Salute 26 Maggio 2022 16:45

Parkinson: con la stimolazione cerebrale profonda la malattia avanzata torna allo stadio iniziale

Al Gemelli di Roma, per la prima volta in Italia, è stato effettuato un intervento di Stimolazione Cerebrale Profonda per il Parkinson utilizzando tutte le tecnologie più avanzate attualmente a disposizione. Tufo (neurochirurgo): «Questa tecnica è utile, laddove la terapia medica non abbia dato risultati ottimali o abbia prodotto importanti effetti collaterali»

Neuronavigatore, stimolatore innovativo, elettrocateteri direzionali, software per la verifica del posizionamento degli elettrodi: ecco le strumentazioni hi-tech di ultima generazione al servizio della terapia chirurgica del Parkinson, la Deep Brain Stimulation (DBS). Apparecchiature precisissime e all’avanguardia che, al Policlinico Gemelli di Roma, sono state utilizzate tutte insieme su un paziente di 52 anni. «Non è l’intervento di stimolazione cerebrale profonda ad essere innovativo – sottolinea Tommaso Tufo, il neurochirurgo che ha eseguito la procedura -.  La novità è aver riunito l’utilizzo di tutte le tecnologie più avanzate attualmente a nostra disposizione».

La malattia avanzata può “ringiovanire”

La prima stimolazione cerebrale profonda è stata effettuata al policlinico Gemelli già nel 1996 ed anche in quel caso si è trattato di uno dei primi interventi eseguiti in tutta la Penisola. «Questa tecnica è utile per il trattamento dei disturbi del movimento come la malattia di Parkinson, il tremore essenziale e la distonia», aggiunge Tufo. Tuttavia, questa tipologia di intervento non rappresenta una soluzione definitiva. «La stimolazione cerebrale profonda agisce sui sintomi del Parkinson, ma non cura la malattia. Consente di ottenere una sorta di “ringiovanimento”: è come se il paziente avesse la possibilità di tornare indietro alle prime fasi della patologia – aggiunge il neurochirurgo -. Questo trattamento è riservato a pazienti giovani, di età inferiore a 65 anni, che rispondono poco alla terapia medica o che hanno effetti collaterali disabilitanti, come fluttuazioni motorie o blocchi».

Come si esegue la stimolazione cerebrale profonda

La DBS consiste nell’impianto di un neurostimolatore, (una sorta di pacemaker del cervello), costituito da un generatore che, come quello del pacemaker cardiaco, viene alloggiato in una tasca cutanea sotto la clavicola, e di un microelettrodo che viene posizionato a livello dei nuclei della base, strutture nervose che si trovano nelle profondità del cervello. Per realizzare questo delicato impianto nel cervello si ricorre a una tecnica neurochirurgica (stereotassica) molto precisa. «Questa tecnica, negli ultimi anni, si è evoluta grazie all’impiego di tecnologie e strumentazioni di sala operatoria che consentono di essere mininvasivi e ultra-precisi – spiega Tufo -. Per “centrare” la zona dell’impianto si utilizza un “neuronavigatore” (uno speciale computer di sala operatoria), che guida la mano del neurochirurgo sulle “strade” cerebrali, fino ai nuclei della base, seguendo una sorta di Google map tridimensionale, ricostruita a partire dalle immagini della risonanza magnetica cerebrale del paziente».

La tac direttamente in sala operatoria

Ma le innovazioni non finiscono qui. Una volta finito l’intervento, fino a poco tempo fa, era necessario spostare il paziente in radiologia per effettuare una TAC di controllo post-operatoria. «Ora – aggiunge lo specialista – è possibile collegare i neuro-navigatori computerizzati direttamente ad una specie di TAC intraoperatoria (O-arm) che permette di controllare la posizione degli elettrodi in tempo reale, direttamente in sala operatoria. Successivamente, dopo aver impiantato gli elettrodi nelle appropriate zone del cervello, si fanno passare sottocute i cateteri che li collegano al generatore di impulsi (una batteria di pochi centimetri), alloggiato in una tasca sottocutanea, sotto la clavicola. Alcuni di questi generatori sono oggi ricaricabili dall’esterno, possono durare fino a 25 anni e non devono essere sostituiti, come accadeva un tempo», dice Tufo.

La cura è un vestito su misura

Dagli anni ’90, periodo in cui sono stati effettuati i primi interventi di DBS, la tecnologia si è evoluta in maniera rapidissima, fino agli attuali sofisticati sistemi. «Gli elettrodi utilizzati oggi – prosegue Tufo – sono direzionali, hanno cioè varie faccette di stimolazione, che consentono di indirizzare la stimolazione in maniera molto precisa. Anche i generatori consentono di effettuare stimolazioni personalizzate a seconda del paziente e i più evoluti sono in grado di leggere l’attività cerebrale (sensing), permettendo di modulare la stimolazione (cosiddetto closed loop), grazie ad un software dedicato, che è stato appena rilasciato. Tutto questo riduce molto anche il rischio di effetti indesiderati che si osservano con la stimolazione classica, come l’abbassamento del timbro della voce e gli effetti sulla produzione del linguaggio». Oggi, a distanza di tre decenni, è possibile anche raccogliere i primi risultati a lungo termine: «Abbiamo osservato un buon controllo dei sintomi della malattia – spiega il neurochirurgo – anche nei soggetti sottoposti a questi impianti vent’anni fa, con neurostimolatori di certo molto meno performanti di quelli che utilizziamo oggi. Per questo, le prospettive offerte da queste tecnologie di ultima generazione – conclude – non possono che essere ulteriormente incoraggianti».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Alzheimer e Parkinson: arriva la diagnosi che “passa” dalla pelle
Da uno studio congiunto ISS, IRCCS San Raffaele e CNR una metodica innovativa per la diagnosi di malattie neurodegenerative, per testare strategie terapeutiche e identificare nuovi biomarcatori
Parkinson, il neurochirurgo: «Trattamento personalizzato con pacemaker cerebrale di ultima generazione»
Lo specialista: «Questo generatore di impulsi è dotato di elettrodi direzionali che, inseriti con intervento chirurgico, stimolano solo un preciso versante del nucleo cerebrale, riducendo al minimo gli effetti collaterali»
di Isabella Faggiano
Malattia di Parkinson e Disordini del Movimento, la LIMPE attiva numero verde
“Se hai bisogno di chiedere informazioni al neurologo o se hai bisogno di supporto psicologico, approfitta del Numero Verde Gratuito 800149626 attivo dalle 15:00 alle 17:00 il martedì “A tu per tu con il neurologo” e il venerdì “A tu per tu con lo psicologo”. È questo il monito della Fondazione LIMPE per il Parkinson […]
Parkinson e Covid-19: quali aspettative? Il simposio al Virtual Congress 2020
Al Virtual International Congress of Parkinson's Disease and Movement Disorders 2020 si è parlato della gestione dei sintomi del Parkinson nel corso della pandemia di COVID-19
Estate e Parkinson: le precauzioni da adottare per contrastare i problemi del caldo
La Società Italiana di Neurologia spiega quali sono le precauzioni da adottare per contrastare gli eventi sfavorevoli causati dal caldo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...