Salute 20 Dicembre 2021 12:30

PNRR, Mantoan (Agenas): «Mmg e infermieri di comunità saranno cardine del nuovo modello organizzativo»

Il direttore generale dell’Agenas: «Il Dm 71 è l’anima del PNRR. La definizione degli standard organizzati è la vera innovazione del documento: è stato fissato il numero minimo di professionisti sanitari necessari a garantire l’attuazione dei modelli della sanità del futuro»

«La realizzazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) non sarà un traguardo, ma un punto di partenza». Ne è convinto Domenico Mantoan, direttore generale dell’Agenas, l’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali che, con le Regioni, le Istituzioni e gli esperti del mondo della sanità, sta redigendo il Dm 71, un documento fondamentale per la realizzazione del PNRR. Nella Missione 6 del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, infatti, si parla di case e ospedali di comunità, di centrali operative territoriali, ma senza che ne siano specificati i modelli organizzativi.

Perché il Dm 71 è innovativo

«Il Dm 71 offrirà un’anima ad ognuna di queste strutture – sottolinea Mantoan -. La definizione degli standard organizzati è la vera innovazione contenuta nel documento. Grazie al Dm71 è stato definito il numero minimo di professionisti sanitari necessari a garantire l’attuazione dei modelli previsti nel PNRR. Solo per fare un esempio, ci sarà bisogno di almeno 20-30 mila infermieri in più rispetto a quelli attualmente operativi. Queste cifre, poi, permetteranno anche di rivedere i fabbisogni formativi a cui l’università dovrà conformarsi».

Un lavoro di squadra

Il Dm 71, redatto in linea con i principi del PNRR, è prossimo alla consegna: «Medici di medicina generale e infermieri di famiglia e di comunità saranno i professionisti cardine del nuovo modello organizzativo. Un modello incentrato sui concetti di vicinanza e prossimità, che punta a rafforzare l’assistenza ai malati cronici e ad aumentare la disponibilità di cure domiciliari», spiega il dg dell’Agenas. Obiettivi importanti che possono essere raggiunti solo attraverso un lavoro di squadra: «Il documento – continua Mantoan – ha analizzato le competenze di tutte le professioni sanitarie. Nessuna può essere esclusa da questo importante progetto: la multidisciplinarietà, l’inter-professionalità sono colonne portanti del nuovo modello».

Accanto ai medici di medicina generale, dovranno operare anche gli assistenti sociali e tutti i professionisti sanitari, dall’area della riabilitazione, alla prevenzione fino a quella tecnica. «Grazie agli importanti investimenti previsti nell’ambito della telemedicina anche il lavoro dei tecnici di radiologia potrà spostarsi a domicilio, portando le strumentazioni fino al letto del paziente. Televisite e teleconsulti – aggiunge il dg – permetteranno di instaurare un contatto constante con i professionisti  che, anche a distanza, contribuiranno a migliorare il “prodotto salute”».

Cinque anni di “preparativi”

Un progetto ambizioso, dunque, su cui saranno puntati i riflettori della politica e del mondo della sanità per i prossimi 5 anni. «Il tempo che abbiamo a disposizione è breve (i progetti previsti nel PNRR dovranno essere realizzati entro il 2026). E, per questo, non c’è un minuto da perdere. I prossimi 5 anni – assicura il dg dell’Agenas – saranno fondamentali per innescare nuovi e virtuosi meccanismi assistenziali e per adeguare la capacità formativa delle università italiane». E anche quando l’ultimo tassello sarà inserito saremo solo all’inizio di un ambizioso percorso: «Il PNRR – ribadisce Mantoan – non è un traguardo, ma un punto di partenza». Ma, come recita un vecchio detto, “chi ben comincia è a metà dell’opera”.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Corruzione in Sanità, sottoscritto protocollo di intesa fra AGENAS e ANAC
Il protocollo ha l’obiettivo di rafforzare la cultura della trasparenza e della legalità nel settore sanitario e di garantire la corretta attuazione e applicazione della normativa in materia di contratti pubblici
In due anni 16 milioni di contagi e oltre 160 mila morti: l’impatto del Covid-19 sul sistema ospedaliero italiano
Per la prima volta, grazie ad una collaborazione tra Istat e Agenas, è stato analizzato l’impatto della pandemia da SARS-CoV-2 sul sistema ospedaliero italiano. Il Rapporto, oltre a descrivere gli effetti sul complesso dei ricoveri attraverso un confronto con i dati pre-pandemia, esamina le caratteristiche salienti dei ricoveri per Covid-19. Ecco i risultati
Contagi Covid 100 volte più alti, picco previsto fra 7-21 giorni
I contagi aumentano vertiginosamente. Rispetto a luglio di un anno fa abbiamo 100 volte in più di casi e ricoveri 5 volte superiori. Per Sebastiani (Cnr) picco fra 7-21 giorni
Nuovo Quaderno di Monitor, cure primarie in Europa comparate da Agenas
Con il nuovo Supplemento alla rivista Monitor, l’Agenzia intende effettuare un’analisi comparativa dei modelli organizzativi dell’assistenza primaria in sei Paesi europei: Francia, Germania, Italia, Regno Unito, Spagna e Svezia
Attività intramuraria libero-professionale, da Agenas il Rapporto sullo stato dell’arte in Italia
Progressivo adeguamento ai parametri richiesti dalla legge. Restano da superare difformità territoriali e recuperare lacune assistenziali post Covid-19
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi