Salute 13 Aprile 2018 10:00

Mese del Cuore, check-up gratuiti in 7 città italiane. Francesco Landi (Gemelli): «La prevenzione significa salute»

L’edizione 2018 della campagna di sensibilizzazione sui principali fattori di rischio cardiovascolare ha già aperto i battenti e proseguirà fino al mese di giugno

di Isabella Faggiano
Mese del Cuore, check-up gratuiti in 7 città italiane. Francesco Landi (Gemelli): «La prevenzione significa salute»

«Pressione arteriosa, glicemia, colesterolo, indice di massa corporea, stile di vita, abitudini alimentari, parametri di performance funzionale. Sono questi i sette fattori che analizzeremo per misurare il rischio cardiovascolare di ogni singolo paziente». A descrivere nel dettaglio le attività di screening previste per il Mese del Cuore è Francesco Landi, geriatra del Policlinico A. Gemelli e docente di Medicina Interna e Geriatria presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica.

L’edizione 2018 della campagna di sensibilizzazione sui principali fattori di rischio cardiovascolare ha già aperto i battenti e proseguirà fino al mese di giugno. In occasione della sua quarta edizione, per la prima volta, il Mese del Cuore viaggerà dal nord al sud della penisola. L’iniziativa di prevenzione promossa da Danacol in collaborazione con il Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma, farà tappa in 7 città italiane: approderà a Milano, Roma, Napoli e Messina, poi, raggiungerà Ancona, Ferrara e Firenze.

LEGGI ANCHE: «CARDIOMIOPATIE INCUBO PER SPORTIVI. MA LA SCUOLA ITALIANA È LA PIÙ VIRTUOSA AL MONDO». L’INTERVISTA AL PROFESSOR CECCHI, CARDIOLOGO UNIVERSITÀ FIRENZE

«Un viaggio – ha spiegato Francesco Landi  – ideato per diffondere, attraverso il check-up gratuito, l’importanza della prevenzione. Valuteremo i sette fattori di rischio cardiovascolare, che riguardano la salute del cuore, ma anche la salute in generale. Dall’abitudine al fumo, all’esercizio fisico, fino alla corretta alimentazione che prevede il consumo di 3-5 porzioni tra frutta e verdura al giorno. Faremo misurazioni dirette, come peso ed altezza per calcolare l’indice di massa corporea, rilevando eventuali situazioni di sovrappeso o obesità. Ancora, pressione arteriosa, colesterolo e glicemia. Aggiungeremo anche delle valutazioni che riguardano la perfomance fisica, come la forza muscolare, sia degli arti inferiori che superiori».

Al termine della visita specialistica ogni partecipante riceverà una scheda in cui saranno riportati i risultati delle valutazioni eseguite, corredati da consigli e raccomandazioni per un corretto stile di vita.

Partecipare è semplicissimo, basta una telefonata. «Per tutta la durata del progetto – ha spiegato Salvatore Castiglione, direttore Comunicazione di Danone Italia – le persone che desiderano prenotare il proprio appuntamento potranno telefonare al numero verde (800-08.77.80, attivo dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 16). Le visite si effettueranno tutte le settimane, nelle giornate di giovedì, venerdì e sabato. Sedi e orari per ogni città sono indicati nel sito danacol.it».

E chi desidera partecipare farà meglio ad aderire in fretta: «Lo scorso anno – ha sottolineato Castiglione –  nei primi tre giorni sono state raccolte oltre 1.500 prenotazioni».

«I risultati raggiunti, negli anni, grazie al progetto Mese del Cuore – ha aggiunto il direttore Comunicazione di Danone Italia – sono davvero straordinari. Sono state realizzate 8mila valutazioni da parte degli specialisti e 26mila autovalutazioni. Queste ultime possono essere effettuate da chiunque lo voglia visitando il sito viaggioalcuoredelproblema.it. Si tratta di dati importanti che ci permettono di fotografare la realtà italiana, facendo una stima del grado di consapevolezza, diffuso trai i  cittadini, su queste tematiche».

Mese del Cuore, infatti, non significa solo prevenzione, ma anche ricerca.  Il Professor Landi, con il suo team, ha pubblicato due studi sull’argomento. I risultati non sono incoraggianti e mettono in evidenza l’importanza delle iniziative di sensibilizzazione: gli italiani riconoscono l’importanza della prevenzione, ma sottovalutano il valore dei controlli periodici.

«È grazie alla prevenzione – ha commentato Francesco Landi – che la Sanità pubblica resterà sostenibile anche tra venti anni.  Fare un adeguato check-up tra i 40 e i 50 anni  – ha concluso il Professore – ci permetterà di prevenire non solo le malattie ma anche la disabilità».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Osteosarcopenia: cosa fare quando ossa e muscoli non godono di buona salute
In Italia 5 milioni di persone sono affette da osteoporosi. La perdita di massa ossea e di quella muscolare sono processi fisiologici, ma entrambi concorrono a determinare un aumento della fragilità e del rischio fratture. Fondamentale la prevenzione con un corretto stile di vita, attività fisica e acquisizione di calcio, proteine e soprattutto vitamina D
Liste d’attesa: SSN investe sugli ambulatori specialistici accreditati per snellirle
Marino (Unindustria Lazio): «L’accordo tra Ministero della Salute e Regioni è quasi concluso. Presto i cittadini avranno un accesso più rapido alle prestazioni. Ora, il Governo offra un ruolo attivo agli ambulatori specialistici privati-accreditati nella realizzazione del PNRR»
Aprile mese della prevenzione dell’ictus, SIN e ISA: «Come riconoscere precocemente i fattori di rischio»
Ci sono fattori di rischio modificabili - legati allo stile di vita - e non modificabili per condizioni patologiche
“Nei…nostri pensieri”, la prevenzione dei melanomi arriva al cuore delle periferie
La campagna organizzata dall’Associazione Terra e Vita sarà «la prima di una lunga serie, per non lasciare indietro nessuno e sensibilizzare le istituzioni sui bisogni di salute delle fasce deboli»
Pomodori, tè verde, vino rosso: tutti i super food per prevenire e combattere il tumore alla prostata
Gli andrologi della SIA: «Riduzione del rischio fino all’80%. Effetto booster anche su efficacia terapie»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi