Salute 15 Gennaio 2020 09:10

«L’operazione a Giovanni Paolo II? Un miracolo». Chi era Gian Carlo Castiglioni, che operò il Papa dopo l’attentato

Lo raccontano la moglie Giovanna e le due figlie. A 26 anni dalla sua scomparsa, il Policlinico Agostino Gemelli di Roma, di cui ha contribuito a costruire i reparti chirurgici e le sale operatorie, ha deciso di dedicare al professor Castiglioni un’aula

«L’operazione a Giovanni Paolo II? Un miracolo». Chi era Gian Carlo Castiglioni, che operò il Papa dopo l’attentato

“Il medico ha il dovere civile di far sentire e seguire la sua voce, non già, come capita, per proclamare particolari interessi egoistici, ma per difendere gli scopi della medicina di domani, di cui egli deve continuare ad essere protagonista e responsabile”. Scriveva questo il professor Gian Carlo Castiglioni nel 1966 ai medici di domani. Eccellente chirurgo, grande sperimentatore, ma soprattutto uomo. A 26 anni dalla sua scomparsa il Policlinico Agostino Gemelli di Roma, di cui ha contribuito a costruire i reparti chirurgici e le sale operatorie, ha deciso di dedicargli un’aula.

LEGGI ANCHE: CARDIOLOGIA, IMPIANTATO IL PRIMO CUORE ARTIFICIALE ‘WIRELESS’. MASSETTI (GEMELLI): «RICARICA SENZA FILI IN DUE ORE E RISCHIO DI INFEZIONI RIDOTTO»

«Per lui erano tutti uguali i malati, erano allo stesso livello». Lo ricorda la moglie Giovanna che insieme ai figli Matilde, Giovanni e Elisabetta hanno partecipato alla cerimonia d’intitolazione. Nato il 4 febbraio del 1921, si laureò all’Università di Milano nel 1946. Si spostò prima a Padova, come primo aiuto del professor Pettinari, in seguito volò oltreoceano per raggiungere l’Università della Pennsylvania, a Philadelphia. Dall’America rientrò portando con sé la macchina per l’ossigenazione extracorporea nella chirurgia a cuore aperto.

Tra le tappe della sua significativa carriera figurano il primo trapianto di rene nel lontano 1970 e il primo trapianto epatico nel 1986. «Quando ha cominciato a fare i trapianti qui a Roma – racconta ancora la moglie – questa ragazza gli aveva scritto una poesia bellissima» per ringraziare il professore dell’intervento eseguito con successo. «Faceva venire gli organi dal centro dell’Europa grazie all’Alitalia che collaborava con lui».

In pochi ricordano, inoltre, che il professor Castiglioni fu nell’equipe che eseguì il delicato intervento che salvò la vita a Giovanni Paolo II, ferito durante un attentato. «Quella è stata l’operazione più facile, perché è stata un miracolo» ricorda Giovanna. «Mi ha detto: “Ho messo il dito dentro la vertebra perforata dalla pallottola. Non è stato alterato nessun vaso sanguigno, niente”. Non era una situazione tragica, era solo l’emozione».

«Il mio papà l’ho vissuto poco da piccola perché ero sempre fuori a fare interventi» ricorda la figlia Elisabetta. Eppure, quando c’era «giocavamo, correvamo insieme. Era un appassionato di dolci». Un padre affettuoso che Elisabetta non ha mai identificato con il professore emerito. «Il primo momento in cui ho veramente capito chi fosse è stata durante la lettura di parte della sua prolusione al suo funerale. Come lo ricordavano i colleghi: un uomo dotato di una profonda umanità, dotato di una deontologia professionale incredibile, in cui la coscienza era al servizio della scienza». Proprio alla scienza e alla cura del paziente ha dedicato tutta la sua vita. Tra i suoi interessi scientifici spiccano gli studi per la chirurgia del surrene, del colon e infine del pancreas, di cui scrisse un importante trattato uscito postumo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Il 2021 anno record per i trapianti in Puglia: crescono le donazioni nonostante il Covid
Il coordinatore del Centro Trapianti Regionale: «È stato un Natale più bello per 123 famiglie pugliesi. Nel cuore le storie di due padri che hanno donato il proprio rene ai figli e quella di Merek, che ora vuole iscriversi a Medicina e tornare in Uganda per aiutare i suoi connazionali che non hanno avuto la sua stessa fortuna»
Il Cnt al congresso della società europea dei trapianti, Cardillo: «Italia conferma leadership internazionale»
L'autorità competente italiana presente a Milano con 18 tra progetti e studi. Il direttore: «Più integrazione con ospedale e territorio»
Papa Francesco operato al Gemelli, qual è la malattia che ha richiesto l’intervento
Papa Francesco è stato operato al Gemelli di Roma per un intervento che si fa solo in caso di estrema necessità su una stenosi diverticolare sintomatica del colon. I diverticoli sono frequenti negli anziani ma di solito benigni
Trapianti, Biotest dona 100mila euro al CNT. L’Ad Audisio: «Scienza fatta con passione vince sempre»
Un aiuto al mondo dei trapianti, che ha subito una leggera flessione durante la pandemia. Biotest Italia, che opera da anni in questo campo, dona 100mila euro. Con l'Ad Silvio Audisio parliamo del ruolo delle case farmaceutiche in questo momento storico
Trapianti, Carletti (Aned): «Numeri ridotti per pandemia e vaccini mal distribuiti, Ssn deve cambiare»
Con il segretario dell'Associazione emo-dializzati Lazio parliamo di trapianti e pandemia: le operazioni rimandate, le differenze regionali sui vaccini e le richieste urgenti che la comunità di pazienti rivolge al Sistema sanitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre