Salute 10 Maggio 2022 15:32

Morte in culla, per la prima volta individuato un marcatore di rischio

Un studio australiano, condotto da una mamma in lutto, ha portato alla scoperta di un enzima legato alla morte in culla

Morte in culla, per la prima volta individuato un marcatore di rischio

È l’incubo di ogni mamma e papà: la morte in culla, chiamata con l’acronimo Sids, sopraggiunge improvvisamente e inspiegabilmente in alcuni bambini con meno di un anno di età. Ora però uno studio del Children’s Hospital di Westmead a Sydney (Australia) sembra aver individuato un possibile marcatore, in grado di selezionare i bambini che sono più a rischio. Lo studio è stato guidato da Carmel Harrington, che è diventata un’esperta del sonno infantile dopo che suo figlio è morto prima del suo secondo compleanno. La scienziata spera che la sua scoperta renderà la condizione «un ricordo del passato».

Livelli bassi di un enzima sono un indicatore del rischio Sids

I ricercatori hanno scoperto che i bambini morti a causa della Sids avevano livelli più bassi di un enzima che aiuta gli esseri umani a svegliarsi dal sonno. Si tratta della butirrilcolinesterasi. «Di solito, se un bambino si trova di fronte a una situazione pericolosa per la vita, come difficoltà a respirare durante il sonno perché è a pancia in giù, si sveglierà e piangerà», spiega Harrington. «Quello che questa ricerca mostra è che alcuni bambini non hanno la stessa forte spinta a svegliarsi. Ora che sappiamo che è coinvolta la butirrilcolinesterasi – continua – possiamo iniziare a cambiare l’esito per questi bambini e rendere la Sids un ricordo del passato».

L’enzima svolge un ruolo chiave nel sonno e nella veglia

Nel Regno Unito si stima che circa quattro bambini muoiono di Sids ogni settimana, mentre negli Stati Uniti le stime sono superiori. In Italia è un evento raro che riguarda un numero di circa 150 bambini morti ogni anno. Nello studio, pubblicato sulla rivista eBioMedicine di The Lancet, i ricercatori hanno analizzato 722 campioni di sangue di bambini coinvolti nel programma di screening neonatale nel New South Wales tra il 2016 e il 2020. Ventisei dei bambini sono successivamente morti di Sids e tutte le vittime avevano livelli significativamente più bassi di butirrilcolinesterasi nel sangue alla nascita rispetto ad altri bambini. L’enzima svolge un ruolo nel sistema colinergico del corpo, che ha varie funzioni cerebrali che regolano cose come l’attenzione, il sonno e la veglia.

Il controllo dei livelli di butirrilcolinesterasi può diventare un esame di routine

La fase successiva dello studio, stando a quanto riferisce Harrington, sarà quella rendere la misurazione dei livelli di questo enzima una parte importante dei controlli sanitari di routine che si fanno ai neonati. Il team esaminerà anche i modi per aumentare l’enzima nei bambini, ma questo secondo i ricercatori richiederà circa cinque anni. Attualmente tutti i neonati sono soggetti a esami del sangue di routine, ma i medici in genere non cercano differenze nei livelli di butirrilcolinesterasi.

La scoperta della cause della Sids può anche aiutare i genitori in lutto ad andare avanti

«Un bambino apparentemente sano che va a dormire e non si sveglia è l’incubo di ogni genitore e fino ad ora non c’era assolutamente modo di sapere quale bambino sarebbe morto. Ma non è più così», sottolinea Harrington, secondo la quale i risultati potrebbero anche aiutare i genitori in lutto a comprendere l’accaduto e a superarlo. Questa angoscia per la mancanza di risposte è qualcosa che l’ex avvocato, diventato poi esperta di sonno, conosce fin troppo bene dopo la morte del figlio Damien di un anno, avvenuta tre decenni fa.

La storia dell’autrice della scoperta che vuole dare un senso alla morte del figlio

«Era assolutamente perfetto – odio dirlo, ma a tutti gli effetti lo era davvero», dice Harrington riferendosi al figlio. Ma, pochi giorni prima del secondo compleanno di Damien, Harrington ha trovato suo figlio sdraiato a faccia in giù. Era morto nel suo lettino. «Quasi trent’anni dopo, mi toglie ancora il fiato – rideva e ridacchiava ore prima», ricorda la scienziata. Alla ricerca di risposte sulla tragedia non ha trovato una spiegazione adeguata per la Sids ed è tornata all’università per diventare un’esperta del sonno infantile per aiutare a trovare possibili cure. E ora è più vicina che mai al suo obiettivo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Addio notti insonni, presto un farmaco che riduce le apnee notturne
Un farmaco già utilizzato contro il glaucoma e l'epilessia riduce le apnee notturne dal 40 al 60 per cento
World Sleep Day. Mencacci (psichiatra): «A rischio il sonno del 45% della popolazione mondiale»
Prima la pandemia, ora la guerra, lo specialista: «Il nostro sistema nervoso è in un continuo stato di ipervigilanza». Il 18 marzo si celebra, in tutto il mondo, la Giornata del Sonno. Per l’occasione l’AIMS, ha dato il via ad una maratona del sonno online
I non sognatori? Non esistono. Il neurologo: «In realtà dimenticano il contenuto dei sogni»
In occasione della Giornata dei sogni che si celebra il 25 settembre, l'intervista a Luigi Ferini Strambi, direttore del centro di Medicina del Sonno: «Per aiutare la memoria onirica mettere un taccuino sul comodino e concedersi un risveglio lento»
di Isabella Faggiano
Covid: insonnia in aumento del 40%. Ecco i consigli naturali per contrastarla
In crescita +28,8% gli integratori per favorire il sonno. In occasione della Giornata Mondiale del Sonno consigli su comportamenti virtuosi da tenere. Per combattere l'insonnia utili anche gli integratori naturali, 'attivatori delle sirtuine' che favoriscono il rilassamento
Al Sant’Orsola di Bologna salvato neonato di 5 giorni dal soffocamento con laser e microscopio
Il bambino, Lucio, è stato dimesso, sta bene e finalmente è andato a casa con la mamma Bann e il papà Dario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali