Salute 4 Agosto 2015

Pandemie, Ebola: l’appello di Renzi «Fondamentale riconoscere in tempo le emergenze per poterle gestire»

L’OMS annuncia l’efficacia di VSV-Ebov, ma i test continuano. Formazione come prevenzione, prima della cura. Il premier alla Conferenza degli Ambasciatori sottolinea l’importanza di un coordinamento internazionale

Immagine articolo

La lezione di Ebola ritorna prepotente all’attenzione delle istituzioni, questa volta chiamata in causa dal premier Matteo Renzi alla Conferenza degli ambasciatori tenutasi nei giorni scorsi alla Farnesina.


Proprio mentre l’OMS annuncia che il vaccino sperimentale VSV-Ebov, sviluppato da Merck e NewLink Genetics, testato in Guinea su 40mila persone, si sta dimostrando efficace contro il virus Ebola, il presidente del Consiglio ha sottolineato, nel suo intervento, la questione dei rapporti con l’altra sponda del Mediterraneo, soprattutto in relazione alla vicenda immigrazione e facendo riferimento al pericolo di diffusione di malattie infettive.

«Dobbiamo prepararci alla gestione di situazioni di emergenza. E’ un tema che ricorre in tutti i vertici internazionali – sottolinea Renzi – e nel G7 è stato Obama a richiamarci a questa priorità. Il problema non è capire se si presenterà un caso di pandemia. Ma quando e in che forma la comunità internazionale sarà in grado di rispondere. L’Italia però è anche questo. In tanti ci hanno ringraziato per il lavoro dello Spallanzani sull’Ebola e per la nostra opera nell’Africa occidentale».

Proprio l’esperienza Ebola ha insegnato che la ricetta fondamentale per far fronte ad ogni pandemia, presente e futura, consiste in un personale sanitario correttamente formato e informato e in un efficace coordinamento internazionale. Ed è quest’ultimo l’aspetto di cui forse si è più sentita la mancanza nell’ultima epidemia che ha messo in ginocchio il West Africa ed è penetrata, per la prima volta, in Occidente.  Un punto sottolineato dal ministro plenipotenziario Capo dell’Ufficio Emergenze del Ministero degli Esteri Mario Baldi, intervenuto come relatore alla Tavola rotonda “La lezione di e-bola” durante la quale è stato presentato in anteprima mondiale e-bola, primo della serie di film-formazione rivolti al personale sanitario.

«Sono circa mille gli italiani che operano nei paesi colpiti. L’Europa è stato il primo donatore nell’emergenza con oltre un miliardo di euro. Il sistema, a livello internazionale, ha però mostrato notevoli criticità: l’allarme è stato lanciato in ritardo, non c’è stata una risposta immediata delle Nazioni Unite che dovrebbe invece avere dei “caschi bianchi”, una sorta di esercito di medici, pronto ad intervenire; va considerato poi – osserva il ministro – che le risorse sono limitate ed è anche mancata competenza ed equilibrio nell’informazione, passando dal disinteresse al panico. C’è poi da considerare altri elementi come la povertà ed il sottosviluppo dei Paesi maggiormente colpiti, la scarsa educazione al rischio ed anche un sistema diffuso di corruzione nelle strutture sanitarie locali.” Baldi ha espresso inoltre entusiasmo per l’iniziativa, lanciata da Consulcesi, di un nuovo progetto formativo per il personale sanitario che possa avvalersi di nuovi strumenti di comunicazione come il web ed il cinema».

Articoli correlati
Napoli, la Federico II lancia il Master in Vaccinologia. Boom di richieste tra i giovani medici
La direttrice del corso: «Forniamo agli operatori impegnati nelle attività di prevenzione tutti gli strumenti epidemiologici e di valutazione sull’efficacia dei vaccini e delle strategie vaccinali»
Codici: «Ricorso al Tar contro l’obbligo del vaccino antinfluenzale per tutelare anche il personale sanitario»
 «Si allarga la campagna di adesione al ricorso presentato dall’associazione Codici contro l’ordinanza con cui la Regione Lazio ha disposto l’obbligo del vaccino antinfluenzale per gli over 65 ed il personale sanitario. Non solo i cittadini, anche gli operatori stanno dimostrando interesse nei confronti dell’azione legale che il 9 giugno sarà discussa nella prima udienza […]
Studio su Science: «Macachi guariti dal Covid-19 non si riammalano»
Per il prof. Dan H. Barouch, direttore del centro di virologia dell'Beth Israel Deaconess Medical Center, è un buon segno: «Nostre ricerche consolidano ottimismo»
Prepararsi al futuro, gli esperti ragionano sulle prossime mosse e delineano quanto sappiamo del Covid-19
Ilaria Capua: «Il virus è di origine animale, se qualcuno ci ha giocato lo sapremo dalle sequenze». Rino Rappuoli: «Vaccino in massimo 18 mesi». Alberto Mantovani: «Avere anticorpi non significa che non ci si ammalerà»
di Gloria Frezza
Cisl medici Lazio: «Grazie a D’Amato per i test ai sanitari. Ora tavolo di confronto sulla vaccinazione antinfluenzale»
«La Cisl Medici evidenzia con piacere che in queste ore si è allargata la platea di quanti stanno chiedendo alla Regione Lazio di ricomprendere tutti i profili che operano nelle strutture di intervento diretto che in quelle di supporto nell’emolumento che intende valorizzare l’attività eccezionale resa per garantire a tutta la comunità la necessaria assistenza […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco