Salute 15 Gennaio 2020

«L’operazione a Giovanni Paolo II? Un miracolo». Chi era Gian Carlo Castiglioni, che operò il Papa dopo l’attentato

Lo raccontano la moglie Giovanna e le due figlie. A 26 anni dalla sua scomparsa, il Policlinico Agostino Gemelli di Roma, di cui ha contribuito a costruire i reparti chirurgici e le sale operatorie, ha deciso di dedicare al professor Castiglioni un’aula

Immagine articolo

“Il medico ha il dovere civile di far sentire e seguire la sua voce, non già, come capita, per proclamare particolari interessi egoistici, ma per difendere gli scopi della medicina di domani, di cui egli deve continuare ad essere protagonista e responsabile”. Scriveva questo il professor Gian Carlo Castiglioni nel 1966 ai medici di domani. Eccellente chirurgo, grande sperimentatore, ma soprattutto uomo. A 26 anni dalla sua scomparsa il Policlinico Agostino Gemelli di Roma, di cui ha contribuito a costruire i reparti chirurgici e le sale operatorie, ha deciso di dedicargli un’aula.

LEGGI ANCHE: CARDIOLOGIA, IMPIANTATO IL PRIMO CUORE ARTIFICIALE ‘WIRELESS’. MASSETTI (GEMELLI): «RICARICA SENZA FILI IN DUE ORE E RISCHIO DI INFEZIONI RIDOTTO»

«Per lui erano tutti uguali i malati, erano allo stesso livello». Lo ricorda la moglie Giovanna che insieme ai figli Matilde, Giovanni e Elisabetta hanno partecipato alla cerimonia d’intitolazione. Nato il 4 febbraio del 1921, si laureò all’Università di Milano nel 1946. Si spostò prima a Padova, come primo aiuto del professor Pettinari, in seguito volò oltreoceano per raggiungere l’Università della Pennsylvania, a Philadelphia. Dall’America rientrò portando con sé la macchina per l’ossigenazione extracorporea nella chirurgia a cuore aperto.

Tra le tappe della sua significativa carriera figurano il primo trapianto di rene nel lontano 1970 e il primo trapianto epatico nel 1986. «Quando ha cominciato a fare i trapianti qui a Roma – racconta ancora la moglie – questa ragazza gli aveva scritto una poesia bellissima» per ringraziare il professore dell’intervento eseguito con successo. «Faceva venire gli organi dal centro dell’Europa grazie all’Alitalia che collaborava con lui».

In pochi ricordano, inoltre, che il professor Castiglioni fu nell’equipe che eseguì il delicato intervento che salvò la vita a Giovanni Paolo II, ferito durante un attentato. «Quella è stata l’operazione più facile, perché è stata un miracolo» ricorda Giovanna. «Mi ha detto: “Ho messo il dito dentro la vertebra perforata dalla pallottola. Non è stato alterato nessun vaso sanguigno, niente”. Non era una situazione tragica, era solo l’emozione».

«Il mio papà l’ho vissuto poco da piccola perché ero sempre fuori a fare interventi» ricorda la figlia Elisabetta. Eppure, quando c’era «giocavamo, correvamo insieme. Era un appassionato di dolci». Un padre affettuoso che Elisabetta non ha mai identificato con il professore emerito. «Il primo momento in cui ho veramente capito chi fosse è stata durante la lettura di parte della sua prolusione al suo funerale. Come lo ricordavano i colleghi: un uomo dotato di una profonda umanità, dotato di una deontologia professionale incredibile, in cui la coscienza era al servizio della scienza». Proprio alla scienza e alla cura del paziente ha dedicato tutta la sua vita. Tra i suoi interessi scientifici spiccano gli studi per la chirurgia del surrene, del colon e infine del pancreas, di cui scrisse un importante trattato uscito postumo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Dai trapianti di faccia alla terapia genica, ecco le 10 scoperte che hanno rivoluzionato gli anni Duemila
Quali sono gli eventi e le scoperte scientifiche che hanno rivoluzionato gli ultimi venti anni? A rispondere è la rivista New Scientist
Donazione organi, firmato il regolamento sul Sistema informativo trapianti (Sit). Grillo: «Era atteso da vent’anni»
Il Sit regolamenta la tracciabilità e la trasparenza dell’intero processo di donazione-prelievo-trapianto di organi
Trapianti, Rostan (LeU): «Mancano decreti attuativi per donazione organi, interrogazione al ministro Grillo»
La vicepresidente della Commissione Affari Sociali sostiene la petizione di un gruppo di pazienti dell’ospedale Monaldi di Napoli, in lista di attesa per un trapianto di cuore, che hanno lanciato un appello pubblico che ha raccolto ben 70mila adesioni affinchè si proceda con la piena attuazione della legge 1° aprile 1999, n. 91
L’ISMETT di Palermo compie 20 anni. Il direttore sanitario Di Benedetto: «L’informatizzazione il nostro punto di forza»
Abbiamo visitato i reparti dell’ISMETT, centro di eccellenza per i trapianti e punto di riferimento per tutto il bacino del Mediterraneo. Per i prossimi 10 anni, continuerà ad essere co-gestito dalla Regione Sicilia e dal centro medico dell’Università di Pittsburgh. Un partner privato che, a detta della dottoressa Di Benedetto, «fa la differenza»
Trapianto fegato-rene in due momenti diversi, al Niguarda il primo in Italia. De Carlis: «Intervento complesso, ecco come abbiamo fatto»
Il direttore dell’equipe della chirurgia generale e dei trapianti diretta dell’ospedale milanese racconta a Sanità Informazione la difficile operazione su una donna affetta da malattia policistica: «Scelta obbligata, la donna era in ipotermia. L’organo pesava intorno ai 13/14 chilogrammi». Il rene tenuto in funzione da una macchina di perfusione
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...