Salute 26 Settembre 2019 15:40

Medicina solidale, Padre Trani: «Farmacia di strada punto di riferimento medico e farmacologico per i poveri sul territorio»

«Nella farmacia di strada lavorano tante persone di vari settori e di buona volontà che si dedicano a chi ha bisogno e si impegnano per far confluire e poi distribuire i farmaci indispensabili per le patologie più importanti» le parole di Padre Vittorio Trani, Cappellano del carcere Regina Coeli

A volte basta un analgesico per il mal di testa o un banale controllo pressorio, ma spesso c’è bisogno di una terapia farmacologica più complessa, come l’insulina per un diabetico. La prima “farmacia di strada” è nata per assistere e curare le persone in difficoltà, deboli e bisognose. E nel processo di cura i farmaci sono fondamentali. Ed è così che a Trastevere, in via della Lungara a Roma, a due passi dal carcere di Regina Coeli e nella sede del Centro di accoglienza della VO.RE.CO Onlus – grazie all’accordo tra Assogenerici, Fofi (Federazione ordine farmacisti italiani), fondazione Banco farmaceutico e Medicina solidale – l’ambulatorio gestito dall’Istituto di Medicina Solidale Onlus (IMES) per il soccorso agli indigenti sarà in grado di garantire anche la copertura farmacologica a tutti i pazienti che ne faranno richiesta.

L’Associazione VO.RE.CO. Onlus – sta per “Volontari Regina Coeli” – opera all’interno del carcere di prima accoglienza della capitale, dove offre sostegno morale e materiale ai detenuti, e all’esterno nel “Centro VO.RE.CO.” per l’accoglienza e l’aiuto alle persone in difficoltà. Il Fondatore è Padre Vittorio Trani dell’Ordine dei Francescani Conventuali, da quarant’anni cappellano dello storico penitenziario romano, ubicato tra il Vaticano e Trastevere. A Sanità Informazione, il sacerdote, arrivato a Regina Coeli nel 1978, riassume le attività della Onlus per carcerati, senzatetto e indigenti.

Come si sviluppa il suo impegno concreto e quotidiano nei confronti di chi ha bisogno?

«Io quotidianamente sono a Regina Coeli e dormo anche là. Sono 41 anni che faccio il cappellano. All’interno della Casa Circondariale Regina Coeli ho messo su l’associazione di volontariato Vo.Re.Co Onlus: ci lavorano 120 persone che collaborano con me per quanto attiene la sfera religiosa e danno sostegno materiale e morale ai detenuti. Inoltre, all’esterno, sette anni fa è nato il “Centro VO.RE.CO.” per l’accoglienza e l’aiuto alle persone in difficoltà, persone disagiate ed ex detenuti. Nato inizialmente come punto d’appoggio per il carcere, si è trasformato pian piano in un piccolo ponte di riferimento per le persone che sono sulla strada, stranieri ma anche italiani senza fissa dimora. E quindi abbiamo messo su una serie di servizi per queste persone che si trovano lungo il fiume e sotto i ponti. Forniamo le cose più importanti: cibo, vestiario e alloggio per dormire a 20-30 persone. Poi, il centro piano piano ha inserito il servizio di assistenza medica, “l’ambulatorio di strada S. Francesco” con diverse figure di medici: chirurgo, otorino, urologo, ginecologo, cardiologo, psicologo ma anche avvocato e sindacato. I servizi di cui i poveri hanno bisogno e in altro modo non potrebbero avere».

Quanto è importante il punto di appoggio per la salute e, in particolare, la distribuzione dei farmaci?

«Apriamo un capitolo a parte su questo. Si tratta di un argomento molto delicato: ci sono situazioni paradossali. Ed è per questo che creare, almeno in parte, un punto di riferimento dal punto di vista medico e farmacologico a tutti i pazienti è qualcosa di straordinario per questa gente. Spesso, qui nell’ambulatorio, capita qualche situazione drammatica per cui bisogna intervenire e comprare la medicina specifica per il paziente. Esistono situazioni delicatissime di salute. Quindi ben venga questa iniziativa che permette di intervenire a livello sistematico. La farmacia di strada è un punto di riferimento per chi ha bisogno: ci lavorano tante persone di vari settori e di buona volontà che si impegnano per far confluire e poi distribuire i farmaci indispensabili per le patologie più importanti».

Articoli correlati
Medici di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi… Stressati 9 su 10. Pesano Covid, burocrazia e Whatsapp
Il malessere dei medici di famiglia, tra carenza di colleghi, difficoltà a trovare sostituti e una burocrazia sempre più elevata, «è palpabile» e arriva a sfiorare il 90% di professionisti. Lo dicono i sindacati, gli esperti di sanità, gli analisti del settore. E lo dicono i pensionamenti anticipati che crescono
di V.A.
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
Long Covid, come stanno gli italiani che lo hanno sviluppato nella prima ondata?
Sono passati più di tre anni da quando è scoppiata la pandemia nel Mondo e in Italia. Da allora sono circa 26 milioni gli italiani contagiati. «Nella maggior parte dei casi si guarisce dopo qualche mese, ma ci sono pazienti che anche a distanza di 3 anni continuano a stare male», racconta Matteo Tosato, responsabile dell'Unità operativa Day Hospital post-Covid, Fondazione Policlinico Gemelli Irccs di Roma
«Diritto alle cure a rischio senza personale», le richieste dei medici in piazza a Roma. E Schillaci convoca i sindacati
A Roma significativa adesione per la manifestazione dell’intersindacale medica convocata per denunciare le sempre più difficili condizioni di lavoro dei camici bianchi stretti tra turni massacranti e stipendi tra i più bassi d’Europa. Ben 8mila camici bianchi hanno lasciato il SSN tra il 2019 e il 2021
Da antipertensivi a ibuprofene, in Italia è allarme carenza farmaci
Antiepilettici, antidepressivi, diuretici, antipertensivi sono diventati quasi introvabili. Così come il paracetamolo e l'ibuprofene, in particolare ai dosaggi indicati per i bambini. In totale in Italia sarebbero circa 3mila i farmaci a rischio reperibilità. Le cause sono diverse e dipendono in parte dalla pandemia e in parte dall'attuale crisi internazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.