Salute 3 Agosto 2021 17:32

Chirurgia robotica. Arcuri (Gemelli): «Puntare sugli studi che ne dimostrino la validità e ne giustifichino l’impiego nel Ssn»

A 20 anni dai primi prototipi, la diffusione, in Italia, è a macchia di leopardo. Il Gemelli e il Sant’Orsola hanno ideato una piattaforma di chirurgica robotica condivisa per indagare gli aspetti organizzativi ed economici ed offrire formazione innovativa alle nuove generazioni

di Isabella Faggiano

Immaginiamo un chirurgo dotato di quattro braccia e quattro mani, con articolazioni che replicano e superano i movimenti del polso umano. Dotato di una super vista, ingrandita e tridimensionale. Se la figura che ci è venuta in mente è quella di un medico dai poteri soprannaturali, protagonista di un romanzo di fantascienza, non siamo sulla strada giusta. Quello appena descritto è uno dei tanti chirurghi che, quotidianamente, utilizza sistemi di robotica in sala operatoria. Strumenti di ultima generazione che, associati ad altri dispositivi di intelligenza artificiale, sono in grado di garantire una precisione estrema, con una possibilità di errore prossima allo zero. Il chirurgo che utilizza questi sistemi di robotica può starsene comodamente seduto, sopportando meglio anche gli interventi più estenuanti, che possono durare pure oltre le 12 ore.

Nasce la piattaforma chirurgica robotica condivisa

La diffusione della robotica in sala operatoria, a 20 anni dai primi prototipi, non è ancora capillare su tutto il territorio nazionale. Tra le principali motivazioni vi è l’assenza di studi scientifici che ne certifichino la validità, giustificandone gli eventuali investimenti necessari alla loro diffusione. Ed è proprio per incrementare la letteratura scientifica in materia che la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e il Policlinico di Sant’Orsola IRCCS hanno ideato una piattaforma chirurgica robotica condivisa. Il progetto può contare sull’esperienza di due eccellenze italiane che possono vantare duemila interventi all’anno di alta chirurgia robotica, 4 robot già attivi a supporto di 5 specialità (urologia, ginecologia, chirurgia generale e dei trapianti, otorinolaringoiatria, chirurgia toracica) ed oltre 6 milioni di euro di investimenti previsti per nuove apparecchiature.

Gli scopi del progetto

«Creare evidenze scientifiche solide sull’utilizzo di queste tecnologie, indagare gli aspetti organizzativi ed economici, offrire una piattaforma formativa innovativa per le nuove generazioni di chirurghi sono i tre scopi principali del progetto – spiega Giovanni Arcuri, a capo della direzione tecnica ed innovazione tecnologie sanitarie del Gemelli di Roma –. Inoltre, grazie alla collaborazione con l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), contribuiremo all’individuazione di soluzioni tecniche che rendano la piattaforma sempre più performante. Questo approccio e questa sinergia rappresentano concretamente la via migliore per coniugare offerta sanitaria di eccellenza e sostenibilità economica», aggiunge l’ingegnere.

I benefici della robotica

A distanza di due decenni dalla sua introduzione la chirurgia robotica ha fatto passi da gigante, tanto che sono sempre di più le aziende sanitarie che vi si indirizzano. «La chirurgia robotica consente, se utilizzata correttamente – sottolinea Arcuri – di ridurre significativamente la necessità di interventi chirurgici di revisione, garantisce tassi di infezione inferiori, minore invasività, maggiore precisione e durata ridotta del ricovero. Tuttavia, le esperienze sono molto parcellizzate sul territorio nazionale e legate alla sensibilità di singoli chirurghi. Motivo per cui è nata l’esigenza di sviluppare criteri di utilizzo condivisi, individuando modelli innovativi di gestione applicabili a qualsiasi azienda sanitaria interessata a costruire un progetto strutturato».

La formazione continua

Dal piano di lavoro emerge anche la necessità di un aggiornamento continuo delle competenze dei chirurghi. «Sant’Orsola e Gemelli – continua Vecchio – dovranno trasmettere l’uno all’altro le proprie competenze. Inoltre, andranno condivise le piattaforme di addestramento: il policlinico della Capitale mette a disposizione il Training Center dove effettuare le simulazioni chirurgiche e il Sant’Orsola il Cadaver Lab dell’Università degli Studi di Bologna. Ancora, sarà promossa la pubblicazione di best practices, linee guida, modelli organizzativi e indicatori di performance».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Arriva dal mare la cura per cartilagine e artrosi delle ginocchia
Uno studio internazionale dimostra che l’aragonite contenuta nei coralli e impiantata nell’arto grazie ad un device a forma cilindrica sarebbe in grado di garantire un miglioramento clinico e funzionale del ginocchio senza rischi di rigetto. Primi due interventi alla Clinica Città di Pavia del gruppo San Donato
Elezioni, Gemmato (Fdi): «Le Case di Comunità non bastano, puntare sulla capillarità di MMG e farmacie»
Il responsabile sanità di Fratelli d’Italia Marcello Gemmato rilancia il superamento del test di medicina con l’adozione di una selezione al secondo anno in base ai risultati degli esami. Nel programma di Fdi anche l’istituzione di una commissione d’inchiesta sulla gestione del Covid
di Francesco Torre
Rincari energia, sanità pubblica e privata chiedono interventi urgenti. «A rischio diritto salute cittadini»
La crisi energetica sta mettendo tutte le strutture sanitarie pubbliche e private in seria difficoltà. Fiaso e Aiop chiedono incrementi e contributi al Governo per far fronte ai rincari. D'Amato (Lazio): «Governo intervenga per salvaguardare sanità»
Elezioni 22, Zampa (Pd): «Investire in remunerazione dei professionisti. Alla salute mentale il 5% del Fondo sanitario»
La responsabile sanità del Pd Sandra Zampa, candidata in Liguria e in Emilia-Romagna, spiega i punti centrali del programma sanità del Pd, a partire dall’abbattimento delle liste di attesa: «Una parte della spesa per queste prestazioni deve essere rimborsata se il pubblico non è in grado di garantire tempi ragionevoli»
di Francesco Torre
Inserire la comunicazione medico paziente nei percorsi formativi, la proposta di Provenza (M5S)
Il medico e deputato M5S ha presentato una proposta per la predisposizione di un Piano volto al potenziamento degli aspetti comunicativi della relazione del professionista sanitario con il paziente e con i componenti dell’equipe sanitaria. Previsti incentivi anche nella formazione ECM
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi