Salute 10 Ottobre 2019 15:00

Carne sintetica, l’allarme dei biologi. Villarini: «Servono studi che dimostrino che non sono nocive alla salute»

«Fino a quel momento io mi auguro che non vengano messi in commercio», ha ribadito dott.ssa Anna Villarini, biologa nutrizionista dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, intervenuta al Congresso “La nutrizione negli anni duemila”

Carne sintetica, coltivata in vitro o prodotta attraverso stampanti 3D. È questa la nuova frontiera tecnologica che promette in un prossimo futuro di rivoluzionare l’industria alimentare, ma che al momento fa storcere il naso a biologi e nutrizionisti.

«Io sono critica fino a che qualcuno non mi dimostra che non impatta negativamente con la salute», ci spiega la dott.ssa Anna Villarini, biologa nutrizionista dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. L’abbiamo incontrata al Congresso “La nutrizione negli anni duemila”, organizzato dall’Ordine nazionale dei Biologi, dove si è fatto il punto su ciò che la scienza dell’alimentazione ha convalidato fino ad oggi e gli scenari futuri. «Come mi è capitato di dire anche con gli ingegneri che stanno sviluppando queste tecnologie che poi finiscono nel cibo, – continua la biologa – prima di mettere in commercio questi alimenti dobbiamo avere degli studi forti che ci fanno stare tranquilli che non sono nocivi per la salute. Fino a quel momento io mi auguro che non vengono messi in commercio».

A mettere a rischio la nostra salute, infatti, ci sono già gli alimenti ultra processati. Si tratta di prodotti molto lavorati, come farine raffinate, cibi pronti o snack. «Contengono molto sale o molti zuccheri o molti grassi, specialmente i grassi saturi, – spiega ancora la dott.ssa Anna Villarini – che hanno tecnologie di lavorazione che richiedono l’aggiunta di additivi o di aromi». Insomma, tutti quegli alimenti che «sono il più lontano possibile da quello che è un cibo naturale».

«C’è uno studio francese che ha coinvolto centocinquemila persone, che ha messo in evidenza una relazione tra questi alimenti e l’insorgenza dei tumori», racconta ancora Villarini, facendo riferimento allo studio coorte prospettico, NutriNet-Santé. I dati sono stati raccolti analizzando le abitudini alimentari di 104.980 partecipanti maggiorenni (età media 42,8 anni). I ricercatori hanno analizzato il consumo di 3.300 alimenti diversi, in seguito categorizzati in base al grado di processamento, ricorrendo alla classificazione NOVA. «In modo particolare – continua la biologa – hanno evidenziato che quando uno ha un consumo superiore al 10% di questi alimenti nella sua alimentazione complessiva, c’è anche un 10% in più di rischio di sviluppare un tumore e in modo particolare il tumore della mammella, che ad oggi è uno dei tumori più rappresentati nella popolazione, ovviamente nella popolazione femminile».

Articoli correlati
UE e lotta ai tumori, anche il vino alla sbarra. In arrivo un’etichetta con i rischi per la salute
Il chirurgo oncologo Paolo Delrio (Istituto Tumori Napoli): «Anche in quantità moderate l’alcool è un fattore di rischio»
Covid-19, Miraglia (ONB): «Ancora tanti biologi non vaccinati, eppure siamo in prima linea»
Il Vicepresidente dell’Ordine dei Biologi Pietro Miraglia denuncia: «C’è molta confusione perché quando hanno dato le linee guida sulla vaccinazione la parola ‘biologo’ non compariva». Poi conferma disponibilità per la campagna vaccinale ma spiega: «Serve una norma che ci consenta di inoculare i vaccini, ora possiamo fare solo prelievi»
Individuato il tallone di Achille del cancro. Santaguida (IEO): «Così potremmo uccidere le cellule tumorali»
Due ricercatori italiani dell’Istituto Europeo di Oncologia, Stefano Santaguida e Marica Ippolito, hanno preso parte allo studio coordinato dal dipartimento di genetica molecolare umana dell’Università di Tel Aviv che ha scoperto l’alterazione della struttura genetica delle cellule tumorali
di Federica Bosco
Terapie avanzate, Ceradini: «Dalle malattie rare si punta ai tumori»
Il direttore scientifico dell’Osservatorio terapie avanzate: «Non sarà sufficiente approvare nuove terapie avanzate, ma sostenerne gli elevati costi, per garantire un accesso equo a tutti i pazienti»
di Isabella Faggiano
Gli screening salvano la vita, ma a che punto siamo?
La pandemia ha rallentato l’attività di prevenzione. Quali rischi e cosa fare per tornare alla normalità? L’intervista al Dottor Pasquale Valente
di Vanessa Seffler
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...