Salute 26 Settembre 2019 15:40

Medicina solidale, Padre Trani: «Farmacia di strada punto di riferimento medico e farmacologico per i poveri sul territorio»

«Nella farmacia di strada lavorano tante persone di vari settori e di buona volontà che si dedicano a chi ha bisogno e si impegnano per far confluire e poi distribuire i farmaci indispensabili per le patologie più importanti» le parole di Padre Vittorio Trani, Cappellano del carcere Regina Coeli

A volte basta un analgesico per il mal di testa o un banale controllo pressorio, ma spesso c’è bisogno di una terapia farmacologica più complessa, come l’insulina per un diabetico. La prima “farmacia di strada” è nata per assistere e curare le persone in difficoltà, deboli e bisognose. E nel processo di cura i farmaci sono fondamentali. Ed è così che a Trastevere, in via della Lungara a Roma, a due passi dal carcere di Regina Coeli e nella sede del Centro di accoglienza della VO.RE.CO Onlus – grazie all’accordo tra Assogenerici, Fofi (Federazione ordine farmacisti italiani), fondazione Banco farmaceutico e Medicina solidale – l’ambulatorio gestito dall’Istituto di Medicina Solidale Onlus (IMES) per il soccorso agli indigenti sarà in grado di garantire anche la copertura farmacologica a tutti i pazienti che ne faranno richiesta.

L’Associazione VO.RE.CO. Onlus – sta per “Volontari Regina Coeli” – opera all’interno del carcere di prima accoglienza della capitale, dove offre sostegno morale e materiale ai detenuti, e all’esterno nel “Centro VO.RE.CO.” per l’accoglienza e l’aiuto alle persone in difficoltà. Il Fondatore è Padre Vittorio Trani dell’Ordine dei Francescani Conventuali, da quarant’anni cappellano dello storico penitenziario romano, ubicato tra il Vaticano e Trastevere. A Sanità Informazione, il sacerdote, arrivato a Regina Coeli nel 1978, riassume le attività della Onlus per carcerati, senzatetto e indigenti.

Come si sviluppa il suo impegno concreto e quotidiano nei confronti di chi ha bisogno?

«Io quotidianamente sono a Regina Coeli e dormo anche là. Sono 41 anni che faccio il cappellano. All’interno della Casa Circondariale Regina Coeli ho messo su l’associazione di volontariato Vo.Re.Co Onlus: ci lavorano 120 persone che collaborano con me per quanto attiene la sfera religiosa e danno sostegno materiale e morale ai detenuti. Inoltre, all’esterno, sette anni fa è nato il “Centro VO.RE.CO.” per l’accoglienza e l’aiuto alle persone in difficoltà, persone disagiate ed ex detenuti. Nato inizialmente come punto d’appoggio per il carcere, si è trasformato pian piano in un piccolo ponte di riferimento per le persone che sono sulla strada, stranieri ma anche italiani senza fissa dimora. E quindi abbiamo messo su una serie di servizi per queste persone che si trovano lungo il fiume e sotto i ponti. Forniamo le cose più importanti: cibo, vestiario e alloggio per dormire a 20-30 persone. Poi, il centro piano piano ha inserito il servizio di assistenza medica, “l’ambulatorio di strada S. Francesco” con diverse figure di medici: chirurgo, otorino, urologo, ginecologo, cardiologo, psicologo ma anche avvocato e sindacato. I servizi di cui i poveri hanno bisogno e in altro modo non potrebbero avere».

Quanto è importante il punto di appoggio per la salute e, in particolare, la distribuzione dei farmaci?

«Apriamo un capitolo a parte su questo. Si tratta di un argomento molto delicato: ci sono situazioni paradossali. Ed è per questo che creare, almeno in parte, un punto di riferimento dal punto di vista medico e farmacologico a tutti i pazienti è qualcosa di straordinario per questa gente. Spesso, qui nell’ambulatorio, capita qualche situazione drammatica per cui bisogna intervenire e comprare la medicina specifica per il paziente. Esistono situazioni delicatissime di salute. Quindi ben venga questa iniziativa che permette di intervenire a livello sistematico. La farmacia di strada è un punto di riferimento per chi ha bisogno: ci lavorano tante persone di vari settori e di buona volontà che si impegnano per far confluire e poi distribuire i farmaci indispensabili per le patologie più importanti».

Articoli correlati
Enpam, per medici e dentisti via libera a domande per esonero contributi
L'Enpam avvia la procedura online per ricercare medici e odontoiatri potenzialmente beneficiari dell’esonero dei contributi previdenziali
Scarsa aderenza terapeutica, Stazi (cardiologo): «L’11% degli anziani deve prendere ogni giorno anche più di dieci farmaci»
«Per le dislipidemie e l’ipertensione sono già in commercio farmaci che da soli raggiungono l’effetto desiderato senza importanti conseguenze collaterali. Da preferire – spiega a Sanità Informazione - la polipillola, in modo da ridurre il numero di compresse assunte»
Distribuzione dei farmaci, interrogazione del Pd a Speranza: «Pazienti fragili a rischio, perché non applicare norme Dl Rilancio?»
In una interrogazione a prima firma Vito De Filippo si segnala anche che l’accesso l'accesso con modalità Spid ai piani terapeutici Aifa web based ha complicato la vita dei pazienti cronici
Come capire se un medico riceve (o riceverà) la giusta pensione
È possibile che un professionista sanitario che non esercita più riceva una pensione più bassa di quanto gli spetterebbe. Errori nelle pratiche amministrative possono portare ad una rata mensile sensibilmente meno corposa di quanto maturato. Abbiamo parlato con Francesco Russo, amministratore Con.Ser.Imp srl, studio associato a Consulcesi & Partners, per capire cosa deve fare un medico per farsi restituire quanto ingiustamente tolto
Dad per i figli dei sanitari, medici contrari. Anelli (Fnomceo): «Siamo sconcertati, ripristinare la deroga»
I figli dei professionisti sanitari erano stati esentati dalla didattica a distanza per dar modo ai genitori di non doversi assentare dal lavoro. Il dietrofront del ministero dell’Istruzione causa la protesta di medici e operatori sanitari e comitati di genitori, docenti e studenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...