Salute 24 Maggio 2018 11:58

Privacy, Onotri: «Chiediamo chiarimenti a Garante». Attesa per il governo: «Programma sanità fa ben sperare»

Il Segretario generale dello SMI Pina Onotri alla vigilia del Consiglio Nazionale del sindacato: «Faremo un bilancio di 40 anni di Ssn, un sistema in sofferenza». Poi torna sulle aggressioni ai medici: «Serve Commissione parlamentare d’inchiesta»

Privacy, Onotri: «Chiediamo chiarimenti a Garante». Attesa per il governo: «Programma sanità fa ben sperare»

Il Consiglio nazionale dello SMI, Sindacato Medici Italiani, che si svolgerà a Tivoli dal 26 al 27 maggio, è alle porte. Tanti i temi che saranno affrontati dal Segretario generale Pina Onotri e dagli altri relatori, a partire da una riflessione sulla fase economica e politico-sociale attuale e sullo stato dell’arte del Sistema sanitario nazionale a 40 anni dalla sua nascita.  Un’assise che coincide con l’entrata in vigore del Regolamento europeo che va a modificare la normativa sulla Privacy e che avrà grande impatto sui dati sanitari. «Speriamo che da questo nuovo governo si riparta. Leggendo il programma sulla Sanità è un programma che fa ben sperare», afferma a Sanità Informazione Pina Onotri.

LEGGI ANCHE: PROTEZIONE DATI, MAGI (OMCEO ROMA): «I MEDICI HANNO PAURA DI SBAGLIARE. FAREMO UN VADEMECUM E UNA EMAIL PER RISOLVERE I DUBBI»

Il Consiglio nazionale SMI è alle porte, quali saranno i temi che si affronteranno?

«I temi saranno legati ai 40 anni del Sistema sanitario nazionale che è un sistema in sofferenza. Abbiamo avuto dieci anni di tagli, di smantellamento, di diniego di servizi ai cittadini. Speriamo che da questo nuovo governo si riparta. Leggendo il programma sulla Sanità è un programma che fa ben sperare. Noi come dirigenti del sindacato e come classe dirigente del nostro Paese siamo disposti a dare il nostro contributo affinché le cose vadano meglio».

Il 25 maggio entra in vigore la nuova normativa europea sulla privacy. Che cosa cambierà negli studi medici?

«Sicuramente avremo degli adempimenti in più. Su cosa ci tocca e cosa no ci sono ancora delle perplessità tanto è vero che come Smi abbiamo scritto al garante per chiederci di chiarire alcuni aspetti affinché noi possiamo adempiere a quelli che sono gli obblighi e a non incorrere in sanzioni. Ne daremo pronta informativa a tutti i nostri iscritti».

Dottoressa, parliamo di aggressioni ai sanitari. Quali sono le proposte e le iniziative che la Smi propone per porre un freno a questo fenomeno?

«Sicuramente noi vogliamo una legge che inquadri il medico come pubblico ufficiale. Che permetta di perseguire d’ufficio l’aggressore e non su denuncia di parte. Poi una campagna di sensibilizzazione portata avanti dalle istituzioni nei confronti della sicurezza delle cure e degli operatori sanitari, una commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno e sicuramente una migliore organizzazione del lavoro perché un’organizzazione che non garantisce dei servizi adeguati espone gli operatori ad essere aggrediti».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Atti vandalici OMCeO Trento, solidarietà dai medici di Napoli. Zuccarelli: «Intollerabile attacco»
«Quanto accaduto a Trento è molto preoccupante, qualcosa che deve far riflettere. Siamo ormai entrati in una nuova fase, dopo le parole e gli insulti, ora sulla professione medica si abbattono atteggiamenti camorristici». Così Bruno Zuccarelli, presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli e provincia, commenta il gesto di vandalismo messo in atto a Trento. Nella […]
Violenze no vax e aggressioni ai sanitari, FIASO chiede sicurezza operatori nell’incontro con il Ministro Speranza
Riunione straordinaria della Presidenza Fiaso dopo gli episodi al Policlinico Umberto I, Migliore: «Urgente la stipula di protocolli operativi con le forze dell’ordine»
No Green Pass assaltano Umberto I, infermiera aggredita e Ps bloccato per ore
Un manifestante della protesta No Green Pass di sabato a Roma era lì in attesa di cure. Insieme ad amici e parenti hanno sfondato la porta d’ingresso del Ps, distrutto apparecchiature sanitarie e aggredito gli operatori. Ruggiero (Nessuno Tocchi Ippocrate): «Copione ormai noto, a Napoli c’è un’aggressione ogni tre giorni»
Fuga dai Pronto soccorso, le proposte Anaao: «Potenziare legge contro aggressioni e riconoscere indennità specifica»
Di Silverio: «Il problema ha radici profonde acuite dal Covid. I carichi di lavoro sono diventati insostenibili e la retribuzione non è commisurata all’onerosità e alla tipologia di lavoro, a cui si somma una sostanziale assenza di sicurezza»
Aggressioni al personale sanitario, Siracusa a ferro e fuoco. E i medici scendono in piazza
Maddedu (OMCeO Siracusa): «Investiamo nella comunicazione. Con la medicina narrativa riduzione dell’80% di conflitti medico-paziente: va inserita nel processo formativo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 ottobre, sono 242.034.479 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.922.096 i decessi. Ad oggi, oltre 6,7 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?