Politica 11 Febbraio 2019

Professioni sanitarie, Capaccioli (Tsrm-Pstrp): «Attendiamo ultimi decreti per rendere operativo Ordine. 70% professionisti già iscritto»

«Ancora non abbiamo dati numerici oggettivi delle possibili criticità». E sulla finalità degli elenchi speciali: «Evitano di creare un problema di carattere sociale» così il Vice Presidente della Federazione nazionale

di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

Il nuovo Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione (Federazione nazionale Ordini Tsrm-Pstrp) costituito con la Legge 3/2018, racchiude i 17 albi istituiti oltre a 2 albi (dei Tecnici di radiologia e assistenti sanitari) già esistenti.

LEGGI ANCHE: MAXI ORDINE PROFESSIONI SANITARIE, LAILA PERCIBALLI (MOVIMENTO CONSUMATORI): «STRUMENTO FONDAMENTALE PER COMBATTERE ABUSIVISMO

Si tratta di un maxi ordine di circa 200mila professionisti che appartengono a diciassette albi che ora afferiscono al Tsrm (che racchiude da solo circa 28mila professionisti). E per cui, dal 1 luglio 2018, è scattato l’obbligo di iscrizione agli albi corrispondenti o ai registri speciali attraverso un’apposita procedura online.

Abbiamo chiesto a Leonardo Capaccioli – Vice Presidente Federazione Nazionale e Presidente Ordine TSRM e PSTRP di Firenze Arezzo Prato Pistoia Lucca Massa Carrara –  quali sono i passaggi che ci saranno di qui a breve e a che punto è la procedura d’iscrizione dei professionisti agli albi istituiti. «Attendiamo la pubblicazione degli ultimi due decreti attuativi per procedere alla composizione delle commissioni d’albo e dei consigli direttivi – ha specificato Capaccioli -. Questi due organi completano il percorso legislativo di formazione del nuovo ordine sia a livello di federazione nazionale che a livello dei singoli ordini professionali. In questo modo, possiamo raggiungere completamente la rappresentanza di tutti e 19 i profili rappresentati rendendo operativa la vita professionale dell’ordine».

LEGGI ANCHEDEROGA ISCRIZIONE ORDINI, BEUX (TSRM e PSTRP): «CONDIVIDIAMO OBIETTIVI MA COSI’ SI RISCHIA SANATORIA. IN DECRETI ATTUATIVI SI PONGA RIMEDIO O FAREMO DA SOLI»

La Legge 3/2018 prevede una riorganizzazione degli ordini e regole chiare contro l’abusivismo professionale. A questo proposto, il Vice Presidente ci ha parlato anche dell’emendamento del Governo alla Legge di Bilancio al centro di molteplici discussioni che permette a chi ha svolto una professione sanitaria per 36 mesi, negli ultimi dieci anni, di continuare a farlo iscrivendosi entro il 2019 a un albo speciale: «L’emendamento tiene conto del particolare stato di transizione che si è venuto a creare nel momento in cui è stata pubblicata la legge istitutiva degli ordini – ha precisato -.  Riguarda quei colleghi che, pur svolgendo un’attività lavorativa legittimata da concorsi e un percorso lavorativo già consolidato nel tempo, si trovano in difetto per quanto riguarda la congruità del possesso dei titoli ai fini di quanto previsto nell’ordinamento. Da qui, la proposta di istituire degli albi speciali che saranno istituti all’interno dei singoli ordini – ha aggiunto – per effettuare un’ulteriore azione di contrasto verso coloro che esercitano un abuso di professione. Con una certa gradazione – ha continuato il Vice Presidente – stabilendo opportuni “paletti” che possano permettere o il conseguimento dei percorsi di equivalenza o il riconoscimento dei percorsi formativi integrativi, offriamo la possibilità di poter conseguire l’iscrizione all’albo anche a chi si trova oggi in una posizione intermedia».

La finalità dell’elenco speciale è, secondo Capaccioli, «evitare di creare una criticità di carattere sociale» e il bilancio della Legge 3/2018 è, finora, positivo: «Dall’entrata in vigore abbiamo avuto pochissimo tempo per creare una piattaforma digitalizzata – ha precisato -.  Dai soli tecnici di radiologia, che sono 28mila iscritti sul territorio nazionale, ci siamo dovuti adeguare all’iscrizione potenziale di 220 mila professionisti».

La procedura per l’iscrizione ai 17 albi istituiti con DM 13 marzo 2018 è dematerializzata, attraverso un apposito portale: «Questa modalità di iscrizione digitale ha permesso di semplificare e sveltire moltissimo le procedure» ha specificato Capaccioli -. E allora, perché tanti professionisti ancora si devono iscrivere? «Dalle stime che ci hanno fornito le singole associazioni, attualmente siamo circa al 70% di recepimento dell’iscrizione. Dai dati che vengono fuori emerge un 30% che ancora è in una fase di stallo e ancora non ha ben definito la sua situazione. Tutti si devono iscrivere – ha concluso –  perché la piattaforma digitale offre possibilità di oggettivare questi dati, attualmente parliamo di stime, non abbiamo un dato numerico oggettivo numerico di quelle che sono le possibili criticità. Il passaggio necessario all’iscrizione all’Ordine, attraverso il collocamento nell’albo professionale o negli elenchi speciali, ci permetterà di avere un’idea della realtà effettiva delle cose».

Articoli correlati
Patto per la salute, FNOMCeO: «Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie»
«Chiamare ai tavoli le Professioni sanitarie». Lo avevano già chiesto, insieme alle altre Federazioni e Ordini nazionali delle professioni sanitarie e sociali, il 21 marzo scorso, in occasione dell’incontro con il Ministro della Salute Giulia Grillo. Ora la FNOMCeO, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, e prima ancora la Fnopo, l’omologo ente […]
Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)
Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
“Art. 32: La Repubblica tutela la salute”: Cisl e Simedet insieme per una riflessione sul diritto alle cure e sulle diseguaglianze in sanità
L’evento si svolgerà l’8 maggio alla Camera dei deputati. Tra i relatori l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin, la Presidente Commissione Affari Sociali della Camera Marialucia Lorefice e Filippo Anelli, Presidente FNOMCeO. Il presidente Simedet Capuano: «Parleremo di come migliorare i modelli organizzativi per ottimizzare e ridurre gli sprechi in sanità»
Professioni sanitarie, Nicola Titta (Anep): «Equivalenza titoli, Ministero ha 60 giorni per dare risposte ai 40mila educatori a rischio»
Dopo la decisione del TAR del Lazio spetta a Miur e Ministero della Salute avviare il percorso per il riconoscimento dei titoli. Il presidente dell’Associazione Nazionale Educatori Professionali continua la sua battaglia: «Abbiamo circa 35-40mila persone che esercitano questa posizione ma non possono entrare nell’Ordine perché non hanno un titolo abilitante, non possiamo più aspettare»
Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»
Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti con il precedente ordinamento al diploma universitario di Educatore professionale