Salute 19 Dicembre 2016 17:24

Osas, la tecnologia fa passi da gigante. Braghiroli (Maugeri): «Finalmente diagnosi a domicilio»

Apnee Notturne, un vero e proprio allarme sociale. Occorre sottoporsi a diagnosi e trattamento come spiega Alberto Braghiroli, Responsabile scientifico del Centro di Medicina del Sonno “Maugeri”: «La tecnologia fortunatamente viene in nostro soccorso»

Due milioni di pazienti solo in Italia. La malattia delle Apnee Notturne è un problema sentito non solo dal mondo medico ma anche dalle istituzioni, tanto che è di circa un anno fa l’emanazione di un Decreto Legge relativo alla normativa da seguire per il rilascio della patente ai pazienti che soffrono di Osas, onde prevenire incidenti stradali provocati proprio dai colpi di sonno alla guida. Sul tema interviene Alberto Braghiroli, Responsabile scientifico del Centro di Medicina del Sonno della Fondazione “Salvatore Maugeri”.

Sul problema Osas la tecnologia ha fatto molti progressi e attualmente la diagnosi è semplice e veloce. Quali le caratteristiche delle nuove strumentazioni?

«Sono stati fatti moltissimi sforzi per concepire delle strumentazioni più pratiche e facili da utilizzare utili alla diagnosi del paziente. Rendere semplici le metodologie che permettono di gestire i pazienti nella prima fase del loro percorso, può anche incentivare più soggetti a rischio a sottoporsi alla diagnosi e al trattamento. Infatti attualmente per rilevare la presenza o meno della malattia, si può rimanere nella propria abitazione e sottoporsi a semplice rilevazione dei dati durante il sonno grazie all’utilizzo di piccole e poco invasive strumentazioni. Ma non solo la fase diagnostica adesso è più pratica e veloce, anche il percorso terapeutico diventa più agibile. Questi nuovi aspetti hanno portato dei grandissimi vantaggi, il primo è una grossa riduzione dei costi soprattutto perché i pazienti non si devono spostare per visite e controlli e neanche per fare valutazioni periodiche, dall’altro avviene una netta riduzione dei costi inutili di controllo di persone che non hanno la necessità di effettuare valutazioni ulteriori. Quindi la diagnosi ha fatto passi da gigante, fino a 20 anni fa la diagnostica era limitata a pochissimi centri di altissimo livello perché risultava particolarmente complicata. La miniaturizzazione e anche la semplificazione dei macchinari di rilevazione delle Apnee, ha fornito un grosso contributo per riuscire ad identificare la malattia e la sua gravità».

Quindi per i pazienti sottoporsi a diagnosi è diventato un percorso estremamente semplice?

«Assolutamente sì, ribadisco che oggi la strumentazione è veramente limitata anche in termini di ingombro e fastidio. Le persone possono dormire nel proprio letto e rimanere dunque nel loro domicilio. Questo aspetto non è importante solo dal punto di vista della comodità e dell’impatto psicologico del paziente ma anche per gli operatori sanitari perché rilevare dei dati frutto di un sonno più fisiologico, danno modo di costruire un quadro, una fotografia, molto più attendibile e veritiera».

Per approfondire leggi anche: Lino Banfi: «Rischiavo di morire di Osas». Il popolare comico: «Puntare su diagnosi»

Articoli correlati
Giornata mondiale del sonno: ora le apnee si curano a casa
Attivo il servizio di polisonnografia domiciliare del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma, in collaborazione con Ve.Di.Se. Hospital Spa
OSAS e malattie cardiovascolari: il rischio aumenta. L’analisi del cardiologo
Nei pazienti con OSAS (sindrome da apnee ostruttive del sonno) l’incidenza di ipertensione arteriosa, aritmie, scompenso cardiaco, ictus e cardiopatia è maggiore, a confermarlo gli studi più recenti. Con il cardiologo Filippo Scalise (Policlinico Monza) analizziamo questa connessione tutt'altro che scontata
Apnee ostruttive del sonno, a cosa deve fare attenzione un odontoiatra per riconoscerle in adulti e bambini?
Intervista al professor Luca Levrini, odontoiatra dell’Università degli Studi dell’Insubria di Como e Varese
Apnee ostruttive del sonno, a cosa deve fare attenzione un Mmg per riconoscerle nei pazienti?
Quali sono i campanelli di allarme e cosa fare una volta arrivata la diagnosi? Ne abbiamo parlato con il dottor Stefano de Lillo, Mmg e Vicepresidente dell’OMCeO di Roma
OSAS: cos’è, diagnosi e cura. Ne parliamo con lo pneumologo
La sindrome da apnee ostruttive del sonno (OSAS) tormenta più persone di quante si possa pensare. Diagnosticarla non è sempre semplice, nemmeno per professionisti esperti e comporta una serie di rischi spesso sconosciuti. I chiarimenti dell'esperto, dott. Drigo (Ospedale Montebelluna)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...