Salute 4 Agosto 2015 18:21

Pandemie, Ebola: l’appello di Renzi «Fondamentale riconoscere in tempo le emergenze per poterle gestire»

L’OMS annuncia l’efficacia di VSV-Ebov, ma i test continuano. Formazione come prevenzione, prima della cura. Il premier alla Conferenza degli Ambasciatori sottolinea l’importanza di un coordinamento internazionale

Pandemie, Ebola: l’appello di Renzi «Fondamentale riconoscere in tempo le emergenze per poterle gestire»

La lezione di Ebola ritorna prepotente all’attenzione delle istituzioni, questa volta chiamata in causa dal premier Matteo Renzi alla Conferenza degli ambasciatori tenutasi nei giorni scorsi alla Farnesina.


Proprio mentre l’OMS annuncia che il vaccino sperimentale VSV-Ebov, sviluppato da Merck e NewLink Genetics, testato in Guinea su 40mila persone, si sta dimostrando efficace contro il virus Ebola, il presidente del Consiglio ha sottolineato, nel suo intervento, la questione dei rapporti con l’altra sponda del Mediterraneo, soprattutto in relazione alla vicenda immigrazione e facendo riferimento al pericolo di diffusione di malattie infettive.

«Dobbiamo prepararci alla gestione di situazioni di emergenza. E’ un tema che ricorre in tutti i vertici internazionali – sottolinea Renzi – e nel G7 è stato Obama a richiamarci a questa priorità. Il problema non è capire se si presenterà un caso di pandemia. Ma quando e in che forma la comunità internazionale sarà in grado di rispondere. L’Italia però è anche questo. In tanti ci hanno ringraziato per il lavoro dello Spallanzani sull’Ebola e per la nostra opera nell’Africa occidentale».

Proprio l’esperienza Ebola ha insegnato che la ricetta fondamentale per far fronte ad ogni pandemia, presente e futura, consiste in un personale sanitario correttamente formato e informato e in un efficace coordinamento internazionale. Ed è quest’ultimo l’aspetto di cui forse si è più sentita la mancanza nell’ultima epidemia che ha messo in ginocchio il West Africa ed è penetrata, per la prima volta, in Occidente.  Un punto sottolineato dal ministro plenipotenziario Capo dell’Ufficio Emergenze del Ministero degli Esteri Mario Baldi, intervenuto come relatore alla Tavola rotonda “La lezione di e-bola” durante la quale è stato presentato in anteprima mondiale e-bola, primo della serie di film-formazione rivolti al personale sanitario.

«Sono circa mille gli italiani che operano nei paesi colpiti. L’Europa è stato il primo donatore nell’emergenza con oltre un miliardo di euro. Il sistema, a livello internazionale, ha però mostrato notevoli criticità: l’allarme è stato lanciato in ritardo, non c’è stata una risposta immediata delle Nazioni Unite che dovrebbe invece avere dei “caschi bianchi”, una sorta di esercito di medici, pronto ad intervenire; va considerato poi – osserva il ministro – che le risorse sono limitate ed è anche mancata competenza ed equilibrio nell’informazione, passando dal disinteresse al panico. C’è poi da considerare altri elementi come la povertà ed il sottosviluppo dei Paesi maggiormente colpiti, la scarsa educazione al rischio ed anche un sistema diffuso di corruzione nelle strutture sanitarie locali.” Baldi ha espresso inoltre entusiasmo per l’iniziativa, lanciata da Consulcesi, di un nuovo progetto formativo per il personale sanitario che possa avvalersi di nuovi strumenti di comunicazione come il web ed il cinema».

Articoli correlati
Immunità di gregge a luglio, Andreoni: «Con 500 mila vaccini al giorno prospettiva realistica»
Il Direttore scientifico della Società Italiana Malattie infettive: «Parliamo di 45-50 milioni di soggetti vaccinati, circa il 70% della popolazione. Quello con il vaccino è un appuntamento indispensabile, un patto al quale partecipiamo tutti»
Vaccino Covid, la denuncia di Manai: «In Sardegna studenti di Medicina e Professioni sanitarie nei reparti ma senza vaccino»
«Mi auguro che la regione intervenga quanto prima per sanare questa ingiustificabile lacuna nel piano vaccinale regionale e metta in sicurezza i nostri studenti, futuro del nostro SSN» spiega Stefano Manai, Responsabile nazionale formazione sanitaria del PD
Vaccino anti Covid-19, una sola dose a chi ha già contratto il virus
Somministrazione unica per i “guariti”, ad almeno tre mesi di distanza dalla documentata infezione ed entro i 6 mesi dalla stessa. È quanto prevede la circolare del Ministero della Salute che riprende il parere del Consiglio superiore di sanità
Operatori sanitari no-vax, l’INAIL: «Vanno risarciti se contraggono il Covid-19 sul luogo di lavoro»
È quanto emerge dalla lettera inviata dall’INAIL alla Direzione regionale della Liguria sul caso dei quindici infermieri che avevano rifiutato di sottoporsi al vaccino e poi si erano contagiati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...