Voci della Sanità 23 Maggio 2019

Semi per la SIDS, donare il 5 mille per aiutare i genitori dei bambini colpiti dalla “morte in culla”

L’impegno prioritario dell’Associazione è quello di sostenere le famiglie colpite, ascoltandole e condividendo il dolore

Immagine articolo

La SIDS, Sudden Infant Death Syndrome, comunemente conosciuta come “morte in culla” è il nome dato alla morte improvvisa ed inaspettata di un lattante apparentemente sano, che rimane inspiegata anche dopo l’esecuzione di un’indagine post-mortem completa. L’associazione Semi per la SIDS dal 1991 si prende cura delle famiglie, si occupa della diffusione delle norme per la riduzione del rischio di SIDS ed è di stimolo alla ricerca.

L’impegno prioritario dell’Associazione è quello di sostenere le famiglie colpite, ascoltandole e condividendo il dolore, informandole sulla Sudden Infant Death Syndrome e sull’importanza di sottoporre il bambino al riscontro diagnostico, mettendole in contatto con medici che possano accoglierli e fornire loro le spiegazioni utili a comprendere cosa possa essere accaduto, accompagnandole durante il percorso che porterà all’elaborazione del lutto.

L’informazione è indispensabile per evitare che al dolore di una morte improvvisa ed inattesa si vadano ad aggiungere anche un devastante senso di colpa ed un frainteso senso di responsabilità che ricadono sulle famiglie nel periodo successivo alla morte del bambino. L’aiuto ed il sostegno psicologico continuano nel tempo fino a quando la famiglia si sentirà in grado di riprendere la sua vita. Nel caso in cui la famiglia desideri avere un altro figlio, l’Associazione cerca di sostenerla durante il primo anno di vita del bambino successivo con un adeguato programma che prevede tra l’altro il monitoraggio domiciliare con monitor cardio respiratorio, questo soprattutto per assicurare alla famiglia una tranquillità di relazione che sarebbe difficile senza questo ausilio.

Altro impegno dell’Associazione è quello di dialogare con i medici, collaborando per stimolare ed indirizzare la ricerca; a questo scopo negli anni sono state bandite borse di studio per ricercatori italiani e stranieri, finanziate ricerche ed organizzati convegni scientifici. Vogliamo ricordare il Congresso Internazionale che si è tenuto a Firenze nel 1994 e, sempre a Firenze, nel 2002, si è tenuta la Conferenza Internazionale di SIDS International, con la partecipazione dei più importanti studiosi e con la rappresentanza delle Associazioni Genitori provenienti da molti paesi.

L’Associazione Semi per la SIDS non ha fini di lucro e vive di fondi derivanti da donazioni o ricavati dall’organizzazione di manifestazioni culturali e ricreative. Si può donare anche attraverso il 5 x mille.

Articoli correlati
“Semi per la Sids”, l’importanza della prevenzione per evitare le morti in culla. Piumelli (Mayer): «Il picco tra il secondo e il quarto mese»
Convegno a Palazzo Borromeo sulla Sindrome della morte infantile improvvisa. La presidente dell’associazione Bonomi: «Fondamentale il sostegno psicologico genitore – genitore, il fatto di vedere che qualcuno ce l’ha fatta a sopravvivere a questo dolore sprona le famiglie a impegnarsi in un percorso di elaborazione del lutto efficace»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 aprile, sono 1.275.856 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 69.514 i decessi e 262.999 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...