Salute 12 Aprile 2022 19:34

«Molto stanca ed esausta», anche la regina Elisabetta II alle prese con il Long Covid

All’inizio la regina Elisabetta II soffriva di sintomi lievi, ma ora ammette di essere esausta proprio come molti pazienti con il Long Covid

«Molto stanca ed esausta», anche la regina Elisabetta II alle prese con il Long Covid

All’inizio sembrava un lieve raffreddore, come riferito lo scorso febbraio da Buckingham Palace. Ma ora, a distanza di mesi dall’infezione Covid-19, la regina Elisabetta II ha ammesso di stare ancora molto male. Più precisamente ha riferito di sentirsi «molto stanca ed esausta», esattamente come tutte quelle persone che ora sono alle prese con il cosiddetto Long Covid.

La regina Elisabetta II ha condiviso il suo malessere con un expaziente Covid

La sovrana, 95 anni, non si è ripresa completamente dal Covid-19. Lo ha detto chiaramente in occasione di una visita virtuale in ospedale, al Royal London Hospital, in occasione dell’apertura ufficiale della Queen Elizabeth Unit. Durante questo incontro Elisabetta II ha parlato con un expaziente Covid, il cui padre e fratello erano morti a causa della malattia, a cui ha detto che il Covid lascia una persona «molto stanca ed esausta, vero?».

«Questa orribile pandemia», come la definisce Elisabetta II

Parlando con l’ex paziente Covid Asef Hussain e sua moglie Shamina, ha aggiunto: «Questa orribile pandemia. Non è un bel risultato». Il signor Hussain è stato il terzo membro della sua famiglia ad essere ricoverato in ospedale per Covid-19 nel dicembre 2020. Mentre era lì, suo fratello e suo padre sono morti. Dopo aver trascorso sette settimane attaccato a un ventilatore, si sta ancora riprendendo e usa una macchina portatile per l’ossigeno.

La regina parla delle difficoltà dei malati a stare lontani dai parenti

La signora Hussain ha detto alla regina che a un certo punto 500 amici e familiari da tutto il mondo stavano facendo una chiamata Zoom per pregare per suo marito. La sovrana ha chiesto alla coppia: «Quindi avete una famiglia numerosa o una grande influenza sulle persone?» E riferendosi alle restrizioni per le persone che visitano i propri cari in cura in ospedale in quel momento, la Regina «Ovviamente non poter vedere il proprio parente è stato molto difficile».

Elisabetta II si congratula per la rapidità con cui è stata messa in piedi l’unità antiCovid

La regina ha sentito anche come il personale ospedaliero ha affrontato l’enorme afflusso di pazienti Covid. Finora circa 800 persone provenienti da tutto il Nord-Est di Londra sono state curate presso la Queen Elizabeth Unit con 155 posti letto. È stata costruita in cinque settimane per soddisfare le necessità dei pazienti Covid, anziché dei cinque mesi che normalmente ci sarebbero voluti. Al termine della telefonata, la Regina ha parlato con il team che ha realizzato l’unità, che si trova su due piani dell’ospedale. «È molto interessante come tutti lavorano insieme e si mettono insieme, meraviglioso non è vero?», ha detto la regina.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Con Omicron il rischio Long Covid è più basso
Uno studio del King's College London ha dimostrato che il rischio di sviluppare il Long Covid è più basso con Omicron
“Non sono più io”, la testimonianza di una donna affetta da Long Covid
Ericka dopo due anni dalla malattia ancora non riesce a riprendere il lavoro perché le sono state diagnosticate diverse patologie: dalla stanchezza cronica, alla perdita di memoria, fino alla tachicardia e all’insonnia
Long Covid, qual è il ruolo della neuroinfiammazione?
Il Rettore Salvatore Cuzzocrea al 15th World Congress on Inflammation (5-8 giugno, Roma): «Nonostante i numerosi dubbi ancora da chiarire sul Long Covid, ad oggi sappiamo che il trattamento precoce della neuroinfiammazione ricopre un ruolo chiave nella prevenzione dei disturbi post Covid di natura neurologica e psichiatrica»
Long Covid, scoperti biomarcatori predittivi negli adolescenti
Uno studio del Cnr indica, nei giovani che si sono ammalati, nuovi e precoci biomarcatori, potenzialmente predittivi del Long Covid
Pediatria, al via il 77° Congresso SIP. Riflettori puntati su medicina di precisione, di genere e ricerca scientifica
La presidente della SIP Annamaria Staiano: «Il filo conduttore di questa edizione sarà la partecipazione dei giovani alla ricerca scientifica che, con l’innovazione tecnologica, rappresenta la chiave di volta per la cura di malattie croniche e rare, che riguardano circa il 20% della popolazione pediatrica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali