Formazione 24 Agosto 2016

Una legge ed un corso web per dare la caccia alle malattie rare nei neonati

Approvato il disegno di legge che estende da 3 a 40 il numero degli screening per i neonati. Ma la caccia alle malattie rare inizia con un corso ECM

Immagine articolo

È legge il provvedimento che aumenta a 40 il numero degli screening effettuati sui neonati per individuare patologie metaboliche e malattie rare. Grande soddisfazione espressa dal relatore del testo in Commissione Sanità del Senato, Piero Aiello (Ncd), e dai colleghi Luigi d’Ambrosio Lettieri (CoR) e da Donella Mattesini, capogruppo PD in commissione bicamerale Infanzia e adolescenza, per il via libera definitivo al ddl che vede come prima firmataria Paola Taverna (M5s).

La legge prevede che il test rapido del sangue venga esteso da 3 a 40 malattie metaboliche, “La norma – spiega Aiello – permetterà cura e assistenza precoce a chi nasce con queste malattie rare, permettendo anche di diminuire la spesa in termini di ricoveri e complicanze, che spesso sono conseguenza di una diagnosi in ritardo. È anche motivo di soddisfazione il fatto che sia stata approvata all’unanimità da tutte le forze politiche, senza distinzioni”.

Anche il ministro Beatrice Lorenzin si dichiara soddisfatta delle nuove precauzioni per la cura e soprattutto la prevenzione di malattie metaboliche ereditarie. Ma quello che in tanti non sanno è che la prevenzione può e deve cominciare già dai genitori anche in fase di pre-concepimento. Oltre ad evitare ben noti fattori di rischio quali stress, obesità e fumo, bisognerebbe anche che mamma, papà e medici seguissero i protocolli illustrati nei corsi ad hoc per la tutela della coppia e del bambino.

È recentissimo il lancio, a tal proposito, da parte del provider accreditato ECM Sanità in-Formazione sulla piattaforma Consulcesi Club, del nuovo corso FAD “La salute della coppia prima della gravidanza”. L’obiettivo è rafforzare i programmi di ricerca e rendere i servizi di assistenza e prevenzione più efficaci e più vicini ad ogni singolo cittadino. Il corso – fruibile gratuitamente collegandosi al sito www.corsi-ecm-fad.it – permette a tutti gli specialisti di acquisire 4 crediti ECM per l’aggiornamento obbligatorio a cui sono tenuti tutti i medici entro il 31 dicembre 2016, e affronta tematiche decisive come il “counseling genetico prima della gravidanza”, che delinea le principali raccomandazioni per garantire la salute pre-concezionale, e il modulo “conoscere per comunicare”, che permette un’interazione più efficace tra medici e futuri genitori, quindi un’assistenza più accurata.

Gli screening prenatali rappresentano una voce di primissimo piano nella medicina preventiva, proprio in virtù del ruolo strategico che rivestono nella tutela della salute dei nascituri: per questo, Consulcesi Club ha deciso di proporre anche il corso FAD “Anomalie fetali: nuove prospettive per lo screening e la diagnosi”. Articolato in 5 video-lezioni, offre agli specialisti gli adeguati strumenti conoscitivi per approfondire l’integrazione tra diagnostica ecografica e test genetici di screening prenatale, facendo il punto sullo stato dell’arte della diagnosi genetica prenatale. Il corso è disponibile gratuitamente e dà diritto a 5 crediti ECM.

Articoli correlati
Governo, Trizzino (M5S): «Bene Conte. Cure palliative e riorganizzazione medicina territoriale tra le mie priorità»
L’ex Direttore dell’Ospedale Civico di Palermo, deputato Cinque Stelle della Commissione Affari Sociali, si dice «profondamente convinto» dalle parole del Presidente del Consiglio. Nei mesi scorsi aveva contribuito a far bloccare lo spot contro i medici andato in onda sulle reti Rai. Ora è candidato per un posto da sottosegretario alla Salute
Governo, al Miur arriva Fioramonti. Ecco le sue idee su numero chiuso e scuole di specializzazione
Il professore di Politica economica, M5S, si è occupato del tema dei centri di specializzazione: «Serve una collaborazione diversa anche con le regioni e fare in modo che gli ospedali e le università siano un tutt’uno»
Governo, novità alla Salute: il nuovo ministro sarà Roberto Speranza di LeU
Il Presidente del Consiglio si è recato al Quirinale per sciogliere la riserva. Capo delegazione M5S Di Maio, mentre Franceschini guida i democratici. Nel programma si riparte dalla difesa della sanità come “bene comune”
Crisi di governo, Tuzi (M5S): «Abbiamo lavorato per migliorare la formazione medica e la sanità, chi verrà dopo porti avanti riforme»
Il deputato, relatore del ddl di riforma dell’accesso all’università, sottolinea: «Questo è un momento delicatissimo per il nostro Paese – sottolinea - Rischia di aumentare l’IVA al 25%, sono a rischio i consumi, con l’Italia che è in recessione. Sono a rischio anche i provvedimenti sul sociale, la sanità, il reddito di cittadinanza e quota 100»
Dal Ddl Vaccini alla legge antiviolenza, ecco tutti i provvedimenti a rischio in caso di elezioni
Finita l’esperienza del governo Conte e del ministro Grillo. Nuovo esecutivo o elezioni anticipate i due scenari possibili: rischiano lo stop anche la riforma del numero chiuso a Medicina e il provvedimento sulla sanità trasparente. Ecco le iniziative di Lungotevere Ripa che si bloccano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali