Salute 12 Luglio 2019

Lungodegenza e dignità del fine vita, in Campania è emergenza posti letto e hospice

A Napoli e provincia un paziente terminale su tre trascorre i suoi ultimi giorni nei reparti per acuti. La proposta di Anaao: «Riconvertire strutture dismesse e incrementare ruolo infermiere di famiglia»

di Chiara Stella Scarano
Immagine articolo

«Il paziente terminale ha bisogno di tempo. Sembra un paradosso? Non lo è. Il paziente terminale e i suoi parenti hanno bisogno di parlare, e di ascoltare. Ma troppo spesso, in un caso su tre, è nel reparto per acuti che trascorre i suoi ultimi giorni. E il personale sanitario di quel reparto, si capisce, a volte non può dedicargli più di cinque minuti. Perché a pochi metri di distanza ci sono emergenze da affrontare, vite da salvare».

Sono queste le parole del dottor Maurizio Cappiello, direttivo nazionale Anaao Assomed e componente dell’Osservatorio Salute e Sanità – Città di Napoli, che forse spiegano, più di tanti numeri, dati e statistiche, l’emergenza in Campania relativa alla carenza di strutture adibite ad hospice e di posti letto per la lungodegenza. Di conseguenza, si pone come priorità assoluta restituire ai pazienti terminali la possibilità di trascorrere i loro ultimi giorni in un ambiente consono, ma anche ai loro congiunti di poter ricevere il giusto supporto psicologico.

I numeri del fenomeno. «In Campania (come nel resto d’Italia) stiamo assistendo a un allungamento importante dell’età media della popolazione – spiega Cappiello –  e questo ce lo dicono i dati ISTAT: basti pensare che solo nel 2018 sono stati censiti oltre un milione di abitanti con un’età media superiore ai 65 anni. Ovviamente l’aumento della terza età va di pari passo con l’aumento delle patologie croniche, in particolare le patologie neurodegenerative, come il morbo di Parkinson e il morbo di Alzheimer, ma anche patologie cardiovascolari come l’insufficienza cardiaca oppure le sindromi geriatriche come la sarcopenia. A fronte di ciò in Campania abbiamo poco più di 3.600 posti letto con una media di 0,65 posti letto per post acuti ogni mille abitanti. In tutta la Campania, inoltre – continua –  sono censiti solo sette hospice con circa 73 posti letto, che assistono  circa 900 pazienti all’anno, con una media di 120 pazienti per hospice, a fronte però di circa 19mila malati terminali che vengono censiti ogni anno in Campania».

Lo stato attuale dell’assistenza al fine vita. «Venendo meno l’assistenza in strutture dedicate – spiega il dottore – è stato visto che circa un paziente su tre trascorre gli ultimi giorni della propria vita in ospedale per acuti, determinando una carenza dal punto di vista della dignità cui questi pazienti avrebbero diritto, e che sarebbe invece conservata se venissero trattati in ambienti più idonei. Ciò naturalmente risente di alcune variabili dovute sia alle condizioni socioeconomiche del paziente, ma anche all’assetto socio-assistenziale del territorio di residenza. Per quanto riguarda invece l’assistenza di tipo psicologico al momento negli ospedali per acuti non esiste una figura professionale dedicata a questo, nè per il paziente nè per i suoi congiunti. Attualmente in Campania, così come nel resto d’Italia – aggiunge – abbiamo l’assistenza domiciliare integrata, che è di pertinenza territoriale, ed è costituita dall’integrazione tra il medico di famiglia e figure specialistiche come il geriatra, l’oncologo, il neurologo eccetera. Purtroppo risentiamo di una grave carenza di personale e di mezzi. Questo è uno dei motivi per cui è necessario dare un ruolo centrale a chi assiste sul territorio, per cercare di diminuire il più possibile l’ospedalizzazione dei pazienti terminali».

Le proposte. «Sicuramente è fondamentale l’aumento dei posti letto negli hospice – osserva Cappiello –  ad esempio riconvertendo strutture sanitarie dismesse o in fase di dismissione, o anche aumentare il numero dei posti letto nei post acuti, riportandolo almeno alla media nazionale che è dello 0,7. Infine – conclude –  dare un ruolo centrale nell’assistenza sul territorio all’infermiere di famiglia così come stabilito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, evitando così da un lato l’eccessiva ospedalizzazione di questi pazienti, ma anche garantendo un supporto alle famiglie».

Articoli correlati
Triage ospedaliero, D’Amato (Lazio): «Dal 2020 si passa dai 4 codici a colore a 5 codici numerici»
«La Regione Lazio è tra le prime Regioni in Italia ad approvare il manuale operativo per la trasformazione del triage ospedaliero dai codici a colore ai codici numerici. Un passaggio che non è un semplice adempimento o spacchettamento del sistema dei codici a colori, ma rappresenta un nuovo processo di codifica nel quale si ridefiniscono […]
Giovani e dipendenze, il “digital detox” è la cura? Martinelli (psichiatra): «Una possibilità per non essere schiavi del web»
«Sperimentare il fatto che si può stare bene anche senza internet è positivo. Guidiamo i giovani ad un uso sano del web: se disinveste dalla realtà è preoccupante. I genitori devono imparare la “lingua” dei propri figli». L’intervista a David Martinelli
Ippoterapia, la psicologa: «Migliora capacità motorie e diminuisce ansia e depressione dei malati di Parkinson»
La psicologa Cinzia Correale: «La scelta dell’animale per la pet therapy dipenderà dalle sue caratteristiche comportamentali e dal suo temperamento. In Italia è consentito coinvolgere asini, cavalli, cani, gatti e conigli»
di Isabella Faggiano
LA STORIA | «Ho perso la vista a venti anni e ho deciso di diventare psicologa. Ora la mia forza è al servizio degli altri»
Katia Caravello: «Essere una psicologa con disabilità è un’arma a doppio taglio. È un valore aggiunto che ti consente di comprendere meglio l’altro, il suo vissuto e le sue sofferenze. Ma la disabilità altrui può riattivare nel terapeuta ferite ancora aperte»
di Isabella Faggiano
Ogni anno in Giappone 100mila persone decidono di sparire. Sono gli “evaporati”
Cuzzocrea (psicologa e psicoterapeuta): «Si tratta di individui che, a causa di una profonda vergogna, scaturita da un fallimento lavorativo o personale, decidono di cambiare identità. In Italia, almeno per il momento, non ci sono studi sul fenomeno, solo i dati dell’agenzia del ministero dell’Interno che censisce le persone scomparse, compresi gli allontanamenti volontari»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali