Salute 26 Gennaio 2021 17:23

Perché un anno fa nessuno ha ascoltato l’Oms?

Era il 30 gennaio 2020 quando l’Oms dichiarò l’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale. Eppure nessun Paese ha implementato misure finché non è stato “troppo tardi”

Perché un anno fa nessuno ha ascoltato l’Oms?

A un anno dall’inizio della pandemia di Sars-CoV-2, gli esperti cominciano a svolgere le proprie valutazioni su quanto è stato fatto e quanto si poteva fare per contrastare il virus. Un’analisi che ha coinvolto per prima l’Organizzazione mondiale della Sanità. Grazie a due comitati d’inchiesta, uno interno e uno indipendente, si è cercato di capire perché di fronte agli avvertimenti dell’Oms il resto del mondo sia rimasto indifferente.

Era il 30 gennaio 2020 quando l’Oms dichiarò la PHEIC (public health emergency of international concern), ovvero emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale. Il nuovo virus trovato in Cina aveva ufficialmente la possibilità di danneggiare tutto il mondo; eppure, a parte alcuni paesi dell’Asia, l’attenzione globale ha rifiutato di concentrarsi sulla minaccia segnalata. La domanda è: perché? Cosa servirebbe per preparare tutti all’azione?

L’annuncio di Ghebreyesus “troppo pacato”

Un anno fa Tedros Adhanom Ghebreyesus, il direttore generale dell’Oms, avvertì: «È ancora possibile interrompere la diffusione del virus, a condizione che i paesi mettano in atto misure forti per rilevare precocemente la malattia, isolare e trattare i casi, tracciare contatti e promuovere misure di allontanamento sociale».

I toni “rassicuranti” utilizzati dal dg e quell’acronimo poco minaccioso, entrambi volti a non spaventare troppo il mondo, hanno poi mostrato un effetto contrario. Solo quando finalmente l’Oms ha parlato di pandemia e di diffusione in più continenti, i governatori e presidenti hanno deciso di prestare ascolto. Ma cambiare il termine “PHEIC”, secondo gli esperti, servirebbe a poco.

Più utile invece potrebbe essere conoscere in maniera più trasparente le valutazioni che portano a questa dichiarazione. Il 22 gennaio dello scorso anno, Ghebreyesus convocò virologi, ricercatori e governatori a porte chiuse. Qui si discusse della necessità di lanciare un allarme, che venne però ritardato di un’ulteriore settimana e poi dichiarato senza sufficienti spiegazioni.

Tutti i paesi sembrano concordare sul fatto che per migliorare la capacità del mondo di rispondere alle pandemie, l’Oms dovrebbe essere trasformata e rafforzata. Lo scienziato statunitense Anthony Fauci ha detto questa settimana all’Oms che gli USA annulleranno il ritiro dall’organizzazione, avviato dall’ex presidente Donald Trump, e «lavoreranno in modo costruttivo con i partner per rafforzare e, soprattutto, riformare l’Oms».

Tra i cambiamenti ipotizzati quello di autorizzare l’Oms ad agire su dati non ufficiali sui social media e altrove, in modo che l’organizzazione possa rispondere rapidamente alle malattie emergenti senza attendere i governi che potrebbero nascondere le informazioni.

In aggiunta è stato anche proposto un nuovo trattato sulle pandemie, a cui tutti i paesi dovrebbero aderire, sebbene pare che l’Oms non abbia la capacità di penalizzare i paesi che non si conformano. Non bisogna dimenticare che l’Organizzazione dipende per intero dalle donazioni dei membri, che se penalizzati potrebbero scegliere di ridurle. Come esempio c’è il grande esercizio di diplomazia esercitato dall’Organizzazione per riuscire a persuadere la Cina a consentire l’invio di un team internazionale di scienziati a Wuhan.

La proposta di Ghebreyesus: emergenza a colori, come in Italia

In ultimo, Ghebreyesus ha proposto un’ulteriore aggiunta, i gradi di PHEIC codificati per colore. Ricalcando, sembrerebbe, il sistema utilizzato per le regioni italiane. Così, si spera che se caratterizzati da un colore “incoraggiante”, gli stati condividano i dati e agiscano più in fretta per evitare un peggioramento dello status.

Il metodo proposto dalla Commissione Ue per controllare meglio le varianti del virus sembra accostarsi proprio a questa proposta. Mappare con un codice colore le aree più a rischio, così da attivare immediatamente misure più rigorose e da controllare gli spostamenti dei viaggiatori provenienti da quelle stesse zone. Oltre al verde, arancione, rosso e grigio già stabiliti dall’Ecdc, ci sarebbe così un nuovo “rosso scuro” per le aree più in pericolo. Quest’ultimo indicherebbe le aree in cui il tasso di notifica di 14 giorni è superiore a 500 positivi ogni 100.000 persone.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Gb: meno visite faccia a faccia fanno bene all’ambiente e al portafogli
Nel Regno Unito c'è un acceso dibattito sull'opportunità di aumentare le visite a distanza dei pazienti per i suo effetti benefici contro l'inquinamento e per il risparmio economico
Nuova tecnologia made in Italy distrugge Sars-CoV-2 e tutte le sue varianti
Elettronica Group insieme a Lendlease presentano E4Shield, una tecnologia «disruptive» sviluppata per inattivare il Covid-19 e le sue varianti e affrontare nuove potenziali ondate pandemiche. E4Shield è uno dei primi progetti di innovazione nato all’interno dell’ecosistema di MIND Milano Innovation District
Effetti della pandemia, AIP: «Aumentano tentativi di suicidio tra i giovani. Per anziani rischio solitudine»
A Firenze sino al 25 maggio il 22° Congresso dell’Associazione Italiana Psicogeriatria “Dopo la pandemia: la sfida per una medicina a misura della terza età”. Previsti oltre 800 specialisti
Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo
Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Giornata mondiale donazione latte umano, l’allarme di AIBLUD e SIN: «Calo del 12% nel 2021»
Il dato emerge dalla terza indagine dell’Associazione Italiana Banche del Latte Umano Donato (AIBLUD) sull’attività delle Banche del Latte Umano Donato (BLUD) in Italia nell’anno 2021
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali