Salute 25 luglio 2018

Lazio, la proposta M5S sui vaccini: più informazione e ‘quarantena’ per vaccinati. Burioni: «Bugie pericolose»

Tra i firmatari Barillari e Lombardi. Previsti monitoraggi pre e post vaccinazione e un maggiore consenso informato anche sulla “correlazione causale tra vaccini e patologie”. Il virologo: «Gli esami prevaccinali non esistono»

È una proposta di legge regionale destinata a far discutere quella presentata sul tema dei vaccini dal Movimento Cinque Stelle alla Regione Lazio che vede primo firmatario il consigliere Davide Barillari e tra i sottoscrittori anche il capogruppo Roberta Lombardi, già candidata alla presidenza.

La proposta prevede monitoraggi pre e post vaccinazione, il “superamento della pratica vaccinale coercitiva”, la “personalizzazione della pratica vaccinale”, il diritto a ricevere ogni informazione utile al consenso informato, incluse quelle che “dimostrano la correlazione causale tra vaccini e patologie” ma anche campagne informative sulla ‘nutrizione preventiva’ e una quarantena dalla scuola di 4-6 settimane “per il soggetto appena vaccinato”.

In un video su Youtube che accompagna la presentazione del testo, Barillari sottolinea che «non andiamo a intaccare prerogative nazionali sull’obbligo ma vogliamo rendere questa pratica un passaggio molto più responsabile». Al testo si è comunque arrivati dopo un percorso partecipato a cui sono state invitate associazioni spesso portatrici di posizioni ‘scettiche’ quando non apertamente contrarie all’obbligo come Gnol, Auret, Assis, Comilva, Codacons, Corvelva, Sipnei, Rip Lazio, Lov e Moige.

LEGGI ANCHE: OBBLIGO VACCINI: ECCO LE REGIONI PIU’ VIRTUOSE E LE INADEMPIENTI. FAUSTO FRANCIA (SITI): «BUON RISULTATO MA SI PUO’ MIGLIORARE»

Il testo ha già provocato la reazione di chi è si è sempre schierato a favore dell’obbligo vaccinale come il virologo Roberto Burioni che su Facebook ha scritto: «Gli esami prevaccinali non esistono e i bambini vaccinati non sono infettivi. Questi sono i fatti, confermati da solidissime prove scientifiche, il resto sono bugie, bugie pericolose. Se Barillari e la Lombardi (autorevoli esponenti del Movimento 5 Stelle) scrivessero le proposte di legge con qualunque medico serio, e non organizzazioni “free-vax”, non farebbero queste brutte figure».

L’iter vaccinale previsto dalla pdl Barillari è articolato attraverso “uno screening pre-vaccinale completo, continua con una fase informativa e partecipativa a cura del personale del centro vaccinale”, prosegue con “l’acquisizione di un valido consenso informato in forma scritta” e si conclude con “uno screening post-somministrazione” per valutare eventuali reazioni avverse. La pratica vaccinale va insomma “personalizzata” (anche con una anamnesi familiare) per stilare un Quadro clinico vaccinale individuale che porta al rilascio di un nulla osta rilasciato dal medico o dal pediatra non più di 48 prima dell’inoculazione. È prevista inoltre la “riorganizzazione funzionale della rete dei centri vaccinali” con personale “selezionato in base a competenza” e con “figure di supporto per la gestione del percorso di informazione”. Nel testo si specifica che nessuna figura deve essere “in conflitto di interesse con le case farmaceutiche”. Viene poi istituito un Osservatorio regionale sulle vaccinazioni allo scopo, tra l’altro, di redigere relazioni sull’andamento epidemiologico delle malattie; verrà poi aggiornata l’Anagrafe vaccinale regionale. I dati relativi alle segnalazioni di sospette reazioni avverse saranno pubblicati, prevede il testo, sul sito della Regione.

 

 

Articoli correlati
Vaccini, l’immunologo Aiuti: «Dovere sociale proteggere immunodepressi, sì all’obbligo per operatori sanitari»
Il professore è intervenuto al convegno Simedet sul tema: «I vaccini sono sicuramente un vantaggio perché hanno risparmiato milioni e milioni di morti, ma dobbiamo fare di più». E se la prende con quei ‘ciarlatani camuffati’ che vanno in tv senza sapere di cosa parlano
Tumore al seno, Zingaretti: «Al via l’ottobre rosa, il mese della prevenzione»
«Prende il via nel Lazio per tutto il mese la campagna di prevenzione del tumore al seno “Ottobre Rosa”. Un fitto programma di iniziative e percorsi di prevenzione interamente dedicati alle donne. I progressi nella ricerca hanno determinato negli anni una crescita continua delle percentuali di sopravvivenza, evidenziando in particolare l’importanza di una diagnosi precoce. […]
D’Amato (Regione Lazio): «Prima riunione per l’Osservatorio per le aggressioni al personale sanitario»
Si riunirà oggi per la prima volta l’Osservatorio sulla sicurezza degli operatori sanitari istituito dalla Regione Lazio. Si tratta di una struttura, fortemente richiesta dagli operatori, per delineare e comprendere il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario che negli ultimi mesi ha visto aumentare a livello nazionale il numero dei casi denunciati. L’Osservatorio avrà il compito […]
Sanità, D’Amato (Ass. Lazio): «Programmate 5mila assunzioni. Più investimenti su risorse umane e tecnologia per snellire le liste di attesa» 
«Raddoppiate le borse di studio per i medici di medicina generale. Pianificate 5 mila assunzioni tra tutte le professioni sanitarie. Lanciata la nuova piattaforma informatica del sistema ReCup». L’assessore alla Sanità e l’Integrazione Socio-sanitaria del Lazio racconta gli ultimi provvedimenti del governo regionale
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila