Salute 19 Aprile 2018

Neurologia. Mancardi (Sin): «Aumentare del 20% i posti nelle scuole di specializzazione. Troppi cervelli “fuggono” all’estero»

«Due ostacoli da superare per gli aspiranti neurologi: difficoltà della materia e carenza di posti a disposizione». Così Gianluigi Mancardi, Presidente della Società Italiana di Neurologia

di Isabella Faggiano

«Studiare le patologie del sistema nervoso centrale e periferico è senza dubbio affascinante. Non è raro che ci si innamori di questa branca della medicina». Ed è per questo, secondo Gianluigi Mancardi, Presidente della Sin, la Società Italiana di Neurologia, e Direttore della Clinica Neurologica dell’Università di Genova, che molti giovani medici tentano con tutte le proprie forze di superare l’esame di accesso alla scuola di specializzazione in neurologia. Ma «uno studio matto e disperatissimo» non basta. Due gli ostacoli da superare: la difficoltà della materia e soprattutto la carenza di posti a disposizione.

«Anche gli aspiranti specializzandi in neurologia devono fare i conti con il cosiddetto “imbuto formativo”, al pari dei colleghi che tentano l’ammissione per la specializzazione in altre branche della medicina. Gli studenti che al quinto anno di medicina si lasciano trasportare dal fascino di questa branca, tanto da richiedere anche la tesi in questa materia, sono nettamente superiori al numero di posti disponibili nelle varie scuole di specializzazione». Per rendere l’idea il professore Mancardi cita le cifre della realtà a lui più vicina: «Lavoro a Genova e qui i posti in clinica neurologica sono 5 per anno e gli aspiranti molti di più».

Eppure la Sanità italiana avrebbe bisogno di molti più neurologi. Ne è convito anche lo stesso presidente Mancardi: «I posti di specializzazione in neurologia andrebbero aumentati almeno del 15-20%». Queste cifre non rispondono solo all’esigenza di un fisiologico ricambio generazionale, ma anche all’enorme progresso scientifico degli ultimi anni. «La neurologia è una branca in espansione – ha detto il presidente Sin –  e quindi si ha la necessità di giovani competenti in diversi settori, per poter curare e affrontare le più rilevanti malattie, come le quelle cerebrovascolari, il decadimento mentale, l’epilessia o la sclerosi multipla».

LEGGI ANCHE: ALZHEIMER, È ITALIANA LA RICERCA CHE DÀ SPERANZA: SCOPERTO RUOLO DELLA DOPAMINA NEI MECCANISMI DELLA MEMORIA

Patologie che richiedono percorsi di cura dedicati e specifici: «Pensiamo ad esempio ai centri ictus – ha aggiunto il professore Mancardi – sono un’ esigenza nell’intero territorio nazionale, ma non tutte le zone risultano attualmente coperte.  Questi centri per essere attivi hanno bisogno di specialisti, i neurologi appunto, oltre agli infermieri dedicati».

Un percorso ad ostacoli, dunque, di cui a vedere il traguardo sono davvero in pochi. Ma cosa accade dopo la specializzazione? Arriva finalmente la discesa o c’è ancora tanto da sudare?

«In genere – ha detto Mancardi – i neospecialisti trovano una sistemazione adeguata in un tempo ragionevole. L’inserimento lavorativo è piuttosto semplice, soprattutto nel pubblico. È ovvio che la neurologia non è esente da quei problemi di gestione delle finanze che riguardano la contrazione delle risorse e il conseguente calo delle assunzioni. Ma è pur vero che, a fronte di pensionamenti,  le Unità Operative Complesse di neurologia, devono rimanere funzionanti, sia nel pubblico che nel privato. E per farle funzionare ci vogliono gli specialisti».

Insomma, una buona notizia che premia le fatiche di chi riesce a superare con successo quella strettoia “dell’imbuto formativo”, attraversarne il collo, sbucando tra i banchi delle scuole di specializzazione. Ma qual è invece la situazione della neurologia, per un altro fenomeno tutto italiano, quello della fuga dei cervelli?

«La neurologia – ha detto Mancardi – è la branca clinica di un settore molto più ampio, quello delle neuroscienze. Pensiamo ad esempio all’attrazione che il funzionamento del sistema nervoso può esercitare su un giovane ricercatore. Molti, spinti da questa sete di conoscenza,  vanno all’estero per migliorare la loro formazione e in tanti decidono anche di rimanerci. Quindi sì – ha concluso il presidente Sin – esiste una fuga di cervelli anche in questo settore».

Articoli correlati
Legge su cefalea cronica, i pazienti: «Non un traguardo ma un punto di partenza. Abbiamo diritto all’invalidità civile»
Si attende un nuovo farmaco specifico per la cura dell’emicrania. Tedeschi (SIN): «Si tratta di una terapia piuttosto costosa che richiederà una rete di strutture e specialisti dedicati»
di Isabella Faggiano
Lo sviluppo di emicrania si può predire di tre anni. Lo studio (tutto italiano) che ha ottenuto il Wolff Award
Intervista al professor Gioacchino Tedeschi, presidente della SIN e a capo del team dell’Università “Luigi Vanvitelli” della Campania vincitrice del premio
Un anno per mappare l’Italia e capire gli effetti neurologici del Covid. Avviato uno studio all’istituto Auxologico di Milano
Il 37% dei pazienti con Covid ha reazioni neurologiche di vario tipo: stato confusionale, vertigini, mal di testa, perdita dell’olfatto e del gusto, ma anche afasia e perdita della vista
di Federica Bosco
Giornata mondiale sclerosi, Sin e Aism diffondono i dati sulla relazione tra Covid 19 e SM
In occasione della Giornata della Sclerosi Multipla, il 30 maggio, sono stati diffusi i dati aggiornati dello studio MuSC 19 che indaga sulla relazione tra Covid -19 e sclerosi multipla, promosso dalla Società Italiana di Neurologia (SIN) e dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM) con la sua Fondazione FISM
I neurologi: «Migliore interazione ospedale-territorio, reti hub-spoke non solo per patologie acute e aumento numero specialisti e reparti»
L’emergenza Covid-19 ha giustamente spostato l’attenzione della filiera sanitaria verso le terapie intensive e i reparti infettivologici e pneumologici. Sono stati creati nuovi posti letto per queste discipline, nonché in diversi casi nuovi ospedali dedicati all’emergenza e trovo giusto che queste nuove strutture, anche se al momento sottoutilizzate, rimangano attive per una eventuale “rebound” dell’epidemia. […]
di Gioacchino Tedeschi, Presidente Sin
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare