Salute 24 ottobre 2017

Migranti, nell’anniversario strage di Lampedusa Pietro Bartolo si racconta: «Io, in trincea da 25 anni e record infame sulle spalle»

Quattro anni fa il naufragio e la morte di 368 persone diede il via all’operazione Mare Nostrum: tra critiche e apertura, l’Italia ancora in prima linea nel salvataggio e nell’accoglienza. Il medico protagonista di ‘Fuocoammare’: «La realtà degli sbarchi edulcorata dai media. Necessario abbattere pregiudizi»

Ventisei anni al fronte. Un fronte che si chiama Lampedusa, e che ha la sua roccaforte presso la banchina del Molo Favaloro: punto di arrivo di oltre 300mila persone, un miraggio per tante, troppe anime che non ce l’hanno fatta. Per il dottor Pietro Bartolo, Responsabile Presidio Medico Lampedusa e protagonista del film documentario ‘Fuocoammare’, l’accoglienza e le cure ai migranti sono ormai pane quotidiano.

«A Lampedusa ci occupiamo del fenomeno dell’immigrazione approcciandolo non solo da un punto di vista sanitario ma anche umano, che è la cosa più importante. Un approccio che a noi non costa niente, e che per loro invece significa tanto. Sono reduci da torture e sofferenze immani, che i media, con i loro tempi ristretti, non riescono a raccontare e far comprendere fino in fondo. Ho battuto un record, un record infelice: sono il medico che ha fatto più ispezioni cadaveriche al mondo. Quelle che gestiamo sono situazioni particolarmente difficili. I gommoni utilizzati dai trafficanti sono in realtà canotti, gli basta un buco o un’onda per affondare».

LEGGI ANCHE: PIETRO BARTOLO, DOPO GLI OSCAR TORNA SANITÀ DI FRONTIERA: «DI NUOVO SUL CAMPO PER TUTELARE SALUTE E ACCOGLIENZA»

E poi il ricordo di un anniversario importante, una data in cui doveva cambiare tutto ma in sostanza non cambiò niente. Anzi. «Dal 3 ottobre 2013, anniversario della strage nel canale di Lampedusa l’Italia con grande civiltà ha attuato un giro di vite e ha messo in campo l’operazione Mare Nostrum per evitare il ripetersi di simili tragedie. Operazione in un primo momento molto criticata ma poi condivisa dal resto d’Europa attraverso altre operazioni analoghe. Ma proprio da quel giorno, paradossalmente, sono aumentati i naufragi e i morti. Questo succede perché i trafficanti approfittando della presenza dei soccorsi a poche miglia dalla costa libica hanno cominciato a usare questi pericolosissimi gommoni. Siamo quindi davanti a malattie “nuove” – la malattia dei gommoni, l’ipotermia, la disidratazione, la scabbia (che è facilmente curabile) –  ma la più grave malattia che siamo costretti ad affrontare è la loro devastazione psichica. Queste persone, come sapete, scappano da guerre, torture, da persecuzioni religiose e di altro tipo, scappano nel deserto – dove ne muoiono tantissimi – poi arrivano in Libia vale a dire nell’inferno più totale dove le donne vengono violentate e gli uomini torturati».

E come possono i nuovi medici, che si approcciano per la prima volta a questo fenomeno, riuscire a gestirlo? «Attraverso corsi di formazione ad hoc, che mi hanno subito trovato disponibile a condividere quello che ho appreso in questi 25 anni. Per approcciarsi correttamente al fenomeno bisogna avere le competenze più disparate, non solo strettamente mediche, perché queste persone non portano malattie gravi o preoccupanti per il territorio nazionale, ma un profondo disagio e stress psicologico, quello sì. Inoltre, è compito del medico intervenire affinché vengano eliminate quelle ostilità così diffuse dovute alla cattiva informazione e al terrorismo mediatico ad opera di alcuni politici. Le persone non sono cattive, neanche quelle che alzano barricate o quelle che fabbricano molotov, sono state semplicemente mal informate e manipolate. E il nostro compito è cercare con tutti i mezzi che abbiamo a disposizione (io l’ho fatto con il film “Fuocoammare”, e con il libro “Lacrime di sale”) di far cadere questi pregiudizi».

Articoli correlati
Foad Aodi (Amsi): «Al decreto sicurezza rispondiamo potenziando l’integrazione silenziosa, qualificata e non valorizzata»
Il Congresso annuale dell’AMSI (Associazione Medici d’origine Straniera in Italia) insieme al Corso d’aggiornamento AMSI in Neurotraumatologia si terrà il 1 dicembre a Roma. L’iniziativa si svolgerà nella Clinica “Ars medica” (Via Ferrero di Cambiano) con il patrocinio dell’Ordine dei Medici di Roma, Movimento “Uniti per Unire”, Unione Medica Euro mediterranea (UMEM) e BTL Italia. Parteciperanno professionisti della […]
AMSI e COMAI incontrano Emanuela C. Del Re (vice Ministra Affari Esteri)
La Vice Ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Emanuela Claudia Del Re ha ricevuto Foad Aodi, Presidente dell’Associazione Medici di Origine Straniera in Italia (Amsi) e delle Comunità del mondo Arabo in Italia (CO-MAI). Motivo dell’incontro la presentazione di due progetti: “la buona immigrazione” e “la buona sanità internazionale”, frutto di proposte di Amsi […]
Catania, al via il congresso: “I progressi della terapia antiinfettiva”
Potrebbe sembrare un controsenso o una vera e propria utopia, ma non è fantasioso dover ancora parlare di resistenza agli antibiotici. Anzi quello che è diventato un vero e proprio fenomeno, rappresenta una delle questioni più importanti per la sanità a livello mondiale. È solo uno dei numerosi argomenti che verranno trattati nel corso di […]
Migranti Diciotti, Medici Senza Frontiere: «Al Baobab negato diritto a cure mediche»
Alcuni degli ospiti del centro Caritas di Rocca di Papa rintracciati a Roma al centro sociale del Tiburtino. L’Ong: «L'operazione ha anche violato confidenzialità medica»
Stefano Vella racconta la sua “rabbia”: «Lasciare Aifa scelta dolorosa, ma difendere salute globale del futuro inizia dalla cura dei migranti»
VIDEO INTERVISTA | L’ormai ex presidente dell’Agenzia del Farmaco a qualche giorno di distanza dalla sua irrevocabile lettera di addio ad una delle cariche più prestigiose e ambite della sanità italiana ha ritrovato il filo dei pensieri e accetta di parlare della sua esperienza in AIFA e delle prospettive dell'agenzia e della scelta delle dimissioni come di una pagina dolorosa da superare in fretta per tornare a dedicarsi alla ricerca.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...