Salute 13 Settembre 2021 15:33

Parkinson, il neurochirurgo: «Trattamento personalizzato con pacemaker cerebrale di ultima generazione»

Lo specialista: «Questo generatore di impulsi è dotato di elettrodi direzionali che, inseriti con intervento chirurgico, stimolano solo un preciso versante del nucleo cerebrale, riducendo al minimo gli effetti collaterali»

di Isabella Faggiano
Parkinson, il neurochirurgo: «Trattamento personalizzato con pacemaker cerebrale di ultima generazione»

Quando anche a riposo il corpo trema, gli arti si irrigidiscono, i movimenti automatici sono molto più lenti del normale, la postura è instabile e nessun farmaco riesce a migliorare i sintomi tipici di una malattia di Parkinson in stato avanzato, non tutte le speranze sono perdute.

«È possibile ricorrere all’utilizzo del pacemaker cerebrale – dice Francesco Abbate, neurochirurgo all’ospedale de L’Aquila -, un generatore di impulsi collegato a degli elettrodi che vengono inseriti, attraverso intervento chirurgico, in nuclei ben definiti dell’encefalo (soprattutto quello subtalamico, mono e bilateralmente). Gli stimoli sono controllati da un generatore esterno che ne permette adattamento e modifica».

Parkinson e pacemaker cerebrale, trattamento personalizzato

Non è il pacemaker cerebrale in sé a rappresentare l’innovazione introdotta all’ospedale aquilano ed in altri pochi nosocomi italiani, tra cui Padova, Bologna, Bergamo, Novara, Milano e Pavia. Il valore aggiunto è rappresentato dalla tecnologia utilizzata, molto più all’avanguardia rispetto a quella finora diffusa, che consente di personalizzare la cura rilevando i segnali celebrali.

«Il pacemaker cerebrale è stato introdotto trent’anni fa, da circa due decenni in Italia – aggiunge lo specialista -. Se le strumentazione utilizzate fino a qualche anno fa permettevano di tarare solo alcuni parametri, quelle di ultima generazione sono dotati di elettrodi direzionali che permettono di stimolare un preciso versante del nucleo, riducendo al minimo gli effetti collaterali. Stimolatori ancora più sofisticati riescono a registrare l’attività elettrica cerebrale, fondamentale sia per valutare a breve, medio e lungo termine l’evoluzione della malattia, sia per permettere di adeguare la stimolazione e l’eventuale terapia farmacologia associata».

Chi può utilizzare il pacemaker cerebrale

«I pazienti eleggibili sono quelli che presentano una malattia refrattaria a qualsiasi trattamento farmacologico, ammalati da almeno 5-10 anni e con un’età non superiore ai 70 anni», dice Abbate. Gli studi condotti hanno dimostrato che la stimolazione cerebrale profonda eseguita con questo sistema è efficace nel controllo del tremore essenziale, della distonia e dei sintomi della malattia di Parkinson che non possono essere controllati in maniera adeguata tramite i farmaci.

«È una grande soddisfazione – dice Abbate – osservare con i propri occhi i risultati che riusciamo a raggiungere attraverso questo tipo di generatore. Il nostro ospedale ha puntato molto sull’innovazione e sapere che abbiamo investito nella direzione giusta è gratificante. Anche dalle altre regioni italiane ci arrivano incoraggianti feedback positivi. È ovvio che la forza che ci spinge a continuare in questo complesso campo della neurochirurgia è – conclude – constatare di restituire ai nostri pazienti una qualità di vita ed un’autonomia quotidiana soddisfacenti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il caffè aiuta a prevenire e a rallentare il Parkinson
Secondo uno studio realizzato dai neurologi della Società italiana di Neurologia e diretto dal professor Giovanni Defazio dell’Università di Cagliari, un consumo moderato di caffè è in grado di ritardare l’esordio della malattia e di indurre una più lenta evoluzione
Parkinson: con la stimolazione cerebrale profonda la malattia avanzata torna allo stadio iniziale
Al Gemelli di Roma, per la prima volta in Italia, è stato effettuato un intervento di Stimolazione Cerebrale Profonda per il Parkinson utilizzando tutte le tecnologie più avanzate attualmente a disposizione. Tufo (neurochirurgo): «Questa tecnica è utile, laddove la terapia medica non abbia dato risultati ottimali o abbia prodotto importanti effetti collaterali»
Alzheimer e Parkinson: arriva la diagnosi che “passa” dalla pelle
Da uno studio congiunto ISS, IRCCS San Raffaele e CNR una metodica innovativa per la diagnosi di malattie neurodegenerative, per testare strategie terapeutiche e identificare nuovi biomarcatori
Alcuni gadget di Apple e Microsoft potrebbero compromettere defibrillatori e peacemaker. L’allarme di uno studio svizzero
La custodia di ricarica delle AirPods, la Microsoft Surface Pen e la Apple Pencil 2nd Generation possono interferire con dispositivi cardiaci salvavita, come defibrillatori e pacemaker
Malattia di Parkinson e Disordini del Movimento, la LIMPE attiva numero verde
“Se hai bisogno di chiedere informazioni al neurologo o se hai bisogno di supporto psicologico, approfitta del Numero Verde Gratuito 800149626 attivo dalle 15:00 alle 17:00 il martedì “A tu per tu con il neurologo” e il venerdì “A tu per tu con lo psicologo”. È questo il monito della Fondazione LIMPE per il Parkinson […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi