Salute 10 aprile 2018

Omeopatia sì. Simonetta Bernardini (Siomi): «La medicina integrata è il futuro. La Regione Toscana non torni indietro»

«Per i pazienti un doppio sistema di diagnosi e cura». Lo dichiara la Presidente della Società Italiana di Omeopatia e Medicina Integrata

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Oltre due secoli e mezzo fa, il 10 aprile del 1755, nasceva il medico tedesco Samuel Hahnemann, padre dell’omeopatia, l’uomo che ha introdotto il concetto di “terapia non convenzionale”. Oggi, in suo onore, si celebra la Giornata Mondiale dell’Omeopatia. Una ricorrenza che, quest’anno, cade in un periodo di accese polemiche. Ultima, in ordine cronologico, la discussione sulla possibilità che la Toscana, la prima regione d’Italia ad aver consentito l’ingresso dell’omeopatia tra le cure in convenzione con il Sistema Sanitario Regionale, possa fare un passo indietro. Ne abbiamo parlato con Simonetta Bernardini, presidente della Siomi, la Società Italiana di Omeopatia e Medicina Integrata.

Si sente spesso parlare di “medicina integrata”, ma qual è il significato di questa espressione?

«Non si possono contrapporre due aspetti della Medicina, l’aspetto convenzionale o ortodosso e quello complementare. Si deve trovare la maniera di unire le due medicine. Quando si visita una persona, si tratta dunque, di anteporre sempre la diagnosi ortodossa alla valutazione omeopatica, che è successiva alla prima. Questo consente di non togliere nulla al paziente, ma di dargli qualcosa in più. La Medicina Integrata è prima di tutto l’utilizzo di un doppio sistema di diagnosi, poi di un doppio sistema di cura. Oramai nessuno più dice che l’omeopatia debba essere l’unica medicina  che assume una persona ammalata. Un concetto che fino a venti anni fa qualche omeopata ancora esprimeva».

Era l’aprile del 2001 quando le principali agenzie di stampa titolavano “Agopuntura, omeopatia, fitoterapia e medicina cinese fanno il loro ingresso nelle Aziende sanitarie locali della Toscana”. Si apriva così la strada, per la prima volta in Italia, alla medicina non convenzionale. Com’è proseguito il percorso?

«La Toscana è stata illuminata aprendo molti anni addietro alle medicine definite “complementari”. Nel 2005, poi, l’ingresso delle medicine complementari nei Lea regionali ha permesso ai cittadini toscani di avvalersi di strumenti di cura che, seppure acquistati personalmente e non rimborsati, potevano essere prescritti da medici del servizio sanitario toscano. Grazie ai Lea il prezzo delle visite è analogo a quello di ogni altra visita del Ssr, con gli stessi criteri per l’esenzione dei ticket sanitari adottati per tutti i cittadini per la medicina ortodossa. Su questa linea si sono mosse, molto più di recente, altre  regioni. In Lombardia esiste un servizio di oncologia integrata all’ospedale Sacco di Milano. Un servizio analogo c’è al Gemelli di Roma e a Merano».

Come andrà a finire “la questione Toscana” è da vedere. Al di là degli esiti positivi o negativi, quanta strada resta da ancora percorrere?

«La questione Toscana influenzerà moltissimo le politiche nazionali, non si può negarlo. Si tratterà di vedere se questa nobile regione saprà tenere, come ha sempre fatto, la barra diritta e avanti, oppure, se è intenzionata ad avviare un declino culturale  che non le porterebbe bene, di certo. La Siomi è sempre disponibile a dare il proprio contributo per diffondere l’integrazione delle cure che è la nostra mission culturale. Per dirlo con le parole del “Consortium of academic health centers for integrative medicine”, che racchiude oramai tutte le università di tutti gli stati americani, “la medicina Integrata è, semplicemente  la Medicina del futuro”».

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
“Una bufala ci seppellirà?”: la campagna FNOMCeO contro le fake news sulla salute
Al via l'iniziativa della Federazione per combattere fake news in tema salute. Il Presidente Filippo Anelli: «La salute la curano i medici, sempre a disposizione dei cittadini per rispondere a tutti i bisogni»
Omeopatia, Fnomceo: «Non è scienza, nessuna patologia migliora». La replica: «È atto medico»
Un botta e risposta fra la Federazione Nazionale degli Ordini dei medici e la comunità omeopatica sulla validità del metodo complementare. Oggetto della disputa una scheda pubblicata sul portale 'Dottore ma è vero che?' che prende le distanze dalla prassi terapeutica non convenzionale
«Quando si rischiava di diventare blu, bevendo argento colloidale». La pseudoscienza svelata dal Cicap di Piero Angela
«Noi del Cicap verifichiamo tutto ciò che riguarda il paranormale: le pseudoscienze, l’astrologia, i fantasmi, i tarocchi e gli ufo» spiega il chimico intervenuto al Congresso di Medicina e Pseudoscienza. Che sottolinea: «Oggi l’informazione è estremamente semplificata quanto più è amplificata dai media e tutti si illudono di avere una laurea in medicina quando tutto ciò che hanno è Internet e Google». GUARDA LA GALLERY
Omeopatia no. Piero Angela: «Non ha mai dimostrato la sua efficacia. Attenti a seguire i cattivi maestri»
Il celebre divulgatore scientifico è intervenuto al congresso Medicina e Pseudoscienza. «Il pensiero magico - spiega - è da sempre molto presente nella società e lo sarà anche in futuro, ma qui c’è di mezzo la salute della gente». Poi mette in guardia dal complottismo: «È sempre esistito ma ora con il web è diventato più convincente»
Piero Angela: «La scienza è una e non è democratica. Occorre distinguere i fatti dalle opinioni»
«Credere alla medicina d’illusione è più facile, siamo umani e fa parte della nostra natura. Ma con la salute non si scherza: è bene informarsi correttamente e rivolgersi a medici competenti» l’intervista al celebre divulgatore scientifico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...