Salute 3 Novembre 2020 16:50

Piano nazionale demenze, in Senato Ddl per implementarlo. Spadin (AIMA): «Sui familiari il peso delle chiusure»

Forti difformità tra regioni nell’applicazione del Piano e il Covid ha peggiorato la situazione. La senatrice Guidolin (M5S): «Coinvolgere le associazioni del territorio per combattere l’isolamento»

Piano nazionale demenze, in Senato Ddl per implementarlo. Spadin (AIMA): «Sui familiari il peso delle chiusure»

L’Italia dei 21 sistemi sanitari regionali si conferma a macchia di leopardo anche per quanto riguarda l’applicazione del Piano nazionale delle demenze approvato ormai nel lontano 2014. Solo un anno fa, poco prima dello tsunami Covid-19 che ha travolto il mondo e l’Italia, l’Osservatorio Demenze dell’Istituto Superiore di Sanità tracciava un quadro preoccupante dello stato dei servizi: in vaste aree del Paese, al Sud soprattutto, i centri ancora non ci sono o sono poco più di un miraggio, così come la disponibilità e la qualità dei percorsi di diagnosi e di trattamento. Un vero dramma, considerando che l’Italia è il Paese più longevo d’Europa con 13,4 milioni di ultra-sessantenni.  Si stima inoltre che la demenza colpisca 1.241.000 persone e che i costi diretti per l’assistenza superino gli 11 miliardi di euro, secondo il Censis.

Un quadro che è diventato ancora più critico con la pandemia da Covid-19, come conferma a Sanità Informazione Patrizia Spadin, Presidente di AIMA (Associazione Italiana Malattia di Alzheimer): «Praticamente con il Covid non c’è stata più assistenza per questi malati. È stato un periodo drammatico per le famiglie perché da una parte le badanti spesso se ne sono andate perché positive o perché dovevano occuparsi della loro famiglia. Dall’altre parte i servizi sanitari hanno subito delle drastiche chiusure, come è stato logico che succedesse, ma non ci si è riorganizzati per la riapertura se non lentamente verso luglio-agosto. È stato un periodo molto difficile perché tutto è ricaduto sui familiari, compreso il peggioramento della malattia: tutti i pazienti (lievi, moderati, severi, giovani e anziani) sono infatti peggiorati moltissimo. Ora, con la seconda ondata, si rischia di tornare nella stessa situazione, alcuni servizi stanno iniziando a chiudere».

Dall’AIMA arriva la conferma di quello che l’Osservatorio dell’ISS aveva registrato l’anno scorso: troppe differenze tra regioni nell’applicazione del Piano. «Il Piano nazionale per le Demenze è stato implementato in alcune regioni, altre non l’hanno recepito perché hanno problemi di rientro. Per cui i soldi per implementare il Piano non ci sono», spiega Spadin, che commenta con amarezza: «Noi legati al tema demenze usciremo con le ossa rotte da questo Covid».

PIANO NAZIONALE DEMENZE, DEPOSITATO DDL AL SENATO

Le difficoltà delle famiglie e le grandi difformità tra regioni nell’assistenza ai malati di demenze hanno spinto la senatrice del Movimento Cinque Stelle Barbara Guidolin a presentare un Disegno di legge che promuove la creazione di un fondo mirato a promuovere interventi appropriati nella gestione integrata della demenza che si concretizzino in una diffusione di buone pratiche su tutto il territorio italiano oltre all’istituzione di un Tavolo ufficiale di lavoro e confronto, fino ad oggi operativo in maniera informale, che consenta un monitoraggio e un’implementazione costante di quanto contenuto nel testo del Piano Nazionale Demenze.

«Nel breve periodo si deve cercare di potenziare i servizi assistenziali territoriali, attraverso un costante monitoraggio e supporto di questi pazienti, se necessario, anche a distanza – spiega Guidolin a Sanità Informazione -. È poi necessario combattere l’isolamento, tipico delle persone affette da demenza. I Comuni dovrebbero coinvolgere le associazioni del territorio, anche al fine di attivare una catena di solidarietà per dare corso a varie iniziative, come ad esempio la lettura di racconti (che può essere fatta da remoto) o un passaggio all’esterno della casa del malato anche solo per un saluto: sono cose semplici che possono in realtà dare sollievo a queste persone. Ancora, mi viene in mente la clown therapy che molto spesso viene attivata nelle RSA e che coinvolge anche i giovani, iniziativa questa che potrebbe essere riproposta, in massima sicurezza, anche presso il domicilio del malato».

In base al Ddl il Fondo per le demenze avrà una dotazione pari a 15 milioni di euro per ciascuno degli anni 2020, 2021 e 2022. Un’iniezione di denaro che potrebbe essere favorita anche dal Recovery Fund: dall’Europa potrebbero arrivare fondi anche per un’altra partita che si sta giocando in Parlamento, la legge sui caregiver molto attesa dai familiari dei malati di demenza.

«Il riconoscimento del lavoro del caregiver familiare è un altro importante tassello per migliorare l’assistenza in famiglia – aggiunge Guidolin -. In Commissione lavoro Senato stiamo portando avanti un Ddl per il riconoscimento della figura del caregiver di cui sono relatrice. Sicuramente nel Recovery Fund troveremo delle risorse anche per questo».

«Si va nella strada giusta – commenta Spadin -. Il Ddl è migliorabile ma è già qualcosa. L’Alzheimer non è solo assistenza, è anche sanità. Andrebbe implementata tutta la parte sanitaria. Adesso noi sappiamo che ci sono nuovi farmaci in arrivo. Sono farmaci particolari che hanno la specificità di essere attivi ed efficaci soltanto nei prodromici e quindi avremmo bisogno di una sanità in grado di scovare i prodromici, di fare prevenzione. E nel prossimo futuro abbiamo bisogno che venga implementata anche la specialistica specifica per le demenze. Al governo voglio dire che non possono dimenticarsi di un così grande numero di pazienti lasciandoli a casa chiusi con i familiari. Noi ci mettiamo tanta buona volontà ma non possiamo reggere tutto il peso da soli. Il welfare relativo alla demenza non può chiudere».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Alzheimer, M5S: Fondo per le demenze primo passo, ora PNRR per garantire prossimità delle cure
«La Giornata mondiale dell’Alzheimer ci ricorda l’importanza di investire nella ricerca e nell’assistenza, di attuare interventi concreti che possano migliorare la qualità della vita di così tante persone» sottolineano i deputati pentastellati
Nel 2040 saranno oltre 2,5 milioni le persone con Alzheimer in Italia
Costa: «Il costo medio annuo per paziente, comprensivo dei costi diretti e indiretti, sia familiari sia a carico del sistema sanitario nazionale e della collettività, è pari a 70.587 euro, cifra che, moltiplicata per la quota attuale di malati, si traduce in oltre 42 miliardi di euro»
È la Giornata dei malati di Alzheimer, ma le loro sono storie di tutti i giorni
Vivono in un mondo di contraddizioni e salti temporali. La psicologa: «Maria cerca la sua casa, ma non sa quale sia. Carla non riesce a dar voce ai suoi pensieri. Giorgio non comprende ciò che gli viene detto»
di Isabella Faggiano
Alzheimer, AIMA e SIN lanciano “sette buone proposte”. Spadin: «Portare servizi in prossimità dei pazienti»
In un documento elaborato in occasione della Giornata mondiale, le richieste alla politica per supportare famiglie e malati. In Italia 700mila i casi di Alzheimer
di Francesco Torre
Giornata Mondiale Alzheimer, il 21 settembre Aima offre colloqui psicologici gratuiti alle famiglie
Il 21 settembre AIMA darà vita, inoltre, a una diretta streaming sui social ricca di appuntamenti da non perdere, con documentari, video e interviste ad autorevoli rappresentanti del mondo della scienza e della ricerca
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre, sono 230.090.110 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.719.197 i decessi. Ad oggi, oltre 5,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco