Salute 1 Settembre 2021 15:21

Pfizer testa un farmaco antivirale da somministrare ai primi segni di Covid-19

Si tratta di un inibitore della proteasi, è il farmaco su cui Pfizer sta conducendo trial clinici: se dovesse funzionare verrebbe colmato il vuoto di un antivirale per curare Covid ai primi sintomi per pazienti senza rischio di aggravamento

Pfizer testa un farmaco antivirale da somministrare ai primi segni di Covid-19

Una novità sul versante farmaci contro Covid da parte della casa farmaceutica Pfizer. È stato annunciato l’avvio di uno studio clinico di fase 2-3 per valutare l’efficacia di un farmaco antivirale sperimentale con somministrazione orale, pensato per i pazienti Covid adulti e sintomatici non ricoverati.

Si tratterebbe di una terapia da somministrare ai primi segnali di infezione, a coloro che non rischiano una progressione verso forme gravi. Lo studio sarà randomizzato a doppio cieco, ha fatto sapere Pfizer, e coinvolgerà 1.140 partecipanti che riceveranno il farmaco ritonavir, normalmente usato per contrastare l’HIV, mentre altri riceveranno un placebo ogni 12 ore per cinque giorni.

Gli inibitori della proteasi, come è anche il nuovo farmaco in sperimentazione, sono fatti per bloccare l’attività dell’enzima principale di cui il coronavirus approfitta per replicarsi. La co-somministrazione con il ritonavir, anch’esso inibitore di proteasi, contribuisce a rallentare il “metabolismo” del farmaco Pfizer e a permettergli di rimanere più a lungo nell’organismo umano e con concentrazioni più elevate per continuare a combattere Sars-CoV-2.

Un primo studio era già partito a luglio su pazienti sintomatici adulti, ma con forte rischio di progredire verso forme gravi. Il nuovo trial punta invece a verificare il funzionamento sui pazienti che non corrono questo rischio. Se i risvolti del trial fossero positivi si potrebbe coprire una esigenza non ancora soddisfatta. Quella di «fornire ai pazienti una nuova terapia orale che potrebbe essere prescritta al primo segno di infezione, senza che si renda necessario il ricovero».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Vaccini Covid «aggiornati» pronti a ottobre, scetticismo su tempistiche
La BioNTech ha annunciato che le consegne dei due vaccini anti-Covid 19 adattati a Omicron sono previste già in ottobre «Sono scettico», ammette Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...