno psicologo convenzionato con il Sistema Sanitario Nazionale, ora sarà sufficiente bussare alla porta del proprio medico di famiglia. Ma solo in Puglia. È questa, infatti, la prima ed unica regione ad aver emanato una legge che prevede l’istituzione dello psicologo di famiglia o delle cure primarie, così come previsto da una norma del decreto Calabria del 2019.

«In poche altre regioni, come l’Umbria –  spiega David Lazzari, presidente dell’Ordine Nazionale degli Psicologi – ci sono state delle sperimentazioni finanziante dalla regione, che hanno consentito di affiancare lo psicologo al medico di medicina generale, ma mai una vera e propria legge regionale».

Il servizio pugliese avrà la durata di un anno: «Sarà attivato sicuramente entro la fine del 2020 – assicura Vincenzo Gesualdo, presidente dell’Ordine degli Psicologi della Puglia – poiché è già stata istituita una copertura finanziaria anche per l’anno in corso».

In tutto saranno nove gli psicologi di famiglia presenti nelle Asl pugliesi per lavorare in sinergia con i medici di base e i pediatri di libera scelta. «Un numero obbligato – continua Gesualdo -. In base al budget disponibile, sceso da due milioni e mezzo di euro a 700 mila euro, non sarebbe stato possibile coinvolgere più psicologi. Ma è comunque un gran risultato considerando che l’iter che ci ha condotto fin qui è durato ben 4 anni».

I nomi e i cognomi dei professionisti che parteciperanno al progetto ancora non si conoscono: «La scelta degli psicologi sarà effettuata in base alle indicazioni contenute nei decreti applicativi di cui siamo ancora in attesa», spiega il presidente dell’ordine pugliese.

Intanto, anche a livello nazionale è spuntata qualche novità per rispondere ad un aumento della richiesta di sostegno psicologico: durante l’emergenza Covid la percentuale di cittadini che ha avuto la necessità di ricorrere all’analisi è passata dal 40% al 62%. «La sera del 27 giugno – racconta Gesualdo – ha ottenuto l’approvazione in commissione Bilancio un emendamento in cui si legge che “in deroga all’art. 7 del decreto legislativo 30 marzo 2001 n.165 (Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche) fino al 31 dicembre 2021 potranno essere conferiti incarichi per lavoro autonomo anche di collaborazione coordinata e continuativa a professionisti del profilo di psicologo di cui alla legge 56/89 (Requisiti per l’esercizio dell’attività di psicologo.) regolarmente iscritti all’albo professionale”. Questo vuol dire che sarà possibile stipulare delle convezioni tra Asl e psicologi, laddove se ne ravvisasse la necessità, fino al 31 dicembre 2021».

Tutti segnali positivi che la categoria professionale spera possano trasformarsi in veri e propri cambiamenti:  «Auspichiamo una legge nazionale che definisca una cornice più precisa per lo psicologo delle cure primarie – dice il presidente nazionale Lazzari -. Ed una recente proposta del Pd va proprio in questa direzione, prevedendo la presenza di uno psicologo di famiglia ogni 5 medici di famiglia. Quanto tempo ci vorrà affinché questa proposta diventi legge dello Stato? Difficile prevederlo. Ma si spera che l’emergenza Covid ci abbia insegnato che la sanità italiana necessita di alcuni fondamentali cambiamenti. E garantire l’assistenza psicologica nell’ambito delle cure primarie –  conclude Lazzari – è sicuramente uno di questi».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Lutto perinatale, la psicologa: «Impossibile fingere che quel bambino non sia mai esistito»
Di recente la Nuova Zelanda ha approvato una legge che riconosce il congedo per lutto retribuito ad entrambi i genitori sia in caso di aborto spontaneo che di bambino nato morto. In Italia, solo dopo 180 giorni dalla data di inizio della gravidanza esiste una sorta di congedo simile alla maternità
di Isabella Faggiano
Draghi: «Assurdo vaccinare uno psicologo di 35 anni». La risposta degli psicologi: «È stato il Governo a sancire l’obbligo per tutti i sanitari»
Lazzari (CNOP): «Siamo increduli. Quando il vaccino era volontario circa la metà degli psicologi vi aveva rinunciato, mostrando un grande senso di responsabilità. Si tratta di professionisti che onestamente avevano ritenuto che le proprie condizioni di lavoro (a distanza) non potessero mettere a rischio lo stato di salute dei propri pazienti»
di Isabella Faggiano
Reti oncologiche, la pandemia non frena cure e ricerca. In Campania, Puglia e Basilicata tipizzazioni per cure di qualità
La Rete AMORe (Alleanza Mediterranea Oncologia in Rete) torna a riunirsi per tracciare un bilancio delle attività a un anno dall'emergenza Covid. A confronto le competenze scientifiche, cliniche e di ricerca dei rispettivi poli oncologici delle tre regioni
Festa del papà, non chiamateli “mammi”: sono uomini che fanno i padri
Lo psicologo: «Gli uomini hanno finalmente conquistato un importante diritto: quello di essere pienamente padri. Il ruolo della mamma e del papà sono e devono essere interscambiabili in molte fasi della vita per garantire il benessere e la felicità dei figli»
di Isabella Faggiano
«Ridi con me o di me?». Quegli adolescenti Asperger che sono vittime di bullismo, ma non lo sanno
Oggi è la Giornata mondiale della sindrome di Asperger. Lo psicoterapeuta: «Il 46% dei ragazzi autistici è vittima di bullismo, una percentuale che cresce in modo esponenziale tra i giovani Asperger, “presi in giro” dai compagni per i loro comportamenti insoliti nel 94% dei casi. Sette su 10 subiscono violenze fisiche»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 aprile, sono 136.676.442 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.946.124 i decessi. Ad oggi, oltre 788,19 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...