Salute 13 Aprile 2018

Mese del Cuore, check-up gratuiti in 7 città italiane. Francesco Landi (Gemelli): «La prevenzione significa salute»

L’edizione 2018 della campagna di sensibilizzazione sui principali fattori di rischio cardiovascolare ha già aperto i battenti e proseguirà fino al mese di giugno

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Pressione arteriosa, glicemia, colesterolo, indice di massa corporea, stile di vita, abitudini alimentari, parametri di performance funzionale. Sono questi i sette fattori che analizzeremo per misurare il rischio cardiovascolare di ogni singolo paziente». A descrivere nel dettaglio le attività di screening previste per il Mese del Cuore è Francesco Landi, geriatra del Policlinico A. Gemelli e docente di Medicina Interna e Geriatria presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica.

L’edizione 2018 della campagna di sensibilizzazione sui principali fattori di rischio cardiovascolare ha già aperto i battenti e proseguirà fino al mese di giugno. In occasione della sua quarta edizione, per la prima volta, il Mese del Cuore viaggerà dal nord al sud della penisola. L’iniziativa di prevenzione promossa da Danacol in collaborazione con il Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma, farà tappa in 7 città italiane: approderà a Milano, Roma, Napoli e Messina, poi, raggiungerà Ancona, Ferrara e Firenze.

LEGGI ANCHE: «CARDIOMIOPATIE INCUBO PER SPORTIVI. MA LA SCUOLA ITALIANA È LA PIÙ VIRTUOSA AL MONDO». L’INTERVISTA AL PROFESSOR CECCHI, CARDIOLOGO UNIVERSITÀ FIRENZE

«Un viaggio – ha spiegato Francesco Landi  – ideato per diffondere, attraverso il check-up gratuito, l’importanza della prevenzione. Valuteremo i sette fattori di rischio cardiovascolare, che riguardano la salute del cuore, ma anche la salute in generale. Dall’abitudine al fumo, all’esercizio fisico, fino alla corretta alimentazione che prevede il consumo di 3-5 porzioni tra frutta e verdura al giorno. Faremo misurazioni dirette, come peso ed altezza per calcolare l’indice di massa corporea, rilevando eventuali situazioni di sovrappeso o obesità. Ancora, pressione arteriosa, colesterolo e glicemia. Aggiungeremo anche delle valutazioni che riguardano la perfomance fisica, come la forza muscolare, sia degli arti inferiori che superiori».

Al termine della visita specialistica ogni partecipante riceverà una scheda in cui saranno riportati i risultati delle valutazioni eseguite, corredati da consigli e raccomandazioni per un corretto stile di vita.

Partecipare è semplicissimo, basta una telefonata. «Per tutta la durata del progetto – ha spiegato Salvatore Castiglione, direttore Comunicazione di Danone Italia – le persone che desiderano prenotare il proprio appuntamento potranno telefonare al numero verde (800-08.77.80, attivo dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 16). Le visite si effettueranno tutte le settimane, nelle giornate di giovedì, venerdì e sabato. Sedi e orari per ogni città sono indicati nel sito danacol.it».

E chi desidera partecipare farà meglio ad aderire in fretta: «Lo scorso anno – ha sottolineato Castiglione –  nei primi tre giorni sono state raccolte oltre 1.500 prenotazioni».

«I risultati raggiunti, negli anni, grazie al progetto Mese del Cuore – ha aggiunto il direttore Comunicazione di Danone Italia – sono davvero straordinari. Sono state realizzate 8mila valutazioni da parte degli specialisti e 26mila autovalutazioni. Queste ultime possono essere effettuate da chiunque lo voglia visitando il sito viaggioalcuoredelproblema.it. Si tratta di dati importanti che ci permettono di fotografare la realtà italiana, facendo una stima del grado di consapevolezza, diffuso trai i  cittadini, su queste tematiche».

Mese del Cuore, infatti, non significa solo prevenzione, ma anche ricerca.  Il Professor Landi, con il suo team, ha pubblicato due studi sull’argomento. I risultati non sono incoraggianti e mettono in evidenza l’importanza delle iniziative di sensibilizzazione: gli italiani riconoscono l’importanza della prevenzione, ma sottovalutano il valore dei controlli periodici.

«È grazie alla prevenzione – ha commentato Francesco Landi – che la Sanità pubblica resterà sostenibile anche tra venti anni.  Fare un adeguato check-up tra i 40 e i 50 anni  – ha concluso il Professore – ci permetterà di prevenire non solo le malattie ma anche la disabilità».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Anticoagulanti, studio EMIT: con edoxaban basso rischio di sanguinamento o ischemia peri-procedurale. Colonna (Cardiologo): «Indicazione importante per i clinici»
Lo studio dimostra che la somministrazione peri-procedurale di edoxaban in pazienti europei ultrasettantenni affetti da fibrillazione atriale o tromboembolia venosa sottoposti a procedure diagnostiche o terapeutiche è associato ad un rischio pari allo 0,4% di emorragie maggiori e di ictus o ischemia dello 0,6%
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti, Inviati a Lisbona
Fibrillazione atriale, Grimaldi (cardiologo): «Dati dimostrano che trattamento non interrotto con edoxaban è sicuro nei pazienti sottoposti ad ablazione»
Lo studio ELIMINATE è stato presentato al Congresso EHRA 2019 di Lisbona ad un simposio della Daiichi Sankyo. Il cardiologo dell'Ospedale “F. Miulli” di Acquaviva delle Fonti Massimo Grimaldi: «Importante proteggere il paziente dalle ischemie cerebrali senza però aumentare il rischio di emorragie maggiori»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti - inviati a Lisbona
Cardiologia, a Lisbona tutti i segreti delle aritmie. Il presidente EHRA: «Stiamo entrando in una nuova epoca»
Al congresso della European Heart Rhythm Association, oltre 4mila professionisti provenienti da tutto il mondo per confrontarsi su elettrofisiologia, fibrillazione atriale e ablazione transcatetere
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone - inviati a Lisbona
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Defibrillatori e Pacemaker impiantabili, una cuffia abbatte fino al 90% le infezioni CIED ospedaliere
Nell’impianto di pacemaker e defibrillatori (Cied) le infezioni batteriche nella tasca chirurgica vengono abbattute al 61% se i dispositivi vengono prima avvolti in una membrana hi tech, impregnata da antibiotici a rilascio controllato, del costo di 1.000 euro. Un risultato enorme per vite umane salvabili (in Italia alcune migliaia di morti all’anno) e per abbattimento […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone