Salute 13 aprile 2018

Mese del Cuore, check-up gratuiti in 7 città italiane. Francesco Landi (Gemelli): «La prevenzione significa salute»

L’edizione 2018 della campagna di sensibilizzazione sui principali fattori di rischio cardiovascolare ha già aperto i battenti e proseguirà fino al mese di giugno

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Pressione arteriosa, glicemia, colesterolo, indice di massa corporea, stile di vita, abitudini alimentari, parametri di performance funzionale. Sono questi i sette fattori che analizzeremo per misurare il rischio cardiovascolare di ogni singolo paziente». A descrivere nel dettaglio le attività di screening previste per il Mese del Cuore è Francesco Landi, geriatra del Policlinico A. Gemelli e docente di Medicina Interna e Geriatria presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica.

L’edizione 2018 della campagna di sensibilizzazione sui principali fattori di rischio cardiovascolare ha già aperto i battenti e proseguirà fino al mese di giugno. In occasione della sua quarta edizione, per la prima volta, il Mese del Cuore viaggerà dal nord al sud della penisola. L’iniziativa di prevenzione promossa da Danacol in collaborazione con il Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma, farà tappa in 7 città italiane: approderà a Milano, Roma, Napoli e Messina, poi, raggiungerà Ancona, Ferrara e Firenze.

LEGGI ANCHE: «CARDIOMIOPATIE INCUBO PER SPORTIVI. MA LA SCUOLA ITALIANA È LA PIÙ VIRTUOSA AL MONDO». L’INTERVISTA AL PROFESSOR CECCHI, CARDIOLOGO UNIVERSITÀ FIRENZE

«Un viaggio – ha spiegato Francesco Landi  – ideato per diffondere, attraverso il check-up gratuito, l’importanza della prevenzione. Valuteremo i sette fattori di rischio cardiovascolare, che riguardano la salute del cuore, ma anche la salute in generale. Dall’abitudine al fumo, all’esercizio fisico, fino alla corretta alimentazione che prevede il consumo di 3-5 porzioni tra frutta e verdura al giorno. Faremo misurazioni dirette, come peso ed altezza per calcolare l’indice di massa corporea, rilevando eventuali situazioni di sovrappeso o obesità. Ancora, pressione arteriosa, colesterolo e glicemia. Aggiungeremo anche delle valutazioni che riguardano la perfomance fisica, come la forza muscolare, sia degli arti inferiori che superiori».

Al termine della visita specialistica ogni partecipante riceverà una scheda in cui saranno riportati i risultati delle valutazioni eseguite, corredati da consigli e raccomandazioni per un corretto stile di vita.

Partecipare è semplicissimo, basta una telefonata. «Per tutta la durata del progetto – ha spiegato Salvatore Castiglione, direttore Comunicazione di Danone Italia – le persone che desiderano prenotare il proprio appuntamento potranno telefonare al numero verde (800-08.77.80, attivo dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 16). Le visite si effettueranno tutte le settimane, nelle giornate di giovedì, venerdì e sabato. Sedi e orari per ogni città sono indicati nel sito danacol.it».

E chi desidera partecipare farà meglio ad aderire in fretta: «Lo scorso anno – ha sottolineato Castiglione –  nei primi tre giorni sono state raccolte oltre 1.500 prenotazioni».

«I risultati raggiunti, negli anni, grazie al progetto Mese del Cuore – ha aggiunto il direttore Comunicazione di Danone Italia – sono davvero straordinari. Sono state realizzate 8mila valutazioni da parte degli specialisti e 26mila autovalutazioni. Queste ultime possono essere effettuate da chiunque lo voglia visitando il sito viaggioalcuoredelproblema.it. Si tratta di dati importanti che ci permettono di fotografare la realtà italiana, facendo una stima del grado di consapevolezza, diffuso trai i  cittadini, su queste tematiche».

Mese del Cuore, infatti, non significa solo prevenzione, ma anche ricerca.  Il Professor Landi, con il suo team, ha pubblicato due studi sull’argomento. I risultati non sono incoraggianti e mettono in evidenza l’importanza delle iniziative di sensibilizzazione: gli italiani riconoscono l’importanza della prevenzione, ma sottovalutano il valore dei controlli periodici.

«È grazie alla prevenzione – ha commentato Francesco Landi – che la Sanità pubblica resterà sostenibile anche tra venti anni.  Fare un adeguato check-up tra i 40 e i 50 anni  – ha concluso il Professore – ci permetterà di prevenire non solo le malattie ma anche la disabilità».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Gelo nemico del cuore, freddo e fatica aumentano il rischio di infarto
La Società Italiana di Cardiologia conferma: relazione pericolosa tra bassa temperatura e sforzo fisico, che fa salire al 34% il pericolo di infarto in pazienti ad alto rischio cardiovascolare. Indolfi (Sic): «questo vale per i soggetti che non sono in salute e che presentano fattori di rischio cardiovascolare»
di Lucia Oggianu
Change in Cardiology: a Torino cardiologi da tutto il mondo analizzano evoluzioni, cambiamenti e nuove terapie
L’incidenza delle malattie cardiovascolari a livello mondiale in termini di mortalità è del 36% nonostante una riduzione del 25% negli ultimi 20 anni. Numeri ancora allarmanti che richiedono innovazione nel modo di fare formazione, con un approccio a 360°, multidisciplinare e interattivo. Con questa premessa si apre la prima edizione di Change in Cardiology, il […]
Ad ognuno il suo sport, ma decide la genetica. Il medico del Napoli: «Se sbagliata, l’attività fisica può far male»
Sulle morti improvvise dei calciatori, il dottor Alfonso De Nicola dichiara: «In rari casi può succedere, ma la tecnologia ci può aiutare a prevenirle»
“Al cuore del diabete”: a Roma la campagna di informazione ai cittadini
Il 19 dicembre 2018, alle ore 11.00, presso la Sala della Presidenza dell’ANCI (2° piano – via dei Prefetti 46) si terrà l’incontro “Al cuore del diabete”, la campagna di informazione ai cittadini sulla prevenzione del rischio cardiovascolare nelle persone con diabete. Le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte nelle persone con diabete di tipo 2: […]
Il Campus Biomedico Roma inaugura centro senologia in Palestina
Prima, per curare un tumore del seno o eseguire un controllo diagnostico dovevano andare all’estero. Ora, le donne palestinesi potranno farlo nella loro terra, grazie al primo e unico centro senologico multidisciplinare del proprio Paese, nell’ospedale di Beit Jala. Il centro è nato grazie alla collaborazione tra l’Ufficio di Gerusalemme dell’Aics (Agenzia italiana della cooperazione allo sviluppo), Elis […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano