Salute 16 Ottobre 2019

Professioni sanitarie, Capaccioli (Vice Presidente TSRM e PSTRP): «Aggiornamento fondamentale, possibili percorsi formativi specifici»

Il Presidente dell’Ordine interprovinciale di Firenze, presente al primo Congresso nazionale di Rimini, sottolinea: «Insieme alle altre professioni sanitarie siamo la terza forza dopo medici e infermieri»

«Oggi siamo la terza forza in termini numerici con 230mila professionisti stimati dopo medici e infermieri: rappresentiamo 19 professioni sanitarie ognuna con le sue peculiarità». Leonardo Capaccioli, Vice Presidente della Federazione Nazionale Ordine TSRM PSTRP e Presidente dell’Ordine interprovinciale di Firenze, non nasconde la sua soddisfazione per il primo Congresso nazionale del maxi Ordine delle professioni sanitarie che si è celebrato a Rimini dall’11 al 13 ottobre. Un evento che ha visto la partecipazione di centinaia di persone in rappresentanza delle 19 professioni racchiude nell’Ordine, dai tecnici ortopedici ai tecnici di laboratorio. A Capaccioli, tecnico di radiologia medica, abbiamo chiesto anche il punto di vista specifico della sua professione: «Quello che ci manca è di conquistare ancora degli spazi di maggiore autonomia. Intanto siamo, come professione sanitaria, fortemente legati alle tecnologie sanitarie» sottolinea Capaccioli che sottolinea l’importanza dell’aggiornamento professionale: «Il fatto di lavorare con tecnologie di ultima generazione – aggiunge – impone anche che i tecnici di radiologia medica come professionisti dedicati alla conduzione all’utilizzo di queste apparecchiature molto particolari siamo formati e stiano al passo con i tempi».

Presidente, si è celebrato il primo Congresso nazionale dell’Ordine delle professioni sanitarie. Cosa rappresenta questo Congresso e cosa rappresenta questo processo di creazione dell’Ordine?

«È il consolidamento di un processo che stiamo portando avanti da tempo. Siamo riusciti a consolidare in questo primo Congresso nazionale un qualcosa di fattivo, di concreto. Abbiamo riunito tutte le 19 professioni che fanno parte dell’Ordine, un momento di condivisione comune di un obiettivo che è stato raggiunto e progettato da tanto tempo. Oggi ci possiamo considerare soddisfatti da questo risultato raggiunto».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, A RIMINI IL PRIMO CONGRESSO. BEUX: «MODELLO OSPEDALIERO VA SUPERATO, TUTTI POSSIAMO DARE CONTRIBUTO A SALUTE»

Lei è un tecnico di radiologia medica. Voi avevate già la dimensione ordinistica. Questo processo alla fine vi sta rafforzando?

«Come tutte le cose, ci sono vari aspetti. Sicuramente quello che abbiamo raggiunto con la nuova federazione degli ordini che comprende 19 professioni potrebbe da una parte far pensare che ci siano delle criticità ma invece è proprio la nostra forza intrinseca perché da una dimensione che avevamo precedentemente come soli tecnici di radiologia siamo passati a una dimensione 10 volte superiore, quindi in termini numerici e di rappresentanza professionale questo che dà maggiore importanza al risultato che abbiamo raggiunto. Siamo una forza non indifferente, perché a livello nazionale stimiamo 230mila professionisti. Se facciamo il raffronto con l’Ordine dei medici che è composto da 450mila, gli infermieri che sono 440mila, noi siamo la terza forza in termini numerici. L’elemento che ci contraddistingue è questo: rappresentiamo 19 professioni che nel loro specifico hanno una loro peculiarità. Quindi abbiamo 19 professionisti che sostanzialmente vanno a coprire tutte le altre attività che non sono state fatte da medici, infermieri o ostetriche».

Come tecnici di radiologia medica avete delle richieste da portare alle istituzioni? Le competenze potrebbero aumentare in futuro?

«Sicuramente. Quello che ci manca è di conquistare ancora degli spazi di maggiore autonomia, nello specifico professionale nostro. Intanto siamo, come professione sanitaria, fortemente legati alle tecnologie sanitarie. Se pensiamo a una risonanza magnetica, a una tomografia computerizzata, alla pet–tac, alle più moderne macchine di radioterapia. Questa è una particolarità che ci fa stare sempre al passo con i tempi per quanto riguarda l’evoluzione tecnologica. Necessariamente il fatto di lavorare con tecnologie di ultima generazione impone anche che i tecnici di radiologia medica come professionisti dedicati alla conduzione all’utilizzo di queste apparecchiature molto particolari siamo formati e stiano al passo con i tempi perché la funzione importante è quella di rendere al paziente la migliore immagine diagnostica o il miglior trattamento radioterapico possibile salvaguardando il paziente stesso da una esposizione indebita».

Quindi l’aggiornamento professionale è importantissimo per voi. Si aggiornano gli iscritti?

«Dobbiamo fare ancora dei passi, e consolidare dei percorsi formativi dedicati anche in ambito specialistico anche per ciò che riguarda l’aggiornamento professionale e il nuovo contesto ordinistico. Il professionista non è tale se non sa cosa deve rispondere in termini normativi. È importante, che ci piaccia o no, che sappiamo quale siano le ricadute legali e normative. Dall’altro lato abbiamo delle chance perché nell’ambito formativo ECM tutte le professioni creare per ciascun profilo professionale dei percorsi formativi specifici in cui possiamo scegliere il livello che vogliamo raggiungere, indirizzare la formazione che riteniamo necessario che il professionista abbia sul campo».

Articoli correlati
TSRM e radioprotezione, varato il D.Lgs. 101 sulle norme fondamentali di sicurezza. FNO TSRM e PSTRP: «Figura ne esce rafforzata»
La nuova normativa inerente i principi generali di radioprotezione, nella sezione che riguarda le esposizioni mediche, supera il paradigma pre legge 42/99 che aveva fortemente caratterizzato il decreto legislativo 187/2000, verso il nuovo modello organizzativo fondato sul lavoro d’équipe, la competenza dei professionisti, il rispetto delle autonomie, l’interdisciplinarità, le procedure, i protocolli (algoritmi decisionali)
Massofisioterapisti, F.I.MFT: «C’è ancora tanto da fare»
Nonostante l’istituzione, presso l’Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione, dell’elenco speciale Massofisioterapisti (dm 9/8/19, art.5), sono ancora tante le improrogabili necessità e problematiche legate alla categoria dei Massofisioterapisti. Da tempo la F.I.MFT (Federazione Italiana Massofisioterapisti) si adopera e collabora con le Istituzioni al fine […]
di Giacomo Russo, Presidente F.I.MFT (include AIMFI, AIMTES e AMS)
Sanità lombarda: il ruolo delle Professioni Sanitarie nella riforma della L.R. 23/2015. Un ponte fra paziente e territorio
All’incontro del luglio scorso, organizzato dai vertici della Sanità di Regione Lombardia, presenti gli ordini TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio per delineare i passi da compiere nell’attuazione della Legge Regionale n. 23/2015 che regola il sistema sociosanitario lombardo
Ostetriche. Vaccari (FNOPO): «Necessarie 20mila assunzioni nei consultori»
La vice presidente della Federazione Nazionale: «Dotare le ostetriche del ricettario rosa per prescrivere gli esami utili in gravidanza. Altrimenti la donna sarà sempre costretta a migrare verso altri professionisti»
di Isabella Faggiano
Professioni sanitarie, i numeri della FNO TSRM e PSTRP: oltre 151mila iscritti agli Albi, quasi 22mila agli elenchi speciali
In una lettera ai presidenti provinciali e al Ministero della Salute il Presidente Alessandro Beux ha voluto ricordare l'anniversario del primo luglio 2018, giorno dell'apertura delle iscrizioni: «Numeri impressionanti, in termini assoluti e relativi; numeri che testimoniano l’affidabilità sia di coloro che, prima, li hanno stimati sia di coloro che, dopo, li hanno determinati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...