Salute 15 ottobre 2018

“L’Hta per la salute”, l’XI Congresso Sitha. Il presidente Derrico: «Italia riferimento in Europa: rete di valutazione del ministero Salute è eccellente»

Il presidente della Società Italiana di Health Technology Assessment al personale sanitario: «È necessario che aumenti la percezione dell’importanza dell’Hta all’interno delle società scientifiche mediche. Senza i clinici, i tecnici, i medici, tutto il resto dell’impalcatura rischia di essere improduttivo»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«La rete italiana progettata, a livello istituzionale, per valutare l’Hta – l’Health Technology Assessment – è eccellente, un riferimento per tutta l’Europa». È questo per Pietro Derrico, presidente Sihta, la Società Italiana di Health Technology Assessment,  il miglior risultato raggiunto nel settore dell’Hta, una metodologia per valutare le prestazioni sanitarie erogate o comunque disponibili, e pianificare e gestire in modo più funzionale l’assistenza ai cittadini.

«È il ministero della Salute a fare da cabina di regia – ha spiegato Derrcio – il tavolo dell’Innovazione contribuisce, poi, a fornire strumenti e proposte alla stessa cabina di regia, in sinergia con le due agenzie fondamentali, l’Agenas e l’Istituto Superiore di Sanità. Ai centri collaborativi, scelti tra ospedali di riferimento, è affidato invece il compito di fornire una valutazione specifica su questi elementi produttivi».

Il presidente Sihta fotografa la realtà dell’Hta in Italia in occasione dell’XI Congresso Nazionale Sihta, “L’Hta per la salute: prospettive in Italia ed Europa”, conclusosi nei giorni scorsi a Roma. Un momento di confronto e dibattito, nato con l’obiettivo di comprendere le sfide e le prospettive della sanità di domani, a partire dalla sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale e dall’universalità dell’accesso alle cure.

«Quest’anno, durante i tre giorni di lavoro – ha commentato Derrico – abbiamo analizzato lo stato dell’arte dell’Hta nei vari Paesi europei, allo scopo di  uniformare studi e valutazioni, a vantaggio oggettivo di tutti i cittadini».

E durante l’XI Congresso Sihta le posizioni a confronto sono state diverse: «Dalla filiera industriale – ha detto il presidente – alle associazioni di pazienti, tenendo presente anche le differenze dei Sistemi Sanitari dei vari Paesi europei. Il nostro obiettivo è trovare un filo conduttore che unisca le diverse realtà, per poter poi condividere un percorso comune tra tutti i Paesi d’Europa».

Tra le relazioni dei vari esperti non poteva mancare il riferimento al quarantenario del SSN italiano: «Abbiamo  ricordato i 40 anni del nostro Sistema Sanitario Nazionale – ha spiegato Derrico – non come festeggiamento astratto, asettico, ma come giudizio sul presente, trattenendo il buono di una riforma che ha avuto origine proprio nell’autunno del 1978. Si è discusso di tutti gli obiettivi raggiunti, ma anche del pezzo di strada che ancora resta da fare, considerando che da quella legge sono cambiate decine di condizioni: dallo status delle famiglie, alla salute dei cittadini, fino ai miglioramenti apportati dalle nuove tecnologie».

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA ROBOTICA, A MILANO LA FORMAZIONE È MONDIALE GRAZIE AL SENHANCE CUSTOMER EXPERIENCE CENTER

Gli esperti presenti all’XI Congresso Sihta si sono confrontati anche sui principali nodi che ancora restano da sciogliere per migliore l’intero sistema Hta: «È necessario che aumenti la percezione dell’importanza dell’Hta all’interno delle società scientifiche mediche – ha spiegato il presidente Sihta –  Senza i professionisti l’Hta è inconsistente, sterile. La rete organizzativa può essere eccellente, così come pure i professionisti esperti in Hta. Si possono costruire legami europei o con l’industria, ma senza i clinici, i tecnici, il personale sanitario, che a qualunque titolo e livello utilizzano le risorse, scegliendo quali prodotti possano aiutare i loro percorsi diagnostico-terapeutici, tutto il resto dell’impalcatura rischia di essere improduttivo».

Tre giorni di dibattiti e confronti utili a porre le basi anche per l’appuntamento del prossimo anno. «La filiera dell’organizzazione tecnologica in sanità: sarà questo il  titolo dell’edizione 2019», ha detto Derrico. Questa volta a fare da palcoscenico sarà la città di Milano: «Abbiamo scelto questa sede – ha spiegato il presidente Sihta – perché è leader nei tre comparti industriali più importanti del settore delle tecnologie in sanità: farmaco, dispositivi medici e information technology. La Lombardia è anche la Regione che assorbe gran parte delle risorse per numero di cittadini, spesa procapite ed anche per la qualità sistemica dell’assistenza. È sempre qui che si registra la maggiore attrattiva extraregionale. E non è una questione di competizione tra Regioni. Vuol dire semplicemente che la Lombardia – ha concluso Derrico –  ha scommesso sulla sanità come suo punto di eccellenza».

 

Articoli correlati
ECM, Ruozi (AGENAS): «Sistema positivo, FAD grande opportunità ma attenzione alla qualità dei corsi»
«Il sistema ECM si sta sempre di più avvicinando alle realtà professionali portando all’interno degli organismi di governo il punto di vista dell’esperienza quotidiana dei professionisti. Questo è fondamentale per la qualità della formazione» così il coordinatore dell’Osservatorio Nazionale Formazione Continua
ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»
«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»
È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E COLETTO (AGENAS)
Ecm in sanità, Agenas apre la consultazione pubblica online
Agenas ha aperto la consultazione pubblica online del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario, il compendio che fissa la disciplina nazionale Ecm rivolta ai professionisti della salute. La consultazione pubblica, finalizzata a promuovere una maggiore partecipazione dei soggetti interessati e dei cittadini alle decisioni pubbliche, chiude il 25 luglio. Il 25 giugno è stata […]
Tumori, Periplo lancia rete oncologica nazionale per fermare i viaggi della speranza. Solo sette le regioni attive
L’obiettivo dell’associazione è garantire omogeneità e qualità dell’assistenza e delle cure grazie alle migliori possibilità di accesso e utilizzo di farmaci innovativi. Nelle regioni dove la rete si è realizzata guarigioni in aumento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...