Salute 6 Novembre 2020 17:15

Nuova variante del Covid da visoni a uomo in Danimarca? Grasselli (FVM): «Situazione da monitorare»

Il Presidente della Federazione Veterinari e Medici spiega a Sanità Informazione cosa sta succedendo in Danimarca: «I virus mutano per resistere agli anticorpi. È quel che succede ogni anno con l’influenza stagionale. Il vaccino? Non dovrebbe essere un problema»

Nuova variante del Covid da visoni a uomo in Danimarca? Grasselli (FVM): «Situazione da monitorare»

Il SARS-CoV-2 ha fatto un nuovo salto di specie con i casi di Covid tra i visoni in Danimarca (le istituzioni danesi hanno deciso di abbatterli tutti, circa 17 milioni)? La nuova variante del virus può essere un pericolo per gli uomini? E una volta arrivati ad un vaccino, questo sarà efficace anche contro questa ed eventuali altri varianti? Lo abbiamo chiesto ad Aldo Grasselli, Presidente della Federazione Veterinari e Medici (FVM).

Presidente Grasselli, cosa sta succedendo in Danimarca?

«Sappiamo ciò che è uscito sugli organi di stampa in questi giorni e di cui hanno preso atto anche dalle istituzioni danesi. In sostanza, in Danimarca esiste un fiorente allevamento di visoni per via di una tradizione molto consolidata. Stiamo parlando di milioni di visoni. Questo tipo di attività comporta una forte concentrazione di animali all’interno degli allevamenti e, conseguentemente, maggiori possibilità per i virus di diffondersi tra gli animali presenti una volta entrati. Il SARS-CoV-2 è dunque entrato ed è riuscito a provocare una infezione alla quale i visoni hanno risposto con una reazione immunitaria. Tra gli animali infetti si è innescata quindi una reazione anticorpale che probabilmente ha esercitato una pressione selettiva sul virus che, per sopravvivere agli anticorpi, ha cominciato a mutare. Questo ha reso possibile la selezione di una popolazione di virus dotata di qualche variante protettiva. Si tratta di un fenomeno che conosciamo già nell’influenza umana: ogni anno ci sono varianti e noi sappiamo già che il virus dell’influenza del prossimo anno probabilmente si presenterà con caratteristiche leggermente diverse».

Quali sono i rischi per l’uomo?

«Da quello che risulta dai comunicati ufficiali il virus che aveva contagiato i visoni modificandosi ha poi infettato alcune persone che lavorano nell’allevamento. È un aspetto importante che riguarda l’interfaccia uomo-animale che dobbiamo tenere in grande considerazione e non va assolutamente sottovalutato, la letteratura scientifica potrà darci le risposte che cerchiamo solo tra qualche mese. Le istituzioni danesi, giustamente, hanno applicato misure molto rigorose per isolare ed estinguere i focolai e si sono preoccupate della possibilità di una minor efficacia dei vaccini che si stanno predisponendo contro il SARS-CoV-2. Al momento non ci sono conferme ma non possiamo escluderlo a priori, tuttavia è molto probabile che, una volta conosciute le tecniche per produrre i vaccini contro il SARS-CoV-2, si potranno realizzare vaccini anche contro le varianti che dovessero comparire».

Cosa si deve fare, al momento, per limitare i rischi?

«La nostra preoccupazione attuale è quella di assicurarci che gli animali non vengano infettati e vengano messi in condizione di non infettare ulteriormente gli uomini. Dobbiamo avere piena conoscenza della consistenza degli allevamenti, della movimentazione eventuale di animali allevati o importati e mantenere un monitoraggio costante delle loro condizioni di salute anche mediante tamponi e indagini sierologiche sui visoni per sapere se hanno avuto altri contatti con il virus e fare in modo che, se si dovessero infettare, si possa estinguere immediatamente il focolaio affinché il virus non si replichi».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Covid-19, test salivare 2 in 1: in due ore individua il virus e conta gli anticorpi
I suoi ideatori lo hanno definito «economico, accurato, preciso e ultra sensibile». Il prototipo potrebbe migliorare notevolmente la risposta globale alle future pandemie e fornire indicazioni sul tipo di trattamento che il paziente dovrebbe ricevere
Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?
Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi è che la durata dell'infettività è più breve rispetto a quella dei sintomi
Sono 4.000 i medici non vaccinati contro il Covid. Anelli (FNOMCeO): «Esigua minoranza»
Circa 4.000 medici hanno detto no al vaccino e non possono esercitare la professione. Si tratta di un'esigua minoranza su 468mila professionisti vaccinati
Vaccini Covid «aggiornati» pronti a ottobre, scetticismo su tempistiche
La BioNTech ha annunciato che le consegne dei due vaccini anti-Covid 19 adattati a Omicron sono previste già in ottobre «Sono scettico», ammette Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 10 agosto, sono 586.482.524 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.423.901 i decessi. Ad oggi, oltre 11,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale