Salute 6 Dicembre 2019

Napoli, l’ospedale Cardarelli annuncia l’inizio di una nuova era: «A breve un piano per gestire il sovraffollamento»

Dopo il caso “barelle” il direttivo promette un cambio di rotta. Intervista al dg Giuseppe Longo e al direttore sanitario Giuseppe Russo: «Formazione sempre in primo piano»

Immagine articolo

Quasi centomila accessi all’anno, 300 al giorno in Pronto Soccorso, 850 posti letto. L’ospedale Antonio Cardarelli a Napoli è un’(affollatissima) istituzione. Attivo dal 1943, primo centro a livello nazionale per la cura dei grandi ustionati e sede di numerosi reparti di eccellenza, sono ben pochi i cittadini partenopei che nel corso della vita non hanno varcato almeno una volta, a vario titolo, le sue porte. L’ospedale, il più grande di tutto il Sud Italia, è diventato più e più volte un simbolo delle sorti alterne con cui nel corso dei decenni è stato amministrato il comparto sanitario regionale. Oggi siamo in una fase, tuttavia, che potrebbe segnare una decisa inversione di tendenza. All’indomani della buona notizia sulla fine del Commissariamento della sanità in Campania, il nuovo direttivo del nosocomio promette di guidare finalmente la barca in porto. Sanità Informazione, dopo il ciclico clamore mediatico delle “barelle”, ha indagato sulle cause, sulle possibili soluzioni e prospettive per il futuro dell’ospedale. La ricetta per il cambiamento? «Vietato autoassolversi. Viceversa, passare al setaccio, attraverso un’accurata revisione, tutti gli aspetti che possono, e devono, essere migliorati». Parola del nuovo direttore generale del nosocomio, Giuseppe Longo, ai nostri microfoni insieme al direttore sanitario, Giuseppe Russo.

Le criticità che da sempre si attribuiscono al Cardarelli si fondano su aspetti talvolta slegati dalla gestione…

«Sono criticità legate al ruolo e al significato che questa grande azienda ospedaliera riveste sul territorio – spiega Longo – . Parliamo di 850 posti letto, occupati per il 120%. Questo dato ci dice che il numero di accessi e di richieste di ricovero è largamente superiore alle sue effettive capacità. Per poter accogliere tutte le richieste di ricovero abbiamo dovuto richiedere dei posti letto “tecnici”, comunemente dette barelle. La barella non è altro che una modalità per garantire assistenza alle persone che si rivolgono al nostro ospedale. Se esaminiamo poi gli accessi in Pronto Soccorso – continua Longo – notiamo che questo ospedale viaggia su 90mila accessi ogni anno, con picchi fino a 300 persone al giorno, con una media di 65 ricoverati poi in emergenza urgenza, a cui bisogna ovviamente sommare la quota dei ricoveri programmati. E’ facile comprendere come l’ospedale debba rispondere in maniera pronta ed efficiente a questa domanda sanitaria massiva».

Quali sono le strategie attuabili sul breve, medio e lungo periodo per far fronte in maniera adeguata a queste criticità?

«A breve – rivela il dg – sarà ufficializzato un Piano di azione per fronteggiare l’iperafflusso. Fondamentale è innanzitutto, individuare gli ostacoli, i punti di caduta e gli eventuali intoppi nei processi interni, per portare avanti un programma di miglioramento sostanziale».

La formazione e l’aggiornamento del personale sanitario giocano un ruolo importante all’interno del Cardarelli?

«La formazione nel nostro ospedale riveste un ruolo fondamentale – afferma il direttore sanitario Giuseppe Russo – e tutte le energie che mettiamo in campo sono votate non solo all’aspetto terapeutico e diagnostico, ma anche a momenti di incontro e confronto che permettono di implementare l’aspetto formativo e coinvolgere tutti gli attori interessati, nell’ottica di una sinergia professionale che dia le migliori risposte di salute possibili alla comunità».

Il Cardarelli resta un centro di eccellenza sanitaria importantissimo non solo per il Meridione ma per tutto il Paese. Quanto è importante investire affinchè la popolazione ne sia consapevole?

E’ assolutamente essenziale – afferma il direttore generale Longo – . All’interno del Cardarelli ci sono una serie di attività uniche a livello regionale. Penso ad esempio al Centro grandi ustionati e al Centro antiveleni, ma anche ad attività sulle quali siamo punti di riferimento per le pratiche che vi vengono garantite. E’ bene menzionare l’eccellenza di tutte le realtà presenti nella nostra struttura, dall’emergenza urgenza ai reparti specializzati. Sulle reti tempo dipendenti, ad esempio, come l’infarto, siamo tra i primi a livello nazionale per il numero di casi trattati, o come l’ictus, per il quale siamo l’unico centro h24 di tutta la provincia di Napoli e Caserta, per un bacino di circa 4 milioni di abitanti, o ancora sul grande trauma, per il quale siamo l’hub più rilevante della regione. Ecco perchè – conclude Longo – il ruolo e l’importanza dei centri assistenziali del Cardarelli sono direttamente proporzionali all’afflusso enorme di pazienti».

 

Articoli correlati
Stati Generali Ricerca, encomio solenne alla dottoressa Capobianchi, capo della squadra che ha isolato il coronavirus
«Nella gestione dell’epidemia fondamentale la ricerca ma anche la filiera di formazione e informazione a tutti i livelli del sistema sanitario»
Napoli, al Policlinico Vanvitelli nuova sala d’attesa per il Centro regionale di diabetologia pediatrica
Venerdì 24 gennaio 2020, alle ore 15.00, avrà luogo l’inaugurazione della nuova sala d’attesa del Reparto di Diabetologia Pediatrica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Luigi Vanvitelli” di Napoli. Le pareti bianche hanno fatto posto al mare popolato da pesci sorridenti e alghe amiche che tentano di rendere meno difficile la permanenza del bambino in ospedale. Ma non […]
Operatori sanitari ancora vittime di aggressioni. Violenze negli ospedali di Roma, Siracusa e Napoli
Le vittime sono due infermieri, una guardia medica e un chirurgo in servizio al Pronto Soccorso. «C'è rabbia e timore per non poter svolgere il lavoro in tranquillità. Non abbiamo nessuna tutela sotto il profilo della sicurezza» ha dichiarato la dottoressa aggredita a Siracusa
A Napoli le prime ambulanze con telecamere. Cisl Medici Lazio: «Bene così. Aumenterà la sicurezza»
«Complimenti al governatore della Campania. Aveva assicurato misure in tempi rapidi e se il buongiorno si vede dal mattino siamo sicuri che aumenteranno le condizioni di sicurezza dei lavoratori addetti all’emergenza», così in un comunicato Luciano Cifaldi, segretario della Cisl Medici Lazio.
«Mettete la polizia negli ospedali, le aggressioni sono quotidiane». Il grido d’allarme dei medici di Napoli
Dopo il picco di aggressioni contro operatori e ambulanze nei primi giorni dell’anno, le testimonianze raccolte all’Ospedale Santobono raccontano un clima di tensione e preoccupazione. E il Governo si mobilita
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 febbraio 2020 sono 80.350 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 27.878 mentre i morti sono 2.705. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...