Salute 24 maggio 2018

Privacy, Onotri: «Chiediamo chiarimenti a Garante». Attesa per il governo: «Programma sanità fa ben sperare»

Il Segretario generale dello SMI Pina Onotri alla vigilia del Consiglio Nazionale del sindacato: «Faremo un bilancio di 40 anni di Ssn, un sistema in sofferenza». Poi torna sulle aggressioni ai medici: «Serve Commissione parlamentare d’inchiesta»

Immagine articolo

Il Consiglio nazionale dello SMI, Sindacato Medici Italiani, che si svolgerà a Tivoli dal 26 al 27 maggio, è alle porte. Tanti i temi che saranno affrontati dal Segretario generale Pina Onotri e dagli altri relatori, a partire da una riflessione sulla fase economica e politico-sociale attuale e sullo stato dell’arte del Sistema sanitario nazionale a 40 anni dalla sua nascita.  Un’assise che coincide con l’entrata in vigore del Regolamento europeo che va a modificare la normativa sulla Privacy e che avrà grande impatto sui dati sanitari. «Speriamo che da questo nuovo governo si riparta. Leggendo il programma sulla Sanità è un programma che fa ben sperare», afferma a Sanità Informazione Pina Onotri.

LEGGI ANCHE: PROTEZIONE DATI, MAGI (OMCEO ROMA): «I MEDICI HANNO PAURA DI SBAGLIARE. FAREMO UN VADEMECUM E UNA EMAIL PER RISOLVERE I DUBBI»

Il Consiglio nazionale SMI è alle porte, quali saranno i temi che si affronteranno?

«I temi saranno legati ai 40 anni del Sistema sanitario nazionale che è un sistema in sofferenza. Abbiamo avuto dieci anni di tagli, di smantellamento, di diniego di servizi ai cittadini. Speriamo che da questo nuovo governo si riparta. Leggendo il programma sulla Sanità è un programma che fa ben sperare. Noi come dirigenti del sindacato e come classe dirigente del nostro Paese siamo disposti a dare il nostro contributo affinché le cose vadano meglio».

Il 25 maggio entra in vigore la nuova normativa europea sulla privacy. Che cosa cambierà negli studi medici?

«Sicuramente avremo degli adempimenti in più. Su cosa ci tocca e cosa no ci sono ancora delle perplessità tanto è vero che come Smi abbiamo scritto al garante per chiederci di chiarire alcuni aspetti affinché noi possiamo adempiere a quelli che sono gli obblighi e a non incorrere in sanzioni. Ne daremo pronta informativa a tutti i nostri iscritti».

Dottoressa, parliamo di aggressioni ai sanitari. Quali sono le proposte e le iniziative che la Smi propone per porre un freno a questo fenomeno?

«Sicuramente noi vogliamo una legge che inquadri il medico come pubblico ufficiale. Che permetta di perseguire d’ufficio l’aggressore e non su denuncia di parte. Poi una campagna di sensibilizzazione portata avanti dalle istituzioni nei confronti della sicurezza delle cure e degli operatori sanitari, una commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno e sicuramente una migliore organizzazione del lavoro perché un’organizzazione che non garantisce dei servizi adeguati espone gli operatori ad essere aggrediti».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Tribunale della Salute, Foad Aodi (OMCeO Roma) aderisce alla petizione: «Proposta coraggiosa. Più il medico lavora in serenità più è tutelato il diritto alla salute»
Il presidente di Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia) sottolinea: «I medici italiani sono considerati tra i migliori, non permettiamo di macchiarne l'immagine e la credibilità». Intanto la raccolta firme ha superato le 12mila adesioni
Aggressioni, FNOMCeO in audizione al Senato: «Minate le basi del SSN, serve decreto legge»
«La situazione dei nostri medici, infermieri e operatori rappresenta una vera emergenza di sanità pubblica. C’è necessità di un intervento legislativo immediato», così il presidente della Federazione Filippo Anelli
Aggressioni, Anaao-Assomed: «Ora la politica è pronta per un nuovo modello di garanzia a tutela degli operatori della salute»
Bilancio propositivo a margine del confronto tra rappresentati parlamentari, parti sociali e sindacali in occasione del convegno organizzato dall’AnaaoAssomed Campania presso l’aula magna del C.T.O di Napoli, dal titolo “Aggressioni in Sanità: la salute degli Operatori”. «Anaao-Assomed è riuscita, dopo anni di assoluta assenza della politica – si legge nella nota stampa diffusa dal sindacato […]
Comma 687, Onotri (SMI): «Bisogna abrogarlo e riattivare delega a governo per trattative con personale SSN»
Il segretario generale del sindacato ha incontrato la presidente della Commissione Lavoro del Senato Catalfo: «Abbiamo chiesto di superare con urgenza lo stallo attuale e la convocazione in tempi brevi del tavolo Aran-sindacati. Medici e dirigenti amministrativi non possono stare nello stesso calderone di contrattazione». A margine dell’incontro anche il tema dei medici Inps: «C’è forte volontà politica di arrivare ad un accordo collettivo nazionale in convenzione»
Emergenza rifiuti a Roma, lettera di Magi a Raggi, Costa e Grillo: «C’è rischio per la salute pubblica. Pronti a fare nostra parte»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici della Capitale: «Segnalazioni sempre più frequenti. Nostro obiettivo è tutelare la popolazione facendo sì, insieme ad altri organi preposti, che venga garantito e difeso il suo diritto alla salute»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano