Salute 14 Ottobre 2019 16:35

Il biochimico Sears: «Ecco le differenze tra la mia Dieta Zona e la Mima Digiuno»

Restrizione calorica, omega 3 e polifenoli: è la ricetta del ricercatore e biochimico americano, venuto a Roma per partecipare al Congresso Internazionale “La nutrizione negli anni 2000”, organizzato dall’Ordine Nazionale dei Biologi

Il biochimico Sears: «Ecco le differenze tra la mia Dieta Zona e la Mima Digiuno»

«Il primo beneficio è che si vive più a lungo, il secondo è che si vive meglio», si tratta della Dieta Zona e a parlare è Barry Sears, famoso ricercatore e biochimico americano presidente della Inflammation Research Foundation, specializzato nel controllo dietetico delle risposte ormonali e ideatore della seguitissima dieta. «Chi non vorrebbe vivere meglio e vivere più a lungo, aumentando la qualità di vita? – Domanda retoricamente il ricercatore ai microfoni di Sanità Informazione. «Questo è il beneficio. Migliore qualità di vita, una vita funzionale più lunga».

Il professor Sears, tra i massimi esperti nel campo del controllo della risposta ormonale attraverso la dieta, è stato tra i relatori del Congresso Internazionale “La nutrizione negli anni 2000”, organizzato a Roma dall’Ordine Nazionale dei Biologi. Il Congresso ha riunito ricercatori provenienti da tutto il mondo per fare il punto tra ciò che la scienza dell’Alimentazione ha convalidato sino ad oggi e gli scenari futuri. I lavori sono stati aperti dalle relazioni degli ideatori dei due regimi alimentari maggiormente utilizzati: la dieta Mima Digiuno del professor Valter Longo e appunto la Dieta a Zona di Barry Sears. A quest’ultimo, che abbiamo avuto l’occasione di intervistare, abbiamo chiesto quali sono le differenze sostanziali che ci sono tra i due modelli alimentari.

«Entrambi gli approcci alimentari hanno una cosa in comune: la restrizione calorica – ha spiegato il biochimico -. Minori le calorie assunte, maggiori sono la possibilità che il nostro organismo attivi dei processi di guarigione che consentono di affrontare le malattie croniche. Ma la differenza con la Dieta Zona è la restrizione calorica continua, senza fame né affaticamento. Il programma del dottor Longo prevede la possibilità di mangiare qualunque cosa per 25 giorni al mese e di limitare l’assunzione di calorie per 5 giorni. Sarebbe sufficiente questo. Io credo che un programma che limiti le calorie in modo continuo sia in grado di invertire il processo della malattia».

«Oltre alla dieta, – continua Sears, che spiega il ruolo chiave della Dieta Zona come strategia alimentare antinfiammatoria – ci sono altri due fattori chiave per attivare la risposta di guarigione dell’organismo: aggiungere alla dieta una quantità adeguata di acidi grassi omega 3, che sono gli elementi costitutivi di quegli ormoni che spengono l’infiammazione; il secondo fattore sono i polifenoli, quelle sostanze chimiche che danno alla frutta e alla verdura il loro colore, che sono necessari in quantità adeguata per riparare il danno che è stato causato dall’infiammazione».

LEGGI: CARNE SINTETICA, L’ALLARME DEI BIOLOGI. VILLARINI: «SERVONO STUDI CHE DIMOSTRINO CHE NON SONO NOCIVI ALLA SALUTE»

Un regime alimentare adatto anche ai più piccoli. «Quando il bambino ha meno di 9 mesi, quando è ancora nel grembo della madre, la dieta della mamma influenzerà molti fattori per tutta la vita del bambino. La Dieta Zona – continua Barry Sears – non è un programma alimentare per perdere peso, ma è un programma per ridurre l’infiammazione. Quindi prima si inizia a seguire il programma, che sia già dall’interno del grembo materno o a 99 anni, più si riduce l’infiammazione e aumenta la longevità. È un regime alimentare da seguire per tutta la vita e questa, di fatto, è la radice della parola dieta, che vuol dire stile di vita. La dieta a zona è uno stile di vita per controllare l’infiammazione e per rafforzare la capacità dell’organismo di guarire e di vivere più a lungo».

Articoli correlati
Biologi, il presidente D’Anna: «Ministero pronto a finanziare 2.500 sussidi per l’Alta formazione»
Colloquio a tutto campo con il presidente dell’Ordine dei Biologi Vincenzo D’Anna. Che sul riconoscimento della dirigenza sanitaria in alcuni enti pubblici spiega: «Oltre duemila biologi pronti a rivolgersi al giudice del lavoro se le pubbliche amministrazioni alle quali appartengono non si adegueranno alle leggi»
di Francesco Torre
L’Ordine Nazionale dei Biologi avvia partnership con la Fao
L'accordo è finalizzato all’inserimento dei biologi in progetti internazionali legati alla tutela dell’ambiente
Scoperto mix di polifenoli che riduce il rischio di ictus ischemico
Uno studio internazionale, sostenuto da SIRT500, ha individuato il giusto mix di polifenoli in grado di attivare le sirtuine, proteine che contribuiscono a prevenire e ridurre i danni da ictus ischemico. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nutrients
Biologi, ostetriche e tecnici sanitari vaccinatori, siglato il protocollo d’intesa
Ad annunciarlo il presidente Fedriga, per ampliare la piattaforma di somministratori. Il ringraziamento dal presidente dei Biologi D'Anna
Covid-19, Miraglia (ONB): «Ancora tanti biologi non vaccinati, eppure siamo in prima linea»
Il Vicepresidente dell’Ordine dei Biologi Pietro Miraglia denuncia: «C’è molta confusione perché quando hanno dato le linee guida sulla vaccinazione la parola ‘biologo’ non compariva». Poi conferma disponibilità per la campagna vaccinale ma spiega: «Serve una norma che ci consenta di inoculare i vaccini, ora possiamo fare solo prelievi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 ottobre, sono 244.563.381 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.965.072 i decessi. Ad oggi, oltre 6,85 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?