Salute 6 Ottobre 2020 11:25

Mosca (presidente Sin) avverte la politica: «Se non si investe sul welfare rischio crollo nascite dopo il Covid»

Il presidente Mosca: «Italia prima nel mondo a non separare neonati da mamme affette da Covid. Scelta coraggiosa, controtendenza, ma vincente»

di Federica Bosco

Al via domani a Venezia il congresso della Società italiana di neonatologia (SIN), per la prima volta in una doppia veste interattiva attraverso una piattaforma digitale e diffusa, con sei sedi periferiche Torino, Milano, Firenze, Roma, Avellino e Palermo. Pubblico limitato e coordinatori che avranno modo di interagire con i professionisti presenti a Venezia. “Il neonato al centro del futuro” sarà il filo conduttore dell’evento che vedrà la società italiana di neonatologia presentare risultati importanti in tema di terapie intensive, formazione del personale e sicurezza del bambino in era pre e post Covid.

NASCITE IN CALO, A RISCHIO IL WELFARE DEL PAESE

«Riportare il neonato al centro del futuro ha un duplice significato – spiega il Presidente di SIN Fabio Mosca – da un lato far sì che i decisori politici capiscano che bisogna investire sulla natalità. Il tema è rilevante e quest’anno a causa del Covid toccheremo un ulteriore minimo storico – analizza -. Il ruolo della nostra società è di stimolo al mondo politico, per far capire che, con l’indice di fertilità e di natalità attuale se non si cambia direzione ci ritroveremo tra non molti anni, nel 2050, a sostenere un welfare con una spesa sanitaria superiore ai 200 miliardi».

COVID E SICUREZZA NEI PUNTI NASCITA

«Mettere il neonato al centro del futuro significa anche prestare attenzione alla sua sicurezza. Quando è nato questo motto non c’era ancora il covid – spiega il presidente Mosca – quindi il pensiero era orientato ad una tutela del nascituro con strutture adeguate, moderne e attrezzate con terapie intensive all’altezza. I dati oggi in Italia ci dicono che dei 418 punti nascita, 114 hanno una terapia intensiva neonatale.  Alcuni punti nascita sono ancora troppo piccoli per garantire standard ottimali; luci e ombre che non devono essere sottovalutati perché circa il 20% dei neonati oggi viene alla luce in luoghi non adeguati. In più quest’anno si è aggiunto il tema del Covid e il rischio di commettere errori si è moltiplicato».

SÌ ALL’ALLATTAMENTO AL SENO ANCHE IN PRESENZA DI COVID: ITALIA RIBALTA TENDENZA MONDIALE

Il pensiero del Presidente di Sin va alla decisione della Cina di separare alla nascita i bambini dalle mamme affette da Covid, con la convinzione di preservare la loro salute ed evitare il rischio di trasmissione. Una scelta che non ha trovato fondatezza ed è stata ribaltata in Italia: la Società Italiana di neonatologia ha sostenuto la teoria di mantenere vivo il legame tra mamma e bambino. «Noi siamo stati i primi – sottolinea con orgoglio Mosca – a dare indicazioni volte invece a favorire l’allattamento al seno anche in questa tipologia di neonati e il 28 febbraio abbiamo pubblicato le nostre prime indicazioni quando tutto il mondo separava i neonati dalle mamme. Io sono fiero di questa decisione anche perché poi si è dimostrata vincente per la sicurezza del neonato e fondamentale per la promozione dell’allattamento al seno» conclude.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Senior Italia FederAnziani: «Boom di calo dell’aderenza alla terapia negli anziani»
Messina: «Occorrono nuove forme di supporto per migliorare la presa in carico del paziente e l’aderenza terapeutica, sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie»
Variante Delta, quanto proteggono i vaccini? Il caso Uk
Quella che fino a poco tempo fa chiamavamo “variante indiana” è molto più contagiosa e pericolosa di quella inglese. I vaccini attualmente disponibili offrono una protezione adeguata?
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
Sospensione AstraZeneca, Cisl Medici Lazio: «Doverosa, ma è ora di riflettere sul da farsi»
Con nota protocollo U0517817 del 11.06.2021 la Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio ha sospeso la somministrazione del vaccino Vaxevria, comunemente noto come Astra-Zeneca «in attesa degli imminenti pronunciamenti delle istituzioni e degli Enti Regolatori competenti circa possibile limitazioni di uso». «La Cisl Medici Lazio plaude alla iniziativa – si legge nella nota – peraltro […]
Vaccino anti-Covid. Le risposte del professor Lanzone su gravidanza, allattamento e fertilità
Il direttore di Ostetricia del Gemelli: «Il vaccino anti-Covid non è sconsigliato né in gravidanza, né in allattamento. Non c’è nessuna correlazione validata scientificamente con alterazioni del ciclo mestruale o interazioni con la pillola anticoncezionale»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...