Salute 15 ottobre 2018

“L’Hta per la salute”, l’XI Congresso Sitha. Il presidente Derrico: «Italia riferimento in Europa: rete di valutazione del ministero Salute è eccellente»

Il presidente della Società Italiana di Health Technology Assessment al personale sanitario: «È necessario che aumenti la percezione dell’importanza dell’Hta all’interno delle società scientifiche mediche. Senza i clinici, i tecnici, i medici, tutto il resto dell’impalcatura rischia di essere improduttivo»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«La rete italiana progettata, a livello istituzionale, per valutare l’Hta – l’Health Technology Assessment – è eccellente, un riferimento per tutta l’Europa». È questo per Pietro Derrico, presidente Sihta, la Società Italiana di Health Technology Assessment,  il miglior risultato raggiunto nel settore dell’Hta, una metodologia per valutare le prestazioni sanitarie erogate o comunque disponibili, e pianificare e gestire in modo più funzionale l’assistenza ai cittadini.

«È il ministero della Salute a fare da cabina di regia – ha spiegato Derrcio – il tavolo dell’Innovazione contribuisce, poi, a fornire strumenti e proposte alla stessa cabina di regia, in sinergia con le due agenzie fondamentali, l’Agenas e l’Istituto Superiore di Sanità. Ai centri collaborativi, scelti tra ospedali di riferimento, è affidato invece il compito di fornire una valutazione specifica su questi elementi produttivi».

Il presidente Sihta fotografa la realtà dell’Hta in Italia in occasione dell’XI Congresso Nazionale Sihta, “L’Hta per la salute: prospettive in Italia ed Europa”, conclusosi nei giorni scorsi a Roma. Un momento di confronto e dibattito, nato con l’obiettivo di comprendere le sfide e le prospettive della sanità di domani, a partire dalla sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale e dall’universalità dell’accesso alle cure.

«Quest’anno, durante i tre giorni di lavoro – ha commentato Derrico – abbiamo analizzato lo stato dell’arte dell’Hta nei vari Paesi europei, allo scopo di  uniformare studi e valutazioni, a vantaggio oggettivo di tutti i cittadini».

E durante l’XI Congresso Sihta le posizioni a confronto sono state diverse: «Dalla filiera industriale – ha detto il presidente – alle associazioni di pazienti, tenendo presente anche le differenze dei Sistemi Sanitari dei vari Paesi europei. Il nostro obiettivo è trovare un filo conduttore che unisca le diverse realtà, per poter poi condividere un percorso comune tra tutti i Paesi d’Europa».

Tra le relazioni dei vari esperti non poteva mancare il riferimento al quarantenario del SSN italiano: «Abbiamo  ricordato i 40 anni del nostro Sistema Sanitario Nazionale – ha spiegato Derrico – non come festeggiamento astratto, asettico, ma come giudizio sul presente, trattenendo il buono di una riforma che ha avuto origine proprio nell’autunno del 1978. Si è discusso di tutti gli obiettivi raggiunti, ma anche del pezzo di strada che ancora resta da fare, considerando che da quella legge sono cambiate decine di condizioni: dallo status delle famiglie, alla salute dei cittadini, fino ai miglioramenti apportati dalle nuove tecnologie».

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA ROBOTICA, A MILANO LA FORMAZIONE È MONDIALE GRAZIE AL SENHANCE CUSTOMER EXPERIENCE CENTER

Gli esperti presenti all’XI Congresso Sihta si sono confrontati anche sui principali nodi che ancora restano da sciogliere per migliore l’intero sistema Hta: «È necessario che aumenti la percezione dell’importanza dell’Hta all’interno delle società scientifiche mediche – ha spiegato il presidente Sihta –  Senza i professionisti l’Hta è inconsistente, sterile. La rete organizzativa può essere eccellente, così come pure i professionisti esperti in Hta. Si possono costruire legami europei o con l’industria, ma senza i clinici, i tecnici, il personale sanitario, che a qualunque titolo e livello utilizzano le risorse, scegliendo quali prodotti possano aiutare i loro percorsi diagnostico-terapeutici, tutto il resto dell’impalcatura rischia di essere improduttivo».

Tre giorni di dibattiti e confronti utili a porre le basi anche per l’appuntamento del prossimo anno. «La filiera dell’organizzazione tecnologica in sanità: sarà questo il  titolo dell’edizione 2019», ha detto Derrico. Questa volta a fare da palcoscenico sarà la città di Milano: «Abbiamo scelto questa sede – ha spiegato il presidente Sihta – perché è leader nei tre comparti industriali più importanti del settore delle tecnologie in sanità: farmaco, dispositivi medici e information technology. La Lombardia è anche la Regione che assorbe gran parte delle risorse per numero di cittadini, spesa procapite ed anche per la qualità sistemica dell’assistenza. È sempre qui che si registra la maggiore attrattiva extraregionale. E non è una questione di competizione tra Regioni. Vuol dire semplicemente che la Lombardia – ha concluso Derrico –  ha scommesso sulla sanità come suo punto di eccellenza».

 

Articoli correlati
Agenas, De Lillo presidente ad interim dopo Coletto. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria sempre più eccellente»
In attesa della nomina del nuovo presidente, prende le redini dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali Stefano De Lillo: «Puntiamo su formazione a distanza per rendere efficace la qualità dei servizi»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione
Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in Medicina. Cosa aspettarsi dal 2019, anno chiave che vedrà la fine di due trienni formativi
Formazione ECM, Ugenti (Ministero Salute): «Un dovere e un’opportunità, anche per i nuovi professionisti sanitari»
Intervenuta al convegno Agenas dedicato alla formazione continua nel settore salute, la direttrice generale delle professioni sanitarie invita medici e operatori ad adempiere all’obbligo dell’aggiornamento: «È un principio strettamente legato alla professione»
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
Formazione ECM, Bovenga (Cogeaps): «Numeri in aumento rispetto a trienni precedenti. FAD supererà la residenziale»
I dati illustrati dal presidente del Cogeaps non sono ancora definitivi: «Tutti i professionisti sanitari sono potenzialmente in regola con il triennio 2014-2016. Possono infatti spostare al triennio precedente i crediti conseguiti fino al 31 dicembre 2019. Su una platea di 120mila professionisti, tuttavia, solo 4388 ad oggi hanno usufruito di questa opportunità»
Formazione continua in Medicina, al via l’Evento nazionale ECM, Bevere (AGENAS): “Introdotte novità determinanti”
Adesione record per l’evento organizzato dalla Commissione Nazionale Formazione Continua con il supporto di AGENAS. Coletto, Presidente AGENAS - «Formazione sempre più vissuta come fattore strategico e insostituibile per essere al passo con una sanità in continua evoluzione». Bevere, Dg AGENAS: «Questa due giorni va a concludere un triennio di innovazione e ammodernamento del settore dell’ECM»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano