Salute 24 Ottobre 2017

Migranti, nell’anniversario strage di Lampedusa Pietro Bartolo si racconta: «Io, in trincea da 25 anni e record infame sulle spalle»

Quattro anni fa il naufragio e la morte di 368 persone diede il via all’operazione Mare Nostrum: tra critiche e apertura, l’Italia ancora in prima linea nel salvataggio e nell’accoglienza. Il medico protagonista di ‘Fuocoammare’: «La realtà degli sbarchi edulcorata dai media. Necessario abbattere pregiudizi»

Ventisei anni al fronte. Un fronte che si chiama Lampedusa, e che ha la sua roccaforte presso la banchina del Molo Favaloro: punto di arrivo di oltre 300mila persone, un miraggio per tante, troppe anime che non ce l’hanno fatta. Per il dottor Pietro Bartolo, Responsabile Presidio Medico Lampedusa e protagonista del film documentario ‘Fuocoammare’, l’accoglienza e le cure ai migranti sono ormai pane quotidiano.

«A Lampedusa ci occupiamo del fenomeno dell’immigrazione approcciandolo non solo da un punto di vista sanitario ma anche umano, che è la cosa più importante. Un approccio che a noi non costa niente, e che per loro invece significa tanto. Sono reduci da torture e sofferenze immani, che i media, con i loro tempi ristretti, non riescono a raccontare e far comprendere fino in fondo. Ho battuto un record, un record infelice: sono il medico che ha fatto più ispezioni cadaveriche al mondo. Quelle che gestiamo sono situazioni particolarmente difficili. I gommoni utilizzati dai trafficanti sono in realtà canotti, gli basta un buco o un’onda per affondare».

LEGGI ANCHE: PIETRO BARTOLO, DOPO GLI OSCAR TORNA SANITÀ DI FRONTIERA: «DI NUOVO SUL CAMPO PER TUTELARE SALUTE E ACCOGLIENZA»

E poi il ricordo di un anniversario importante, una data in cui doveva cambiare tutto ma in sostanza non cambiò niente. Anzi. «Dal 3 ottobre 2013, anniversario della strage nel canale di Lampedusa l’Italia con grande civiltà ha attuato un giro di vite e ha messo in campo l’operazione Mare Nostrum per evitare il ripetersi di simili tragedie. Operazione in un primo momento molto criticata ma poi condivisa dal resto d’Europa attraverso altre operazioni analoghe. Ma proprio da quel giorno, paradossalmente, sono aumentati i naufragi e i morti. Questo succede perché i trafficanti approfittando della presenza dei soccorsi a poche miglia dalla costa libica hanno cominciato a usare questi pericolosissimi gommoni. Siamo quindi davanti a malattie “nuove” – la malattia dei gommoni, l’ipotermia, la disidratazione, la scabbia (che è facilmente curabile) –  ma la più grave malattia che siamo costretti ad affrontare è la loro devastazione psichica. Queste persone, come sapete, scappano da guerre, torture, da persecuzioni religiose e di altro tipo, scappano nel deserto – dove ne muoiono tantissimi – poi arrivano in Libia vale a dire nell’inferno più totale dove le donne vengono violentate e gli uomini torturati».

E come possono i nuovi medici, che si approcciano per la prima volta a questo fenomeno, riuscire a gestirlo? «Attraverso corsi di formazione ad hoc, che mi hanno subito trovato disponibile a condividere quello che ho appreso in questi 25 anni. Per approcciarsi correttamente al fenomeno bisogna avere le competenze più disparate, non solo strettamente mediche, perché queste persone non portano malattie gravi o preoccupanti per il territorio nazionale, ma un profondo disagio e stress psicologico, quello sì. Inoltre, è compito del medico intervenire affinché vengano eliminate quelle ostilità così diffuse dovute alla cattiva informazione e al terrorismo mediatico ad opera di alcuni politici. Le persone non sono cattive, neanche quelle che alzano barricate o quelle che fabbricano molotov, sono state semplicemente mal informate e manipolate. E il nostro compito è cercare con tutti i mezzi che abbiamo a disposizione (io l’ho fatto con il film “Fuocoammare”, e con il libro “Lacrime di sale”) di far cadere questi pregiudizi».

Articoli correlati
I migranti non trasmettono malattie ma hanno difficoltà ad accedere alle cure: tutti i dati del rapporto Oms
I risultati del primo 'Rapporto sulla salute dei rifugiati e dei migranti nella Regione Europea dell'Oms' presentati oggi alla presenza del ministro Giulia Grillo. «A volte abbiamo preconcetti sulla salute dei migranti, ma ora abbiamo concrete basi scientifiche per ridurre i miti a riguardo», è il commento di Piroska Östlin, vicedirettore dell'OMS Europa in merito al Rapporto sulla salute dei rifugiati e dei migranti nella Regione Europea dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
Studentessa racconta su Fb intervento del medico di Lampedusa Pietro Bartolo e post diventa virale: «Questa cosa ve la devo troppo raccontare…»
Virginia Di Vivo, studentessa parmense, ha raccontato l’intervento di Pietro Bartolo al congresso studentesco degli studenti di Medicina. Il racconto delle cure ai migranti sul ‘fronte’ di Lampedusa ha catturato l’attenzione della rete: 30mila like e 32mila condivisioni
Allarme morbillo a New York, 285 i casi in città. Dichiarato lo stato d’emergenza sanitaria
Il timore è che l'epidemia, partita da Brooklyn, possa diffondersi al resto della metropoli. Il sindaco De Blasio ha scelto la linea dura. «Il vaccino contro il morbillo funziona - l'appello del sindaco - è sicuro, è efficace e salva la vita»
Carenza specialisti, Foad Aodi (Amsi e Omceo Roma): «Meno 60mila specialisti nel 2025, investire sui giovani medici e stabilizzare i colleghi stranieri presenti in Italia»
Si parlerà anche della carenza di medici specialisti e di Medicina Generale, e delle possibili soluzioni, al tavolo tecnico di prossima istituzione presso il Ministero della Salute, che coinvolgerà la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo) e l’Associazione Medici stranieri in Italia (Amsi), e che sarà dedicato a Sanità e […]
Padova ospita il primo Festival della salute globale. Si parlerà di medicina, disuguaglianze e migrazioni
Lo scopo del Festival della salute globale, con Walter Ricciardi come direttore scientifico e Stefano Vella come condirettore, è far dialogare medici, scienziati, studiosi su una delle grandi sfide della medicina moderna: combattere le diseguaglianze nell’accesso alla salute. Per questo, si discuterà anche di migranti, salute e fake news con la Onlus Sanità di Frontiera che presenterà il nuovo magazine "Corriere della Salute migrante"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...