Salute 14 Ottobre 2020 09:38

Neri Marcorè e il suo rapporto con l’analisi: «Quella volta che stavo per iscrivermi a Psicologia…»

L’attore racconta a Sanità Informazione il lavoro ‘psicologico’ che c’è dietro ogni imitazione: «Mi piace carpire i meccanismi psicologici, magari anche reconditi, che un personaggio non mostra in pubblico»

L’ultimo capolavoro di una lunga serie di imitazioni è quella del premier Giuseppe Conte: voce pressoché identica, sguardo sornione, atteggiamento da ‘amministratore di condominio’. Neri Marcorè (attore, doppiatore, conduttore radio e tv e tante altre cose) è un maestro delle imitazioni e nel suo intervento alla Convention al Tempio di Adriano per la Giornata della Psicologia non poteva mancare un accenno al suo ‘cavallo di battaglia’ del momento che ha strappato una risata alla platea. Ma il suo intervento, ricco di ironia e di interessanti spunti di riflessione sull’uomo moderno, è stato impreziosito dal monologo di Giorgio Gaber “Gli oggetti”. Lo abbiamo intervistato per chiedergli, innanzitutto, qual è il suo rapporto con la psicologia.

«Dopo il liceo ero indeciso su cosa intraprendere e mi sarebbe piaciuto molto fare psicologia, ma alla fine ho scelto la Scuola Interpreti. Anche quando leggevo testi in lingua compravo riviste che parlavano di psicologia. È un ambito che mi ha sempre affascinato moltissimo», racconta Marcorè a Sanità Informazione.

NERI MARCORÈ: «IN ALCUNI MOMENTI FONDAMENTALE SUPPORTO PSICOLOGICO»

Tormentato il suo rapporto con l’analisi: è fondamentale ma non deve diventare una ‘dipendenza’. «C’è stata tutta una fase della vita in cui ho pensato che fosse meglio confrontarsi con gli amici, con i quali si aveva confidenza, profondità e una sincerità di rapporto. Poi mi sono accorto che questa cosa aveva i suoi limiti – spiega ancora l’attore -. Ho un rapporto discontinuo con la psicologia, perché se devo guardare a un aspetto che non mi piace è che si sta in terapia tutta la vita. Ci sono dei momenti della vita in cui effettivamente si ha bisogno di supporto psicologico: per esempio questo del Covid è, a livello collettivo, uno dei momenti più complicati in cui superare stress e altre difficoltà. Poi ci sono altri momenti in cui bisogna sperimentarsi, non avere sempre qualcuno che ti sostiene».

Anche per Marcorè, come sottolineato dal presidente del Consiglio degli Ordini degli Psicologi David Lazzari, oggi si pensa troppo poco al benessere psichico: «La psicologia è uno strumento utilissimo per il benessere mentale che viene spesso sottovalutato rispetto al benessere fisico. Si cura la salute del corpo ma spesso la salute mentale conta anche di più».

«CARPIRE I MECCANISMI PSICOLOGICI DI UN PERSONAGGIO PER UNA IMITAZIONE PERFETTA»

Ma qual è il trucco per una interpretazione perfetta? «C’è tutto un lavoro psicologico anche per capire le motivazioni, le molle di quel personaggio. È un lavoro strumentale, ma non ci si immedesima sennò Jack Nicholson avrebbe dovuto allenarsi a fare lo psicopatico – commenta sorridendo Neri Marcorè -. C’è sempre una distanza tra sé e quello che si mette in scena e anche nelle imitazioni, al di là dell’aspetto fonetico e della somiglianza della voce, il lavoro è quello di carpire i meccanismi psicologici, magari anche reconditi, che uno non mostra in pubblico. Questo vale soprattutto per i personaggi politici che in pubblico si mostrano in un certo modo, ma a me piace indovinare come sono dietro le quinte».

Il lavoro psicologico è dunque alla base di una buona imitazione. E così è stato anche per l’imitazione del premier Giuseppe Conte che vediamo tutti i martedì su La7: «Nella costruzione dell’imitazione la voce è arrivata quasi per ultima – conclude Marcorè -. Nel Conte uno la chiave comica sarebbe stata un’altra, poi c’è stata la crisi ferragostana e da quella ho cambiato impostazione pensando di renderlo un ‘amministratore di condominio’ perché era uno strumento che mi consentiva di fare satira su tutto l’arco costituzionale. È diventato un mezzo più che un fine».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Giornata mondiale dei genitori, la psicologa: «I single non siano isolati»
Il boom della monogenitorialità: nel 1983 i genitori single erano meno di mezzo milione, nel 2005 600 mila. Oggi sono più che raddoppiati: 900 mila le mamme e 141 mila i papà soli
di Isabella Faggiano
Psicopandemia, le risposte della politica. Speranza: «Il ruolo dello psicologo è più attuale che mai»
Psicologi nelle scuole, nei servizi del SSN, accanto ai medici di famiglia ed ai pediatri di libera scelta: ecco i luoghi strategici dove garantire il sostegno psicologico. Al webinar del Consiglio nazionale dell’ordine degli psicologi, azioni e proposte di rappresentanti della politica e della sanità
di Isabella Faggiano
Se un figlio è il prediletto: cause, conseguenze e soluzioni del Parental Differential Treatment
Pagliariccio (psicologo): «Generalmente, chi riceve più attenzioni e sostegno matura un carattere più forte e sicuro. A livello internazionale si consiglia di bilanciare un eventuale atteggiamento di preferenza con poche regole chiare e democratiche»
di Isabella Faggiano
Lutto perinatale, la psicologa: «Impossibile fingere che quel bambino non sia mai esistito»
Di recente la Nuova Zelanda ha approvato una legge che riconosce il congedo per lutto retribuito ad entrambi i genitori sia in caso di aborto spontaneo che di bambino nato morto. In Italia, solo dopo 180 giorni dalla data di inizio della gravidanza esiste una sorta di congedo simile alla maternità
di Isabella Faggiano
Scuola, la chiusura fa male alla salute mentale dei più giovani. Siani (Pd): «Servono più posti letto in neuropsichiatria infantile»
Aumentano casi di insonnia, autolesionismo, bulimia e anoressia. Il pediatra e deputato dem ha presentato una risoluzione in Commissione Affari Sociali in cui chiede di implementare la attività di telepsichiatria e di dare vita ad un osservatorio sulla condizione della salute mentale dell'adolescente e del minore
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 giugno, sono 175.965.522 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.804.217 i decessi. Ad oggi, oltre 2.34 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...