Salute 28 Marzo 2019 17:21

Oltre 13 milioni di italiani lontani dai servizi sanitari essenziali, Pagliacci (Sunifar): «Prevenzione e telemedicina, farmacie rurali avvicineranno cittadini a SSN»

Il progetto lanciato dal Sindacato Unitario dei Farmacisti Rurali e Cittadinanzattiva, con la collaborazione dell’Uncem. La presidente Sunifar: «Previsti interventi in cinque macro-aree: prevenzione, servizi di front-office, diagnostica e tele-assistenza, assistenza domiciliare, emergenza-urgenza. Per semplificare la vita delle persone e migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria ricevuta»

di Isabella Faggiano
Oltre 13 milioni di italiani lontani dai servizi sanitari essenziali, Pagliacci (Sunifar): «Prevenzione e telemedicina, farmacie rurali avvicineranno cittadini a SSN»

Vivono lontano dai servizi essenziali, come la scuola, i trasporti e persino la sanità pubblica. Sono i cittadini delle aree rurali, quasi il 22% dell’intera popolazione italiana. Risiedono nel 52% dei comuni, coprendo circa il 60% del territorio nazionale. Percentuali che, tradotte in cifre, rivelano le difficoltà quotidiane di oltre 13 milioni di italiani. Problemi che ora potranno essere affrontati e, pian piano superati, grazie ad un progetto messo a punto dal Sunifar (il Sindacato Unitario dei Farmacisti Rurali) e Cittadinanzattiva, con la collaborazione dell’Uncem (Unione nazionale dei comuni, comunità ed enti montani). L’iniziativa prevede la definizione di Linee Guida per l’erogazione di una serie di servizi, ritenuti particolarmente utili nelle aree interne.

«Nel 2012 – spiega Silvia Pagliacci, presidente del Sunifar – il Ministero della coesione territoriale ha messo a punto la Strategia Nazionale per le Aree Interne volta a contrastare, nel medio periodo, il declino demografico di questi territori. Ma in questo le farmacie non sono rappresentate e non parlo solo di quelle rurali, ma anche di quelle urbane. Nelle aree interne, infatti, sono presenti anche centri con più di 5 mila abitanti».

LEGGI ANCHE: FARMACIE RURALI, PAGLIACCI (SUNIFAR): «IN MILLE RISCHIANO DI CHIUDERE, URGONO INVESTIMENTI»

Saranno cinque le principali macro-aree di intervento: prevenzione, servizi di front-office, diagnostica e tele-assistenza, assistenza domiciliare, emergenza-urgenza. All’interno di queste macro-aree sono stati individuati alcuni servizi di particolare utilità per le popolazioni locali: si va dai test diagnostici, agli screening di prevenzione di patologie di forte impatto sociale, fino ad ecg, holter cardiaco e pressorio, tele spirometria, consegna di farmaci, di dispositivi e di materiale per le medicazioni.

«È la telemedicina a destare il maggiore interesse – aggiunge Pagliacci – poiché in molte delle aree dove sorgono le farmacie rurali non ci sono servizi né ospedalieri, né ambulatoriali. Per questo, le farmacie possono dotarsi di strumentazioni in grado di collegarle con i principali centri di refertazione, avvicinando i cittadini alla sanità pubblica».

Ma i farmacisti hanno un ruolo fondamentale anche nell’ambito della prevenzione e del back office: «Offrendo screening, prenotazioni di esami e visite specialistiche, pagamento di ticket, ritiro referti – sottolinea la presidente Sunifar – possono dare un contributo rilevante nel semplificare la vita delle persone e migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria ricevuta».

Grazie alla stessa iniziativa promossa da Sunifar, Cittadinanzattiva e Uncem i farmacisti delle aree interne potranno partecipare ai lavori delle associazioni dei sindaci, facilitando così il coinvolgimento delle farmacie nelle attività previste.

E alla luce dell’appello lanciato alcuni giorni fa dalla stessa presidente Sunifar, sostenere queste farmacie diventa ancora più importante: «Mille farmacie rurali, su un totale di 7 mila, sono a rischio chiusura, perché non più economicamente sostenibili. Il farmacista – dice Pagliacci – è un imprenditore e la farmacia è un’azienda con i suoi costi. In queste aree dove è presente una popolazione anziana che spende poco, diventa sempre più difficile andare avanti. Spesso non arrivano nemmeno i farmaci necessari, perché queste farmacie sono state tagliate fuori dalla distribuzione diretta. Ma nonostante tutte le difficoltà, la farmacia rurale rimane l’unico presidio aperto di giorno e di notte, al servizio di queste popolazioni. Per tale motivo – conclude la presidente Sunifar – questo nostro nuovo progetto sarà solo un punto di partenza e non un traguardo».

 

Articoli correlati
Sanità digitale e cronicità, Salutequità: «Urgente aggiornare Piano Nazionale Cronicità e rivedere i PDTA»
Tra le richieste di Salutequità alla politica quella di misurare gli esiti della telemedicina e definire le tariffe specifiche per tutte le prestazioni di telemedicina
La telemedicina sbarca in Toscana: a Gorgona il primo test in un’isola-penitenziario
Obiettivo migliorare le prestazioni e ridurre i costi di spostamento. A Capraia successo per un primo test rivolto a tutta la popolazione. «Vogliamo creare un collegamento tra il medico di base e i vari specialisti» spiega Alessandro Iala, direttore dell'area Supporto ai servizi sanitari e al cittadino dell'Asl Toscana Nord Ovest. Anche ecografie ed elettroencefalogramma vengono teleguidate da remoto
di Francesco Torre
Indolfi (SIC) fuori dal coro: «Telemedicina foglia di fico, investire su ospedali, PS e posti letto»
«Milioni di pazienti cardiologici non sanno di esserlo e potrebbero scoprirlo troppo tardi. Diagnostica, terapie e monitoraggio dei risultati delle procedure da recuperare con urgenza»
Farmacie: dal 5 luglio attivo il servizio per scegliere medico di famiglia e pediatra di libera scelta
Letizia Moratti (Vicepresidente di Regione Lombardia) «Grazie a questo servizio si potranno abbattere i tempi di attesa». Annarosa Racca (Federfarma Lombardia) «Un servizio che i cittadini ci chiedevano da tempo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi