Salute 6 Ottobre 2020 11:25

Mosca (presidente Sin) avverte la politica: «Se non si investe sul welfare rischio crollo nascite dopo il Covid»

Il presidente Mosca: «Italia prima nel mondo a non separare neonati da mamme affette da Covid. Scelta coraggiosa, controtendenza, ma vincente»

di Federica Bosco

Al via domani a Venezia il congresso della Società italiana di neonatologia (SIN), per la prima volta in una doppia veste interattiva attraverso una piattaforma digitale e diffusa, con sei sedi periferiche Torino, Milano, Firenze, Roma, Avellino e Palermo. Pubblico limitato e coordinatori che avranno modo di interagire con i professionisti presenti a Venezia. “Il neonato al centro del futuro” sarà il filo conduttore dell’evento che vedrà la società italiana di neonatologia presentare risultati importanti in tema di terapie intensive, formazione del personale e sicurezza del bambino in era pre e post Covid.

NASCITE IN CALO, A RISCHIO IL WELFARE DEL PAESE

«Riportare il neonato al centro del futuro ha un duplice significato – spiega il Presidente di SIN Fabio Mosca – da un lato far sì che i decisori politici capiscano che bisogna investire sulla natalità. Il tema è rilevante e quest’anno a causa del Covid toccheremo un ulteriore minimo storico – analizza -. Il ruolo della nostra società è di stimolo al mondo politico, per far capire che, con l’indice di fertilità e di natalità attuale se non si cambia direzione ci ritroveremo tra non molti anni, nel 2050, a sostenere un welfare con una spesa sanitaria superiore ai 200 miliardi».

COVID E SICUREZZA NEI PUNTI NASCITA

«Mettere il neonato al centro del futuro significa anche prestare attenzione alla sua sicurezza. Quando è nato questo motto non c’era ancora il covid – spiega il presidente Mosca – quindi il pensiero era orientato ad una tutela del nascituro con strutture adeguate, moderne e attrezzate con terapie intensive all’altezza. I dati oggi in Italia ci dicono che dei 418 punti nascita, 114 hanno una terapia intensiva neonatale.  Alcuni punti nascita sono ancora troppo piccoli per garantire standard ottimali; luci e ombre che non devono essere sottovalutati perché circa il 20% dei neonati oggi viene alla luce in luoghi non adeguati. In più quest’anno si è aggiunto il tema del Covid e il rischio di commettere errori si è moltiplicato».

SÌ ALL’ALLATTAMENTO AL SENO ANCHE IN PRESENZA DI COVID: ITALIA RIBALTA TENDENZA MONDIALE

Il pensiero del Presidente di Sin va alla decisione della Cina di separare alla nascita i bambini dalle mamme affette da Covid, con la convinzione di preservare la loro salute ed evitare il rischio di trasmissione. Una scelta che non ha trovato fondatezza ed è stata ribaltata in Italia: la Società Italiana di neonatologia ha sostenuto la teoria di mantenere vivo il legame tra mamma e bambino. «Noi siamo stati i primi – sottolinea con orgoglio Mosca – a dare indicazioni volte invece a favorire l’allattamento al seno anche in questa tipologia di neonati e il 28 febbraio abbiamo pubblicato le nostre prime indicazioni quando tutto il mondo separava i neonati dalle mamme. Io sono fiero di questa decisione anche perché poi si è dimostrata vincente per la sicurezza del neonato e fondamentale per la promozione dell’allattamento al seno» conclude.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»
La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell'Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia
Giada, donatrice di latte umano: «Contribuire al benessere dei neonati più fragili lenisce anche le proprie sofferenze»
Salvatori (neonatologo): «Al Bambino Gesù la Banca del latte umano donato (Blud), una delle 39 presenti in Italia. La struttura seleziona, raccoglie, conserva e distribuisce il latte materno, donato da mamme volontarie in maniera totalmente gratuita»
di Isabella Faggiano
Ho contratto il Covid-19 dopo la prima dose di vaccino, cosa devo fare?
Cosa fare se una persona contrae il Covid-19 successivamente alla somministrazione della prima dose di vaccino? Il Ministero della Salute ha fornito i chiarimenti necessari tramite una circolare firmata dal Direttore della Prevenzione, Gianni Rezza
L’affondo di Villani (SIP): «Vaccino contro il morbillo reso obbligatorio con 8 morti al giorno»
Ricciardi al webinar Altems dedicato al ritorno in classe: «Sono preoccupato. I casi di Covid-19 tra i bambini sono molti, e alcuni finiscono in terapia intensiva. Nelle scuole non ci siano adulti non vaccinati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco