Salute 8 Ottobre 2018

Obesity Day, stop allo stigma sociale. Fatati (ADI): «Basta dare colpa alle abitudini alimentari. Il sovrappeso dipende anche da inquinamento ambientale»

L’edizione 2018 della campagna nazionale di sensibilizzazione promossa dall’Associazione Italiana di Dietetica chiede interventi urgenti contro la disapprovazione sociale e le discriminazioni a danno di persone con obesità

Immagine articolo

In Italia è sovrappeso oltre 1 persona su 3 (36%, con preponderanza maschile: 45,5% rispetto al 26,8% nelle donne), obesa 1 su 10 (10%), diabetica più di 1 su 20 (5,5%) e oltre il 66,4% delle persone con diabete di tipo 2 è anche sovrappeso o obeso.

Questi i numeri – preoccupanti – dell’Associazione italiana di Dietetica e nutrizione clinica che in occasione dell’Obesity day ha promosso la campagna nazionale per la sensibilizzazione e la prevenzione dell’obesità e pubblicato il Manifesto dell’Italian Obesity Network, documento voluto e sostenuto da dieci società scientifiche del settore per porre all’attenzione delle istituzioni le azioni da intraprendere per affrontare la patologia e combattere lo stigma sociale dell’obesità.

«Il manifesto è una ‘chiamata alle armi’ dei decisori e di tutti coloro che possono influire in senso positivo sulla prevenzione e sulla terapia per l’obesità». Spiega ai nostri microfoni Giuseppe Fatati, Presidente IO-NET e Presidente Fondazione A.D.I.

LEGGI ANCHE: OBESITÀ E RUSSAMENTO? ATTENZIONE: IL VOSTRO BAMBINO POTREBBE SOFFRIRE DI OSAS

«Purtroppo ancora oggi l’obesità viene vista come un problema del singolo e la responsabilità del successo e dell’insuccesso delle cure viene data al soggetto e non alla comunità – continua -. Questo è un approccio assolutamente sbagliato: l’obesità è una malattia multi-genetica e multifattoriale e non dipende solo dalla volontà del singolo ma dipende soprattutto dall’ambiente e dalle azioni che noi riusciamo a mettere in campo».

«La verità – prosegue il presidente –, è che diventa facile additare come colpevoli le persone obese accusandole di non sapersi controllare o di non saper gestire correttamente le proprie abitudini alimentari. È invece difficile (e non tutti hanno la lucidità per farlo) riconoscere che in parte il problema deriva dall’inquinamento ambientale che può portare all’insulino-resistenza per esempio che causa sovrappeso e diabete di tipo 2».

«Da qui – conclude – la volontà di unirsi in maniera sinergica al monito lanciato dalla campagna mondiale del World Obesity Day che dice stop allo stigma del peso, alla colpevolizzazione, al bullismo e alle discriminazioni sociali».
Voluto dall’Italian Obesity Network e sottoscritto dalle società Amici Obesi Onlus, ADI, Milano Obesity Declaration, SIEDP, SIMG, IBDO Foundation, FO.RI.SIE, SIO, IWA il Manifesto individua quattro azioni urgenti per contrastare lo stigma e tracciare una road map di dieci punti su cosa e come intervenire per affrontare la patologia in maniera integrata.

LEGGI ANCHE: CALORIE? NON SONO TUTTE UGUALI. ECCO COME SCEGLIERE QUELLE “GIUSTE”

Su questo indirizzo, il 10 ottobre, in occasione della consueta “giornata per il paziente” i 120 centri di dietetica ADI in tutta Italia e oltre 500 specialisti saranno a disposizione per colloqui gratuiti di informazione, consulenze nutrizionali e valutazioni del grado di sovrappeso; 20 gli eventi pubblici di sensibilizzazione in programma nelle piazze, nelle scuole e nei centri di aggregazione delle principali città italiane.

Articoli correlati
Un programma per combattere l’obesità infantile, che colpisce un bambino su dieci
Il professor Bernardo, direttore della Casa Pediatrica del Fatebenefratelli Sacco di Milano: «I primi mille giorni di vita fondamentali per prevenire gravi problemi in età adulta e ridurre costi del Sistema Sanitario Nazionale»
di Federica Bosco
«L’obesità si stabilisce dallo stato di salute, non dal peso». Le nuove linee guida dal Canada
Le diete da sole non funzionano. Ximena Ramos-Salas dell'Obesity Canada invita i medici a non ridurre l'obesità a una questione di peso, favorendo invece l'approccio olistico
Report Passi: adulti italiani sedentari e in sovrappeso, specie over 65
Poca frutta e verdura, niente attività fisica e peso in eccesso: specie al Sud. Gli adulti d'Italia secondo il Report Passi
World obesity day 2020: uniti per una svolta all’obesità
«L’obesità è un problema di salute pubblica e di spesa per i sistemi sanitari nazionali. È fondamentale un’attenzione specifica sul tema da parte dei decisori politici, affinché considerino l'obesità in tutta la sua gravità» spiega Roberto Pella, Presidente Intergruppo Parlamentare Obesità e Diabete
Obesità, Camera approva mozione per un Piano nazionale di cura e prevenzione. Pella (Fi): «Pianificare interventi in manovra»
La mozione riconosce l’obesità come malattia e prevede una forte collaborazione con le società scientifiche. Promotore Roberto Pella, Presidente Intergruppo parlamentare Obesità e Diabete
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...