Salute 7 Agosto 2019 09:13

Maculopatia, Regione Lombardia e oculisti raggiungono accordo per terapie salva vista

L’assessore al Welfare Gallera: «Fornite agli specialisti le indicazioni necessarie per procedere alla prescrizione e continuità delle cure». Mazzacane (Goal): «Confidiamo nella collaborazione della Regione Lombardia per superare ogni difficoltà e per proseguire con l’impegno e la dignità professionale che ci contraddistinguono»

di Federica Bosco
Maculopatia, Regione Lombardia e oculisti raggiungono accordo per terapie salva vista

Accordo raggiunto tra Regione Lombardia e oculisti sulle terapie salva vista per i pazienti affetti da maculopatia. Ieri mattina, a Palazzo Lombardia si è svolto un incontro alla presenza dell’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, i rappresentanti della direzione generale Welfare, della Società oftalmologica lombarda e del Gruppo oculisti ambulatoriali a seguito della vicenda Avastin/Lucentis.

LEGGI ANCHE: MACULOPATIA: OCCHIALI, CAPPELLO E ANTIOSSIDANTI PER PREVENIRE I DANNI DEL SOLE

Lo scorso 23 luglio, la giunta di Regione Lombardia aveva infatti stabilito in 55,60 euro il rimborso da corrispondere per le somministrazioni delle cure per il trattamento della maculopatia (degenerazione maculare legata all’età e della compromissione visiva dovuta a edema maculare diabetico), nell’ambito di un panorama terapeutico che presenta differenze enormi sul costo dei farmaci presenti sul mercato. Una decisione che aveva determinato una richiesta di maggiori informazioni da parte delle associazioni mediche del settore.

Positivo l’esito dell’incontro: «Le terapie salva vista non si interrompono – ha commentato l’assessore alla Sanità di Regione Lombardia Giulio Gallera –. In un clima costruttivo abbiamo fornito ai medici specialisti tutte le indicazioni necessarie per procedere alla prescrizione e continuità delle cure. Abbiamo condiviso l’assoluta correttezza del recente provvedimento di Regione Lombardia, fornendo le opportune garanzie circa la continuità terapeutica dei singoli pazienti, la procedura del consenso informato e l’eventuale cambio di farmaco in caso di inefficacia del trattamento. Ogni cittadino avrà dunque le terapie più appropriate per la propria patologia nel miglior rapporto costo beneficio».

«Abbiamo a cuore sia la salute visiva dei pazienti che la tutela professionale dei nostri colleghi medici oculisti – ha aggiunto Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia e segretario della società scientifica Goal (Gruppo Oculisti Ambulatoriali Liberi) -. Confidiamo nella collaborazione della Regione Lombardia per superare ogni difficoltà e per proseguire con l’impegno e la dignità professionale che ci contraddistinguono».

LEGGI ANCHE: LOMBARDIA, SIGLATO ACCORDO MEDICI-REGIONE: PIU’ RISORSE PER NUOVE ASSUNZIONI. MAZZACANE (CISL): «PROBLEMI RESTANO SUL CAMPO» 

Rientrati dunque i timori delle categorie sindacali sulla decisione di Regione Lombardia di prevedere nel rimborso per ogni singola somministrazione per occhio di due farmaci on label (ovvero più costosi ma certificati dalle autorità internazionali e nazionali) e di un farmaco off label (più economico, ma che non ha indicazioni specifiche per uso oculare). «La Regione ha fornito i chiarimenti necessari anche riguardo alla rete di farmacie ospedaliere pubbliche e private già operative per il confezionamento monodose del farmaco Avastin per l’uso intravitreale nel rispetto delle norme di buona preparazione», ha concluso Gallera.

Articoli correlati
Tamponi salivari: da oggi nelle scuole in Lombardia
Viaggio nel laboratorio di microbiologia dell’Università di Milano con la professoressa Elisa Borghi: «Il dispositivo a forma di tubo contiene all’interno una spugna attaccata ad un bastoncino che va succhiata come un lecca-lecca. In laboratorio viene processato in 24 ore»
di Federica Bosco
Rsa, fuga di infermieri verso le Aziende Ospedaliere. Degani (Uneba Lombardia): «Necessario creare nuove figure»
Il presidente di UNEBA Lombardia: «Stato e Regioni devono prevedere una programmazione tale da poter aumentare il numero di infermieri formati o di istituire operatori sociosanitari specializzati, figure para infermieristiche e para sanitarie che possano aiutare le fragilità e le cronicità»
di Federica Bosco
Nobel al personale sanitario italiano, Mazzacane (Cisl Medici): «Candidatura è già vittoria»
«Già solo il fatto che la candidatura per il premio Nobel ai medici italiani sia stata accettata è una vittoria che evidenzia come lo sforzo e il sacrificio di tanti, soprattutto nel primo periodo della pandemia, non siano passati inosservati nel mondo», dice il dott. Danilo Mazzacane, segretario generale Cisl Medici Lombardia. «Essere candidati al […]
Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania
Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Medicina specialistica, deliberato nuovo accordo integrativo in Lombardia
Cisl medici Lombardia: «Punto di partenza per la specialistica territoriale anche in virtù della su importanza nella pandemia»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco