Salute 24 Ottobre 2017 13:05

Migranti, nell’anniversario strage di Lampedusa Pietro Bartolo si racconta: «Io, in trincea da 25 anni e record infame sulle spalle»

Quattro anni fa il naufragio e la morte di 368 persone diede il via all’operazione Mare Nostrum: tra critiche e apertura, l’Italia ancora in prima linea nel salvataggio e nell’accoglienza. Il medico protagonista di ‘Fuocoammare’: «La realtà degli sbarchi edulcorata dai media. Necessario abbattere pregiudizi»

Ventisei anni al fronte. Un fronte che si chiama Lampedusa, e che ha la sua roccaforte presso la banchina del Molo Favaloro: punto di arrivo di oltre 300mila persone, un miraggio per tante, troppe anime che non ce l’hanno fatta. Per il dottor Pietro Bartolo, Responsabile Presidio Medico Lampedusa e protagonista del film documentario ‘Fuocoammare’, l’accoglienza e le cure ai migranti sono ormai pane quotidiano.

«A Lampedusa ci occupiamo del fenomeno dell’immigrazione approcciandolo non solo da un punto di vista sanitario ma anche umano, che è la cosa più importante. Un approccio che a noi non costa niente, e che per loro invece significa tanto. Sono reduci da torture e sofferenze immani, che i media, con i loro tempi ristretti, non riescono a raccontare e far comprendere fino in fondo. Ho battuto un record, un record infelice: sono il medico che ha fatto più ispezioni cadaveriche al mondo. Quelle che gestiamo sono situazioni particolarmente difficili. I gommoni utilizzati dai trafficanti sono in realtà canotti, gli basta un buco o un’onda per affondare».

LEGGI ANCHE: PIETRO BARTOLO, DOPO GLI OSCAR TORNA SANITÀ DI FRONTIERA: «DI NUOVO SUL CAMPO PER TUTELARE SALUTE E ACCOGLIENZA»

E poi il ricordo di un anniversario importante, una data in cui doveva cambiare tutto ma in sostanza non cambiò niente. Anzi. «Dal 3 ottobre 2013, anniversario della strage nel canale di Lampedusa l’Italia con grande civiltà ha attuato un giro di vite e ha messo in campo l’operazione Mare Nostrum per evitare il ripetersi di simili tragedie. Operazione in un primo momento molto criticata ma poi condivisa dal resto d’Europa attraverso altre operazioni analoghe. Ma proprio da quel giorno, paradossalmente, sono aumentati i naufragi e i morti. Questo succede perché i trafficanti approfittando della presenza dei soccorsi a poche miglia dalla costa libica hanno cominciato a usare questi pericolosissimi gommoni. Siamo quindi davanti a malattie “nuove” – la malattia dei gommoni, l’ipotermia, la disidratazione, la scabbia (che è facilmente curabile) –  ma la più grave malattia che siamo costretti ad affrontare è la loro devastazione psichica. Queste persone, come sapete, scappano da guerre, torture, da persecuzioni religiose e di altro tipo, scappano nel deserto – dove ne muoiono tantissimi – poi arrivano in Libia vale a dire nell’inferno più totale dove le donne vengono violentate e gli uomini torturati».

E come possono i nuovi medici, che si approcciano per la prima volta a questo fenomeno, riuscire a gestirlo? «Attraverso corsi di formazione ad hoc, che mi hanno subito trovato disponibile a condividere quello che ho appreso in questi 25 anni. Per approcciarsi correttamente al fenomeno bisogna avere le competenze più disparate, non solo strettamente mediche, perché queste persone non portano malattie gravi o preoccupanti per il territorio nazionale, ma un profondo disagio e stress psicologico, quello sì. Inoltre, è compito del medico intervenire affinché vengano eliminate quelle ostilità così diffuse dovute alla cattiva informazione e al terrorismo mediatico ad opera di alcuni politici. Le persone non sono cattive, neanche quelle che alzano barricate o quelle che fabbricano molotov, sono state semplicemente mal informate e manipolate. E il nostro compito è cercare con tutti i mezzi che abbiamo a disposizione (io l’ho fatto con il film “Fuocoammare”, e con il libro “Lacrime di sale”) di far cadere questi pregiudizi».

Articoli correlati
Muro di Berlino, Foad Aodi (Amsi): «Dopo 32 anni il 40% dei sanitari dell’est è ritornato a casa»
Amsi, Umem e Movimento Uniti per Unire: «Dopo anni ci sono ancora muri mentali e materiali nel mondo, chi era povero è diventato ricco e meno altruista»
Minori stranieri non accompagnati tra vulnerabilità e resilienza. CISMAI presenta percorsi di accoglienza, presa in carico, tutela e cura
Il volume, ultima pubblicazione di una collana FrancoAngeli interamente curata da CISMAI, offre una panoramica sul tema dei minori stranieri che affrontano un viaggio pieno di aspettative e speranze, abbracciando la complessità del fenomeno dal punto di vista psicologico, normativo, socio-educativo e specialistico
Immigrazione, Aodi (Amsi): «Solo il 7% di 800.000 persone senza tessera sanitaria ha il green pass»
Solo in 13 regioni su 21 si possono effettuare vaccini per irregolari, ribadisce Aodi (AMSI) e denuncia i ritardi nelle vaccinazioni nei paesi più poveri
Migranti e salute, presentata l’edizione 2020 del Corriere della Salute di Sanità di Frontiera
Siamo davvero invasi dai migranti? Chi viene nel nostro Paese ci ruba il lavoro? Sono dei privilegiati e hanno accesso a servizi preclusi, invece, agli italiani? Sono queste alcune delle domande a cui l’edizione 2020 de “Il Corriere della Salute di tutti”, la rivista di Sanità di Frontiera, intende dare una risposta
Covid-19, stretta sulla movida: discoteche chiuse e mascherine obbligatorie anche all’aperto
In Italia aumentano i contagi e scende l'età media dei contagiati, con forme anche severe. Le disposizioni per contenere la diffusione del virus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...