Lavoro 16 novembre 2018

Anche gli infermieri festeggiano i 40 anni del SSN. Mangiacavalli (FNOPI): «Siamo l’ossatura del Sistema. Occorre rivedere competenze»

La presidente della Federazione Nazionale delle Professioni Infermieristiche al compleanno del Sistema Sanitario Nazionale: «Siamo cresciuti insieme, ma adesso dobbiamo ragionare su bisogno di territorialità, domiciliarità e prossimità»

Immagine articolo

Ci sono 40 candeline sulla torta del Sistema Sanitario Nazionale. A soffiarle, tutti i protagonisti della sanità italiana, riuniti per l’occasione al Grand Hotel Plaza di Roma. Ognuno ha portato con sé il proprio bagaglio di esperienze, di proposte, di richieste, di dubbi e paure per il futuro. Ognuno ha guardato al ruolo ricoperto dalla propria categoria nei 40 anni passati, auspicando miglioramenti e progressi dell’intero Sistema per i 40 anni che verranno. Tra questi, anche gli infermieri, il 40% (numero ricorrente) del capitale umano del SSN, rappresentati da Barbara Mangiacavalli, presidente della FNOPI (Federazione Nazionale delle Professioni Infermieristiche).

LEGGI ANCHE: 40 ANNI SSN, FILIPPO ANELLI (FNOMCeO): «MEDICI HANNO SEMPRE GARANTITO DIRITTO ALLA SALUTE. ORA PERO’ GOVERNO INTERVENGA PER SCONGIURARE SCIOPERO»

Presidente Mangiacavalli, si festeggiano i 40 anni del Sistema Sanitario Nazionale. Se dovesse fare una sintesi di quella che è stata la funzione dell’infermiere in questi 40 anni, quale sarebbe?

«Gli infermieri hanno accompagnato sin dalla nascita questo Servizio Sanitario Nazionale, con cui sono quindi cresciuti. Cresciuti in termini numerici, di formazione, di competenza, di visibilità e di contributo ai risultati di salute del nostro Paese. La nostra sanità, tra mille difficoltà, continua a confermarsi ai primi posti mondiali, e questo non è un caso, ma il risultato del lavoro di tutte le professioni che sono dentro al SSN. Abbiamo scelto un Sistema Sanitario universalistico, in cui gli infermieri credono e intendono continuare a lavorare, affinché possa rispondere in maniera sempre più coerente ai bisogni dei cittadini, che sono profondamente mutati. E poi rappresentiamo l’ossatura del SSN, perché gli infermieri ne sono il 40% del capitale umano. Siamo presenti in tutti i livelli, nella clinica e nell’assistenza, ma anche ai livelli organizzativi e gestionali che sono sempre più rilevanti. Sono risultati, questi, che da soli testimoniano quanto gli infermieri siano cresciuti e abbiano fatto crescere il Servizio Sanitario Nazionale».

Lei parla di ossatura, ma pensa che l’infermiere debba avere un ruolo ancor più centrale nei confronti delle istituzioni, della politica ma anche dell’opinione pubblica?

«Indubbiamente sì, anche perché gli infermieri in questi ultimi 20 anni sono stati capaci di interrogarsi e di rivedersi profondamente. Il ruolo che avevano gli infermieri quando è nato il SSN non è il ruolo che hanno oggi, e ancora non hanno il ruolo che potrebbero avere, perché la potenzialità degli infermieri è enorme per il nostro sistema salute e per i nostri cittadini. Ormai da 20 anni abbiamo infermieri laureati e che seguono percorsi formativi universitari sempre più importanti e strutturati. Anche per questo occorrerebbe rivedere il mix di competenze per fare in modo che il cittadino abbia sempre medici, infermieri e altri professionisti eccellenti nel prendersi cura e prendersi in carico i suoi bisogni. Bisogni che, tra l’altro, sono sempre più complessi e quindi difficili da connotare rispetto ad un’unica professione».

Quale sarà il futuro dell’infermiere?

«L’infermiere accompagnerà il futuro del SSN e i bisogni di salute dei cittadini. Oggi già sappiamo che cosa succederà tra 10 o 20 anni. Non possiamo nascondere che viviamo in un Paese più vecchio, più solo e più povero. Questi sono elementi che devono far riflettere, anche da un punto di vista etico e deontologico, tutti i professionisti e le rappresentanze professionali che operano in questo Paese. Dobbiamo ragionare sui bisogni che avranno il nostro Paese e i nostri cittadini: abbiamo bisogno di territorialità, di domiciliarità, di prossimità, e questi sono campi di sviluppo importantissimi per la nostra professione. Sono campi dove gli infermieri hanno un vantaggio di competenze assoluto rispetto ad altri, perché gli infermieri sono nati per prendersi cura delle persone e dei loro bisogni di salute. Dove c’è un bisogno di salute, c’è un infermiere».

LEGGI ANCHE: INFERMIERE DI FAMIGLIA, MANGIACAVALLI (FNOPI): «PERCORSO FORMATIVO GIA’ ATTIVO. MANCA INCARDINARE QUESTO RUOLO NEL SSN»

Articoli correlati
40 anni SSN, il messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: «Servizio sanitario nazionale ci pone all’avanguardia nella comunità internazionale»
L’intervento del Capo dello Stato al termine dell’evento celebrativo a Roma: « Dobbiamo mantenere e migliorare questa condizione attraverso l'opera, l'impegno, la passione e la dedizione di coloro che a vario titolo fanno parte del Servizio sanitario nazionale»
40 anni SSN, Grillo: «No privatizzazione diritti fondamentali». Sulle aggressioni: «Più misure di sicurezza ma c’è problema sociale»
Davanti al Capo dello Stato il racconto di 40 anni di Servizio Sanitario Nazionale anche attraverso la testimonianza di persone comuni. Il Ministro della Salute ha chiesto l’appoggio dei Governatori «per combattere corruzione, malgoverno e promuovere servizi migliori»
“La rivoluzione della salute universale”, su Radio3 Scienza il racconto dei 40 anni del Sistema sanitario nazionale
15 puntate firmate da Silvia Bencivelli che racconta l’evoluzione della legge che ha reso finalmente concreto il diritto alla salute per tutti sancito dall’art. 32 della Costituzione
Siena, Nursing Up: «Alle Scotte infermieri costretti a fare letti, trasportare pazienti e portare prelievi in laboratorio»
Va avanti la dura presa di posizione del Nursing Up contro il demansionamento infermieristico: il sindacato di categoria denuncia in una lettera la grave situazione in cui operano i professionisti sanitari alle Scotte di Siena, dove, nel reparto di OBI/Medicina d’Urgenza, «sono costretti a lavare i letti di degenza per consentire il trasferimento dei pazienti […]
40 anni SSN, Filippo Anelli (FNOMCeO): «Medici hanno sempre garantito diritto alla salute. Ora però governo intervenga per scongiurare sciopero»
Kermesse organizzata al Plaza di Roma in occasione del quarantesimo della legge 833 del 1978. Oliveti (Enpam): «Prossime sfide sono quelle legate al cambiamento demografico e tecnologico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...