Salute 7 Agosto 2019

Maculopatia, Regione Lombardia e oculisti raggiungono accordo per terapie salva vista

L’assessore al Welfare Gallera: «Fornite agli specialisti le indicazioni necessarie per procedere alla prescrizione e continuità delle cure». Mazzacane (Goal): «Confidiamo nella collaborazione della Regione Lombardia per superare ogni difficoltà e per proseguire con l’impegno e la dignità professionale che ci contraddistinguono»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Accordo raggiunto tra Regione Lombardia e oculisti sulle terapie salva vista per i pazienti affetti da maculopatia. Ieri mattina, a Palazzo Lombardia si è svolto un incontro alla presenza dell’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, i rappresentanti della direzione generale Welfare, della Società oftalmologica lombarda e del Gruppo oculisti ambulatoriali a seguito della vicenda Avastin/Lucentis.

LEGGI ANCHE: MACULOPATIA: OCCHIALI, CAPPELLO E ANTIOSSIDANTI PER PREVENIRE I DANNI DEL SOLE

Lo scorso 23 luglio, la giunta di Regione Lombardia aveva infatti stabilito in 55,60 euro il rimborso da corrispondere per le somministrazioni delle cure per il trattamento della maculopatia (degenerazione maculare legata all’età e della compromissione visiva dovuta a edema maculare diabetico), nell’ambito di un panorama terapeutico che presenta differenze enormi sul costo dei farmaci presenti sul mercato. Una decisione che aveva determinato una richiesta di maggiori informazioni da parte delle associazioni mediche del settore.

Positivo l’esito dell’incontro: «Le terapie salva vista non si interrompono – ha commentato l’assessore alla Sanità di Regione Lombardia Giulio Gallera –. In un clima costruttivo abbiamo fornito ai medici specialisti tutte le indicazioni necessarie per procedere alla prescrizione e continuità delle cure. Abbiamo condiviso l’assoluta correttezza del recente provvedimento di Regione Lombardia, fornendo le opportune garanzie circa la continuità terapeutica dei singoli pazienti, la procedura del consenso informato e l’eventuale cambio di farmaco in caso di inefficacia del trattamento. Ogni cittadino avrà dunque le terapie più appropriate per la propria patologia nel miglior rapporto costo beneficio».

«Abbiamo a cuore sia la salute visiva dei pazienti che la tutela professionale dei nostri colleghi medici oculisti – ha aggiunto Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia e segretario della società scientifica Goal (Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi) -. Confidiamo nella collaborazione della Regione Lombardia per superare ogni difficoltà e per proseguire con l’impegno e la dignità professionale che ci contraddistinguono».

LEGGI ANCHE: LOMBARDIA, SIGLATO ACCORDO MEDICI-REGIONE: PIU’ RISORSE PER NUOVE ASSUNZIONI. MAZZACANE (CISL): «PROBLEMI RESTANO SUL CAMPO» 

Rientrati dunque i timori delle categorie sindacali sulla decisione di Regione Lombardia di prevedere nel rimborso per ogni singola somministrazione per occhio di due farmaci on label (ovvero più costosi ma certificati dalle autorità internazionali e nazionali) e di un farmaco off label (più economico, ma che non ha indicazioni specifiche per uso oculare). «La Regione ha fornito i chiarimenti necessari anche riguardo alla rete di farmacie ospedaliere pubbliche e private già operative per il confezionamento monodose del farmaco Avastin per l’uso intravitreale nel rispetto delle norme di buona preparazione», ha concluso Gallera.

Articoli correlati
Chi saranno i medici scolastici? Pensionati, giovani, pediatri o stranieri. Le proposte dal mondo della sanità
Se per Cricelli (Simg) la soluzione è richiamare i medici in pensione, Mazzacane (Cisl Medici) punta sui camici grigi. Secondo Magi (Sumai) i pediatri di libera scelta sono l’opzione ideale e Aodi (Amsi) vede un’opportunità per i medici di origine straniera. Mangiacavalli (Fnopi) chiede invece l’istituzione dell’infermiere scolastico
Sanità lombarda: il ruolo delle Professioni Sanitarie nella riforma della L.R. 23/2015. Un ponte fra paziente e territorio
All’incontro del luglio scorso, organizzato dai vertici della Sanità di Regione Lombardia, presenti gli ordini TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio per delineare i passi da compiere nell’attuazione della Legge Regionale n. 23/2015 che regola il sistema sociosanitario lombardo
Sanità lombarda: Marco Trivelli punta su diagnosi precoce e dialogo tra medici del territorio e ospedalieri
La ricetta del manager cresciuto con Formigoni ciellino doc: «Tamponi per anticipare i focolai e continuità assistenziale per gestire pazienti covid e cronici»
di Federica Bosco
Lombardia, l’appello dei geriatri: «Aumentare i reparti per acuti e riconoscere il nostro ruolo»
Dopo l'emergenza occorre ripensare l'organizzazione e la diffusione dei reparti ospedalieri di Geriatria per acuti, in Lombardia come in tutto il Paese. L’appello di SIGOT, SIGG e AGE ai vertici della Regione Lombardia e alle istituzioni nazionali per aumentare i posti letto per anziani in ospedale
Medicina di continuità assistenziale, Lombardia punta sul numero unico europeo
Gallera (assessore al Welfare): «Continuità assistenziale e trasporto per i dializzati attivo in tutta la Regione entro fine anno». Zoli (AREU): «Con l’interpretariato telefonico e l’informatizzazione del servizio pazienti e medici più tutelati»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»