Formazione 4 ottobre 2018

Chirurgia robotica, a Milano la formazione è mondiale grazie al Senhance Customer Experience Center

In poco meno di due anni 200 chirurghi provenienti da tutto il mondo hanno visitato il centro della società americana Transenterix, l’unico in Europa, per approfondire la conoscenza dei vantaggi della laparoscopia digitale

Immagine articolo

Sono stati più di duecento, in meno di due anni, i chirurghi provenienti da tutto il mondo che hanno visitato il Senhance Customer Experience Center (CEC) di Milano. L’unico centro di formazione della società statunitense Transenterix in Europa ha infatti ospitato, da gennaio 2017 ad agosto 2018, 33 sessioni di training e 143 chirurghi da 64 Paesi che hanno potuto approfondire la conoscenza dei vantaggi offerti dalla laparoscopia digitale e, in particolare, conoscere le potenzialità di Senhance, il secondo robot chirurgico della storia a beneficiare dell’approvazione della Food and Drug Administration statunitense per la commercializzazione nel Paese.

Completamente made in Italy, il dispositivo per la laparoscopia digitalmente assistita, acquisito tre anni fa da Transenterix, è capace di trasmettere al chirurgo una risposta tattile che incide favorevolmente su mini-invasività e sicurezza della laparoscopia; le braccia robotiche indipendenti tra loro garantiscono versatilità ed è dotato di tecnologia “eye tracking”, che permette al chirurgo di comandare la telecamera con il solo movimento degli occhi, grazie alla lettura del moto pupillare da parte di raggi infrarossi. «Uno strumento che sta rivoluzionando l’attuale idea di chirurgia robotica», ha scritto in una nota la società.

«La scelta di Milano come sede del nostro centro di formazione – spiega Wouter Donders, general manager Europe Transenterix – si è dimostrata vincente. Cresce l’interesse internazionale verso uno strumento, come Senhance, che contribuisce a rendere sempre più sicuri e precisi gli interventi di laparoscopia. Senhance rappresenta un’importante innovazione nell’ambito della chirurgia robotica. Il feedback tattile e il controllo oculare dell’endoscopio, oltre all’uso di strumenti di 3 mm, invece dei 5 mm tipici della strumentazione per la laparoscopia tradizionale, rappresentano i punti di forza di un sistema sempre più apprezzato dai chirurghi».

LEGGI ANCHE: CHIRURGIA ROBOTICA, CON IL 100ESIMO ROBOT DA VINCI ITALIA AL TOP IN EUROPA. UTILIZZO SEMPRE PIU DIFFUSO IN UROLOGIA

Articoli correlati
Festival Internazionale della Robotica: ecco i robot chirurghi che ci opereranno
Tra i numerosi appuntamenti del Festival, dal 7 al 13 settembre a Pisa, ampio spazio dedicato alla chirurgia robotica con convegni, esposizioni di sistemi, formazione di chirurghi e simulazioni
Chirurgia robotica: a Firenze portato a termine primo trapianto di rene da paziente a cuore fermo
Un grande traguardo in Italia nel campo della medicina: è stato portato a termine con successo il primo trapianto di rene da donatore a cuore fermo mediante chirurgia robotica d’urgenza. L’intervento si è svolto presso l’ospedale fiorentino di Careggi ed è stato caratterizzato da due fasi operative. Protagonista dell’operazione la chirurgia robotica mininvasiva.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...