Salute 28 Marzo 2019 17:21

Oltre 13 milioni di italiani lontani dai servizi sanitari essenziali, Pagliacci (Sunifar): «Prevenzione e telemedicina, farmacie rurali avvicineranno cittadini a SSN»

Il progetto lanciato dal Sindacato Unitario dei Farmacisti Rurali e Cittadinanzattiva, con la collaborazione dell’Uncem. La presidente Sunifar: «Previsti interventi in cinque macro-aree: prevenzione, servizi di front-office, diagnostica e tele-assistenza, assistenza domiciliare, emergenza-urgenza. Per semplificare la vita delle persone e migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria ricevuta»

di Isabella Faggiano
Oltre 13 milioni di italiani lontani dai servizi sanitari essenziali, Pagliacci (Sunifar): «Prevenzione e telemedicina, farmacie rurali avvicineranno cittadini a SSN»

Vivono lontano dai servizi essenziali, come la scuola, i trasporti e persino la sanità pubblica. Sono i cittadini delle aree rurali, quasi il 22% dell’intera popolazione italiana. Risiedono nel 52% dei comuni, coprendo circa il 60% del territorio nazionale. Percentuali che, tradotte in cifre, rivelano le difficoltà quotidiane di oltre 13 milioni di italiani. Problemi che ora potranno essere affrontati e, pian piano superati, grazie ad un progetto messo a punto dal Sunifar (il Sindacato Unitario dei Farmacisti Rurali) e Cittadinanzattiva, con la collaborazione dell’Uncem (Unione nazionale dei comuni, comunità ed enti montani). L’iniziativa prevede la definizione di Linee Guida per l’erogazione di una serie di servizi, ritenuti particolarmente utili nelle aree interne.

«Nel 2012 – spiega Silvia Pagliacci, presidente del Sunifar – il Ministero della coesione territoriale ha messo a punto la Strategia Nazionale per le Aree Interne volta a contrastare, nel medio periodo, il declino demografico di questi territori. Ma in questo le farmacie non sono rappresentate e non parlo solo di quelle rurali, ma anche di quelle urbane. Nelle aree interne, infatti, sono presenti anche centri con più di 5 mila abitanti».

LEGGI ANCHE: FARMACIE RURALI, PAGLIACCI (SUNIFAR): «IN MILLE RISCHIANO DI CHIUDERE, URGONO INVESTIMENTI»

Saranno cinque le principali macro-aree di intervento: prevenzione, servizi di front-office, diagnostica e tele-assistenza, assistenza domiciliare, emergenza-urgenza. All’interno di queste macro-aree sono stati individuati alcuni servizi di particolare utilità per le popolazioni locali: si va dai test diagnostici, agli screening di prevenzione di patologie di forte impatto sociale, fino ad ecg, holter cardiaco e pressorio, tele spirometria, consegna di farmaci, di dispositivi e di materiale per le medicazioni.

«È la telemedicina a destare il maggiore interesse – aggiunge Pagliacci – poiché in molte delle aree dove sorgono le farmacie rurali non ci sono servizi né ospedalieri, né ambulatoriali. Per questo, le farmacie possono dotarsi di strumentazioni in grado di collegarle con i principali centri di refertazione, avvicinando i cittadini alla sanità pubblica».

Ma i farmacisti hanno un ruolo fondamentale anche nell’ambito della prevenzione e del back office: «Offrendo screening, prenotazioni di esami e visite specialistiche, pagamento di ticket, ritiro referti – sottolinea la presidente Sunifar – possono dare un contributo rilevante nel semplificare la vita delle persone e migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria ricevuta».

Grazie alla stessa iniziativa promossa da Sunifar, Cittadinanzattiva e Uncem i farmacisti delle aree interne potranno partecipare ai lavori delle associazioni dei sindaci, facilitando così il coinvolgimento delle farmacie nelle attività previste.

E alla luce dell’appello lanciato alcuni giorni fa dalla stessa presidente Sunifar, sostenere queste farmacie diventa ancora più importante: «Mille farmacie rurali, su un totale di 7 mila, sono a rischio chiusura, perché non più economicamente sostenibili. Il farmacista – dice Pagliacci – è un imprenditore e la farmacia è un’azienda con i suoi costi. In queste aree dove è presente una popolazione anziana che spende poco, diventa sempre più difficile andare avanti. Spesso non arrivano nemmeno i farmaci necessari, perché queste farmacie sono state tagliate fuori dalla distribuzione diretta. Ma nonostante tutte le difficoltà, la farmacia rurale rimane l’unico presidio aperto di giorno e di notte, al servizio di queste popolazioni. Per tale motivo – conclude la presidente Sunifar – questo nostro nuovo progetto sarà solo un punto di partenza e non un traguardo».

 

Articoli correlati
Allarme carenza Zitromax, «Italia unico Paese in Europa in cui è introvabile». Federfarma invia segnalazione ad Aifa
Le linee guida non prevedono l’uso di Azitromicina nella terapia per il Covid-19 ma gli scaffali sono vuoti un po’ ovunque. Tobia (Federfarma): «Mancanza farmaco pericoloso per chi ne ha davvero bisogno». Scotti (Fimmg): «Medici che fanno il loro dovere non prescrivono Azitromicina in modo inappropriato»
Caos tamponi, Tobia (Federfarma): «Qualche ritardo nella filiera ma nessuna difficoltà d’approvvigionamento»
Intervista al segretario nazionale di Federfarma, che ritiene «auspicabile dare anche alle farmacie di comunità la possibilità di distribuire le nuove pillole antivirali contro il Sars-CoV-2»
Super green pass. Cossolo (Federfarma): «Nelle farmacie meno tamponi e più spazio ai vaccini»
Tamponi e dark web, il presidente di Federfarma: «Si auspica che l’abbattimento delle richieste di test antigenici metta un freno anche al mercato nero per il commercio dei test antigenici e al rilascio di certificati verdi “falsi”»
di Isabella Faggiano
PharmExpo 2021, a Napoli le nuove frontiere della farmaceutica tra formazione e innovazione
Tre giorni di kermesse con i principali attori del sistema. Protagonisti la farmacia dei servizi e il ruolo centrale del farmacista nel panorama sanitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre