Salute 7 Novembre 2017

Lavra (OMCeO Roma): «Universalità e solidarietà principi cardine del SSN italiano, Cina e USA vengono a imparare da noi»

«Il Welfare sanitario europeo è il migliore, tuttavia in Italia per risolvere molti problemi servirebbe anche il supporto della sanità integrativa». Questa la strada da seguire secondo Giuseppe Lavra, Presidente OMCeO Roma

Il Welfare integrativo può effettivamente soddisfare le esigenze di benessere collettivo? Può contribuire alla sostenibilità finanziaria e operativa del Sistema Sanitario Nazionale e far fronte ai cambiamenti, alle esigenze ed ai costi che conseguono l’invecchiamento della popolazione e l’innovazione tecnologica? A queste ed altre domande si è cercato di rispondere nel corso del convegno che si è svolto recentemente a Roma “La previdenza sanitaria integrativa: configurazione, dimensione, effetti e policy”, organizzato dall’Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri con il patrocinio dell’Assemblea capitolina.

Ad aprire i lavori è stato il Presidente dell’Omceo Roma Giuseppe Lavra, che ha illustrato le tendenze emerse da uno studio commissionato dallo stesso Ordine che mira «ad offrire dati di ricerca utili ai “decisori”, ossia a coloro che hanno libertà di scelta nell’allocare le risorse rispetto al SSN e garantire dunque la sostenibilità. Uno strumento sicuramente valido – spiega Lavra – per ragionare in termini seri e ponderati su come mantenere la sostenibilità del SSN».

Il Sistema Sanitario ha dei problemi oggettivi: «Siamo in una condizione in cui sono più annoverabili i disservizi che i servizi che eroga – afferma Lavra -. La sostenibilità per molti è considerata a rischio. Lo aveva già detto anni fa l’allora Presidente Napolitano e le cose non sono cambiate, anzi potrei dire che forse sono anche peggiorate».

Il Presidente dell’Omceo Roma riscontra quotidianamente «un grave deficit rispetto ai servizi che noi dovremo offrire ai cittadini» e suggerisce di «rimboccarsi le maniche analizzando in maniera compiuta e documentata il sistema sanitario. Ritengo – aggiunge – che il pilastro principale sia un Sistema Sanitario Nazionale che abbia le caratteristiche di universalità e solidarietà, elementi peraltro che il nostro sistema possiede ma che bisogna affinare come tanti altri aspetti. Ci tengo a ribadire che non si ha ‘diritto alla salute’, si ha il ‘diritto alla tutela della salute’ e a questo deve pensarci il SSN», precisa.

Lavra invita ad avere «un atteggiamento prudente in ordine alle scelte che si fanno nel finanziamento o nel definanziamento del SSN, perché si rischia di compromettere uno dei servizi sanitari che a livello mondiale è considerato uno dei migliori. Mi auguro che chi ha la responsabilità politica – prosegue – capisca che è ora di mettersi a ragionare fuori dai concetti della demagogia, dagli opportunismi: abbandoniamo queste modalità se vogliamo andare verso un percorso di civiltà vera».

Il Sistema Sanitario italiano è in difficoltà e la possibilità di una sanità integrativa potrebbe essere di supporto, sostiene il Presidente dell’Ordine: «Inghilterra, Francia e Germania non definiscono ulteriori pilastri oltre a quello centrale che è il SSN – prosegue – ma nessuno di questi Paesi nega l’opportunità e la possibilità di elementi integrativi per sostenerlo», sottolinea. E specifica che «la soluzione non è copiare altri Paesi, a cui nella maggior parte dei casi facciamo ‘scuola’ perché, nonostante tutto, il sistema sanitario italiano è uno dei migliori e continua a rappresentare un modello da copiare in tutto il mondo».

«Noi dobbiamo far funzionare correttamente un sistema buono, che tuttavia potrebbe funzionare ancor meglio per poterne essere sempre orgogliosi. Purtroppo molti dei problemi del settore sanitario italiano sono determinati dalle interferenze di sfere che non hanno competenza sull’aspetto tecnico professionale e organizzativo – precisa Lavra -. Come è evidente che, nonostante qualche lacuna, l’Italia è presa come esempio dagli Stati Uniti, dalla Cina e da altri paesi che hanno tentato e dovranno ancora continuare a tentare di copiare i nostri modelli europei perché sono quelli che danno le risposte migliori» conclude.

Articoli correlati
Telemedicina, partnership Valore in Sanità e Politecnico di Milano per studiarne le potenzialità nella sanità integrativa
In occasione dell’evento organizzato da Valore srl “Le politiche d’investimento degli investitori istituzionali: superare le avversità guardando al futuro”, durante la tavola rotonda dedicata alle opportunità di evoluzione del Sistema Sanitario Integrativo post Covid-19, Valore in Sanità ha presentato nuovi modelli di erogazione di prestazioni sanitarie basate sul digital health. «La rivoluzione digitale ha determinato […]
Mosca (presidente Sin) avverte la politica: «Se non si investe sul welfare rischio crollo nascite dopo il Covid»
Il presidente Mosca: «Italia prima nel mondo a non separare neonati da mamme affette da Covid. Scelta coraggiosa, controtendenza, ma vincente»
di Federica Bosco
La sanità è ancora pubblica: una lezione dal Covid-19
La recente insorgenza pandemica del Covid-19 ha mostrato, nei Paesi più colpiti quali l’Italia, l’importanza del sistema pubblico sanitario e della ricerca. Ciò, a dispetto della recente direzione verso il servizio privatizzato, o a prestazione, che aveva messo in dubbio l’efficacia del sistema di “welfare state”
di Luca Mazzacane
Conferenza per la Salute Mentale, per i pazienti «più psicoterapia e meno farmaci»
L’iniziativa, inaugurata a dicembre 2018, dopo numerose tappe regionali è approdata nella Capitale: il 14 e il15 giugno l’assemblea conclusiva all’università Sapienza. L’assessore D’Amato: «Il nuovo Patto per la Salute è l’occasione per rimettere al centro dell’agenda politica la tutela della salute mentale»
di Isabella Faggiano
Sanità privata, al Sud vi si accede più che al Nord. Vecchietti (RBM Salute): «Dati che riflettono gli investimenti delle Regioni»
Ancora alti i gap assistenziali tra i diversi Servizi Sanitari Regionali. Ricorso a prestazioni private per il 33,2% nel Sud e nelle isole contro il 22,6% nel Nord-Ovest ed il 20,7% nel Nord-Est
di Lucia Oggianu
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 ottobre, sono 43.979.777 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.167.124 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...