Salute 12 Luglio 2019

Lungodegenza e dignità del fine vita, in Campania è emergenza posti letto e hospice

A Napoli e provincia un paziente terminale su tre trascorre i suoi ultimi giorni nei reparti per acuti. La proposta di Anaao: «Riconvertire strutture dismesse e incrementare ruolo infermiere di famiglia»

di Chiara Stella Scarano
Immagine articolo

«Il paziente terminale ha bisogno di tempo. Sembra un paradosso? Non lo è. Il paziente terminale e i suoi parenti hanno bisogno di parlare, e di ascoltare. Ma troppo spesso, in un caso su tre, è nel reparto per acuti che trascorre i suoi ultimi giorni. E il personale sanitario di quel reparto, si capisce, a volte non può dedicargli più di cinque minuti. Perché a pochi metri di distanza ci sono emergenze da affrontare, vite da salvare».

Sono queste le parole del dottor Maurizio Cappiello, direttivo nazionale Anaao Assomed e componente dell’Osservatorio Salute e Sanità – Città di Napoli, che forse spiegano, più di tanti numeri, dati e statistiche, l’emergenza in Campania relativa alla carenza di strutture adibite ad hospice e di posti letto per la lungodegenza. Di conseguenza, si pone come priorità assoluta restituire ai pazienti terminali la possibilità di trascorrere i loro ultimi giorni in un ambiente consono, ma anche ai loro congiunti di poter ricevere il giusto supporto psicologico.

I numeri del fenomeno. «In Campania (come nel resto d’Italia) stiamo assistendo a un allungamento importante dell’età media della popolazione – spiega Cappiello –  e questo ce lo dicono i dati ISTAT: basti pensare che solo nel 2018 sono stati censiti oltre un milione di abitanti con un’età media superiore ai 65 anni. Ovviamente l’aumento della terza età va di pari passo con l’aumento delle patologie croniche, in particolare le patologie neurodegenerative, come il morbo di Parkinson e il morbo di Alzheimer, ma anche patologie cardiovascolari come l’insufficienza cardiaca oppure le sindromi geriatriche come la sarcopenia. A fronte di ciò in Campania abbiamo poco più di 3.600 posti letto con una media di 0,65 posti letto per post acuti ogni mille abitanti. In tutta la Campania, inoltre – continua –  sono censiti solo sette hospice con circa 73 posti letto, che assistono  circa 900 pazienti all’anno, con una media di 120 pazienti per hospice, a fronte però di circa 19mila malati terminali che vengono censiti ogni anno in Campania».

Lo stato attuale dell’assistenza al fine vita. «Venendo meno l’assistenza in strutture dedicate – spiega il dottore – è stato visto che circa un paziente su tre trascorre gli ultimi giorni della propria vita in ospedale per acuti, determinando una carenza dal punto di vista della dignità cui questi pazienti avrebbero diritto, e che sarebbe invece conservata se venissero trattati in ambienti più idonei. Ciò naturalmente risente di alcune variabili dovute sia alle condizioni socioeconomiche del paziente, ma anche all’assetto socio-assistenziale del territorio di residenza. Per quanto riguarda invece l’assistenza di tipo psicologico al momento negli ospedali per acuti non esiste una figura professionale dedicata a questo, nè per il paziente nè per i suoi congiunti. Attualmente in Campania, così come nel resto d’Italia – aggiunge – abbiamo l’assistenza domiciliare integrata, che è di pertinenza territoriale, ed è costituita dall’integrazione tra il medico di famiglia e figure specialistiche come il geriatra, l’oncologo, il neurologo eccetera. Purtroppo risentiamo di una grave carenza di personale e di mezzi. Questo è uno dei motivi per cui è necessario dare un ruolo centrale a chi assiste sul territorio, per cercare di diminuire il più possibile l’ospedalizzazione dei pazienti terminali».

Le proposte. «Sicuramente è fondamentale l’aumento dei posti letto negli hospice – osserva Cappiello –  ad esempio riconvertendo strutture sanitarie dismesse o in fase di dismissione, o anche aumentare il numero dei posti letto nei post acuti, riportandolo almeno alla media nazionale che è dello 0,7. Infine – conclude –  dare un ruolo centrale nell’assistenza sul territorio all’infermiere di famiglia così come stabilito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, evitando così da un lato l’eccessiva ospedalizzazione di questi pazienti, ma anche garantendo un supporto alle famiglie».

Articoli correlati
Roma, al San Camillo i “kit care” per i pazienti ricoverati
I “Kit care con amore” donati dall’associazione Salvamamme sono arrivati all’ospedale San Camillo di Roma . Di cosa si tratta? Di shopper “specifiche” con tutto il necessario per stare in ospedale, pensato per i pazienti che dal Pronto soccorso si sono ritrovati in reparto senza programmare il ricovero ospedaliero. Per gli anziani, c’è il Kit […]
Vaccini: niente obbligo dei certificati alle scuole entro domani. La SIPPS invita a non abbassare la guardia
Una nota congiunta del Ministero della Pubblica Istruzione e del Ministero della Salute ha precisato che, essendo stata attivata l’Anagrafe Nazionale Vaccinale, istituita con DM del 17 settembre 2018, i genitori non hanno più l’obbligo di presentare alle Scuole, entro domani, mercoledì 10 luglio, la documentazione attestante lo stato vaccinale dei propri figli, poiché è […]
Carenza Specialisti, Magi (Omceo Roma): «Le scelte del Governo rischiano di aumentare l’imbuto formativo e ridurre la formazione post lauream»
«Com’è noto, la scorsa settimana il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti ha firmato i decreti che stabiliscono i posti per l’anno accademico 2019/2020 nei corsi di Medicina e Odontoiatria. In sostanza i posti aumenteranno. Il ministero della Salute ha appoggiato la scelta del MIUR facendo sapere che è in linea con le […]
Anziani cronici, Bernabei (Italia Longeva): «Un oliato percorso di continuità assistenziale è una forma di efficientamento del sistema e un servizio concreto per il cittadino»
La rete dell’assistenza a lungo termine agli anziani, per funzionare bene, deve disporre di servizi di assistenza domiciliare (ADI) e residenzialità assistita (RSA) adeguati e diffusi sul territorio. Essi rappresentano uno dei pilastri su cui si fondano sostegno e cure offerte agli anziani, eppure risultano ancora carenti rispetto ai 14 milioni di anziani residenti in […]
Caregiver sempre più centrale nell’assistenza al paziente. Grigioni (ISS): «Con welfare technology alcune attività diventano semplici»
«La tecnologia può supportare il malato e chi lo assiste. Necessario renderne effettivo l’uso e la sua accettazione anche in contesti sociali e organizzativi» così l’ingegner Mauro Grigioni, direttore del centro TISP all’ISS, in occasione del Convegno ‘La figura del caregiver: tecnologie e ausili per migliorare la qualità della vita’ tenutosi all’Istituto Superiore di Sanità
di Lucia Oggianu
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...