Salute 31 Agosto 2020 15:07

Le misure per la scuola nella dichiarazione congiunta Speranza/Oms

Igiene, mascherine e distanziamento al centro di una scuola sicura e politiche ad hoc per insegnanti e alunni fragili. Didattica a distanza pronta ad integrare. La dichiarazione congiunta Speranza/Oms

Si è concluso l’incontro tra i rappresentanti degli Stati membri ospitato dall’Organizzazione mondiale della Sanità Europa e dal Ministero della Salute italiano, sulla scolarizzazione durante la pandemia di Covid-19. Ne è seguita una dichiarazione preparata a quattro mani dal direttore regionale Oms europeo Hans Kluge e dal ministro Roberto Speranza.

GLI EFFETTI DELLA CHIUSURA DELLE SCUOLE

«Covid-19 ha creato la più grande interruzione dei sistemi educativi nella storia – si legge – colpendo quasi 1,6 miliardi di studenti in più di 190 paesi e la nostra regione non fa eccezione. La maggior parte dei Paesi ha chiuso le scuole per aiutare il contenimento del virus». Nonostante siano stati risparmiati dalle forme più gravi della malattia causata da Sars-CoV-2, prosegue il documento Speranza/Oms, i bambini non sono rimasti immuni dagli effetti mentali e sociali della chiusura delle scuole. E il rischio che l’impatto si riveli più violento del previsto c’è.

Non c’è stata “equità” nel subire gli effetti della pandemia. «I bambini che vivono in situazioni vulnerabili continuano ad essere colpiti in modo sproporzionato sia a causa della povertà digitale che delle difficoltà per i genitori che sono in grado di assistere nel processo di apprendimento». Ancora maggiori per i bambini che convivono con una disabilità.

LE MISURE DA ADOTTARE

Quattro le fondamentali misure riportate nello statement congiunto Speranza/Oms:

  • Le misure protettive relative all’igiene delle mani, al distanziamento fisico, l’uso di mascherine ove appropriato e la permanenza a casa in caso di malattia saranno i punti fermi di un’istruzione scolastica sicura all’interno della realtà Covid-19.
  • Dovranno essere attuate politiche specifiche per i bambini a rischio con esigenze di apprendimento o condizioni di salute speciali, nonché per gli educatori con condizioni di salute che li rendono vulnerabili a infezioni più gravi.
  • È realistico preparare e pianificare la disponibilità della didattica a distanza per integrare l’apprendimento scolastico nel prossimo anno scolastico. Ciò sarà necessario durante le chiusure temporanee e può essere un’alternativa per bambini ed educatori con condizioni di salute fragili. Può essere necessario durante la quarantena episodica e può integrare l’apprendimento scolastico in circostanze in cui i bambini alternano la presenza scolastica per rispettare le esigenze di allontanamento fisico nelle aule più piccole.
  • L’importante collegamento tra i settori della salute e dell’istruzione continuerà a crescere nella nuova realtà post-Covid-19.

EQUITÀ PRINCIPIO GUIDA

In cima all’agenda prestabilita, chiariscono ancora i due leader, c’è l’intenzione di costruire una coalizione tra gli Stati membri e andare avanti congiuntamente per un’istruzione scolastica sicura. Preservando «l’equità come principio guida fondamentale» e conservando un insieme unificato di dati per rimanere sempre aggiornati.

Ora in arrivo un «quadro fattibile e realistico per la gestione della riapertura delle scuole». «Non possiamo lasciare che i bambini diventino le vittime nascoste di questa pandemia negando loro le opportunità che meritano così fondamentalmente», conclude la dichiarazione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, ecco i criteri di appropriatezza per i setting assistenziali di gestione ospedaliera dei pazienti
L’Agenas pubblica l’aggiornamento del documento elaborato dal gruppo di lavoro coordinato dal professor Matteo Bassetti
Variante Delta, l’ECDC: «A fine agosto costituirà il 90% dei virus in Europa. Non protetti i vaccinati con una dose»
La Direttrice del Centro Europeo per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie Andrea Ammon: «Ridurre l’intervallo tra la prima e la seconda somministrazione»
I cantieri per la sanità del futuro, ecco i 5 pilastri su cui fondare il cambiamento
Valerii (Censis): «Collaborazione pubblico-privato, centralità del fattore umano, medicina di prossimità, diffusione del digitale, risorse economiche adeguate». Il report Censis-Janssen offre un contributo concreto per una sanità post-Covid, in risposta alle reali esigenze di cittadini e operatori sanitari
di Isabella Faggiano
Come ottenere la Certificazione verde Covid-19. La guida completa
In Italia è il Ministero della Salute a rilasciare la Certificazione verde Covid-19 attraverso la Piattaforma nazionale, sulla base dei dati trasmessi dalle Regioni e Pa
2° Congresso Simedet, il messaggio di Speranza: «Occasione preziosa per condividere buone pratiche»
Il Presidente Nazionale della Simedet, Fernando Capuano, nel suo intervento ha ricordato che occorre pianificare sin d'ora la risposta ai bisogni di salute e alle future pandemie o maxiemergenze sanitarie,
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM