Salute 6 Febbraio 2019

Manifesto Fine Vita, infermieri in prima fila. Mangiacavalli (Fnopi): «Vogliamo firmare e partecipare a decisioni»

«Dignità, ascolto e rispetto, valori alla base del sapere e dell’agire infermieristico. Diamo avvio a rete per accesso alle cure palliative e terapia del dolore». Così la presidente Fnopi Barbara Mangiacavalli

Immagine articolo

«La nostra professione si realizza nell’incontro con l’assistito indipendentemente dal credo religioso, politico e dalle questioni di genere». Lo dichiara Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche a margine della presentazione a Roma del Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita, promosso dalla Asl Roma 1, l’Università Cattolica del Sacro Cuore e dal Tavolo Interreligioso di Roma.

In occasione dell’incontro che ha visto confrontarsi cristiani, ebrei, musulmani, induisti e buddisti sul delicato tema del Fine Vita, la presidente Fnopi ha sottolineato l’importanza della funzione dell’infermiere nell’alleanza terapeutica e quanto la categoria abbia un ruolo di primo piano non solo nell’approccio di cura, ma anche nel contatto umano con il paziente. «Ora dobbiamo dare applicazione a questo importante Manifesto – sottolinea -, bisogna dotarsi di concreti strumenti di lavoro e noi infermieri stiamo già facendo la nostra parte, ad esempio, sul fronte delle cure palliative, il cui accesso deve essere un diritto imprescindibile da tutelare in ogni sede».

LEGGI ANCHE: ANCHE GLI INFERMIERI FESTEGGIANO I 40 ANNI DEL SSN. MANGIACAVALLI (FNOPI): «SIAMO L’OSSATURA DEL SISTEMA. OCCORRE RIVEDERE COMPETENZE»

«Sicuramente la nostra professione ha un valore importantissimo nella relazione con l’assistito – prosegue -, perché l’assistenza infermieristica si realizza nell’incontro con l’altro e con tutto il suo insieme di valori, principi e diversità». Proprio per queste ragioni la Federazione «vuole aderire al Manifesto e sottoscriverlo il prima possibile per garantire i diritti, le cure, il rispetto e la dignità del paziente» che si trova nella fase finale della vita in strutture sanitarie.

«Il momento del Fine Vita è una fase particolarissima nel percorso di ogni persona indipendentemente dal suo credo religioso, sia essa adulta che bambina – prosegue la Mangiacavalli -. Ed è un momento in cui l’infermiere è presente, forse più di altre figure professionali, per ruolo, per funzione e per responsabilità assistenziale».

Per riuscire ad essere sempre all’altezza di questo compito «cerchiamo di migliorare e rendere più mature le nostre risorse – conclude -, grazie ad una formazione continua non solo sugli aspetti sanitari ma anche culturali, etici e deontologici».

Articoli correlati
Crisi di Governo, Nicola Draoli (FNOPI): «Provvedimenti fermi diventino agenda politica del futuro governo»
Dall’infermiere di famiglia all'intramoenia, la crisi ha bloccato alcuni provvedimenti importanti per gli infermieri. «Indipendentemente dal futuro del Governo abbiamo davvero una serie di percorsi importantissimi da concludere in fretta per i nostri cittadini» sottolinea Draoli
Meeting Salute 2019, a Rimini gli infermieri insegnano la buona salute alle famiglie
«La buona salute infatti si fa curando e assistendo i malati», si legge nel comunicato diffuso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI)
Piano liste di attesa, quattro regioni ancora inadempienti. Aceti (FNOPI): «Governo sia garante e controlli Piani regionali»
Sono 4 le Regioni che non hanno ancora adottato un proprio Piano Regionale di Governo delle Liste di Attesa: Provincia di Bolzano, Friuli-Venezia Giulia, Basilicata, Sardegna. Altre 5 lo hanno adottato solo tra giugno e luglio. Il portavoce FNOPI: «È necessario spiegare a livello nazionale, regionale e locale i contenuti e le novità che discendono da questa innovazione»
Fine vita, infermieri tracciano il loro percorso accanto ai pazienti. Mangiacavalli: «Nel Codice anche la clausola di coscienza»
La Federazione nazionale degli ordini degli infermieri mette a punto un documento di supporto alla legge 219/2017 in cui si traccia il percorso dell’assistenza al fine vita da parte degli infermieri, la categoria professionale più vicina ai pazienti e alle famiglie nel loro percorso
Aggressioni in corsia, al corso FNOPI-FNOMCeO si insegna la tecnica della de-escalation: disinnescare il conflitto si può
Obiettivo: diminuire la tensione. Dodici lezioni ECM audio e video corsi FAD, specifici e gratuiti, coordinati dal criminologo Massimo Picozzi per dire basta ad ogni forma di violenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone