Salute 17 Maggio 2023 17:28

Obesità, scoperte le cellule del cervello che stimolano l’appetito

Per ridurre il girovita bisogna puntare al cervello. E’ infatti qui che nasce l’appetito «incontrollato», quello che porta a mangiare più cibo di quanto in realtà ne serva. Una nuova ricerca condotta dal Garvan Institute of Medical Research, in Australia, ha individuato uno specifico gruppo di cellule cerebrali che stimola l’appetito quando c’è un eccesso prolungato di energia nel corpo, ovvero in presenza di un accumulo eccessivo di grasso, condizione tipica dell’obesità

Obesità, scoperte le cellule del cervello che stimolano l’appetito

Per ridurre il girovita bisogna puntare al cervello. E’ infatti qui che nasce l’appetito «incontrollato», quello che porta a mangiare più cibo di quanto in realtà ne serva. Una nuova ricerca condotta dal Garvan Institute of Medical Research, in Australia, ha individuato uno specifico gruppo di cellule cerebrali che stimola l’appetito quando c’è un eccesso prolungato di energia nel corpo, ovvero in presenza di un accumulo eccessivo di grasso, condizione tipica dell’obesità. La ricerca, pubblicata sulla rivista Cell Metabolism, apre la strada a nuovi approcci terapeutici per contrastare la più grande pandemia del nostro secolo, ovvero l’obesità.

Negli obesi il cervello è più sensibile alla molecola della «fame»

I ricercatori hanno scoperto che queste cellule non solo producono la molecola NPY che stimola l’appetito, ma rendono effettivamente il cervello più sensibile alla molecola, aumentando ulteriormente l’appetito. «Queste cellule innescano cambiamenti nel cervello che lo rendono più sensibile anche a bassi livelli di NPY, quando cioè c’è un surplus di energia nel corpo sotto forma di grasso in eccesso, stimolando l’appetito negli obesi», spiega Herbert Herzog, autore senior dello studio e scienziato del Garvan Institute. «Il nostro studio affronta una domanda di lunga data e cioè come viene controllato l’appetito nell’obesità. La ricerca – aggiunge – ha il potenziale per indirizzare lo sviluppo delle terapie in una nuova direzione».

I meccanismi cerebrali che aumentano l’appetito in chi soffre di obesità

L’obesità è un grave problema di sanità pubblica perché ad essa è associato un aumentato rischio di sviluppare altre patologie croniche, come il diabete o le malattie cardiache. Molti fattori possono influenzare lo sviluppo dell’obesità, tra cui le abitudini alimentari e i livelli di attività fisica. «Il nostro cervello ha meccanismi complessi che percepiscono quanta energia è immagazzinata nel nostro corpo e regolano di conseguenza il nostro appetito», spiega Herzog. «Uno dei modi in cui lo fa è attraverso la molecola NPY, che il cervello produce naturalmente in risposta a stress come la fame, per stimolare l’assunzione di cibo. Quando l’energia che consumiamo è inferiore a quella che spendiamo – continua – il nostro cervello produce livelli più alti di NPY. Quando l’apporto energetico supera la spesa, i livelli di NPY diminuiscono e avvertiamo meno fame. Tuttavia, quando c’è un eccesso di energia prolungato, come il grasso corporeo in eccesso nell’obesità, l’NPY continua a stimolare l’appetito anche a bassi livelli. Volevamo capire il motivo”.

Nelle persone obese la produzione di NPY non si interrompe

Per raggiungere l’obiettivo i ricercatori hanno condotto una serie di test su topi obesi. In particolare, gli studiosi hanno concentrato la loro attenzione sui neuroni che producono NPY. In questo modo hanno scoperto che, sorprendentemente, il 15% di queste cellule funzionava in maniera diversa. In pratica, non interrompevano la produzione di NPY in condizioni di obesità. «Abbiamo scoperto che nelle condizioni di obesità, l’appetito era principalmente guidato dall’NPY prodotto da questo subset di neuroni», spiegano i ricercatori. «Queste cellule non solo producevano NPY, ma rendevano anche altre parti del cervello più sensibili, producendo recettori o ‘stazioni di ancoraggio’ aggiuntive per la molecola», concludono.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto
Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, entro il 2035, di 1 adulto italiano su 3 obeso. E' l'allarme lanciato dalla Società italiana di nutrizione umana per sensibilizzare sull'importanza della sostenibilità alimentare e sull'adozione di scelte alimentari corrette, in grado di agire positivamente sia sull'uomo che sul pianeta
Obesità aumenta il rischio di un precursore del mieloma multiplo. Vitolo (Candiolo): “Fattore di rischio prevenibile”
Le persone obese hanno un rischio più alto di oltre il 70% più alto di sviluppare la gammopatia monoclonale di significato indeterminato, una condizione benigna del sangue che però può precedere il mieloma multiplo, un tumore delle plasmacellule. A scoprirlo è uno studio condotto dagli scienziati del Massachusetts General Hospital e pubblicato sulla rivista Blood Advances
Obesità: messa a punto pillola “vibrante” che induce lo stomaco a sentirsi pieno
Un gruppo internazionale di ricercatori ha messo a punto una pillola "vibrante" che, una volta ingerita, stimola le terminazioni nervose dello stomaco e comunica al cervello che è ora di smettere di mangiare
Obesità: BMI sbaglia metà diagnosi. Esperti SIE: «Urgente rivedere linee guida»
Considerato da decenni fattore determinante per stabilire se una persona è entro i limiti del peso normale od obesa, il BMI non sarà più usato dai medici statunitensi come unico criterio perché responsabile di enormi errori. Posizione condivisa dagli esperti della Società Italiana di Endocrinologia (SIE) che propongono di rivedere le attuali linee guida italiane sull’obesità
Endocrinologi AME: «Obesità non dipende solo dal cibo, ma anche da confezioni»
L’attuale epidemia d'obesità non può essere spiegata più solo con lo sbilanciamento tra alimenti introdotti ed energia consumata. A giocare un ruolo importante sono anche i cosiddetti interferenti obesogeni, sostanze contenute in molti alimenti e oggetti di uso comune. L'allarme degli specialisti AME
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...