Salute 22 settembre 2017

Ecco l’app partecipativa per curare l’obesità. L’innovazione cambia la pediatria

Pazienti, pediatri, infermieri e specialisti a confronto a Roma in occasione di “Shaping the future of pediatrics”, un appuntamento in cui si è discusso delle principali tematiche relative alla salute di neonati e bambini, dai vaccini all’obesità infantile. Abbiamo intervistato il Dottor Alberto Eugenio Tozzi, Responsabile dell’Unità di Telemedicina del Bambino Gesù di Roma.  Dottor […]

Pazienti, pediatri, infermieri e specialisti a confronto a Roma in occasione di “Shaping the future of pediatrics”, un appuntamento in cui si è discusso delle principali tematiche relative alla salute di neonati e bambini, dai vaccini all’obesità infantile. Abbiamo intervistato il Dottor Alberto Eugenio Tozzi, Responsabile dell’Unità di Telemedicina del Bambino Gesù di Roma.

 Dottor Tozzi, un importante appuntamento che riunisce medici e pediatri, italiani ed europei, per fare il punto su una serie di tematiche importanti, dai vaccini all’obesità. Qual è intanto il bilancio di questa prima giornata?

«Abbiamo riunito in questi giorni un pubblico internazionale che va oltre l’Europa: tanti partecipanti arrivano da Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda e paesi africani. Ci sono almeno venti Paesi rappresentati in questa conferenza dal punto di vista dei partecipanti. Uno dei bilanci positivi è che non hanno partecipato solo tecnici, quindi scienziati, medici e ricercatori ma anche pazienti, che descrivono le loro esperienze e parlano del loro lavoro».

Quanto è importante il dialogo tra lo specialista ed il paziente?

«La comunicazione medico-paziente è un argomento forse un po’ scontato; noi vorremmo spingerci verso la medicina partecipativa, ossia il paziente, che è il massimo esperto della propria malattia, prende decisioni insieme al medico. Il paziente spesso può fare cose che il medico non riesce a fare proprio perché ne soffre in prima persona. Alcuni pazienti offrono delle soluzioni perfino terapeutiche e diagnostiche al medico. Questo è un argomento caldissimo che vale anche per la pediatria: perfino i bambini sono in grado di dare un contributo attivo».

L’obbligo vaccini è in questo momento un argomento di forte attualità: l’Italia ha imboccato questa direzione, gli altri paesi europei che tipo di posizione hanno?

«Noi, al Bambin Gesù abbiamo lavorato moltissimo per aumentare la consapevolezza del pubblico attraverso una comunicazione efficace per una decisione informata. Ci siamo trovati davanti a una situazione inattesa, e il decremento delle coperture vaccinali ha determinato un’urgenza, quindi lo strumento che il Ministero ha ritenuto più opportuno è stato quello dell’obbligo. In occasione di questo convegno si è parlato di come utilizzare il web per migliorare la comunicazione sui vaccini e di come evitare la polarizzazione del pubblico: è molto dannoso creare degli schieramenti opposti e un pubblico che si divide per l’uno o per l’altro. L’obiettivo deve essere dare delle informazioni corrette e dialogare».

Il sovrappeso è un problema che riguarda molti bambini. Qual è l’approccio giusto?

«Nel trattamento dell’obesità cerchiamo di fare un passo avanti rispetto all’approccio tradizionale: raccogliamo delle informazioni sul comportamento del bambino, utilizziamo il cellulare che non solo registra il percorso effettuato, ma può permettere di registrare anche altre attività. L’aspetto interessante è usare diversi strati di dati e usare la tecnologia per analizzarli. L’intelligenza artificiale è un po’ la chiave di lettura di queste cose qui e in questo modo noi contiamo di dare delle raccomandazioni molto più personalizzate al bambino e capire anche di più quali sono i meccanismi che spesso fanno fallire la terapia nel corso dell’obesità. Questo è quello che cerchiamo di fare, per il momento con la realizzazione di una App e più avanti con un’analisi approfondita dei dati».

Ma queste soluzioni sono delle necessità impellenti negli ultimi anni perché si è diffuso più massicciamente il fenomeno dell’obesità infantile rispetto al passato in Italia?

«Assolutamente sì, l’Italia ha un tasso di obesità infantile preoccupante, e spesso più preoccupante di altri Paesi sviluppati. Ma una delle cose difficili da fare è cambiare i comportamenti, che sono la base della terapia per l’obesità e anche per altre malattie. Per fare questo noi abbiamo bisogno di dati ed è la sfida che cerchiamo di affrontare».

 

Articoli correlati
Pediatria, convocato il congresso elettivo Simpef a primavera 2019
Convocato per il 29 e 30 marzo 2019 il prossimo Congresso nazionale Simpef (Sindacato medici pediatri di famiglia), il secondo più importante sindacato italiano dei pediatri di libera scelta. Il congresso 2019 avrà carattere elettivo, con il compito di nominare, tra gli organismi previsti dal nuovo Statuto sociale approvato dall’assemblea e registrato con atto notarile […]
Pediatria, Mele (SIMPE): «Il pediatra è un’antenna sociale, segua il paziente da 0 a 18 anni»
«La malattia più grave di questo secolo è l’isolamento. Questo è determinato dall’abuso di internet che incentiva un rapporto sociale-virtuale depressivo e svilente. Ecco, il professionista pediatrico può essere la soluzione», così Giuseppe Mele, Presidente della Società Italiana Medici Pediatri, in occasione del V Congresso Nazionale
Vie aeree in età pediatrica, a Verona il primo congresso internazionale. Professor Marchioni: «Con nuove tecnologie, cure rivoluzionate»
L’evento, previsto per il prossimo 27 ottobre, calamiterà l’attenzione di professionisti di specialità diverse provenienti da tutto il mondo. Il Direttore U.O.C. di Otorinolaringoiatria presso l’Università di Verona: “Sarà l’occasione per testare strumentazioni d’avanguardia come il balloon”
G20 Health Mar del Plata, Antimicrobicoresistenza e obesità infantile al centro dell’intervento dell’Italia
Si è svolto a Mar del Plata, Argentina il 3 e 4 ottobre 2018, il G20 Health 2018 con la partecipazione di Ministri ed altri rappresentanti da tutti i Paesi che ne fanno parte, oltre che delle principali organizzazioni internazionali che operano nel settore della salute a livello internazionale (Commissione Europea, Who, Fao, Oie, Ocse, […]
Pediatria Aou Sassari, donato monitor e kit per intolleranze alimentari
Un monitor con relativo kit per valutare le intolleranze alimentari nei bambini: è quanto l’associazione sportiva no profit “Gianni Fresu” ha donato ieri sera all’unità operativa complessa di Pediatria dell’Aou di Sassari. L’apparecchio per il “breath test” consente di diagnosticare eventuali condizioni in cui l’organismo non è in grado di digerire il lattosio, zucchero presente […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...