Salute 23 Dicembre 2022 11:16

Perché il Natale fa salire l’ago della bilancia

Ricottini (nutrizionista): «A Natale si aumenta facilmente di peso perché alteriamo l’equilibrio sonno-veglia e con una dieta ipercalorica e ricca di grassi favoriamo l’insulino-resistenza. Per rimettersi in forma no alle restrizioni “stop and go”: creano sbalzi glicemici ed uno stato di stress metabolico»

Panettoni, dolci tipici, primi e secondi piatti super conditi: che si scelga di restate a casa o di prenotare un tavolo al ristorante, una cosa in comune per tutti gli italiani, durante le festività natalizie, sono sicuramente gli eccessi alimentari. Le abbuffate che si consumano tra fine dicembre e inizio gennaio possono far salire l’ago della bilancia in media di 2 chili e, nel peggiore dei casi, fino a 5.

Perché il Natale ci fa ingrassare

Com’è possibile che si verifichi un aumento di peso così elevato? «Alla base del facile aumento di peso troviamo numerosi fattori concomitanti: il primo è legato alla perdita del ritmo circadiano – spiega Lucilla Ricottini, pediatra e nutrizionista -. Durante le feste si chiacchiera fino a tardi, si fanno giochi da tavolo in compagnia, si veglia a Natale e si balla tutta la notte a Capodanno. Purtroppo, quando si altera l’equilibrio sonno-veglia, anche la secrezione degli ormoni coinvolti nel metabolismo viene ad alterarsi e ne risente l’equilibrio tra fame e sazietà. Il secondo fattore facilitante l’aumento di peso è l’insulino-resistenza, la quale aumenta in caso di diete ipercaloriche e molto ricche di grassi».

Come eliminare i liquidi in eccesso

Ma niente paura, non tutti i chili messi su sono grasso: il 18% è un accumulo di liquidi, dovuto sia al cambio di alimentazione, che ai mutamenti nello stile di vita. «Paradossalmente per ridurre i liquidi in eccesso è necessario bere molto – assicura Ricottini -. I cibi con un alto contenuto di acqua e potassio, quali cavolfiori, zuppe di legumi, spremute di agrumi aiutano a drenare i liquidi dal corpo. L’alcol e la caffeina incentivano invece l’immagazzinamento di acqua e vanno fortemente ridotti. Infine, il sale, che è costituito per la maggior parte da sodio, aumenta la ritenzione idrica e quindi è bene eliminarlo dalla dieta, utilizzando le spezie per rendere gustosi gli alimenti e contrastare il problema della ritenzione di liquidi. Si possono utilizzare anche tisane drenanti: le più efficaci sono a base di erbe e piante ad effetto diuretico, quali la betulla, di cui si utilizzano soprattutto le foglie, l’ortica, l’equiseto, che ha un’azione diuretica selettiva e risparmia minerali preziosi per le ossa, e infine l’uva ursina, ad azione diuretica e antiinfiammatoria».

Sì o no alle diete ipocaloriche?

No alle restrizioni “stop and go”: creano sbalzi glicemici ed uno stato di stress metabolico che non favorisce il benessere dell’organismo. «Può essere invece utile consumare pasti leggeri, preferendo cereali integrali ed abbinandoli sempre alle proteine e alle verdure, in modo da favorire il senso di sazietà e mantenendo stabile il livello di zuccheri nel sangue – dice la nutrizionista -. Ottime anche le insalate di cedro, limoni o arance non trattati: in particolare l’albedo, ovvero la parte bianca degli agrumi, è ricca di bioflavonoidi antiossidanti e aiuta il controllo della glicemia e dell’assorbimento dei grassi, oltre ad aumentare il senso di sazietà. Un altro interessante alimento che possiamo portare in tavola in questi giorni è il topinambur, un tubero di origine nordamericana, ipocalorico e ricco di inulina, tanto da svolgere un’azione prebiotica e favorire lo sviluppo di una buona flora intestinale (o microbiota)».

Il digiuno intermittente

Tra i regimi alimentari restrittivi più in voga nell’anno che sta per terminare c’è, senza dubbio, il digiuno intermittente. «A dispetto del nome, che disincentive­rebbe chiunque, questo stile alimentare non è da confondere con un vero e proprio digiuno. Si basa su una sospensione dell’alimen­tazione per brevi lassi temporali – spiega Ricottini – innescando così cambiamenti ormonali e metabolici che rigenerano l’organismo. Durante le ore di digiuno si crea, infatti, uno stato di chetosi (con aumento di chetoni nel sangue) che attiva i meta­bolismi di compenso, quelli che producono gli zuccheri a partire dalle riserve di grasso accumulato. Nel breve tempo, il digiuno intermittente fa aumentare il metabolismo basale (ovvero la spesa energetica a riposo) anche del 15% e inoltre apporta numerosi altri benefici all’organismo: stabilizza la glicemia, riduce i livelli di insulina, aumenta i livelli di cortisolo (quindi può essere molto utile per sbloccare situazioni di infiammazioni croniche, in cui l’organi­smo ha esaurito le riserve di cortisolo) e riduce la massa grassa andando piuttosto ad aumentare la massa magra. Poiché può dare alcuni effetti collaterali, come senso di affatica­mento, insonnia e cefalee, questo schema dietetico va fatto sotto il controllo di un nutrizionista esperto o di un medico», sottolinea la specialista.

Regimi dietetici e consigli per rimettersi in forma

Che si scelga il digiuno intermittente, oppure l’altrettanto in voga dieta chetogenica, caratterizzata da una drastica riduzione degli zuccheri a favore di un aumento dei lipidi (grassi), o la dieta zona, basata sulla regola del 40-30-30 (40% delle calorie fornito dai carboidrati, il 30% dalle proteine e il 30% dai grassi), o ancora la più conosciuta dieta mediterranea, ci sono delle regole fondamentali valide per chiunque.

«Innanzitutto, non saltare nessun pasto, ma piuttosto curare il consumo di verdure e frutta che danno sazietà e riducono l’infiammazione intestinale grazie alle fibre in esse contenute. Può essere utile mangiare una bella insalata prima di consumare il primo piatto a base di carboidrati, ed evitare l’assunzione di cibi ipercalorici fuori dei giorni festa – consiglia Ricottiini -. Ricordiamoci che una semplice fetta di panettone o di pandoro raggiunge le 400 calorie e spesso questi dolci vengono ulteriormente arricchiti con creme di vario tipo o zabaione. Infine – conclude la nutrizionista – muoversi, camminare, salire a piedi le scale di casa ed evitare il più possibile gli atteggiamenti sedentari».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...