Salute 17 Settembre 2019

Salute, nasce la prima farmacia di strada. A Trastevere raccolti oltre 80mila euro in medicinali

Gastroprotettori, analgesigici, antipiretici e antipertensivi: 9mila confezioni di medicinali a disposizione delle fasce più deboli della popolazione nella “farmacia di strada” ospitata all’interno del centro di accoglienza Vo.Re.Co Onlus di via della Lungara a Roma. Mandelli (Fofi): «Il farmacista è quel professionista dietro il banco disponibile sempre, senza appuntamento e senza chiedere permesso; si entra in tutte le farmacie in qualsiasi ora del giorno o della notte e si ha una risposta a qualsiasi problema di salute o personale»

Immagine articolo

Indigenti, senzatetto italiani e stranieri, poveri ed emarginati. La “farmacia di strada”, il progetto di solidarietà nato un anno fa dalla collaborazione tra Medicina Solidale (Imes) Assogenerici, Federazione Ordine dei farmacisti italiani (Fofi) e Fondazione Banco Farmaceutico (BF) ha raccolti i primi frutti: quasi 9mila confezioni di medicinali – analgesici, antipiretici, antipertensivi, gastrointestinali tra i più richiesti – donati dalle aziende farmaceutiche per le persone socialmente svantaggiate e fuori dall’assistenza sanitaria.

Un primo bilancio, tra la soddisfazione e l’emozione dei presenti, è stato fatto in occasione dell’inaugurazione del punto di dispensazione istituito presso il centro di accoglienza Vo.Re.Co. Onlus di Via della Lungara a Roma gestito dai volontari del carcere di Regina Coeli. Qui, ai più bisognosi sono offerti pasti caldi e vestiti e, da oggi, anche medicine. Ad affiancare i medici volontari dell’ambulatorio della Onlus ci saranno, infatti, anche i farmacisti. «Rappresento una categoria di professionisti da sempre vicina a chi ha bisogno, che non si tira mai indietro quando c’è da far la propria parte – ha ammesso Andrea Mandelli, Presidente Fofi (Federazione Ordini farmacisti Italiani) a margine della presentazione- . Il farmacista nel sociale c’è sempre stato e non fa fatica a essere presente oggi a dare il suo piccolo contributo. Quel professionista dietro il banco – ha specificato Mandelli – disponibile sempre senza un appuntamento o un permesso; si entra in tutte le farmacie in qualsiasi ora del giorno o della notte e si ha una risposta per un problema di salute e/o per problemi legati alla sfera personale».

I farmacisti volontari hanno gestito e organizzato il magazzino di Cinecittà a Roma dove sono stati raccolti i farmaci. I numeri dell’operazione sono stati forniti da Sergio Daniotti, Presidente della Fondazione  Banco Farmaceutico: «Noi storicamente siamo il ponte tra le aziende che donano i farmaci e gli enti caritatevoli che assistono i poveri – ha spiegato ai nostri microfoni – . Questo progetto ci piace in modo particolare perché possiamo chiedere alle aziende di donare farmaci in modo specifico per le esigenze dei pazienti che si rivolgeranno in questo punto di assistenza. Le aziende sono favorevoli a progetti in cui si conosce con certezza dove finisce il farmaco e si ha la sicurezza che venga effettivamente utilizzato. I dati del Banco Farmaceutico parlano di «settemila 500 confezioni di farmaci per un valore complessivo di quasi 67mila euro donati dalle aziende aderenti ad Assogenerici, più altre 1.566 confezioni del valore di circa 22mila euro donati da altre aziende che regolarmente collaborano con Bf, per un totale di 32 categorie terapeutiche coperte e 17 aziende donatrici».

A tirare le somme, con piacere, Lucia Ercoli, Responsabile sanitario di Medicina Solidale e responsabile scientifica del progetto: «La farmacia di strada è l’atto concreto di un percorso avviato già dal 2004; era chiaro dall’inizio che l’accesso ai farmaci non era per tutti – ha confessato a Sanità Informazione – . C’erano profonde disuguaglianze, non si garantiva il diritto fondamentale alla salute sancito dalla Costituzione. Per questo, abbiamo affiancato l’attività medica con l’erogazione dei farmaci per il periodo della cura. E così – ha proseguito Lucia Ercoli – è nata la collaborazione con il Banco farmaceutico che si è poi estesa grazie all’elemosiniere del Papa».

«Siamo stati accolti nel Colonnato per dare vita a un altro ambulatorio di strada e ci ha aiutato con i farmaci, perché parte di questi vengono proprio dalle donazioni dell’Elemosineria Apostolica. A questa nostra avventura – ha concluso – mancava una figura importante: il farmacista che dà il farmaco e ne spiega l’uso. Non è più il medico che lo vicaria, ma è lui che si riassume il suo ruolo. Con le donazioni aziendali dei farmaci generici di Assogenerici copriamo un fabbisogno vasto in tema di salute: dagli antibiotici agli antinfiammatori passando per i protettori gastrici e i farmaci pediatrici. Oggi, simbolicamente, si realizza un percorso che diventa più esplicito e funzionale, aperto alla città».

Articoli correlati
Ricerca, Di Francesco (Gruppo Chiesi): «Sviluppo farmaci richiede 12-15 anni, servono regole certe nel tempo»
In occasione dell’incontro “La ricerca e l’innovazione italiana, il valore della sostenibilità” il CEO del gruppo farmaceutico Ugo Di Francesco racconta il percorso che ha portato alla certificazione B Corporation: «Significa che l’azienda deve operare con un modello che da un lato deve generare un profitto e ritorno per gli azionisti ma allo stesso tempo deve restituire e generare valore per il mondo esterno»
Violenza in sanità, De Palma (Nursing Up): «Garantiremo copertura assicurativa contro le aggressioni»
L'80% degli infermieri intervistati ha confessato di aver subìto violenza sul luogo di lavoro. L'11% ha parlato di violenza fisica e il 4% ha riferito di essere stato minacciato con un’arma da fuoco. Il presidente del sindacato: «Lo Stato fa poco e il Ddl antiviolenza non è sufficiente. È necessario istituire osservatori e servizi di protezione del personale in tutte le aziende sanitarie». La presidente della Commissione Affari Sociali della Camera Lorefice: «Stiamo lavorando all'istituzione dell'osservatorio di monitoraggio del fenomeno e all'inasprimento delle pene, ma sappiamo che servono interventi strutturali»
Aggressioni al personale sanitario, Tommasa Maio (FIMMG): «Subito status pubblico ufficiale per medici»
Presentato al 76° Congresso FIMMG un 'video-denuncia': i camici bianchi che lavorano di notte il bersaglio principale
Congresso TSRM e PSTRP, parla Sergio Venturi: «Serve nuovo Patto tra professionisti della salute»
Dopo le polemiche della settimana scorsa torna a parlare l’assessore alla Sanità dell’Emilia Romagna: «Serve più clinica per i medici, più responsabilità per le professioni sanitarie. Sono sicuro che il Ministro della Salute partirà proprio da qui per dare vita a una grande conferenza nazionale per avviare questo processo»
di Giovanni Cedrone e Arnaldo Iodice
Influenza, vaccini gratis per i donatori di sangue
Dopo la positiva esperienza della scorsa stagione torna anche quest’anno la possibilità per i donatori di sangue di vaccinarsi contro l’influenza gratuitamente. Lo ricordano il Centro Nazionale Sangue e il Civis, il coordinamento delle associazioni, in occasione dell’avvio ufficiale della campagna vaccinale previsto per la prossima settimana. Proprio questa possibilità ha contribuito all’inizio del 2019 […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...