Salute 22 gennaio 2018

L’appello di Ricciardi (Iss) e altri 40 medici: «Serve alleanza tra politica e scienza»

Il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità condivide su Facebook un messaggio in cui chiede più collaborazione tra mondo scientifico e mondo politico e approva «il dialogo più stretto tra istituzioni e mondo della ricerca» portato avanti dal ministro Lorenzin.

Immagine articolo

sanità informazione - ricciardi presidente iss

Politica e scienza sono due mondi «che fanno fatica ad incontrarsi» e per questo serve «un’alleanza per la salute e lo sviluppo del Paese». È questo il punto centrale dell’appello condiviso su Facebook da decine di medici e scienziati e che vede come primo firmatario Walter Ricciardi, professore ordinario di Igiene all’Università Cattolica del Sacro Cuore e presidente dell’Istituto Superiore di Sanità. Con lui tanti ‘big’ della sanità italiana: da Roberta Siliquini, professore Ordinario di Igiene Università di Torino  e presidente del Consiglio Superiore di Sanità a Silvio Garattini, membro del Consiglio Superiore di Sanità; da Alberto Villani, direttore UOC Pediatria Generale e Malattie Infettive all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e presidente Società Italiana di Pediatria a Bruno Dallapiccola, Direttore Scientifico Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e membro del Consiglio Superiore di Sanità.

Tutti uniti nel rivendicare «il rispetto reciproco tra scienza e politica» alla luce di un dibattito politico sempre più incentrato sui temi della scienza e della sanità, dai vaccini al futuro del Sistema sanitario nazionale. «In un mondo ideale – si legge nel testo dell’appello – nessun politico dovrebbe prendere decisioni senza essere informato sui temi, di volta in volta specifici, dagli scienziati. Questi ultimi, tuttavia, sono chiamati ad ottemperare ad un confronto continuo con i politici, non solo per metterli al corrente delle innovazioni e aggiornamenti scientifici, ma ancora di più per far comprendere il metodo e i passaggi logici che a tali risultati innovativi hanno portato».

Il modello da seguire, secondo gli scienziati, dovrebbe essere quello americano in cui i rapporti fra scienza e politica sono affidati a “National Academy of Sciences”, Accademie Nazionali che ogni anno pubblicano più di 200 rapporti ideati da un lato per trasmettere al grande pubblico la posizione degli scienziati su temi di interesse generale sui quali ogni cittadino si confronta quotidianamente, dall’altro per permettere ai politici di legiferare tenendo conto delle conoscenze disponibili.

Un modello che in Italia è ancora molto lontano e, anzi, nel nostro Paese sembra prevalere un «dialogo fra sordi». Nell’ultima parte del messaggio un ‘endorsement’ al metodo usato dal ministro uscente della Salute Beatrice Lorenzin che «ha dimostrato invece che un dialogo più stretto e proficuo tra istituzioni e mondo della ricerca e le sue attività di produzione, diffusione e applicazione di conoscenze è possibile e fattibile, ed anzi deve essere esteso a tutti i settori della pubblica amministrazione». Due gli interventi presi ad esempio: lo stop al finanziamento dello Stato a Stamina e la legge sull’obbligatorietà dei vaccini, «un intervento di Sanità Pubblica che ha messo in sicurezza i piccoli italiani e creato un modello che ha ispirato molti governi occidentali».

«Noi crediamo – conclude l’appello – che la strada intrapresa sia quella corretta, dichiariamo la totale disponibilità all’ascolto e alla circolazione dei dati scientifici a supporto di ogni iniziativa che il decisore politico dovrà assumere e auspichiamo un sempre maggiore dialogo nell’esclusivo interesse del Paese e dei suoi cittadini».

 

Questi i firmatari:

Walter Ricciardi Professore Ordinario di Igiene, Università Cattolica del Sacro Cuore, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità

Roberta Siliquini Professore Ordinario di Igiene Università di Torino – Presidente del Consiglio Superiore di Sanità

Silvio Garattini Membro del Consiglio Superiore di Sanità

Bruno Dallapiccola, Direttore Scientifico Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Membro del Consiglio Superiore di Sanità

Alberto Villani, Direttore UOC Pediatria Generale e Malattie Infettive, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Presidente Società Italiana di Pediatria

Roberto Bernabei, Professore Ordinario di Geriatria, Presidente Italia Longeva

Giuseppe Remuzzi, Professore Ordinario di Nefrologia Università di Milano

Placido Bramanti, Professore Ordinario di Scienze Tecniche Mediche Applicate, Università di Messina, Direttore Scientifico IRCCS Centro Neurolesi “Bonino-Pulejo”, Membro del Consiglio Superiore di Sanità

Andrea Lenzi, Presidente del Comitato Nazionale di Biosicurezza Biotecnologie e Scienze della Vita Presidenza del Consiglio dei Ministri, Membro del Consiglio Superiore di Sanità

Claudio Cricelli, Presidente della Società Italiana di Medicina Generale

Ruggero De Maria, Direttore dell’Istituto di Patologia Generale, Università Cattolica del Sacro Cuore, Presidente di Alleanza Contro il Cancro

Raffaele Landolfi, Professore Ordinario di Medicina Interna Università Cattolica, Presidente del Comitato di Consulenza Clinico Didattico e Scientifico della Fondazione Policlinico Gemelli

Eleonora Porcu, Professore Associato di Ostetricia e Ginecologia Università di Bologna, Vice Presidente del Consiglio Superiore di Sanità

Carlo Signorelli, Professore Ordinario di Igiene, Università di Parma, Past-President Società Italiana di Igiene Medicina Preventiva e Sanità Pubblica

Giorgio Scagliotti, Professore Ordinario di Oncologia Medica Università di Torino

Giancarlo Liumbruno, Direttore Centro Nazionale Sangue – Istituto Superiore di Sanità.

Carlo Petrini, Responsabile dell’Unità di Bioetica e Presidente del Comitato Etico – Istituto Superiore di Sanità

Maria Luisa Di Pietro, Professore Associato di Medicina Legale, Università Cattolica del Sacro Cuore, Direttore Centro Ricerche e Studi Salute Globale

Rosa Draisci, Direttore del Centro Nazionale Sostanze Chimiche Prodotti Cosmetici e Protezione dei consumatori – Istituto Superiore di Sanità

Franca Fagioli, Direttore Oncologia Pediatrica, Ospedale Infantile Regina Margherita, Città della Salute e della Scienza, Torino

Eugenia Dogliotti, Direttore Dipartimento Ambiente e Salute – Istituto Superiore di Sanità

Aldo Rosano, Membro Accademia Romana di Sanità Pubblica

Giorgio Gilli, Professore Emerito di Igiene Università di Torino

Alessandro Solipaca Direttore Scientifico Osservatorio Nazionale per la Salute nelle Regioni Italiane

Giovanni Corsello, Professore Ordinario di Pediatria Università di Palermo

Marco Marchetti, Direttore del Centro Nazionale Health Technology Assesment – Istituto Superiore di Sanità

Giovanni Rezza, Direttore Dipartimento Malattie Infettive – Istituto Superiore di Sanità

Roberta Pacifici, Direttore Centro Nazionale Dipendenze e Doping – Istituto Superiore di Sanità

Alberto G. Ugazio, Direttore Istituto per la Salute del Bambino e dell’Adolescente

Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

Luisa Minghetti, Direttore Servizio di Coordinamento e Supporto alla Ricerca – Istituto Superiore di Sanità

Walter Malorni, Centro di Riferimento per la Medicina di Genere – Istituto Superiore di Sanità

Francesco Gabbrielli, Direttore Centro Nazionale Telemedicina e nuove tecnologie assistenziali -Istituto Superiore di Sanità

Ida Mura, Professore Ordinario di Igiene Università di Sassari

Francesco Vitale, Professore Ordinario di Igiene Università di Palermo

Andrea Silenzi, Medico di Sanità Pubblica, Vice Presidente Società Italiana Medici Manager

Paolo Villari, Professore Ordinario di Igiene Sapienza Università di Roma

Stefania Boccia, Professore Associato di Igiene Università Cattolica del Sacro Cuore Roma

Elisabetta De Vito, Professore Ordinario di Igiene Università di Cassino e Lazio Meridionale

Carlo Favaretti, Direttore Scientifico Centro per la Leadership in Medicina Università Cattolica del Sacro Cuore Roma

Italo F. Angelillo, Professore Ordinario di Igiene Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”

Giampietro Chiamenti, Presidente Nazionale della Federazione Medici Pediatri

Articoli correlati
Simedet, parla il Presidente Capuano: «Grazie alla multidisciplinarietà puntiamo a dare una corretta informazione in sanità»
La Società italiana di Medicina Diagnostica e terapeutica, nata un anno fa, ha celebrato il suo primo congresso parlando dei vaccini. Tra i responsabili scientifici l’immunologo Aiuti e il professor Fara
Malattie infettive, vaccinazioni e accesso alle cure al centro del 2° Congresso Waidid
Emergenza pertosse, primo network globale per l’eradicazione della Tubercolosi, immunizzazione in gravidanza e accesso universale alle cure. Questi sono alcuni degli hot topic al centro del 2° Congresso Internazionale dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici – WAidid –, presieduta dalla professoressa Susanna Esposito, che da oggi al 20 ottobre ospiterà a Milano […]
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Vaccini, l’immunologo Aiuti: «Dovere sociale proteggere immunodepressi, sì all’obbligo per operatori sanitari»
Il professore è intervenuto al convegno Simedet sul tema: «I vaccini sono sicuramente un vantaggio perché hanno risparmiato milioni e milioni di morti, ma dobbiamo fare di più». E se la prende con quei ‘ciarlatani camuffati’ che vanno in tv senza sapere di cosa parlano
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...