Salute 15 Gennaio 2020 09:10

«L’operazione a Giovanni Paolo II? Un miracolo». Chi era Gian Carlo Castiglioni, che operò il Papa dopo l’attentato

Lo raccontano la moglie Giovanna e le due figlie. A 26 anni dalla sua scomparsa, il Policlinico Agostino Gemelli di Roma, di cui ha contribuito a costruire i reparti chirurgici e le sale operatorie, ha deciso di dedicare al professor Castiglioni un’aula

«L’operazione a Giovanni Paolo II? Un miracolo». Chi era Gian Carlo Castiglioni, che operò il Papa dopo l’attentato

“Il medico ha il dovere civile di far sentire e seguire la sua voce, non già, come capita, per proclamare particolari interessi egoistici, ma per difendere gli scopi della medicina di domani, di cui egli deve continuare ad essere protagonista e responsabile”. Scriveva questo il professor Gian Carlo Castiglioni nel 1966 ai medici di domani. Eccellente chirurgo, grande sperimentatore, ma soprattutto uomo. A 26 anni dalla sua scomparsa il Policlinico Agostino Gemelli di Roma, di cui ha contribuito a costruire i reparti chirurgici e le sale operatorie, ha deciso di dedicargli un’aula.

LEGGI ANCHE: CARDIOLOGIA, IMPIANTATO IL PRIMO CUORE ARTIFICIALE ‘WIRELESS’. MASSETTI (GEMELLI): «RICARICA SENZA FILI IN DUE ORE E RISCHIO DI INFEZIONI RIDOTTO»

«Per lui erano tutti uguali i malati, erano allo stesso livello». Lo ricorda la moglie Giovanna che insieme ai figli Matilde, Giovanni e Elisabetta hanno partecipato alla cerimonia d’intitolazione. Nato il 4 febbraio del 1921, si laureò all’Università di Milano nel 1946. Si spostò prima a Padova, come primo aiuto del professor Pettinari, in seguito volò oltreoceano per raggiungere l’Università della Pennsylvania, a Philadelphia. Dall’America rientrò portando con sé la macchina per l’ossigenazione extracorporea nella chirurgia a cuore aperto.

Tra le tappe della sua significativa carriera figurano il primo trapianto di rene nel lontano 1970 e il primo trapianto epatico nel 1986. «Quando ha cominciato a fare i trapianti qui a Roma – racconta ancora la moglie – questa ragazza gli aveva scritto una poesia bellissima» per ringraziare il professore dell’intervento eseguito con successo. «Faceva venire gli organi dal centro dell’Europa grazie all’Alitalia che collaborava con lui».

In pochi ricordano, inoltre, che il professor Castiglioni fu nell’equipe che eseguì il delicato intervento che salvò la vita a Giovanni Paolo II, ferito durante un attentato. «Quella è stata l’operazione più facile, perché è stata un miracolo» ricorda Giovanna. «Mi ha detto: “Ho messo il dito dentro la vertebra perforata dalla pallottola. Non è stato alterato nessun vaso sanguigno, niente”. Non era una situazione tragica, era solo l’emozione».

«Il mio papà l’ho vissuto poco da piccola perché ero sempre fuori a fare interventi» ricorda la figlia Elisabetta. Eppure, quando c’era «giocavamo, correvamo insieme. Era un appassionato di dolci». Un padre affettuoso che Elisabetta non ha mai identificato con il professore emerito. «Il primo momento in cui ho veramente capito chi fosse è stata durante la lettura di parte della sua prolusione al suo funerale. Come lo ricordavano i colleghi: un uomo dotato di una profonda umanità, dotato di una deontologia professionale incredibile, in cui la coscienza era al servizio della scienza». Proprio alla scienza e alla cura del paziente ha dedicato tutta la sua vita. Tra i suoi interessi scientifici spiccano gli studi per la chirurgia del surrene, del colon e infine del pancreas, di cui scrisse un importante trattato uscito postumo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Anche i malati rari possono donare gli organi. Lo studio italiano
È italiano il primo studio che analizza l’idoneità alla donazione d’organo per circa 500 malattie neurologiche rare. Dallapiccola (Opbg): «Nell’85% dei casi è possibile procedere al trapianto. Stilate le prime linee-guida in materia. Risultati importanti che permetteranno di ampliare il numero di donatori utilizzabili: in Italia sono circa 8 mila i pazienti in lista d’attesa per un trapianto»
Papà Filippo si trasforma in Irondad per curare la sua bambina dal neuroblastoma
Filippo Minuto è il papà di Guia, una bambina a cui è stato diagnosticato un neuroblastoma all’età di 3 mesi. Per raccogliere fondi e sostenere la ricerca si cimenta con il Triathlon nella gara chiamata “Ironman” e lancia la sfida su una piattaforma di crowdfunding. Il primo anno raccoglie 76 mila euro, il secondo 100 mila euro e quest’anno l’obiettivo in vista dell’appuntamento di Cervia del prossimo 17 settembre è battere il record
di Federica Bosco
Trapianti da donatore Covid-positivo: Italia prima al mondo
Cardillo (CNT): «I trapianti eseguiti sono stati tutti un successo. I risultati sono stati pubblicati sull’American Journal of Transplantation. Dopo di noi, tanti altri Paesi hanno seguito il nostro esempio. Ora si lavora alla redazione di Linee Guida europee»
“Sul sentiero blu”, in viaggio lungo la via Francigena per superare le barriere dell’autismo
Dodici ragazzi autistici piemontesi hanno percorso 200 chilometri a piedi per raggiungere Roma ed incontrare il Papa. Un percorso difficoltoso sul piano fisico e psicologico condotto dal dottor Roberto Keller, direttore del centro regionale per i disturbi dello spettro autistico dell’Asl di Torino, per migliorare le loro relazioni sociali e l’autonomia. Il viaggio è diventato un film che sarà nelle sale cinematografiche italiane dal 28 febbraio
Il Covid non si ferma, ma i trapianti corrono più veloce: nel 2021 +12% di donazioni d’organo
Un Sistema Sanitario Nazionale a doppia velocità, il direttore del Centro nazionale trapianti: «Mentre le attività ospedaliere, ambulatoriali e chirurgiche hanno subito una battuta d’arresto a causa dell’emergenza Covid, il numero dei trapianti nel 2021 è tornato ai livelli pre-pandemia». Il report 2021
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 29 novembre 2022, sono 641.800.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.632.193 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa