Salute 6 Febbraio 2019 14:16

Manifesto Fine Vita, infermieri in prima fila. Mangiacavalli (Fnopi): «Vogliamo firmare e partecipare a decisioni»

«Dignità, ascolto e rispetto, valori alla base del sapere e dell’agire infermieristico. Diamo avvio a rete per accesso alle cure palliative e terapia del dolore». Così la presidente Fnopi Barbara Mangiacavalli

Manifesto Fine Vita, infermieri in prima fila. Mangiacavalli (Fnopi): «Vogliamo firmare e partecipare a decisioni»

«La nostra professione si realizza nell’incontro con l’assistito indipendentemente dal credo religioso, politico e dalle questioni di genere». Lo dichiara Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche a margine della presentazione a Roma del Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita, promosso dalla Asl Roma 1, l’Università Cattolica del Sacro Cuore e dal Tavolo Interreligioso di Roma.

In occasione dell’incontro che ha visto confrontarsi cristiani, ebrei, musulmani, induisti e buddisti sul delicato tema del Fine Vita, la presidente Fnopi ha sottolineato l’importanza della funzione dell’infermiere nell’alleanza terapeutica e quanto la categoria abbia un ruolo di primo piano non solo nell’approccio di cura, ma anche nel contatto umano con il paziente. «Ora dobbiamo dare applicazione a questo importante Manifesto – sottolinea -, bisogna dotarsi di concreti strumenti di lavoro e noi infermieri stiamo già facendo la nostra parte, ad esempio, sul fronte delle cure palliative, il cui accesso deve essere un diritto imprescindibile da tutelare in ogni sede».

LEGGI ANCHE: ANCHE GLI INFERMIERI FESTEGGIANO I 40 ANNI DEL SSN. MANGIACAVALLI (FNOPI): «SIAMO L’OSSATURA DEL SISTEMA. OCCORRE RIVEDERE COMPETENZE»

«Sicuramente la nostra professione ha un valore importantissimo nella relazione con l’assistito – prosegue -, perché l’assistenza infermieristica si realizza nell’incontro con l’altro e con tutto il suo insieme di valori, principi e diversità». Proprio per queste ragioni la Federazione «vuole aderire al Manifesto e sottoscriverlo il prima possibile per garantire i diritti, le cure, il rispetto e la dignità del paziente» che si trova nella fase finale della vita in strutture sanitarie.

«Il momento del Fine Vita è una fase particolarissima nel percorso di ogni persona indipendentemente dal suo credo religioso, sia essa adulta che bambina – prosegue la Mangiacavalli -. Ed è un momento in cui l’infermiere è presente, forse più di altre figure professionali, per ruolo, per funzione e per responsabilità assistenziale».

Per riuscire ad essere sempre all’altezza di questo compito «cerchiamo di migliorare e rendere più mature le nostre risorse – conclude -, grazie ad una formazione continua non solo sugli aspetti sanitari ma anche culturali, etici e deontologici».

Articoli correlati
Giornata vittime Covid, Fnopi: «D’accordo con Schillaci, ora la priorità è investire sul capitale umano»
Tra gli infermieri 90 decessi e oltre 390mila contagi, per chi ha accompagnato fino alla fine  le persone colpite più duramente dal virus
Infermieri, Fnopi: «Soddisfatti per estensione a 8 ore del tetto dell’attività libero professionale»
La Federazione degli Ordini degli Infermieri: «Strada intrapresa è corretta, ora investire per nuove assunzioni»
Comparto sanità, Nursind sindacato con più iscritti secondo dati Aran
«Siamo il primo sindacato infermieristico e il quarto del comparto sanità. La nostra organizzazione non solo è in crescita, ma è anche sempre più un punto di riferimento stabile nel panorama sindacale del settore». Lo afferma Andrea Bottega, segretario nazionale del Nursind, commentando i dati della certificazione della rappresentatività dell’Aran. Rispetto al triennio 2019-2021, il […]
Manovra, Guidolin (M5S): «Emendamento per inserire infermieri e OSS fra categorie usuranti»
«Contrariamente a quanto avvenuto durante il Governo Conte II, in questa legge di Bilancio le risorse destinate alla sanità sono insufficienti. Lavoreremo in Parlamento per migliorarla anche su questo aspetto» sottolinea la senatrice pentastellata
Ambrogino d’oro 2022 a Marisa Cantarelli, prima teorica italiana dell’assistenza infermieristica
È anche stata la prima in Italia a spostare il focus dell’assistenza dai compiti da assolvere alla persona da assistere, personalizzando in questo modo l’assistenza e apportando un contributo fondamentale per l’abolizione del mansionario e per la professionalizzazione degli infermieri italiani fino a favorire l’inserimento della formazione degli stessi in Università
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...