Salute 13 Settembre 2021 15:33

Parkinson, il neurochirurgo: «Trattamento personalizzato con pacemaker cerebrale di ultima generazione»

Lo specialista: «Questo generatore di impulsi è dotato di elettrodi direzionali che, inseriti con intervento chirurgico, stimolano solo un preciso versante del nucleo cerebrale, riducendo al minimo gli effetti collaterali»

di Isabella Faggiano
Parkinson, il neurochirurgo: «Trattamento personalizzato con pacemaker cerebrale di ultima generazione»

Quando anche a riposo il corpo trema, gli arti si irrigidiscono, i movimenti automatici sono molto più lenti del normale, la postura è instabile e nessun farmaco riesce a migliorare i sintomi tipici di una malattia di Parkinson in stato avanzato, non tutte le speranze sono perdute.

«È possibile ricorrere all’utilizzo del pacemaker cerebrale – dice Francesco Abbate, neurochirurgo all’ospedale de L’Aquila -, un generatore di impulsi collegato a degli elettrodi che vengono inseriti, attraverso intervento chirurgico, in nuclei ben definiti dell’encefalo (soprattutto quello subtalamico, mono e bilateralmente). Gli stimoli sono controllati da un generatore esterno che ne permette adattamento e modifica».

Parkinson e pacemaker cerebrale, trattamento personalizzato

Non è il pacemaker cerebrale in sé a rappresentare l’innovazione introdotta all’ospedale aquilano ed in altri pochi nosocomi italiani, tra cui Padova, Bologna, Bergamo, Novara, Milano e Pavia. Il valore aggiunto è rappresentato dalla tecnologia utilizzata, molto più all’avanguardia rispetto a quella finora diffusa, che consente di personalizzare la cura rilevando i segnali celebrali.

«Il pacemaker cerebrale è stato introdotto trent’anni fa, da circa due decenni in Italia – aggiunge lo specialista -. Se le strumentazione utilizzate fino a qualche anno fa permettevano di tarare solo alcuni parametri, quelle di ultima generazione sono dotati di elettrodi direzionali che permettono di stimolare un preciso versante del nucleo, riducendo al minimo gli effetti collaterali. Stimolatori ancora più sofisticati riescono a registrare l’attività elettrica cerebrale, fondamentale sia per valutare a breve, medio e lungo termine l’evoluzione della malattia, sia per permettere di adeguare la stimolazione e l’eventuale terapia farmacologia associata».

Chi può utilizzare il pacemaker cerebrale

«I pazienti eleggibili sono quelli che presentano una malattia refrattaria a qualsiasi trattamento farmacologico, ammalati da almeno 5-10 anni e con un’età non superiore ai 70 anni», dice Abbate. Gli studi condotti hanno dimostrato che la stimolazione cerebrale profonda eseguita con questo sistema è efficace nel controllo del tremore essenziale, della distonia e dei sintomi della malattia di Parkinson che non possono essere controllati in maniera adeguata tramite i farmaci.

«È una grande soddisfazione – dice Abbate – osservare con i propri occhi i risultati che riusciamo a raggiungere attraverso questo tipo di generatore. Il nostro ospedale ha puntato molto sull’innovazione e sapere che abbiamo investito nella direzione giusta è gratificante. Anche dalle altre regioni italiane ci arrivano incoraggianti feedback positivi. È ovvio che la forza che ci spinge a continuare in questo complesso campo della neurochirurgia è – conclude – constatare di restituire ai nostri pazienti una qualità di vita ed un’autonomia quotidiana soddisfacenti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Malattia di Parkinson e Disordini del Movimento, la LIMPE attiva numero verde
“Se hai bisogno di chiedere informazioni al neurologo o se hai bisogno di supporto psicologico, approfitta del Numero Verde Gratuito 800149626 attivo dalle 15:00 alle 17:00 il martedì “A tu per tu con il neurologo” e il venerdì “A tu per tu con lo psicologo”. È questo il monito della Fondazione LIMPE per il Parkinson […]
Un pacemaker elettronico di gomma flessibile? Perrone Filardi (SIC): «Dispositivo innovativo, è la strada giusta»
Un team americano rilancia lo studio sui materiali in cardiologia, il presidente della Società di Cardiologia: «Monitoraggio in remoto è il futuro»
di Tommaso Caldarelli
Parkinson e Covid-19: quali aspettative? Il simposio al Virtual Congress 2020
Al Virtual International Congress of Parkinson's Disease and Movement Disorders 2020 si è parlato della gestione dei sintomi del Parkinson nel corso della pandemia di COVID-19
Estate e Parkinson: le precauzioni da adottare per contrastare i problemi del caldo
La Società Italiana di Neurologia spiega quali sono le precauzioni da adottare per contrastare gli eventi sfavorevoli causati dal caldo
Covid-19, Parkinson non aumenta il rischio di infezione al Sars CoV-2
Dallo studio del Centro Parkinson dell'ASST Pini-CTO di Milano con il contributo della Fondazione Grigioni per il Morbo di Parkinson e pubblicato sulla rivista scientifica Movement Disorders, emerge che le persone affette da Parkinson hanno espressione di sintomi, quadri clinici ed esiti di mortalità addirittura più lievi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco