Salute 19 Dicembre 2016

Osas, la tecnologia fa passi da gigante. Braghiroli (Maugeri): «Finalmente diagnosi a domicilio»

Apnee Notturne, un vero e proprio allarme sociale. Occorre sottoporsi a diagnosi e trattamento come spiega Alberto Braghiroli, Responsabile scientifico del Centro di Medicina del Sonno “Maugeri”: «La tecnologia fortunatamente viene in nostro soccorso»

Due milioni di pazienti solo in Italia. La malattia delle Apnee Notturne è un problema sentito non solo dal mondo medico ma anche dalle istituzioni, tanto che è di circa un anno fa l’emanazione di un Decreto Legge relativo alla normativa da seguire per il rilascio della patente ai pazienti che soffrono di Osas, onde prevenire incidenti stradali provocati proprio dai colpi di sonno alla guida. Sul tema interviene Alberto Braghiroli, Responsabile scientifico del Centro di Medicina del Sonno della Fondazione “Salvatore Maugeri”.

Sul problema Osas la tecnologia ha fatto molti progressi e attualmente la diagnosi è semplice e veloce. Quali le caratteristiche delle nuove strumentazioni?

«Sono stati fatti moltissimi sforzi per concepire delle strumentazioni più pratiche e facili da utilizzare utili alla diagnosi del paziente. Rendere semplici le metodologie che permettono di gestire i pazienti nella prima fase del loro percorso, può anche incentivare più soggetti a rischio a sottoporsi alla diagnosi e al trattamento. Infatti attualmente per rilevare la presenza o meno della malattia, si può rimanere nella propria abitazione e sottoporsi a semplice rilevazione dei dati durante il sonno grazie all’utilizzo di piccole e poco invasive strumentazioni. Ma non solo la fase diagnostica adesso è più pratica e veloce, anche il percorso terapeutico diventa più agibile. Questi nuovi aspetti hanno portato dei grandissimi vantaggi, il primo è una grossa riduzione dei costi soprattutto perché i pazienti non si devono spostare per visite e controlli e neanche per fare valutazioni periodiche, dall’altro avviene una netta riduzione dei costi inutili di controllo di persone che non hanno la necessità di effettuare valutazioni ulteriori. Quindi la diagnosi ha fatto passi da gigante, fino a 20 anni fa la diagnostica era limitata a pochissimi centri di altissimo livello perché risultava particolarmente complicata. La miniaturizzazione e anche la semplificazione dei macchinari di rilevazione delle Apnee, ha fornito un grosso contributo per riuscire ad identificare la malattia e la sua gravità».

Quindi per i pazienti sottoporsi a diagnosi è diventato un percorso estremamente semplice?

«Assolutamente sì, ribadisco che oggi la strumentazione è veramente limitata anche in termini di ingombro e fastidio. Le persone possono dormire nel proprio letto e rimanere dunque nel loro domicilio. Questo aspetto non è importante solo dal punto di vista della comodità e dell’impatto psicologico del paziente ma anche per gli operatori sanitari perché rilevare dei dati frutto di un sonno più fisiologico, danno modo di costruire un quadro, una fotografia, molto più attendibile e veritiera».

Per approfondire leggi anche: Lino Banfi: «Rischiavo di morire di Osas». Il popolare comico: «Puntare su diagnosi»

Articoli correlati
Roncopatia e apnee del sonno, ne soffre uno su due. Salamanca (otorinolaringoiatra): «Ecco le novità nella diagnosi e nei trattamenti»
Sono oltre 5 milioni le persone che in Italia soffrono di roncopatia. Studi recenti, realizzati in Svizzera, parlano addirittura di un disturbo che interessa una persona su due, con forme di apnea del sonno anche gravi. Al centro Humanitas San Pio X di Milano il dottor Salamanca con la sua équipe studia nuove tecniche per […]
di Federica Bosco
Che cosa succede al nostro cervello quando dormiamo? «Occorre far riposare le sinapsi», l’intervista alla neuroscienziata Chiara Cirelli
«La rinormalizazione sinaptica è quel processo operativo durante il sonno profondo e che ci permette di recuperare le energie» così la ricercatrice della University of Wisconsin-Madison
L’OSAS causa 12mila incidenti l’anno. Parte la campagna ACI-FISAR “Dormi meglio, Guida sveglio”
ACI e FISAR (Federazione Italiana Salute Ambiente Respiro) sfruttano il passaggio obbligato del rilascio e rinnovo della patente, per 5 milioni di italiani ogni anno, proponendo un “check-up del sonno” prima di procedere alla visita medica obbligatoria per la patente
Odontoiatria, al via il 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari discipline Odontostomatologiche
Microbiota orale, malattie sistemiche, rischio e correlazione. Sono quattro parole chiave che danno il titolo al 25° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari di discipline Odontostomatologiche (CDUO), l’appuntamento annuale che rappresenta un’occasione unica di scambio fra i vari protagonisti del mondo dell’odontoiatria: mondo accademico, libera professione, SSN con un’attenzione particolare all’attività scientifico-formativa rivolta ai più […]
Crisi di coppia? È colpa dei disturbi del sonno. Enrico Brunello (AIPAS): «Russamenti e apnee mettono a dura prova la convivenza»
«Chi dorme accanto ad un paziente affetto da Osas finirà per soffrire di un disturbo del sonno indotto». Il punto di vista del Presidente dell’Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...