Salute 6 Ottobre 2020 11:25

Mosca (presidente Sin) avverte la politica: «Se non si investe sul welfare rischio crollo nascite dopo il Covid»

Il presidente Mosca: «Italia prima nel mondo a non separare neonati da mamme affette da Covid. Scelta coraggiosa, controtendenza, ma vincente»

di Federica Bosco

Al via domani a Venezia il congresso della Società italiana di neonatologia (SIN), per la prima volta in una doppia veste interattiva attraverso una piattaforma digitale e diffusa, con sei sedi periferiche Torino, Milano, Firenze, Roma, Avellino e Palermo. Pubblico limitato e coordinatori che avranno modo di interagire con i professionisti presenti a Venezia. “Il neonato al centro del futuro” sarà il filo conduttore dell’evento che vedrà la società italiana di neonatologia presentare risultati importanti in tema di terapie intensive, formazione del personale e sicurezza del bambino in era pre e post Covid.

NASCITE IN CALO, A RISCHIO IL WELFARE DEL PAESE

«Riportare il neonato al centro del futuro ha un duplice significato – spiega il Presidente di SIN Fabio Mosca – da un lato far sì che i decisori politici capiscano che bisogna investire sulla natalità. Il tema è rilevante e quest’anno a causa del Covid toccheremo un ulteriore minimo storico – analizza -. Il ruolo della nostra società è di stimolo al mondo politico, per far capire che, con l’indice di fertilità e di natalità attuale se non si cambia direzione ci ritroveremo tra non molti anni, nel 2050, a sostenere un welfare con una spesa sanitaria superiore ai 200 miliardi».

COVID E SICUREZZA NEI PUNTI NASCITA

«Mettere il neonato al centro del futuro significa anche prestare attenzione alla sua sicurezza. Quando è nato questo motto non c’era ancora il covid – spiega il presidente Mosca – quindi il pensiero era orientato ad una tutela del nascituro con strutture adeguate, moderne e attrezzate con terapie intensive all’altezza. I dati oggi in Italia ci dicono che dei 418 punti nascita, 114 hanno una terapia intensiva neonatale.  Alcuni punti nascita sono ancora troppo piccoli per garantire standard ottimali; luci e ombre che non devono essere sottovalutati perché circa il 20% dei neonati oggi viene alla luce in luoghi non adeguati. In più quest’anno si è aggiunto il tema del Covid e il rischio di commettere errori si è moltiplicato».

SÌ ALL’ALLATTAMENTO AL SENO ANCHE IN PRESENZA DI COVID: ITALIA RIBALTA TENDENZA MONDIALE

Il pensiero del Presidente di Sin va alla decisione della Cina di separare alla nascita i bambini dalle mamme affette da Covid, con la convinzione di preservare la loro salute ed evitare il rischio di trasmissione. Una scelta che non ha trovato fondatezza ed è stata ribaltata in Italia: la Società Italiana di neonatologia ha sostenuto la teoria di mantenere vivo il legame tra mamma e bambino. «Noi siamo stati i primi – sottolinea con orgoglio Mosca – a dare indicazioni volte invece a favorire l’allattamento al seno anche in questa tipologia di neonati e il 28 febbraio abbiamo pubblicato le nostre prime indicazioni quando tutto il mondo separava i neonati dalle mamme. Io sono fiero di questa decisione anche perché poi si è dimostrata vincente per la sicurezza del neonato e fondamentale per la promozione dell’allattamento al seno» conclude.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Chi può essere esentato dalla vaccinazione Covid-19?
Come compilare il certificato di esonero vaccinale per gli operatori sanitari. L'ASL può infatti annullare l'atto se non ben redatto
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Caso Zitromax, Aifa: «Non esistono antibiotici efficaci per il Covid-19»
Dopo il grande clamore suscitato dalla carenza dell’Azitromicina e la segnalazione di Federfarma, arriva la risposta dell’Agenzia Italiana del Farmaco: «Carenza causata da prescrizione del farmaco al di fuori delle indicazioni previste»
Allarme carenza Zitromax, «Italia unico Paese in Europa in cui è introvabile». Federfarma invia segnalazione ad Aifa
Le linee guida non prevedono l’uso di Azitromicina nella terapia per il Covid-19 ma gli scaffali sono vuoti un po’ ovunque. Tobia (Federfarma): «Mancanza farmaco pericoloso per chi ne ha davvero bisogno». Scotti (Fimmg): «Medici che fanno il loro dovere non prescrivono Azitromicina in modo inappropriato»
Il neonatologo: «Siamo costretti a separare le mamme non vaccinate dai loro figli»
Ambrogio Di Paolo (Presidente SIN Lazio): «Con l’ordinanza della Regione Lazio si può entrare negli ospedali soltanto con il Green pass rafforzato. E molte mamme non sono vaccinate, per disinformazione»
Sileri risponde all’appello dei chirurghi: «Stiamo lavorando per recupero degli interventi chirurgici saltati»
«La riduzione degli interventi chirurgici in Italia è drammatica - spiega Francesco Basile, presidente della Società italiana di chirurgia -. Posti letto di chirurgia dimezzati, blocco dei ricoveri, infermieri e anestesisti trasferiti ai reparti Covid. Spesso non è possibile operare neanche i pazienti con tumore»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre