Lavoro 16 novembre 2018

Anche gli infermieri festeggiano i 40 anni del SSN. Mangiacavalli (FNOPI): «Siamo l’ossatura del Sistema. Occorre rivedere competenze»

La presidente della Federazione Nazionale delle Professioni Infermieristiche al compleanno del Sistema Sanitario Nazionale: «Siamo cresciuti insieme, ma adesso dobbiamo ragionare su bisogno di territorialità, domiciliarità e prossimità»

Immagine articolo

Ci sono 40 candeline sulla torta del Sistema Sanitario Nazionale. A soffiarle, tutti i protagonisti della sanità italiana, riuniti per l’occasione al Grand Hotel Plaza di Roma. Ognuno ha portato con sé il proprio bagaglio di esperienze, di proposte, di richieste, di dubbi e paure per il futuro. Ognuno ha guardato al ruolo ricoperto dalla propria categoria nei 40 anni passati, auspicando miglioramenti e progressi dell’intero Sistema per i 40 anni che verranno. Tra questi, anche gli infermieri, il 40% (numero ricorrente) del capitale umano del SSN, rappresentati da Barbara Mangiacavalli, presidente della FNOPI (Federazione Nazionale delle Professioni Infermieristiche).

LEGGI ANCHE: 40 ANNI SSN, FILIPPO ANELLI (FNOMCeO): «MEDICI HANNO SEMPRE GARANTITO DIRITTO ALLA SALUTE. ORA PERO’ GOVERNO INTERVENGA PER SCONGIURARE SCIOPERO»

Presidente Mangiacavalli, si festeggiano i 40 anni del Sistema Sanitario Nazionale. Se dovesse fare una sintesi di quella che è stata la funzione dell’infermiere in questi 40 anni, quale sarebbe?

«Gli infermieri hanno accompagnato sin dalla nascita questo Servizio Sanitario Nazionale, con cui sono quindi cresciuti. Cresciuti in termini numerici, di formazione, di competenza, di visibilità e di contributo ai risultati di salute del nostro Paese. La nostra sanità, tra mille difficoltà, continua a confermarsi ai primi posti mondiali, e questo non è un caso, ma il risultato del lavoro di tutte le professioni che sono dentro al SSN. Abbiamo scelto un Sistema Sanitario universalistico, in cui gli infermieri credono e intendono continuare a lavorare, affinché possa rispondere in maniera sempre più coerente ai bisogni dei cittadini, che sono profondamente mutati. E poi rappresentiamo l’ossatura del SSN, perché gli infermieri ne sono il 40% del capitale umano. Siamo presenti in tutti i livelli, nella clinica e nell’assistenza, ma anche ai livelli organizzativi e gestionali che sono sempre più rilevanti. Sono risultati, questi, che da soli testimoniano quanto gli infermieri siano cresciuti e abbiano fatto crescere il Servizio Sanitario Nazionale».

Lei parla di ossatura, ma pensa che l’infermiere debba avere un ruolo ancor più centrale nei confronti delle istituzioni, della politica ma anche dell’opinione pubblica?

«Indubbiamente sì, anche perché gli infermieri in questi ultimi 20 anni sono stati capaci di interrogarsi e di rivedersi profondamente. Il ruolo che avevano gli infermieri quando è nato il SSN non è il ruolo che hanno oggi, e ancora non hanno il ruolo che potrebbero avere, perché la potenzialità degli infermieri è enorme per il nostro sistema salute e per i nostri cittadini. Ormai da 20 anni abbiamo infermieri laureati e che seguono percorsi formativi universitari sempre più importanti e strutturati. Anche per questo occorrerebbe rivedere il mix di competenze per fare in modo che il cittadino abbia sempre medici, infermieri e altri professionisti eccellenti nel prendersi cura e prendersi in carico i suoi bisogni. Bisogni che, tra l’altro, sono sempre più complessi e quindi difficili da connotare rispetto ad un’unica professione».

Quale sarà il futuro dell’infermiere?

«L’infermiere accompagnerà il futuro del SSN e i bisogni di salute dei cittadini. Oggi già sappiamo che cosa succederà tra 10 o 20 anni. Non possiamo nascondere che viviamo in un Paese più vecchio, più solo e più povero. Questi sono elementi che devono far riflettere, anche da un punto di vista etico e deontologico, tutti i professionisti e le rappresentanze professionali che operano in questo Paese. Dobbiamo ragionare sui bisogni che avranno il nostro Paese e i nostri cittadini: abbiamo bisogno di territorialità, di domiciliarità, di prossimità, e questi sono campi di sviluppo importantissimi per la nostra professione. Sono campi dove gli infermieri hanno un vantaggio di competenze assoluto rispetto ad altri, perché gli infermieri sono nati per prendersi cura delle persone e dei loro bisogni di salute. Dove c’è un bisogno di salute, c’è un infermiere».

LEGGI ANCHE: INFERMIERE DI FAMIGLIA, MANGIACAVALLI (FNOPI): «PERCORSO FORMATIVO GIA’ ATTIVO. MANCA INCARDINARE QUESTO RUOLO NEL SSN»

Articoli correlati
Nursing Up cambia logo e offre nuovi servizi: «Siamo vicini agli infermieri anche fuori dal lavoro»
Restyling del logo e nuovi servizi a disposizione degli infermieri raccontati in un video online: queste le novità 2019 del sindacato di categoria Nursing Up, che intende affiancare alle sue battaglie storiche strumenti innovativi e di supporto ai professionisti della salute, e anche una rinnovata veste grafica. “Per i vent’anni di vita abbiamo deciso di […]
Manifesto Fine Vita, infermieri in prima fila. Mangiacavalli (Fnopi): «Vogliamo firmare e partecipare a decisioni»
«Dignità, ascolto e rispetto, valori alla base del sapere e dell'agire infermieristico. Diamo avvio a rete per accesso alle cure palliative e terapia del dolore». Così la presidente Fnopi Barbara Mangiacavalli
Fine vita, ecco il Manifesto Interreligioso: garantisce cure, dignità e supporto religioso nelle strutture sanitarie
Il Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita firmato oggi a Roma è costituito da nove punti ed è stato esposto da Angelo Tanese (Direttore generale Asl Roma 1) Pier Francesco Meneghini (Presidente Gmc – Università Cattolica del Sacro Cuore) e Maria Angela Falà (Presidente del Tavolo interreligioso di Roma). Presente anche Giulia Grillo
Cittadinanzattiva, Tonino Aceti lascia il coordinamento del Tribunale per i diritti del malato
Tonino Aceti lascia Cittadinzattiva e diventa il Portavoce della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI). Aceti ha ricoperto finora il ruolo di Coordinatore Nazionale del Tribunale per i diritti del malato e di Responsabile del Coordinamento nazionale delle Associazioni dei Malati Cronici di Cittadinanzattiva. È stato membro dell’Osservatorio Nazionale sulla condizione delle persone con disabilità presso il ministero […]
Stupra donna in coma, FNOPI: “Non è stato un infermiere ma un practical nurse”
Non è stato un infermiere ad aver stuprato e ingravidato una donna in coma in una struttura sanitaria di Phoenix, in Arizona. “Si tratta di un practical nurse, un operatore generico, non certo un infermiere iscritto a un albo professionale, con anni di università alle spalle e un severo codice deontologico da rispettare”. È questa […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...