Salute 3 Agosto 2021 17:32

Chirurgia robotica. Arcuri (Gemelli): «Puntare sugli studi che ne dimostrino la validità e ne giustifichino l’impiego nel Ssn»

A 20 anni dai primi prototipi, la diffusione, in Italia, è a macchia di leopardo. Il Gemelli e il Sant’Orsola hanno ideato una piattaforma di chirurgica robotica condivisa per indagare gli aspetti organizzativi ed economici ed offrire formazione innovativa alle nuove generazioni

di Isabella Faggiano

Immaginiamo un chirurgo dotato di quattro braccia e quattro mani, con articolazioni che replicano e superano i movimenti del polso umano. Dotato di una super vista, ingrandita e tridimensionale. Se la figura che ci è venuta in mente è quella di un medico dai poteri soprannaturali, protagonista di un romanzo di fantascienza, non siamo sulla strada giusta. Quello appena descritto è uno dei tanti chirurghi che, quotidianamente, utilizza sistemi di robotica in sala operatoria. Strumenti di ultima generazione che, associati ad altri dispositivi di intelligenza artificiale, sono in grado di garantire una precisione estrema, con una possibilità di errore prossima allo zero. Il chirurgo che utilizza questi sistemi di robotica può starsene comodamente seduto, sopportando meglio anche gli interventi più estenuanti, che possono durare pure oltre le 12 ore.

Nasce la piattaforma chirurgica robotica condivisa

La diffusione della robotica in sala operatoria, a 20 anni dai primi prototipi, non è ancora capillare su tutto il territorio nazionale. Tra le principali motivazioni vi è l’assenza di studi scientifici che ne certifichino la validità, giustificandone gli eventuali investimenti necessari alla loro diffusione. Ed è proprio per incrementare la letteratura scientifica in materia che la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e il Policlinico di Sant’Orsola IRCCS hanno ideato una piattaforma chirurgica robotica condivisa. Il progetto può contare sull’esperienza di due eccellenze italiane che possono vantare duemila interventi all’anno di alta chirurgia robotica, 4 robot già attivi a supporto di 5 specialità (urologia, ginecologia, chirurgia generale e dei trapianti, otorinolaringoiatria, chirurgia toracica) ed oltre 6 milioni di euro di investimenti previsti per nuove apparecchiature.

Gli scopi del progetto

«Creare evidenze scientifiche solide sull’utilizzo di queste tecnologie, indagare gli aspetti organizzativi ed economici, offrire una piattaforma formativa innovativa per le nuove generazioni di chirurghi sono i tre scopi principali del progetto – spiega Giovanni Arcuri, a capo della direzione tecnica ed innovazione tecnologie sanitarie del Gemelli di Roma –. Inoltre, grazie alla collaborazione con l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), contribuiremo all’individuazione di soluzioni tecniche che rendano la piattaforma sempre più performante. Questo approccio e questa sinergia rappresentano concretamente la via migliore per coniugare offerta sanitaria di eccellenza e sostenibilità economica», aggiunge l’ingegnere.

I benefici della robotica

A distanza di due decenni dalla sua introduzione la chirurgia robotica ha fatto passi da gigante, tanto che sono sempre di più le aziende sanitarie che vi si indirizzano. «La chirurgia robotica consente, se utilizzata correttamente – sottolinea Arcuri – di ridurre significativamente la necessità di interventi chirurgici di revisione, garantisce tassi di infezione inferiori, minore invasività, maggiore precisione e durata ridotta del ricovero. Tuttavia, le esperienze sono molto parcellizzate sul territorio nazionale e legate alla sensibilità di singoli chirurghi. Motivo per cui è nata l’esigenza di sviluppare criteri di utilizzo condivisi, individuando modelli innovativi di gestione applicabili a qualsiasi azienda sanitaria interessata a costruire un progetto strutturato».

La formazione continua

Dal piano di lavoro emerge anche la necessità di un aggiornamento continuo delle competenze dei chirurghi. «Sant’Orsola e Gemelli – continua Vecchio – dovranno trasmettere l’uno all’altro le proprie competenze. Inoltre, andranno condivise le piattaforme di addestramento: il policlinico della Capitale mette a disposizione il Training Center dove effettuare le simulazioni chirurgiche e il Sant’Orsola il Cadaver Lab dell’Università degli Studi di Bologna. Ancora, sarà promossa la pubblicazione di best practices, linee guida, modelli organizzativi e indicatori di performance».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Dormire poco prima di un intervento chirurgico aumenta il dolore nel post
Non dormire a sufficienza prima di un intervento chirurgico è un evento molto comune, ma può aumentare il dolore post-operatorio. Lo rivela uno studio condotto su topi, presentato al meeting della Society for Neuroscience a Washington DC
Policlinico Gemelli, «sportelli» aperti alla Banca del Latte. «Donare è un gesto salva-vita»
Il Policlinico Gemelli di Roma ha attivato una Banca del Latte e ha avviato una serie di iniziative per sensibilizzare le mamme alla donazione
Sanità italiana divisa a metà: 29 milioni di italiani in difficoltà con le cure
La sanità italiana sempre più divisa in due con ben 29 milioni di italiani che potrebbero avere serie difficoltà. Le performance sanitarie per il 2023 vedono infatti otto tra Regioni e Province autonome promosse, sette rimandate e sei bocciate. Sono i risultato del rapporto «Le performance regionali» del Crea Sanità, Centro per la ricerca economica applicata in sanità, presentato oggi a Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Oltre la rarità: PSORIASI PUSTOLOSA GENERALIZZATA (prima puntata)

La psoriasi pustolosa generalizzata (Generalized Pustular Psoriasis o GPP) è una variante grave e rara della psoriasi. Si manifesta con la comparsa di pustole giallo-brune sterili in varie part...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...